Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Chi era Wael Zuaiter, prima vittima nel film "Munich" di Spielberg

di : edoneo
domenica 5 febbraio 2006 - 12h14
JPEG - 41.2 Kb
Al centro della foto: Golda Meyer

MUNICH: Sceneggiatura per Wael. E Janet Un uomo colto, dolce, laico: la Palestina al meglio. Janet Venn Brown racconta il suo compagno Wael Zuaiter, prima vittima della rappresaglia israeliana messa in film da Spielberg

di TOMMASO DI FRANCESCO

«Erano nascosti lì, in quell’albergo, quelli che poi lo hanno ucciso. Da lì controllavano tutte le nostre mosse e vedevano i movimenti di Wael. L’abbiamo saputo dopo dagli atti del processo». Dal balcone della casa Janet indica due piani rialzati, assolutamente in violazione della legge urbanistica, dell’hotel Atlante che sta davanti alla sua piccola ma straordinaria casa dietro Castel Sant’Angelo. La mostruosità limita appena la vista del Cupolone; ma svetta a destra l’osservatorio di Monte Mario.

E’ la luce di Roma che rende giustizia e attualità alla storia del palestinese Wael Zuaiter, prima ancora delle parole della donna, piccola, minuta, ormai anziana ma dolce e fortissima che ci parla. E’ Janet Venn Brown, una pittrice australiana che dalla baia di Sidney ha preferito da molti decenni vivere in Italia. Qui ha conosciuto Wael Zuaiter, l’intellettuale che rappresentava Al Fatah, non esisteva ancora nessuna direzione unificata dell’Olp e tantomeno l’Anp.

La questione palestinese era vagabonda, proprio come Wael che da Nablus, per studi e lavoro prima e poi per l’occupazione della Cisgiordania da parte dell’esercito israeliano nella guerra dei sei giorni del 1967, aveva vissuto in tutte le capitali arabe, da Amman a Baghdad a Kuwait city. Fino ad arrivare in Germania e all’approdo in Italia, prima a Perugia, poi a Roma. Dove, la sera del 16 ottobre 1972, venne assassinato da agenti isrealiani in un’operazione segreta del Mossad coordinata direttamente dall’allora premier Golda Meir, come rappresaglia mirata per punire i presunti responsabili del sequestro e della strage di Monaco del settembre `72. Wael Zuaiter fu la prima vittima di quella sequenza di morte che vide cadere altri sette esponenti palestinesi in Europa e in Medio Oriente.

«Il nemico vide in lui un gigante... e non può essere morto, non si possono strappare le radici degli ulivi e delle querce. Egli è vivo nella memoria del suo popolo...»: questo scriveva Yasser Arafat di lui. Coi tempi che corrono in Palestina verrebbe voglia di dire che per lui non può bastare la tomba eretta nel cimitero dei martiri palestinesi di Damasco, verrebbe voglia di sapere davvero se è ricordato nella sua terra, se qualcuno ha fatto tesoro della sua laicità e cultura, della sua particolare modernità. Comunque sia, insieme a tanti che l’hanno conosciuto e stimato, c’è una persona che davvero ama ancora Wael come se fosse vivo e fosse rimasto con lei in quella stanza piccola ma luminosa. E che ci accoglie affettuosa: «Siediti lì in quella poltroncina marrone, Wael diceva che era un posto sereno».

Piazza Annibaliano

«Con segnalazione del 17 ottobre 1972 l’Ufficio Politico della Questura di Roma informava la Procura della Repubblica in sede che verso le 22,20 della sera precedente nel cortile dello stabile sito in via Annibaliano n. 4 era stato rinvenuto il corpo esanime di un uomo, subito identificato per il cittadino giordano Zuaiter Wael Adel, traduttore presso l’ambasciata di Libia in Italia. Vicino al cadavere, in prossimità dell’ascensore, gli agenti della Scientifica avevano repertato dodici bossoli di cartucce da pistola cal. 22. Con rapporto in data 19/10/1972 la PG precisava che il giovane - rappresentante del movimento di resistenza palestinese `al-Fatah’ - era stato attinto da colpi di arma da fuoco al capo e alle spalle» (Dagli atti del processo, Corte di Assise Roma, 29 dicembre 1980).

Il corpo, riverso di lato in una pozza di sangue che si allarga dalla testa, mostra il profilo di Wael, sembra che dorma.

Casa di Janet

«Era bello, vero..? Era magro e i suoi occhi... oh, i suoi occhi. Erano la sorpresa di tutti, voglio dire uomini e donne - dice Janet quasi bisbigliando e come se fosse accesa in volto - c’era qui sotto una vicina che appena seppe dell’uccisione salì da me piangendo a consolarmi dicendomi: ma come hanno potuto assassinare un uomo che aveva gli occhi così dolci e che era così gentile. E pensare che era andato via quella sera perché doveva tornare a via Annibaliano, ma era allegro. Avevamo scherzato, io ero mancata per più di un mese perché ero stata in Australia per la mia attività di pittrice. Proprio quella sera Wael rideva di cuore, era contento perché il medico da cui era stato gli aveva detto che stava benone e che avrebbe campato più di cent’anni. E invece dopo un’ora l’hanno ammazzato.

Era andato via da poco. E risuonò il campanello. Che hai dimenticato, Wael? Invece no, era la polizia. `Venga subito... si vesta... c’è stato un incidente’. Ma già sull’ascensore chiesi agli agenti se l’avevano ucciso. Risposero di sì.

Era bello Wael. Ho visto il film di Spielberg. E’ un film importante che dice cose nuove. Non dice però che la pratica della rappresaglia non comincia come risposta al sequestro degli agenti di Monaco e alla strage. Ma arriva alle stesse conclusioni mie, alle mie domande di allora. Che senso poteva avere se non quello di alimentare nuovi odi e rappresaglie, l’aver assassinato un uomo colto e buono, che parlava di pace, che viveva immerso nei libri di cui quasi si cibava e che rispettava gli ebrei? E che non aveva nulla a che vedere con l’azione di Settembre nero?

Wael aveva visto i massacri di Amman del settembre 1970, aveva schivato i proiettili dei fucilieri dell’esercito giordano di re Hussein, aveva visto quel `settembre nero’ ma non aveva mai portato un’arma. Tutti giravano armati in quei giorni di sangue, furono duemila i palestinesi uccisi.

Lui no. Lavorava giorno e notte su un altro fronte prezioso in quei giorni, come testimoniò il dirigente comunista italiano Romano Ledda: organizzava il rifornimento di pane ai quartieri palestinesi bombardati, rischiando la vita ogni giorno. Ecco. questo era Wael. Quando ci fu Monaco nel settembre 1972 eravamo in questa stanza e mi disse subito: `Noi non siamo questo, non siamo questo’. Quando tutto accadde pensai a quello che Wael aveva fatto negli ultimi tempi. Non mi parlava molto del suo lavoro, ma un giorno mi disse `vedrai, mi uccideranno, sembra incredibile anche a me, ma lo faranno’. Io non capivo, non riuscivo a capire, anche perché mi spiegò che proprio per quel motivo aveva deciso di rimanere a Roma e di non partire più per il Medio Oriente dove avrebbe dovuto andare per lavoro. Si era preparato, per questo aveva voluto distruggeretutte le poesie che aveva scritto, non voleva che venissero pubblicate dopo la sua morte.

Non credevo che potesse accadere. Ora so che la strategia di uccisioni che il film di Steven Spielberg attribuisce alla preparazione di una lista (la «lista Golda» dal nome del premier israeliano Golda Meier, ndr ) non aveva alcun riferimento specifico ai responsabili del sequestro di Monaco e della strage che ne seguì, la cui responsabilità non è certo palestinese. No, l’iniziativa delle esecuzioni mirate, come dimostrarono a distanza di poco tempo le molte altre uccisioni di rappresentanti di Al-Fatah e di intellettuali palestinesi in Europa e in Medio Oriente, approfittò di Monaco per colpire ed eliminare ogni palestinese che potesse rappresentare la possibilità di un radicamento culturale e politico del movimento di resistenza, per spezzare così tutti i faticosi legami e fili intessuti con le realtà politiche e culturali occidentali e isolare ancora di più quel popolo. Ma una cosa la voglio dire. Nel film di Steven Spielberg Wael è un uomo grasso e greve che emana cose sordide, dal sorriso beota, goloso e pieno di roba da mangiare. Glieli avevo dati io i panini che aveva nel suo eterno sacchetto di plastica che ritrovarono accanto al corpo senza vita con la radiografia del 16 ottobre nella quale il medico certificava la sua salute. Ed era magro e bello».

Scale di un palazzo romano

Alcuni giovani italiani e arabi trasportano casse. Portano il peso con attenzione. Ali decide di usare l’ascensore, Wasim fa due piani di scale con uno scatolone in mano, poi rinuncia e continua a caricare l’ascensore. Devono arrivare al quinto piano. Stanno aiutando Wael Zuaiter ad allestire il centro di cultura mediorientale. «Sì, tra gli appartamenti e le abitazioni civili - racconta Janet - avete capito bene. Wael, di ritorno dal Kuwait dove aveva lavorato per molti mesi facendo ogni lavoro possibile, dal traduttore al fattorino, guadagnando bene perché allora il Kuwait era il paese più ricco del Medio Oriente, aveva pensato di spendere tutto quello che aveva guadagnato in libri. Le armi di Wael erano i libri. Tutti i libri del mondo. E li aveva portati in Italia con un trasporto allora costosissimo. Da tutto Dante e Goethe in arabo, a Jean Genet e agli ultimi racconti di Ghassan Kanafani, fino ai raffinati volumi rilegati in pelle delle Mille e una notte - che Wael cominciò anche a tradurre e che non smetteva di leggere ogni giorno, e ogni giorno ci trovava qualcosa di nuovo che lo faceva ridere perché, diceva, `E’ il mio mondo, scopro sempre una novità nel linguaggio e nei fatti che prima non avevo capito’; quando l’hanno ucciso stava tornando a casa per scrivere un saggio proprio sulle Mille e una notte, per dimostrare che nella cultura araba non c’è mai stato odio antiebraico che invece è un contenuto negativo proprio dell’Occidente. Voleva pubblicarlo, questo saggio, anche perché era arrabbiato: aveva scritto un testo che l’Espresso gli aveva chiesto per spiegare le ragioni della lotta palestinese contro l’occupazione israeliana, e l’articolo non usciva mai per evidenti problemi politici. Uscì invece come scoop nei giorni immediatamente successivi all’assassinio di Wael con il titolo `Testamento di un palestinese’.

Ma parliamo ancora della biblioteca-centro culturale per la quale spendemmo molti soldi anche per le scaffalature. C’erano volumi e volumi su e di Avicenna ad Averroè, centinaia e centinaia di classici, dai mistici agli algoritmi, fino alla musica. Ecco, Wael aveva studiato musica, non so se in Germania, primo paese europeo dove era arrivato dal Medio Oriente, ma sicuramente a Perugia. So per certo che parlava per ore di musica con Bruno Cagli, che ora dirige Santa Cecilia, e con Luigi Pestalozza. Parlavano delle sinfonie di Gustav Mahler, Wael era completamente catturato da quelle arie.

Quando l’ho conosciuto, nel 1962, mi venne presentato come interprete d’inglese mentre allestivo la mia prima mostra in Italia a via Margutta. Era il mio traduttore e poi mi aiutò a smontare tutti i quadri. La sera tarda ce ne andammo a passeggiare per il Corso e Wael correva di qua e di là cantando a squarciagola in inglese sonetti e canzoni di Shakespeare».

Via dei Frentani

Autunno 1969. Nell’ingresso della Federazione romana del Pci stanno arrivando i primi pacchi del bollettino-rivista Palestina. Prima si chiamava Rivoluzione palestinese. Sopra un grande cartello: «I compagni delle sezioni devono ritirarlo e diffonderlo». Per la rivista, diretta da Pietro Petrucci, per il Comitato Palestina, composto prima dai soli comunisti, poi da socialisti e democristiani di sinistra, il ruolo di Wael Zuaiter fu decisivo. Fu lui a curare l’edizione italiana del settimanale di Al Fatah che uscì mensilmente. Fu lui che decise di parlare con tutti i partiti, meno che con i fascisti. Roma aveva scoperto Wael Zuaiter una sera in una sezione fumosa del Pci del centro.

«Abitavo allora quasi dentro il Ghetto - racconta Janet - c’era stata la guerra dei Sei giorni, era il 1967. Allora cominciò davvero il lavoro politico di Wael che si sentiva a pezzi, sconfitto. Mi disse che doveva andare ad una iniziativa nel ghetto, c’erano per strada i manifesti del Pci che annunciavano Piero Della Seta - poi sarebbe diventato un suo grande amico, come Luciana Castellina - impegnato a parlare del ruolo della pace e di Israele in Medio oriente dopo quella guerra. La guerra nella quale Nablus, la città dove Wael era nato nel 1934, e tutta la Cisgiordania erano state occupate dall’esercito israeliano. Dopo tutti gli interventi e le polemiche interne, lui alzò la mano dal fondo della sala e cominciò a spiegare e a rispondere con chiarezza ai luoghi comuni di molti intervenuti. E ricordo che alla domanda secca e infastidita del tavolo della presidenza: ma, scusi, lei come sa queste cose, Wael rispose sereno e illuminato: `Le so perché sono palestinese’. Insomma il popolo che `non esisteva’ e la cui terra sarebbe stata vuota e pronta da occupare, all’improvviso prese corpo dentro quella stanza. E ricordo che allora Piero Della Seta lo invitò subito al tavolo della presidenza, ma Wael rifiutò. Amava far valere le sue idee, non amava essere presente a tutti i costi o essere protagonista.

A proposito di protagonista, Wael nel suo vagabondare da un lavoro ad un altro - aveva studiato da ingegnere in Giordania ma aveva lasciato l’università - aveva tentato la carriera cinematografica a Cinecittà tra tante comparse. Per un film avrebbe dovuto dire perfino due battute. `Pronto ciak’, raccontava Wael, e lui rimase zitto; `rifacciamola’, rassicurava il regista che non ricordo chi fosse; `pronto ciak’, niente; terzo ciak, silenzio. Un carriera da attore bruciata. E ridevamo».

http://ilmanifesto.it/Quotidiano-ar...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si je diffère de toi, loin de te léser, je t'augmente. Antoine de Saint-Exupéry
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito