Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Sit-in di protesta davanti all’ambasciata Usa di Roma : "Falluja bombardata con armi proibite"

di : Roma
martedì 15 novembre 2005 - 22h06
1 comment
JPEG - 20.6 Kb

Sull’onda di un servizio giornalistico di Rai News 24 sulla battaglia di un anno fa nella città irachena, sit-in di protesta davanti all’ambasciata Usa di Roma

Iraq - Protesta all Sit-in di protesta davanti all’ambasciata Usa a Roma di esponenti di Prc, Pdci, Verdi, sinistra Ds, sindacati di base e pacifisti, contro l’utilizzo di armi chimiche nella battaglia di Falluja e per l’immediato ritiro delle nostre truppe dall’Iraq, in seguito al servizio diffuso da Rai News 24 nei giorni scorsi.

Per chiedere l’immediato ritiro delle truppe italiane in Iraq, dopo il presunto utilizzo da parte degli americani di bombe al fosforo, centinaia di pacifisti hanno manifestato davanti all’ambasciata americana a Roma.

Oltre a molti esponenti di associazioni, come Un ponte per, Arci, Cobas, Giovani comunisti, c’erano anche politici come Pietro Folena, indipendente del Prc, la senatrice dei Verdi Loredana De Petris, gli esponenti della sinistra Ds Luciano Pettinari e Piero Di Siena ed anche la giornalista rapita e poi liberata in Iraq Giuliana Sgrena, oltre a cittadini americani che espongono i cartelli: "Stop the war" firmati "Us Citizens for Peace & Justice".

Durante l’intervento al megafono di Piero Bernocchi, leader dei Cobas, sull’asfalto di via Veneto sono state scritte con la farina a caratteri cubitali: "Assassini", e poi in inglese "Vergogna macellai" ovvero "Shame Butchers". Su un albero della famosa strada della dolce vita c’era un grosso cartone a forma di manichino ad altezza d’uomo tutto nero con il volto di Bush, sul petto la scritta assassino, ed una bandiera americana con sopra una svastica all’altezza del basso ventre. La situazione tra i manifestanti e le forze dell’ordine è tornata alla calma, dopo che il cordone delle forze dell’ordine aveva impedito ai dimostranti di avvicinarsi maggiormente ai cancelli dell’ ambasciata americana, al grido di: "Siete solo delinquenti, napalm, fosforo, bombe intelligenti, assassini". Dopo alcuni minuti di spintoni, i manifestanti - tra i duecento e i trecento secondo le forze dell’ordine - sono riusciti a bloccare completamente il traffico in via Veneto, deviato sulle arterie laterali.

«Basta con la reticenza del governo sulla strage di Falluja e sull’orrore delle armi al fosforo. Proporremo una commissione d’inchiesta per chiarire se il nostro governo ed i nostri vertici militari fossero a conoscenza dell’uso di queste armi chimiche. E’ scandaloso che ancora non si sia levata una voce dal centrodestra su questa drammatica vicenda». Lo ha dichiarato il Presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio. «La guerra in Iraq - afferma Pecoraro - mostra ancora una volta tutto il suo orrore. E’ necessario che l’Italia, trascinata in guerra da Berlusconi e dal suo governo dissennato, ritiri immediatamente le proprie truppe dal pantano iracheno, soprattutto dopo la sconvolgente inchiesta di Rai News 24».

«Che ha da dire il ministro Martino sull’uso che gli Stati uniti hanno fatto delle bombe al fosforo nel triangolo sunnita? Chiedere conto agli Stati Uniti degli orrori di cui è costellata in Iraq la via alla democrazia tramite bombe è certo la prima cosa da fare. Chiedere che se ne vadano da quel Paese, prima che il mix di guerra e terrorismo in cui l’Iraq è piombato diventi inestricabile, è altrettanto importante. Per questo parteciperò al sit-in pacifista sotto l’ambasciata degli Usa». Queste le dichiarazioni di Elettra Deiana, capogruppo di Rifondazione Comunista in Commissione Difesa alla Camera, che ha annunciato la propria partecipazione alla manifestazione di questa sera. «I bombardamenti subiti dalla città di Falluja - ha continuato - nel novembre dello scorso anno, costituiscono una delle pagine più terribili della guerra che gli Stati uniti hanno voluto scatenare contro l’Iraq. In quell’occasione non ci fu un soprassalto della coscienza civile occidentale tale da bloccare in tempo la micidiale rappresaglia del comando anglo-americano contro la città sunnita. Furono usate armi letali, vietate dalle convenzioni internazionali, come ha dimostrato il lucido servizio di Sigfrido Ranucci su RaiNews24».

«Protestare contro gli Usa è dunque una priorità - ha sottolineato - un passo da compiere con la massima determinazione. Senza tuttavia dimenticare le responsabilità del governo italiano, che, come le tre scimmiette, ha continuato a negare o a dichiarare, in ogni occasione, di non sapere nulla di quello che avveniva nei luoghi della guerra guerreggiata, di quello che i marines mettevano in atto contro la popolazione civile, per sedare la rivolta delle città ribelli». E ancora: «il governo italiano ha voluto condividere con la ‘coalizione dei volenterosi’ le responsabilità della guerra preventiva. Continua a sostenere di non aver partecipato alla belligeranza, come se la guerra fosse un’entità divisibile, da una parte l’italiana vocazione al peace keeping dall’altra la scelta di Bush (per altro mai criticata dal governo italiano) di andare giù duro con bombe, bombardamenti, rappresaglie, torture e quant’altro». «Chiedere conto al governo italiano di tutto questo - ha concluso la Deiana - chiedere il ritiro del contingente italiano è altrettanto importante e irrimandabile».

Rainews 24 cerca solo la verità, la correttezza e la profondità dell’informazione e lo ha fatto anche nel caso del reportage sull’uso del fosforo a Falluja: lo sostiene, dopo giorni di polemiche, il direttore della testata, Roberto Morrione, il quale piuttosto si chiede: «Perchè alla straordinaria eco nel mondo e alla richiesta, di tanti ascoltatori, non corrispondono, se non in piccola parte, l’audiovisivo e i giornali del nostro Paese? Una domanda che molti si pongono. L’inchiesta di Rai News 24 su quanto è accaduto realmente a Falluja - dice Morrione - sta facendo il giro del mondo. Mai - sottolinea -, nella lunga storia del Servizio Pubblico televisivo, un reportage, né alcun altro programma della Rai era stato ripreso e diffuso da tante Tv, radio, siti Internet agenzie di stampa, giornali di tutti i continenti. Il motore di ricerca Google attestava ieri che sul web vi sono state centinaia di migliaia di notizie sull’inchiesta».

Egli rileva che «le centinaia e centinaia di messaggi via Internet» che Rainews sta ricevendo «esprimono tre concetti: l’orrore per quanto è stato documentato rigorosamente nell’inchiesta di Sigfrido Ranucci e Maurizio Torrealta; l’ira e la protesta per l’utilizzazione di armi proibite e disumane da parte di chi era entrato in Iraq affermando di volerle cercare per impedirne l’uso senza trovarle; la richiesta di diffusione del reportage e di informazione vera rivolta alla grande stampa e ai canali televisivi, a partire da quelli della Rai. C’è chi accusa Rai News 24 - tra cui i portavoce del Pentagono e dell’Ambasciata americana, ma anche voci italiane - di non essere stata neutrale, di avere alimentato una strumentale polemica antiamericana. A costoro voglio assicurare che i nostri servizi hanno sempre seguito e continueranno a seguire in assoluta autonomia solo la ricerca della verità e le leggi della correttezza e della profondità dell’informazione».

Morrione aggiunge, su un piano personale, «di amare l’America che venne a liberarci dal fascismo e dal nazismo, quella dei diritti civili e dei fratelli Kennedy, l’America dell’informazione coraggiosa e della libertà nel cinema e nella letteratura», ed anche l’America «che sa individuare i propri errori e correggerli. Anche l’America di oggi sta discutendo sugli orrori di Falluja e sul nostro reportage: l’ha fatto il network indipendente Democracy Now, lo stanno facendo grandi quotidiani come il New York Times ed emittenti come la Tv del democratico Al Gore: spero che il dibattito si sviluppi soprattutto in quel Paese. Noi - conclude Morrione - continueremo a fare la nostra parte, al di fuori di ogni legittima posizione politica, come responsabili professionisti dell’informazione e come operatori del Servizio Pubblico. Il resto non ci appartiene».

Il deputato del Prc Piero Folena ha aggiunto che è necessario che «le Nazioni Unite avviino un’inchiesta ufficiale per, eventualmente, giudicare i colpevoli» e al tempo stesso «verificare se nelle basi italiane Nato ci siano armi al napalm come quelle utilizzate in Iraq». Il deputato dei Ds Luciano Pettinari, e il senatore dei Ds Piero Di Siena hanno spiegato di aver aderito «come sinistra del partito a questa mobilitazione, perchè riteniamo l’uso delle armi chimiche di una gravità inaudita visto che sono poi vietate da tutte le convenzioni internazionali. Poichè c’è un silenzio assordante, è importante partecipare alla mobilitazione». Anche i due esponenti della sinistra Ds hanno sostenuto la necessità del ritiro delle truppe italiane, «così come già fatto da Zapatero e da altri 13 Paesi».

Per la senatrice dei Verdi, Loredana De Pedris, «c’è un silenzio assordante di fronte a prove inconfutabili, come hanno mostrato le immagini di Rainews 24». Al sit-in c’era anche la giornalista del Manifesto, Giuliana Sgrena, rapita proprio in Iraq, che ha denunciato la «mancanza di reazione della stampa internazionale. Si sono scritti solo alcuni trafiletti. Bush ha fatto questa guerra contro Saddam sostenendo che aveva delle armi di distruzioni di massa, in realtà lui le ha usate contro i civili. E’ un crimine orrendo, insopportabile. Ed è altrettanto insopportabile che la stampa e l’opinione pubblica non si muovano e non reagiscano. Queste armi non sono state utilizzate contro i terroristi, che in realtà sono subito fuggiti, ma contro la gente comune. Mi fa impazzire - ha aggiunto la Sgrena - che non ci sia una reazione. Noi siamo complici anche se queste armi non le utilizziamo».

Come per le torture nel carcere di Abu Ghraib, hanno spiegato i manifestanti, nessuno credeva alle organizzazioni irachene per la difesa dei diritti umani che denunciavano il comportamento dell’esercito Usa, così per l’uso di armi chimiche negli assalti alle città le denunce più volte fatte dai cittadini di Falluja hanno avuto bisogno di essere avvalorate dalla parola di un soldato statunitense e mostrate in Tv. In una nota congiunta Gianfranco Pagliarulo (Pdci), Loredana De Petris (Verdi) Piero Di Siena, Luciano Pettinari, Silvana Pisa (DS), Pietro Folena, Luigi Malabarba, Elettra Deiana (Prc), Antonello Falomi (Il Cantiere) hanno concluso: «La testimonianza di ufficiali Usa al Field Magazine conferma il servizio di Rai News 24 e inchioda il comando americano alle sue terribili responsabilità. Per questo siamo presenti oggi davanti all’ambasciata americana per protestare contro l’abiezione dei bombardamenti chimici a Falluja e dell’uso di armi proibite al fosforo bianco in Iraq da parte dei militari americani. A questo punto il ritorno a casa del contingente militare italiano non è più rinviabile né negoziabile. Ne prendano atto tutti, a cominciare dal governo italiano».

Lo slogan, dunque, era: «Via subito le truppe italiane dall’Iraq, via subito le truppe Usa dall’Iraq, via subito tutte le truppe dall’Iraq». Alla manifestazione hanno aderito duecento persone delle organizzazioni Arci, Attac, Bastaguerra, Beati i Costruttori Di Pace, Carta, Comitato Verità e Giustizia per Genova, Confederazione Cobas, Ctm - Altromercato, Donne in Nero, Federazione dei Verdi, Fiom - Cgil, Forum Per La Democrazia Costituzionale, Giovani Comunisti, Guerra&Pace, Il Manifesto, Legambiente, Libera, Liberazione, Marcia Mondiale delle Donne, Rete Lilliput - Nodo di Roma, Rifondazione Comunista, Sincobas, Terres Des Hommes, Un Ponte Per, Us Citizens For Peace And Justice, Federazione dei Verdi, Tavola della Pace (di cui fanno parte Cisl, Agesci, Acli, Pax Christi, Arci, Cgil, Emmaus Italia, Cipsi, Coord, naz. Enti locali per la pace, Focsiv, Mani Tese, Legambiente, Lega per i diritti dei popoli, Francescani del Sacro Convento di Assisi, Centro per la pace, Fivol, Ics, Banca Etica, Ass. per la pace, Peacelink, Sdebitarsi, Forum del Terzo Settore, Beati i costruttori di pace, Mfe, Cnca), Uds, Transform Italia, Associazione per la pace Associazione TamTam Villane, Associazione Giuristi Democratici di Roma, Sud Pontino Social Forum, Giovani Verdi, Partito Umanista e tanti altri.

Tuttavia, da alcuni esponenti della stessa Unione, è subito arrivata una secca risposta: «La lettura dei giornali di oggi ci conferma quanto sia urgente raggiungere un chiarimento programmatico tra le forze dell’Unione». Fassino, Rutelli, Amato, Boselli, D’Alema, Prodi e, ultimi arrivati, i Radicali della Bonino dicono che di ritiro immediato dall’Iraq non ne vogliono sentir parlare.

http://www.lagazzettadelmezzogiorno...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Da Doriana: a Roma abbiamo fatto quello che potevamo, compreso l’orario (ore 16) di sicuro non eccezionale ma...
16 novembre 2005 - 15h31 - Di 4d8ed7505356249f94c8c3f9d74e1bfb...

A Roma abbiamo fatto quello che potevamo, ma è possibile sapere a Milano cosa hanno fatto? Erano talmente in pochi che non abbiamo notizie? Pioveva? Era tardi e buio? Non abbiamo uno straccio di resoconto, sempre che ci sia da raccontare qualcosa....






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si les gens de cette nation comprenaient notre système bancaire et monétaire, je crois qu'il y aurait une révolution avant demain matin. Henry Ford Sr
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito