Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Gaza insanguinata. Olmert promette: la guerra continua

di : Francesca Marretta
giovedì 1 gennaio 2009 - 01h39

Gaza insanguinata. Olmert promette: la guerra continua

di Francesca Marretta

Gaza spera nello spiraglio di quarantotto ore tregua. Il governo Israeliano discuterà oggi se prendere in considerazione la proposta del ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner per un «cessate il fuoco umanitario».

Tuttavia Olmert ha fatto sapere che i raid aerei rappresentano solo una prima fase della guerra, che proseguirà con le operazioni di terra. Intanto i morti a Gaza sono oltre trecentottanta. I feriti almeno millesettecentocinquanta. Tra le vittime civili vi sono quaranta bambini e una ventina di donne. E i raid aerei israeliani proseguono. Sono stati senza tregua durante la notte di martedì. Ieri mattina due sorelle di 4 e 11 anni, che viaggiavano a bordo di un carretto trainato da un asino sono state falciate dall’ennesima bomba israeliana, in una strada di Khan Yunes, a sud della Striscia.

Non sorprende che la gente di Gaza abbia paura di uscire anche per cercare cibo. Uffici e scuole sono chiusi. I pochi che, spinti dalla necessità hanno il coraggio di andare in strada, sono costretti a mettersi in fila, una volta trovato un panettiere aperto. La maggior parte dei forni di Gaza, non è in funzione, non solo per la paura, ma per mancanza di corrente elettrica, che occorrerebbe costante per tutta la notte. Intanto la scarsitá di rifornimenti alimentari spinge i prezzi alle stelle. Le uova sono rincarate del 50 per cento, la carne di manzo, già introvabile, invece che a peso va a caratura e il pollo, che normalmente si vende ovunque a Gaza, costa il doppio del normale.

Nella serata di ieri l’esercito israeliano ha lanciato un pesantissimo attacco tra la zona di Rafah, all’estremo sud di Gaza, bombardando all’interno del territorio palestinese fino all’aerea della Philadelphi Road. Obiettivo dell’attacco, a ripetizione, l’annientamento della capacitá di movimento e rifornimento di Hamas attraverso i tunnel sotterranei che sbucano in Egitto. Canali da cui passano armi e munizioni per Hamas, ma anche forniture di vario tipo, di sigarette, pezzi di ricambio, addirittura capre da sgozzare per l’Aid, la festa più importante dell’anno per i musulmani. Per distruggere i tunnel, gli F-16 dell’aviazione isrealiana hanno utilizzato bombe "all’avanguardia" che hanno la capacità di distruggere fino a 15 metri di profondità dal suolo. Diverse ore prima dell’attacco nella zona di Rafah, il personale di frontiera egiziano ha ordinato la sospensione delle attivitá per timore dell’attacco israeliano, che sarebbe arrivato dopo poco.

Stessa cosa ha fatto la Croce rossa. Durante la giornata vi era stato un flusso, sebbene lento, di malati gravi verso l’ospedale egiziano di Al Arish, il più vicino a Rafah. Centoventi tonnellate di generi di soccorso, viveri e aiuti sanitari, sono arrivati a Gaza dal confine sud, scaricati da aerei atterrati in Egitto da Libia e Qatar. Israele ha autorizzato il passaggio dal valico di Kerem Shalom di un convoglio di aiuti aiuti umanitari organizzati da Croce rossa internazionale, Unrwa (agenzia Onu per i rifugiati palestinesi) e Unicef.

La marina militare israeliana ha invece impedito l’arrivo a Gaza di un’imbarcazione dell’organizzazione "Free Gaza" che aveva a bordo aiuti umanitari destinati alla popolazione palestinese. La nave è stata speronata in alto mare, a novanta miglia da Gaza. Dall’imbarcazione danneggiata, gli attivisti internazionali hanno lanciato un S.o.s. A bordo della Dignity, questo il nome della nave, viaggiavano tre medici specialistici, un britannico, un tedesco e una cipriota. Costretta a cambiare rotta, la Dignity è attraccata ieri sera al porto libanese di Tiro.

Nonostante l’aviazione israeliana abbia colpito gli obiettivi simbolo del potere di Hamas, uffici governativi, della sicurezza, l’Università islamica, le moschee frequentate dai leader del movimento islamico, le case dei capi delle milizie, ieri sera, il portavoce di Hamas Fawzi Barhoum ha dichiarato che questa guerra non servirá a rovesciare Hamas: «Quelli che credono che questi attacchi porteranno alla fine di Hamas devono paragonare quello che è successo a Gaza con quanto accaduto in Libano.

Una guerra di 33 giorni che ha distrutto tutto in Libano, non è riuscita a distruggere la resistenza libanese. Sarà Israele a cadere, noi ci affidiamo ad Allah». La leadership di Hamas è ora sottoterra. Nel senso che si nasconde tra i cunicoli che si diramano in ogni direzione nel sottosuolo di Gaza.

Ieri almeno quarata razzi lanciati dalla Striscia hanno raggiunto Israele, spingendosi sempre più all’interno del territorio, sia nella traiettoria a est della Striscia che a nord. Sono state colpite Rahat e l’area di Beersheva nel Negev, Sderot, la zona di Kiryat Malaki a diciassette chilometri a nord est di Ashdod, secondo porto del paese. L’esercito israeliano ha distrutto decine e decine di basi di lancio per i qassam. Ma i Grad si possono sparare dai camion. Questo è esattamente quello che faceva Hezbollah due anni e mezzo fa con i Katiusha dal Libano.

Ieri sera, dagli schermi di Canale 10, un telegiornale israeliano ha informato la popolazione che i bombardieri israeliani hanno distrutto finora un terzo dei razzi di cui dispone Hamas. Ma per paralizzare il sud di Israele, dove le scuole sono chiuse, le persone restano a pochi metri dai rifugi o vanno in macchina, anche col freddo di questi giorni, a finestrino aperto per sentire le sirene, basta anche un razzo al giorno. Perchè non si sa mai dove cadrá, ne se è proprio quello che ti ammazza. Da sabato scorso, giorno di inizo dell’operazione militare israeliana a Gaza, sono morti colpiti da razzi palestinesi cinque israeliani, quattro civili e un soldato.

Mentre in tutta Europa si organizzano manifestazioni contro i bombardamenti a Gaza, i paesi della Regione spegono le luci dei festeggiamenti di fine anno.

Concerti ed eventi mondani sono stati cancellati in Tunisia, Kuwait, Egitto e Giordania. A Betlemme, le luci delle festività natalizie sono spente da sabato scorso. Anche le consuete celebraziono del primo dell’anno che nel mondo arabo ricordano le prime operazioni armate condotte dai fedaiyyn palestinesi contro Israele, potrebbero essere annullate in segno di lutto.

Secondo alcuni analisti di Ramallah i palestinesi non avrebbero apprezzato l’atteggiamento tenuto durante dal presidente Abbas nei confronti di Hamas nel corso di questa crisi. «Durante le guerre i palestinesi vogliono ascoltare appelli all’unitá nazionale, non scambi di accuse tra partiti rivali». Ieri sera il governo israeliano ha approvato il richiamo di altri duemilacinquecento riservisti. Nei giorni scorsi ne erano stati richiamati seimilacinquecento.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini
In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
martedì 21 - 18h48
di : Franco Cilenti
CENTO ANNI STORIA E ATTUALITÀ DELLA RIVOLUZIONE COMUNISTA
martedì 14 - 05h56
di : PCL Pavia
La sinistra contro il rospo e il principe azzurro
giovedì 9 - 04h39
di : Antonio Recanatini
LA BUROCRAZIA SINDACALE SVENDE. LA SINISTRA RIFORMISTA LA COPRE
domenica 26 - 07h13
di : PCL Pavia
JOB ACT: l’apogeo di questa distruzione pianificata dei diritti sociali
martedì 14 - 14h30
di : PCL Pavia
Il dissidio tra viziati
giovedì 9 - 10h54
di : Antonio Recanatini
Foibe e revisionismo storico
martedì 7 - 14h23
di : PCL Pavia
SEMPRE PIÙ RICATTABILI!
mercoledì 1 - 05h19
di : PCL Pavia
Messaggio e comprensione
giovedì 26 - 08h51
di : Antonio Recanatini
GIORNATA DELLA MEMORIA: PER EVITARE CHE SI PRODUCANO IN FUTURO NUOVE TRAGEDIE.
giovedì 26 - 07h43
di : PCL Pavia
Pubblicato in rete il nuovo numero del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 24 - 08h51
di : Franco Cilenti
1 comment
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h52
di : PCL Pavia
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h51
di : PCL Pavia
Voucher: l’apice della precarizzazione più bieca
lunedì 16 - 17h38
ROSA
domenica 15 - 11h26
di : Franco Astengo
LOTTA DI CLASSE E RIBELLIONE POPOLARE
venerdì 13 - 06h38
di : Franco Astengo
CORTE COSTITUZIONALE E DIGNITA’ DEL LAVORO
mercoledì 11 - 15h38
di : Franco Astengo
È uscito il nuovo numero del notiziario nazionale " dire, fare Rifondazione"
martedì 10 - 12h35
di : Francesco Saverio Cilenti
Refrendum lavoro, scontro aspro tra il direttore dell’Unità Staino e i dirigenti Cgil: "Abbiamo sempre cercato la via del negoziato"
martedì 10 - 07h25
L’Italia è un re…gime fondato su trame, ricatti, depistaggi, omertà e malaffare
lunedì 9 - 16h00
di : Alessio Di Florio
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 - 15h45
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
BUFALE
domenica 8 - 09h12
di : Franco Astengo
2 commenti

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Lorsque les arbres seront tous abattus, les animaux tous exterminés, l'homme découvrira qu'il ne se nourrit pas d'argent. Abraham Lincoln
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito