Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
I sette motivi per cui ci raccontano balle sull’art 18

di : Zag(c)
mercoledì 21 dicembre 2011 - 12h31
2 commenti

La storiella si ripete, Prima con le pensioni ora con l’art.18. In realtà chi vorrebbe scardinare o sterilizzare l’art 18 imputato e reo confesso per quanto riguarda l’ impossibilità al licenziamento, dovrebbe fare i conti con la Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali modificato della legge 4 novembre 2010

All’art 1 così recita :......( omissis) licenziamento del prestatore di lavoro non può avvenire che per giusta causa o per giustificato motivo ........ che si applicano anche ai dirigenti art 2 comma 4 e all’art 5 continua L’onere della prova della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo di licenziamento spetta al datore di lavoro. e via di questo passo

Questo nonostante la sterilizzazione effettuata a pieni mani da Sacconi e compagnia ( e con l’ausilio e l’avvallo di CISL e UIL e il far finta di niente della CGIL)

Quindi tutto questo indica che l’art 18 in realtà è solo uno specchietto delle allodole. Un totem appunto, caduto il quale si aprirà una voragine. E’ la legge 300 tutta intera, infatti, il vero obbiettivo E’ questa il terreno delle invasioni barbariche. Infatti, al di là degli aspetti giuridici, la battaglia che si sta conducendo a partire da Ichino che è il cavallo di Troia all’interno dello schieramento della cosidetta "sinistra" , ma in realtà da tutta la destra ( ricordate Berlusconi del 1994 ?) gli argomenti portati per screditare l’art 18 non hanno nessun fondamento , né credibilità alcuna. Vediamoli punto per punto

Si dice che l’art 18 frena la crescita. A supporto di tale tesi viene spiegato che le aziende vorrebbero aumentare il loro giro d’affari, ma poiché sono tutte sul filo dei 15 dipendenti, e poiché hanno paura che dopo, nel caso dovessero diminuire il giro d’affari , si dovrebbero tenere sul groppone i dipendenti assunti, evitano. Ciò non consente quindi l’aumento della produzione. La precarietà ( ricordiamo che tutti coloro che oggi indicano come il male la precarietà sono per la maggior parte coloro che a partire dalla legge Treu l’hanno indicata come il toccasana per l’economia italiana) può essere sconfitta con il contratto unico. Ossia tutti assunti a tempo indeterminato con la possibilità di essere licenziati dopo tre anni( ma allora che tempo indeterminato è? tutti precari , quindi, almeno per tre anni) Il datore di lavoro si impegna mantenere il lavoratore licenziato con quote di salario a scalare fino al terzo anno. Dopo di che Amen. L’art 18 della legge 300 è una anomalia tutta italiana. Negli altri paesi europei non esiste. L’Europa ci chiede di adeguarci. La precarietà si combatte licenziando gli anziani e liberando posti per i giovani Questa posizione contiene più cose non vere. La prima Si immagina una situazione e si prospetta una situazione economica di leggera flessione per cui basta che qualche piccola fabbricha aumenti un pò la sua produzione e l’economia crescerà. Come si sa, non è così. E non è così perché non si ricorda che il credito è fermo anzi stagnante e ammesso che la fabbrichetta voglia aumentare la produzione non gli basta solo assumere, ma ha bisogno di credito per comprare le materie prime , mezzi di produzione ed infine assumere. E si presuppone che le merci prodotte trovino uno sbocco. Ma non si dice che siamo in crisi profonda, siamo in recessione con un calo del PIL previsto dal 1,5 al 2% che è una cosa immane,che i salari sono al di sotto del minimo di sopravvivenza, che i consumi sono in netta regressione, e non vi è mercato per le merci prodotte, l’esportazione per noi è impossibile visto i livelli dei paesi BRIC, che il mercato è in crisi di sovrapproduzione, e quelle merci rimarrebbero fermi nei magazzini, invenduti. Nessuno mai si sognerebbe di assumere in queste situazioni, e infatti non si assume più nemmeno a tempo determinato e precario.

La seconda Dall’affermazione di cui sopra si evince che tutte le piccole e medie aziende, o una loro gran parte, siano sui 14 dipendenti o giù di li, e che quindi sono li per li per entrare nel girone della morte dei 15 dipendenti, limite fissato dall’art 18. Altra menzogna. A gennaio 2010 l’ISTAT ha censito che la media delle aziende italiane ha 4 dipendenti, dico quattro e le imprese con meno di 10 addetti,rappresentano il 94,8%. Quindi di cosa si sta parlando?

La terza Ma se è vero che è l’impossibilità a licenziare ( ed ho dimostrato che questo non è vero ma se lo fosse lo sarebbe solo per il 5,2 aziende . Una assoluta minoranza) a determinare il blocco alla crescita e contemporaneamente all’aumento della precarietà, perché non si aumenta il salario dei precari tanto da potersi autonomamente provvedere a pagare i contributi, perché non gli si riconosce ferie, malattia, maternità ecc ecc i diritti che i garantiti(sic) hanno, perché non si riconoscono tutti i contributi versati senza limite di continuità. Si avrebbe così la libertà di licenziare , la flessibilità ( in Italia si hanno ben 43 forme di contratti atipici . Questa è la vera anomalia italiana) e nello stesso tempo si lenirebbe i disagi della precarietà. Ma di questo non si parla perché non è questo il contendere. Non sono i precari, per loro , il problema, ma lo specchietto delle allodole, Come quando attaccavano le pensioni.

La quarta L’art 18 della legge 300, suffragata dall’art 1 della legge 604 del 1966 impedisce il licenziamento senza giusta causa e giustificato motivo. Cioè tutti quei licenziamenti che l’imprenditore potrebbe fare per motivazioni che vanno oltre i giustificati motivi ed interessi primari della impresa. Se una azienda subisce un calo dell’attività produttiva, per qualsiasi motivo , per contingenza , per crisi di settore o di mercato, cioè in qualsiasi caso in cui la prestazione di quel o quei lavoratori non giustificano il loro mantenimento in azienda, non vi è nessun art 18 che tenga, nessun giudice che possa costringere il contrario. D’altronde se l’imprenditore non ha spirito persecutorio per quel lavoratore licenziato , non dovrebbe avere nessun timore di questa legge.

La quinta In sostanza si capisce bene che il contratto unico altro non è che egualitarismo al ribasso. Visto che vi sono i precari e i garantiti( sic) allora facciamoli diventare tutti precari. E’ più semplice no? Ma l’altro assioma falso è che si presuppone che entro i tre anni il lavoratore possa trovare un lavoro. Ichino , asserisce , che vi saranno tutta una serie di uffici statali, o agenzie di ricollocamento che potranno consentire di riqualificare e ricollocare l’ex lavoratore, nei tre anni. Ma allora se così è, o sarà, perché la Fornero non incomincia da subito a far funzionare questi uffici ed agenzie? E non si capisce come mai , visto che il tasso di disoccupazione in Italia è uno dei più alti in Europa, non si da spinta alla nascita di questo toccasana scoperto da Ichino? Se diventa necessario che queste agenzie funzionino che le si facciano funzionare da subito senza aspettare l’eliminazione dell’art 18( e in contemporanea anche l’art 1 della legge 604/66) che interesserebbero solo una minoranza di lavoratori e per giunta licenziati per evidenti e manifeste discriminazioni.

La sesta Ma il clou della legge Ichino e Fornero sta nell’assioma totalmente falso. Poichè questa legge funziona in Danimarca, e negli altri paesi d’europa, non si vede perché non debba funzionare anche in Italia. Intanto non si dice come funzionano i servizi sociali , il welfare in Danimarca, l’assistenza all’infanzia,agli anziani, il costo della casa,dei trasporti, il salario minimo garantito ecc ecc. Insomma il contesto sociale. Ma si estrapola solo ciò che fa comodo, e non si dice nemmeno che proprio quest’anno il nuovo governo danese sta pensando di modificare proprio questa legge del contratto unico e proprio sulla parte della flessibilità in uscita. Chi perde il lavoro negli altri paesi d’europa riceve assistenza e un salario minimo garantito, i suoi figli continuano ad andare a scuola, le università sono realmente gratuite ed accessibili, la casa è garantita ad un affitto quasi ridicolo. E questo per tutti i lavoratori licenziati

La settima E’ molto strano, ma si sa chi dice le bugie deve avere anche una memoria lunga. Ma per le pensioni ci hanno detto che allungando l’età pensionabile si sarebbe dato una prospettiva di lavoro e quindi diritto alla pensione per i giovani. Cioè gli anziani devono lavorare di più e visto che nuovi posti di lavoro non se ne creano, i giovani non possono che stare alla finestra ad aspettare. Qui si che sarebbe utile far andare in pensione gli anziani prima, magari con l’obbligo, per i datori di lavoro, di assumere giovani precari. Ora invece ci dicono che invece di far andare in pensione gli anziani, li licenziamo così da liberare posti di lavoro. Ed ecco che il gioco è scoperto!

Naturalmente stanno giocando con carte truccate, e lo scopo finale è quello , non tanto o non solo della libertà del licenziamento , che come abbiamo visto è già oggi possibile, e le cronache ce ne danno dimostrazione giornalmente, quanto quello di mettere i lavoratori sotto scacco, eliminare tutti gli strumenti giuridici, sindacali, legali, per un minimo di protezione sociale. Più il lavoratore italiano è senza diritti e senza difesa più assomiglierà agli immigrati clandestini più si ingrosserà l’esercito di riserva.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

I sette motivi per cui ci raccontano balle sull’art 18
21 dicembre 2011 - 13h23 - Di f2d79c178c3976102ba24c520f6be0a5...

L’art 18 è la chiave di volta della legge 300/ 70, se cade l’art. 18 cade tutta la legge che perderebbe significato. Se l’imprenditore può licenziare liberamente chi farà rispettare il divieto di controlli con telecamere od altro di cui agli art. 4 e 8? Chi le leggi sulla salute sul posto di lavoro di cui all’art. 2048 cc, e 626/94?Già oggi molti sindacalisti sono, a dir poco, "contigui"( per non dire corrotti) al datore di lavoro, e domani?Quindi è evidente che l’attacco all’art. 18 è un attacco a quel minimo di tutele e civiltà conquistate con anni di lotta! michele



I sette motivi per cui ci raccontano balle sull’art 18
22 dicembre 2011 - 07h26 - Di luigi - 5b86126f075365c8b3b151d1977bdeb8...

Aggiungasi che esiste anche la Magistratura incompetente o, peggio ancora - forse - corrotta.

Trattasi, nella fattispecie letta in una Sentenza, di un Licenziamento sanzionato durante l’assenza per Infortunio sul Lavoro per come ceritificato dall’INAIL, ma per Supero Comporto Malattia per fatto pregresso.
Il lavoratore è ricorso alla Legge, sia perla illegittimita del fatto che perla temporalità del medesimo, ma la sentenza di Primo Grado l’ha visto soccombere poichè la data del licenziamento non è stata posticipata alla fine dell’evento Infortunio; oltre aver stabilito, nelle motivazioni, che era ininfluente il ricorso ad una richiesta di estensione del periodo di malattia per come da Contratto - per fatto grave - antecedente e quindi giustificato l’allontanamento del posto di lavoro.

Peraltro si è letto anche del respingimento del ricorso alla Giustizia da parte di lavoratore sottoposto per tutta la durata della giornata lavorativa sotto l’occhio di telecamera collegata con la Centrale Operativa (Guardia Particolare Giurata).
La richiesta/denuncia è stata di fatto cestinata poichè fatta decadere con motivazioni risibili.

Insomma, c’è un attacco concentrico ai diritti del Lavoro come se non bastassero le novità sulla nuova schiavitù per le forme di lavoro atipico oramai in uso.
Vieni assunto, quando ti dice bene, a tempo determinato per tre mesi, poi c’è il rinnovo per altri sei mesi, poi ti lasciano a casa per 20 giorni senza retribuzione e poi ti riassumono per altri sei mesi; sempre a tempo determinato.

Di cosa stanno parlando i Governi ed i Sindacati?






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La valeur d'un homme tient dans sa capacité à donner et non dans sa capacité à recevoir. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito