Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
BUFALE

di : Franco Astengo
domenica 8 gennaio 2017 - 09h12
2 commenti

“POLITICA” E “ANTIPOLITICA”: LE “BUFALE” NEL RECINTO DEL REGIME . IL POPOLO SOFFRE? PIANGA SUL LATTE VERSATO E MANGI BRIOCHES di Franco Astengo Il Regime, ferito ma non abbattuto dal voto referendario, sta impostando la sua controffensiva muovendosi sul terreno delicato e fondamentale della cosiddetta “informazione”. E’ nata così l’astiosa “querelle” da una parte attraverso la denuncia del veleno sparso dai nuovi untori del web e dall’altra la denuncia delle “bufale” inventate dai grandi giornali e dalle maggiori TV: “bufale”, in questo caso, facilmente documentabili ad esempio verificando il comportamento di questi soggetti proprio nel corso della campagna referendaria oppure al riguardo della vicenda delle banche e, ancora, nell’evitare accuratamente di affermare come la vicenda migranti sia drammatica per chi la vive ma assai redditizia per altri soggetti ben identificati. Per giudicare le ragioni degli uni o degli altri sono così sorti due Tribunali contrapposti: quello di chi (addirittura il garante per le Comunicazioni) vorrebbe imbavagliare le opinioni liberamente espresse attraverso la rete e quello di chi, invece, vorrebbe sottoporre al giudizio del Tribunale del Popolo il lavoro di giornali e TV. In questo modo le inclinazioni fascistoidi presenti nella società e nel sistema politico italiano trovano anche una possibilità di rappresentazione e un canale di sfogo: ma non è questo il punto. Lo scontro dichiarato è tra politica :il Regime nel suo insieme che per difendersi si sta assestando sulla grosse – koalition nelle veci del “Partito della Nazione”, e l’antipolitica :quella che salta brutalmente il criterio della rappresentanza, si affida al web come libera palestra per poi tirare le fila di un vero e proprio accentramento personalistico della gestione non solo del potere, ma addirittura della morale (gli “iron man” e gli“incorruttibili” del ‘600 e del ‘700 impallidirebbero e forse si potrebbe fare anche qualche esempio ricercando nella storia del ‘900). Nadia Urbinati, in un suo intervento, si mette alla ricerca della “terza via” affermando (questo almeno il titolo di un suo articolo): “La politica respira con opinioni opposte: gli elettori unici giudici”. Un tentativo da valutare perché così si cerca di comprendere entrambe le sponde all’interno del recinto della “politica” depotenziando di fatto “l’anti”. Un elemento, però, preoccupa nell’impostazione di Urbinati e ci fa pensare che il recinto non sia più quello della “politica” ma quello del “Regime”: un “Regime” che, nel disegno parzialmente e provvisoriamente sventato con il voto referendario, punta a saltare la mediazione, induce al dialogo diretto tra Capo e folla, affida al voto il compito quasi di un “redde rationem” e nella sostanza accoglie l’idea della fine della rappresentanza (Ognuno si metta l’elmetto e inizi a rappresentare se stesso” ha scritto sulla famigerata pagina Facebook il futuro candidato alla Presidenza del Consiglio del M5S). Perché sorge una preoccupazione molto forte e si può pensare che tutto questo circo Barnum possa essere ricondotto, di nuovo, all’interno del “Regime” ? Perché sembrano saltati completamente due elementi fondamentali nello sviluppo dell’azione politica collettiva: il primo riguarda la mediazione e il compromesso (non quello deleterio, ma quello “alto”, ad esempio di tipo costituzionale come fu all’interno dell’Assemblea Costituente in particolare dopo il superamento della formula di governo dell’unità antifascista); il secondo, ancora più importante, è perché – considerato l’elettorato come una massa indistinta che svolge la funzione di “giudice” – saltano tutti i riferimenti alla “struttura”, alla diversità nella collocazione sociale, alla valutazione complessive delle condizioni materiali e di conseguenza alla loro rappresentanza politica organizzata. Salterebbe così, se non è già avvenuto, tutto l’impianto della costruzione dell’aggregazione politica e dell’espressione del consenso sulla base della materialità della condizione sociale ben oltre la stessa contraddizione di classe (pure fortemente operante nella realtà quotidiana). Ci troveremmo di fronte a due schieramenti basati sul reclamare la propria verità e pronti a costruire menzogne per sostenerla, in una ridda di affermazioni e controaffermazioni non verificabili, né verificate dall’analisi di soggetti collettivi. La sostanza è quello di un reciproco “storytelling”, quello della presunta “politica” e quello della sedicente “antipolitica” entrambi ben compresi nel recinto del “Regime” con l’impegno del reciproco sostegno: punto comune “l’audience”. Siamo di fronte ad una impressionante facilità di “manipolazione pubblica”. Un esempio in questo senso: su “Repubblica” compare un ampio sondaggio con molte domande condotto da Ilvo Diamanti . Ne emergono i soliti tratti di confusione nella contraddittorietà dei pareri: in un Paese fortemente percorso da venature razziste in materia di migranti, emerge una vera e propria apparente venerazione per il Papa (il che, tra parentesi proprio, lascia perplessi sull’efficacia della predicazione portata avanti dal’attuale Pontefice: ma nessuno si interroga su questo naturalmente). Il massimo però lo si raggiunge quando, alla fine, tal Fabio Bordignon se ne esce in uno dei commenti riassuntivi, affermando che la somma delle opinioni raccolte (naturalmente emerge una grande sfiducia nei partiti e un calo di consenso verso le istituzioni) consente di affermare (testualmente) che : “ il referendum è stato una grande occasione mancata”. Insomma nulla smuove questi “raccontatori ad usum delphini” in servizio permanente effettivo. Il popolo soffre? In attesa del reddito di cittadinanza pianga sul latte versato e mangi brioches.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

BUFALE
8 gennaio 2017 - 11h47 - Di fa1e5dc0cdf4a2559a9752d87b31e4b0...

Premesso che condivido le osservazioni qui fatte, mi sorgono comunque dubbi su questa levata di scudi in difesa della "libertà" d’espressione da una parte e la necessità di porre un controllo su di essa da parte del potere.
Ha più l’aria di una distrazione di massa messa in atto da entrambe le parti.
Bisognerebbe allora portare esempi riguardo società, o comunità, dove questa libertà è concessa... a me non risultano da nessuna parte.
E questo è una realtà realisticamente incontrovertibile.
Abbiamo vissuto tempi d’oscurantismo assai peggiori di quel che si prospetterebbe sia con il "giudizio popolare" sia con una sorta di censura da parte del potere, ergo dei governi.
Il misero ciclostile ha fatto più danni all’informazione mainstream di quanti ne faccia il web oggi, paradossalmente proprio in tempi di "libera ciroclazione" delle idee viviamo soprattutto in rete un allineamneto assai pericoloso delle due fazioni.
Nei secoli, da quando cioè la produzione cartacea delle informazioni è diventata duplicabile meccanicamente, ci siamo abituati a far fronte all’attacco del potere su questo versante, e da lì infatti che sono nate le rivoluzioni che hanno portato fuori le società dal medioevo, almeno parzialmente.
Oggi soprattutto in rete si applica una censura assai più ferrea dei media mainstream... non credo che gli influencers abbiamo meno potere e responsabilità di giornalisti mainstream allineati.



BUFALE
8 gennaio 2017 - 11h56 - Di Francisco - fa1e5dc0cdf4a2559a9752d87b31e4b0...

Mi scuso, ma m’era partito incompleto, anche con qualche errore di battitura... continuo.
Suggerirei di spostare l’attenzione proprio su strutture che in rete sono ormai palesemente in mano a infiltrati, che a nome di una pseudo sinistra antagonista frenano ogni confronto sulla deriva fascistoide odierna travestita da rivoluzionari da tastiera.
Basta constatare quanta differenza ci sia tra ciò che avviene sul campo e quanto e come venga raccontato anche in rete.
Questo considerando che se determinati siti hanno ancora possibilità di comunicare non è certo per la libertà concessa dal potere quanto questi facciano comodo al potere... una sorta di specchietti per le allodole.
Fateci caso, stanno diventando più chiusi e controllati di qualsiasi giornale o TV mainstream.





16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini
In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
martedì 21 - 18h48
di : Franco Cilenti
CENTO ANNI STORIA E ATTUALITÀ DELLA RIVOLUZIONE COMUNISTA
martedì 14 - 05h56
di : PCL Pavia
La sinistra contro il rospo e il principe azzurro
giovedì 9 - 04h39
di : Antonio Recanatini
LA BUROCRAZIA SINDACALE SVENDE. LA SINISTRA RIFORMISTA LA COPRE
domenica 26 - 07h13
di : PCL Pavia
JOB ACT: l’apogeo di questa distruzione pianificata dei diritti sociali
martedì 14 - 14h30
di : PCL Pavia
Il dissidio tra viziati
giovedì 9 - 10h54
di : Antonio Recanatini
Foibe e revisionismo storico
martedì 7 - 14h23
di : PCL Pavia
SEMPRE PIÙ RICATTABILI!
mercoledì 1 - 05h19
di : PCL Pavia
Messaggio e comprensione
giovedì 26 - 08h51
di : Antonio Recanatini
GIORNATA DELLA MEMORIA: PER EVITARE CHE SI PRODUCANO IN FUTURO NUOVE TRAGEDIE.
giovedì 26 - 07h43
di : PCL Pavia
Pubblicato in rete il nuovo numero del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 24 - 08h51
di : Franco Cilenti
1 comment
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h52
di : PCL Pavia
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h51
di : PCL Pavia
Voucher: l’apice della precarizzazione più bieca
lunedì 16 - 17h38
ROSA
domenica 15 - 11h26
di : Franco Astengo
LOTTA DI CLASSE E RIBELLIONE POPOLARE
venerdì 13 - 06h38
di : Franco Astengo
CORTE COSTITUZIONALE E DIGNITA’ DEL LAVORO
mercoledì 11 - 15h38
di : Franco Astengo
È uscito il nuovo numero del notiziario nazionale " dire, fare Rifondazione"
martedì 10 - 12h35
di : Francesco Saverio Cilenti
Refrendum lavoro, scontro aspro tra il direttore dell’Unità Staino e i dirigenti Cgil: "Abbiamo sempre cercato la via del negoziato"
martedì 10 - 07h25
L’Italia è un re…gime fondato su trame, ricatti, depistaggi, omertà e malaffare
lunedì 9 - 16h00
di : Alessio Di Florio
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 - 15h45
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
BUFALE
domenica 8 - 09h12
di : Franco Astengo
2 commenti

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La folie est de toujours se comporter de la même manière et de s'attendre à un résultat différent. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito