Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

di : Alessio Di Florio
venerdì 2 giugno 2017 - 16h52

Passano gli anni e le stagioni e il calendario, inesorabilmente, torna a fermarsi a quel giorno. 5 giugno ed è una stretta al cuore. 5 Giugno, il giorno della nascita e della morte di Dino Frisullo. Nei momenti più difficili e drammatici, quando annaspiamo nella folle corsa mozzafiato di questo nostro mondo traboccante di iniquità e ingiustizia, di disumanità e barbarie, nelle curve più pericolose, nelle vette più ripide, il suo volto, il suo esempio, il faro che ha illuminato ci compaiono davanti e ci danno forza. Ma il 5 giugno è sempre una stretta al cuore, è il giorno in cui il dolore si rinnova più che mai.

Come ricordarlo degnamente? Come cercare di essere all’altezza del testimone che ci ha lasciato? E’ difficile rispondere davanti ad una militanza totale e appassionata, dalle mille e più esperienze. In questi ultimi mesi probabilmente la commemor-azione più vera e forte l’abbiamo avuta il 14 settembre scorso a Piacenza: Abdesselem el Danaf che stava lottando per i diritti di tutti, impegnandosi per lavoratori che vivevano una precarietà e uno sfruttamento che non lo coinvolgevano in prima persona, ha raccolto nella maniera più vera e sentita il testimone dell’impegno e della passione di Dino (anche se chissà se ne ha mai sentito parlare o l’ha mai conosciuto…). E fa tornare alla mente un altro che non è più tra noi, ricordato ormai da pochissimi, Mohammad Muzaffar Alì, Sher Khan (http://heval.altervista.org/6-anni-fa-freddo-gelo-disumanita-assassinavano-sher-khan/ ).

cropped-dino-frisullo-211.jpg Ma non basta rinnovare il dolore, lasciare che nuove lacrime solchino i nostri volti. Se ci fermassimo a questo, se rimanessimo fermi e immobili aspettando che il calendario scorra da solo, non serviremmo a nulla. Tradiremmo la memoria di Dino, di Abdesselem, di Sher Khan. Davanti al 5 giugno di Dino, che implacabile torna, non abbiamo altra scelta che commemofare, che cercare di impegnarci per rinnovare la storia di coloro che, da sempre, si son schierati con gli ultimi e gli indifesi, con i deboli e i senzavoce, gli impoveriti e gli emarginati di ogni latitudine. Per Dino c’era solo un filo della lettura del mondo. Ed era, anzi è, questo. E’ quel filo che univa le corse in bicicletta da Bari a Roma, per poter lasciare il rimborso ferroviario agli operai (http://heval.altervista.org/dino-frisullo-in-bicicletta/ ) “fino a quando te lo potevi trovare al mattino, sdraiato davanti alla tua porta di casa a dormire” che ti dava il buongiorno dicendo “Sono arrivato tardi. Non ho suonato per non disturbarti e mi sono messo qui” come ha raccontato Eugenio Melandri, l’impegno per un migrante rimasto senza documenti, per i naufraghi del Natale 1996 denunciando le mafie dei trafficanti e al fianco dello straordinario e perseguitato popolo curdo, contro tutte le guerre e per i diritti degli altri fino a dimenticarsi completamente di ogni propria esigenza personale. E’ quel filo rosso, rosso sangue, che unisce mai come oggi tutte le latitudini. Dalla Siria al Kurdistan, dall’Iraq all’Afghanistan (16 anni di guerra mai ininterrotta, chi si accorge che ancora oggi lì si muore, quotidianamente assassinate dalle guerre dei “nostri governanti”?!) dai lavoratori a cui viene tolto ogni diritto alle donne sfruttate, violentate, stuprate (anche a pochi passi da noi, nel silenzio e nel disinteresse più totale, ma non vien la nausea, un immenso dolore fisico, come è possibile dormire la notte davanti alla denuncia documentata http://www.altrodiritto.unifi.it/ricerche/tratta/ragusa.htm della più turpe schiavitù sessuale nel ragusano?), dai bambini congolesi imprigionati nelle miniere del coltan a chi la crisi economica (anche nella nostra civile e moderna Europa) ha tolto anche un tetto, dai malati a cui non viene garantito il diritto alla dignità e alle cure alle vittime (di ogni età, troppo spesso anche bambini di pochi mesi) nella “Terra dei Fuochi” o nella Taranto prigioniera dell’inquinamento più massiccio del continente. E l’elenco potrebbe continuare per ore e ore. E troppo spesso in primo piano, nelle “discussioni politiche” che di politico non hanno nulla ma puzzano di compromesso, di meschini interessi di bottega, di disinteresse di chi non sa (e non vive) cosa quotidianamente accade, le vittime, i più deboli, coloro che non hanno scuderie e cancellerie dei grandi interessi vengono dimenticati. Trionfano, anche in quella che dovrebbe essere la “sinistra”, la geopolitica, il campismo, lo schierarsi con un potere piuttosto che un altro, la “ragion di stato” e di convenienza (http://heval.altervista.org/dovremmo-gridare-sempre-piu-e-invece-si-appare-afoni-perche/ ). Lo abbiamo visto nella Taranto dell’ILVA e sulla Siria, ma che senso ha continuamente pensare a Trump e Putin, Assad e l’Iran ma, al centro, non porre il popolo siriano, le famiglie costrette a fuggire e i bambini che mai hanno saputo cosa significa giocare su un verde prato in una bella giornata di sole?!

DinoFrisulloISicilianiGiovaniGiugno2013 Riccardo Orioles pochi giorni dopo la morte di Dino scrisse che era appartenuto alla storia di coloro “raramente a proprio agio nei palazzi, il loro ambiente naturale era la vita dei poveri, la strada. Il loro modo d’esprimersi, un po’ impacciato e timido nei dibattiti ufficiali, attingeva un’eloquenza inaspettata negli appelli di piazza o anche – come nel caso di Dino – davanti ai giudici militari”. E che, davanti a tutti noi, ci lascia due strade: “La sinistra dei binghi, dei salotti romani e dei compromessi, oppure la sinistra degli organizzatori, delle testimonianze di vita, dei compagni. Non e’ possibile essere tutt’e due: c’e’ da fare una scelta”. Si torna a sentire la vicinanza delle elezioni politiche e, puntualmente, stanno tornando tutte le ritualità e le dinamiche che da tanti, troppi anni, vediamo sempre in azione. La “lista della sinistra”, “l’unità delle sinistre”, “l’unità dei comunisti”, le riunioni e i dibattiti di segreterie e grandi “esperti”, non ripeteremo arcobaleni e rivoluzioni civili, ecc. ecc. Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada, lasciar parlare chi non ha passerelle e cancellerie senza che alla fine trionfino il politicismo e gli interessi particolari? Lasciar parlare chi è rimasto per strada senza che alla fine diano carte i palazzi? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? La discriminante, l’asse intorno a cui tutto sta già ruotando, è la domanda “quanto sono lontano da Renzi e dal PD?”. Con poche varianti è la stessa da illo tempore. Per carità, non che non condivida, anzi. Chi sta scrivendo queste righe la distanza incolmabile la vedeva già ai tempi del primo Prodi e del D’Alema premier. Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?

 

Alessio Di Florio

Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini
In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
martedì 21 - 18h48
di : Franco Cilenti
CENTO ANNI STORIA E ATTUALITÀ DELLA RIVOLUZIONE COMUNISTA
martedì 14 - 05h56
di : PCL Pavia
La sinistra contro il rospo e il principe azzurro
giovedì 9 - 04h39
di : Antonio Recanatini
LA BUROCRAZIA SINDACALE SVENDE. LA SINISTRA RIFORMISTA LA COPRE
domenica 26 - 07h13
di : PCL Pavia
JOB ACT: l’apogeo di questa distruzione pianificata dei diritti sociali
martedì 14 - 14h30
di : PCL Pavia
Il dissidio tra viziati
giovedì 9 - 10h54
di : Antonio Recanatini
Foibe e revisionismo storico
martedì 7 - 14h23
di : PCL Pavia
SEMPRE PIÙ RICATTABILI!
mercoledì 1 - 05h19
di : PCL Pavia
Messaggio e comprensione
giovedì 26 - 08h51
di : Antonio Recanatini
GIORNATA DELLA MEMORIA: PER EVITARE CHE SI PRODUCANO IN FUTURO NUOVE TRAGEDIE.
giovedì 26 - 07h43
di : PCL Pavia
Pubblicato in rete il nuovo numero del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 24 - 08h51
di : Franco Cilenti
1 comment
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h52
di : PCL Pavia
21 gennaio 1921: nasce il Partito Comunista d’Italia! Ricordo di Antonio Gramsci
lunedì 23 - 05h51
di : PCL Pavia
Voucher: l’apice della precarizzazione più bieca
lunedì 16 - 17h38
ROSA
domenica 15 - 11h26
di : Franco Astengo
LOTTA DI CLASSE E RIBELLIONE POPOLARE
venerdì 13 - 06h38
di : Franco Astengo
CORTE COSTITUZIONALE E DIGNITA’ DEL LAVORO
mercoledì 11 - 15h38
di : Franco Astengo
È uscito il nuovo numero del notiziario nazionale " dire, fare Rifondazione"
martedì 10 - 12h35
di : Francesco Saverio Cilenti
Refrendum lavoro, scontro aspro tra il direttore dell’Unità Staino e i dirigenti Cgil: "Abbiamo sempre cercato la via del negoziato"
martedì 10 - 07h25
L’Italia è un re…gime fondato su trame, ricatti, depistaggi, omertà e malaffare
lunedì 9 - 16h00
di : Alessio Di Florio
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 - 15h45
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
BUFALE
domenica 8 - 09h12
di : Franco Astengo
2 commenti
Appello a Obama affinchè liberi Leonard Peltier prima di lasciare la casa Bianca
domenica 1 - 11h33
di : 2017
70 anni fa la madre delle bufale italiane: il falso su morte De Gasperi
venerdì 30 - 22h13
di : antonio camuso
CLIMA PESSIMO PER LAVORATRICI E LAVORATORI
venerdì 30 - 12h02
di : Franco Astengo
La coscienza degli obiettori
mercoledì 28 - 09h51
di : Antonio Recanatini
Strage Berlino e morire di complottismo...
domenica 25 - 16h15
di : antonio camuso
1 comment
Morire di terrorismo o di complottismo?questo è il dilemma…
sabato 24 - 23h09
di : antonio camuso
1 comment
Costituzione E ADESSO COMINCIAMO AD APPLICARLA DAVVERO
venerdì 23 - 20h26
di : Riccardo Orioles
Gli operai sono stati uccisi due volte, dai padroni e dai giudici
venerdì 23 - 19h03
di : Fabrizio Salvatori

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Nous devons apprendre à vivre comme des frères, faute de quoi nous périrons comme des imbéciles. Pasteur Martin Luther King
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito