Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Lettera di una vecchiaccia cattiva alle brave ragazze.

di : Maria Turchetto
sabato 4 giugno 2005 - 14h20
2 commenti
JPEG - 14 Kb

di Maria Turchetto

Care ragazze,
sono così vecchia che ho votato al referendum sull’aborto. Quella volta si trattava di mantenere in vigore una legge abbastanza buona contro una campagna clericodemocristiana assai veemente. I toni erano molto simili a quelli di oggi. Chi voleva abrogare la legge 194 del 1978 che consentiva l’"interruzione volontaria della gravidanza" - in sigla IVG, perché "aborto" pare una brutta parola - faceva discorsi metafisici sull’inizio della vita: erano naturalmente preti, destri e democristiani e, come oggi, sussiegosi filosofi che per l’appunto amavano discettare di metafisica, ma ai quali io non avrei chiesto nemmeno come si infila correttamente un preservativo, tanto apparivano poco esperti di queste faccende. Un nome per tutti: Norberto Bobbio, all’epoca difensore della Vita, successivamente fautore delle Guerre Giuste.

Proprio come di questi tempi Marcello Pera: salviamo gli ovociti e ammazziamo quei beduini miscredenti. Ma non rivanghiamo.

Sull’altra sponda, i difensori della legge - anche allora con meno mezzi e meno spazio sui media, ma forse un po’ più determinati e sicuramente più sostenuti dai politici sinistri e centrosinistri - portavano avanti ragioni eminantemente pratiche. La legge - dicevano - non "introduceva" l’aborto, l’aborto si faceva da tempo immemorabile, ma era in mano ai "cucchiai d’oro" delle cliniche private, per chi poteva permetterseli; oppure alle mammane coi ferri da calza e gli abortivi tossici, per le poveracce; oppure, negli ultimi tempi e solo per le più sgamate, ai gruppi di femministe e radicali che praticavano clandestinamente i primi Karman - veri eroi, credetemi. La legge aveva il merito di garantire l’aborto nelle strutture pubbliche, dando a tutte le donne il diritto a una assistenza medica adeguata e alla riservatezza: per questo andava mantenuta.

Un argomento, tuttavia, anche questo molto pratico, rimase piuttosto in ombra, quasi nessuno avesse il coraggio di affrontarlo: perché una donna può voler abortire? A parte il caso limite, che ogni tanto veniva evocato, del rifiuto della donna violentata di avere un figlio dal proprio stupratore, questo aspetto non venne affatto approfondito. Coraggio, facciamolo ora.

Per una donna, trovarsi incinta senza rimedio può essere psicologicamente insostenibile in moltissimi casi - e intendo casi comuni, comunissimi, non necessariamente vicende da romanzo strappalacrime o da cronaca nera. Può essere veramente tremendo. Ragazze, non dovete credere a quella roba che vi propina la televisione: «Caro, devo dirti una cosa...» «Ma è meraviglioso, tesoro!». Non è così che funziona nella vita. Mi raccomando, ragazze: siate prudenti, prudentissime! Evviva il preservativo, e guardate che la pillola non fa male coi dosaggi che ci sono adesso (a proposito, lo sapete, vero, che la chiesa è contraria anche a queste cose, e che la "pillola del mese dopo" non è nemmeno commercializzata in Italia perché le case farmaceutiche non ci pensano proprio a scatenare beghe col Vaticano). Siate prudenti, perché una gravidanza indesiderata può essere un guaio davvero. Soprattutto per le donne giovani e per le donne anziane.

Per le donne giovani: studi interrotti, scelte di lavoro sacrificate, matrimoni precipitosi con partner che non si conoscono abbastanza, o che magari si conoscono fin troppo bene per quegli stronzi che sono, scenate in famiglia, parenti che si intromettono. E l’idea, comunque, di una svolta irreversibile: fine del divertimento, prematuro e irreversibile inizio dei doveri e dei sacrifici. «Femmine un giorno e poi madri per sempre», cantava

De André in una strofa che mi ha sempre fatto correre i brividi giù per la schiena. Mica facile da affrontare, l’idea. Sono cattiva? Dal punto di vista di chi inzeppa di sacrifici l’aldiquà e rinvia la gioia all’aldilà, senz’altro. Cattiva, egoista, edonista. Ma che volete, io penso che la vita è solo questa, terrena e breve. Su questa giostra si fa un giro solo.

Ragazze care, lasciatevi dare un consiglio: finché siete giovani e carine, datela. Non state ad aspettare il principe azzurro, l’uomo perfetto: vi andrà di lusso se beccherete qualche uomo normale. Datela in giro, fate esperienza, è difficile trovare l’uomo giusto al primo tentativo, ma prendersi e lasciarsi alla vostra età non è una tragedia, anzi, è decisamente educativo. Imparate che comunque bastate a voi stesse, e che c’è ampia scelta. Datela, datela in giro e datela allegramente, con le precauzioni di cui sopra.

Poi, quando sarete diventate più forti e mature, quando i vostri gusti saranno più precisi e le vostre scelte di vita e di lavoro quantomeno abbozzate, bene: allora fate pure coppia fissa, sperimentate bene il partner, assicuratevi che non sia uno stronzo, e a questo punto - se vi va - figliate. Pensateci bene e soprattutto decidetelo voi, perché sarete comunque voi, nel bene e nel male, a pupparvi i figlioli. Lo so, oggi i maschi un po’ più civilizzati (ma quanti sono?) danno una mano, ma non ci contate troppo: che sono le donne a occuparsi della prole è scritto in profondità nei geni e negli ormoni, temo troppo in profondità perché qualsivoglia civilizzazione ci possa sovrascrivere. Dunque vi pupperete i figlioli. A lungo, perché ormai prima dei trent’anni non se ne vanno di casa.

E veniamo alle donne anziane - che poi sono quelle che più di frequente ricorrono alla IVG. Immaginate una donna tra i 45 e i 50, che magari ha già figli, li ha già svezzati, forse non ancora tutti sistemati, comunque non ne può più di vivere in funzione degli altri e vorrebbe pensare un po’ a se stessa. Resta incinta. Può capitare. A me è capitato, con tutto che al consultorio avevo passato l’esame sulla contraccezione a pieni voti. Può capitare, tanto più che il periodo precedente la menopausa da questo punto di vista è a rischio. Bene. Una donna tra i 45 e i 50 resta incinta. Lasciamo pur stare i rischi per la salute sua e del marmocchio, riuscite a immaginarvi la prospettiva di ritrovarsi a 65, 70 anni con un figliolo in piena crisi adolescenziale? Senza arte né parte, ancora da sistemare? Ma non se ne parla nemmeno.

Ora avrete senz’altro sentito dire (senz’altro, perché la guardate troppo quella televisione): «l’aborto è comunque una tragedia». Balle. Lo è soltanto se lo si sovraccarica psicologicamente. E datemi retta: drammatizzano perché vi vogliono male, vogliono farvela pagare, vogliono che vi sentiate in colpa, che soffriate. Non gliela date vinta: è propaganda, credete a me. Dunque sdrammatizziamo. Un aborto non è affatto questo chissaché, col metodo Karman è un interventino da day hospital, niente paura. L’importante è partire da un buon consultorio (vi consiglio caldamente quelli dell’AIED), che vi indirizzi a un ospedale come si deve. Questo perché ci sono posti dove potrebbero trattarvi male, purtroppo è così ed è una vergogna, ma non è difficile avere la dritta giusta.

Ora mi chiederete perché la faccio così lunga sull’aborto, visto che il referendum della settimana prossima riguarda invece le "norme in materia di procreazione medicalmente assistita". Non mi è andato il cervello in pappa, non mi sono lasciata trascinare dai ricordi a causa dell’età avanzata. E’ chiaro, e non è nemmeno più un mistero perché alla fine l’han detto fuori dai denti: i famosi "diritti del concepito" sono stati ficcati nel primo articolo della legge n. 40 del 2004, quella sulla procreazione assistita, per giocarli prima o poi contro la legge n. 194 del 1978, quella sull’aborto, quella che assai più civilmente afferma il «diritto alla procreazione cosciente e volontaria», quella che finalmente ha trattato le donne (altro che le cellule!) come persone, titolari di diritti e capaci di scelte responsabili, anziché come fattrici decerebrate. E’ questa la posta in gioco, ragazze.

Perciò vi prego, andate a votare. Se il quorum non sarà raggiunto, sarà davvero brutta: per quella minoranza di donne che vive un problema - non frequentissimo - di infertilità; per tante, tantissime donne che vivono banali, frequenti, normalissime storie di gravidanze indesiderate; per tutte noi, per i nostri diritti ributtati indietro di trent’anni.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Lettera di una vecchiaccia cattiva alle brave ragazze.
10 giugno 2005 - 19h01 - Di f329e4f1ab016670936fea986a77d85d...

accipicchia come concordo con questa sincera "babbiona"....

tutto vero quello che ha scritto...
ma per le più coraggiose oltre alla pillola e al preservativo c’è anche la chiusura delle tube....per non ritrovarsi a 45-50 anni in menopausa e incinte contro ogni voglia d’esserlo. E’ un’operazioncina che manco vi tagliano, passano direttamente dall’ombelico e in giornata siete a casa.
C’è anche un’altra cosa da aggiungere....non è per niente vero che la gravidanza sia la cosa più bella che possa capitare ad una donna....quindi se a voi non succede esattamente di sentirvi contente e al settimo cielo nei mesi in cui aspettate un figlio, non fatevene una colpa, sentirsi male fisicamente e psicologicamente è del tutto normale e se qualcuno ogni tanto lo ammettesse forse non avremmo le mamme che in piena crisi isterica da debilitazione fisica e psichica dovuta a nove mesi di tensioni e cambiamenti ammazzano in un raptus quello che dovrebbe essere il frutto dell’amore.



Lettera di una vecchiaccia cattiva alle brave ragazze.
19 aprile 2011 - 09h57 - Di P - 90c14fc05c1d41e0a7d9a3648125d25c...

Purtroppo leggo solo ora. Ma quante verità taciute in queste poche parole.
Non me ne abbiano coloro che vorrebbero essere mamme per infinite volte, ma è proprio per loro che certe cose andrebbero dette. Perché è meglio una mamma felice che 10 infelici.
Perché ogni bambino nato e amato rischiara il mondo.
Ogni bambino nato nonostante tutto è un’ombra sull’umanità.






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Rendez les choses aussi simples que possible, mais pas plus simples. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito