Bellaciao - retour à l'accueil
lunedì 19 Novembre 2018 (12h52) :
Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia

De : Valentina Ricci
JPEG - 45.5 Kb

Tamim bin Hamad Al Thani, il giovane emiro del Qatar, arriverà lunedì a Roma per la sua prima visita di stato in Italia. L’emiro con al seguito una delegazione di ministri dovrebbe firmare una serie di accordi. I soldi saranno sufficienti per nascondere il lato oscuro del Qatar: corruzione, sfruttamento, violazioni dei diritti umani e ricorrenti accuse di schiavitù moderna?

Mentre l’Italia svela il tappeto rosso per l’Emiro e la sua ricca delegazione, migliaia di poveri lavoratori in Qatar continuano ad affrontare condizioni de vita terribili, vicine alla schiavitù. L’estate scorsa, un funzionario indiano ha dichiarato che circa 600 lavoratori edili indiani a Doha sono ivi rimasti bloccati, senza ricevere stipendi. E questo non sarebbe stato il primo o l’unico caso.

I lavoratori sfruttati hanno dovuto affrontare per mesi e mesi perdite di lavoro, cancellazione dei visti e condizioni di vita terribili in "campi di lavoro", mentre l’emiro continua a spendere troppo per i suoi palazzi, jet, yacht e viaggi a Parigi.

L’ambasciata indiana in Qatar ha cercato di sostenere i suoi cittadini, ma non ha ricevuto nessuna risposta dai funzionari del Qatar. Oltre il Bangladesh, il Nepal e le Filippine hanno affrontato problemi simili.

La FIFA e la maledetta Coppa del mondo 2022 in Qatar

A seguito di un processo di assegnazione circondato di gravi sospetti di corruzione, il comitato esecutivo della FIFA decise che la Coppa del Mondo FIFA del 2022 si sarebbe giocata in Qatar, senza prendere in cosiderazione le difficilissime condizioni climatiche per la quale deve costruire stadi, trasporti e alloggi per centinaia di migliaia di sostenitori. Ma dietro la macchina del PR del Qatar, i lavoratori migranti intrappolati dal sistema di sponsorizzazione kafala del Qatar stanno morendo nei campi di costruzione.

L’anno scorso, il prestigioso quotidiano Guardian di Londra ha scritto sul Qatar "Dobbiamo tutti opporci alla nazione più ricca del mondo e opporci al suo uso della schiavitù moderna".

Il giornale ha scritto: "La squadra di pubbliche relazioni del Qatar non è ancora in grado di nascondere la verità: il suo governo ha dichiarato all’Organizzazione internazionale del lavoro dell’ONU questo mese che il regime di permessi di uscita per i lavoratori migranti è stato annullato, ma questa è una bugia plateale".

Nel 2018, questa è una tragedia che non può essere nascosta per alcuni contratti.

Il quotidiano The Independent ha aggiunto: "non possiamo permetterci di dimenticare quello che sta succedendo in Qatar", ovvero che "i lavoratori del Qatar non sono lavoratori, sono schiavi e costruiscono mausolei, non stadi".

Dietro il volto giovane e sorridente dell’Emiro del Qatar, c’è un sistema statale di corruzione e schiavitù moderna. Gli italiani hanno bisogno di unire e rifiutare i soldi del sangue del Qatar.

Non ne abbiamo bisogno, non li vogliamo.


Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Collegamento] [registrati] [password dimenticata?]