Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie

di : Gennaro Carotenuto
mercoledì 19 aprile 2006 - 19h21
6 commenti
JPEG - 18.2 Kb

di Gennaro Carotenuto

Mi riempie di gioia e contribuisce alla speranza di stabilità del governo, il fatto che i radicali (nella foto Pannella in divisa da ustascia croato) siano andati malissimo. Al Senato non hanno avuto neanche un eletto e alla Camera sono stati marginalizzati dal premio di maggioranza.

Al Senato dunque non possono vivaddio fare danni. Anche i loro 14 deputati (tra i quali solo parte sono in quota radicale) alla Camera, non servono. Possono tornare armi e bagagli da dove erano venuti, ovvero a destra.

Quella della Rosa nel Pugno era un’operazione di Palazzo e probabilmente perfino di Servizi per inserire nel centrosinistra il partito amerikano per eccellenza. Se fosse stato numericamente condizionante avrebbe imposto qualunque guerra al governo di centrosinistra e giustificato perfino l’uso dell’atomica. Sappiamo che sarebbe stato così. Per fortuna la foglia di fico della laicità dello stato è stata letta e capita da chiunque come un bluff dietro il quale l’unica cosa che contava era il neoliberismo più aggressivo.

Negli ultimi quindici giorni, un’insinuante campagna mediatica sosteneva che votare Rosa nel Pugno era molto di moda soprattutto tra i giovani. La Rosa veniva venduta come un deodorante ma è finita nel cestino. Non ci sono cascati gli elettori di sinistra, non ci sono cascati gli elettori radicali che hanno votato Forza Italia.

Hanno preso mezzo milione di voti, ci hanno fatto vincere il premio di maggioranza, grazie e arrivederci. Adesso è bene semplificare il quadro e non alimentare equivoci. O vogliamo ritrovarci Capezzone ministro per le privatizzazioni? Recuperiamo qualche deputato dello SDI, cooptandolo nel gruppone dell’Ulivo, e con i radicali nemici come prima.

http://www.gennarocarotenuto.it



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie
20 aprile 2006 - 11h03 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Francamente quella di Gennaro mi sembra una posizione inaccettabile.

Non ho certo particolari simpatie per i radicali ( al di la’ di un paio di voti per loro tra i settanta e gli ottanta, per Negri e per Tortora, quando il Pci rappresentava il "top" del forcaiolo ) ma sputare in questo modo, quando ancora il centrodestra non accetta la sconfitta, su una delle componenti - a questo punto tutte decisive - del centrosinistra mi sembra a dir poco demenziale.

Quanto alle tute mimetiche, non solo simboliche, ne ricordo di peggiori addosso a D’Alema ai tempi del Kossovo .....

E poi, altrettanto francamente, le posizioni dei radicali sul lavoro e sulla politica internazionale sono quello che sono, ma anche un deciso presidio anticonfessionale ( tema sul quale spesso anche la cosiddetta "sinistra radicale" tende a cincischiare, per non parlare dei DS) nel centrosinistra non guasta proprio ..... per non parlare dell’ antiproibizionismo ........

Keoma



> La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie
23 aprile 2006 - 10h43 - Di 786700f8649ed960e9ed7753b545838f...

caro keoma sono d’accordo con te.Nelle prime lotte dei precari(prof a brescia)spesso ho,trovato radicali sinceri che lottavano con noi contro il dispotismo dc -pci", dell’epoca...E PER LE LORO POSIZIONI LIBERTARIE ,che sono tra le piu avanzate dei parttii italiani..Per il loro mancato antocapitalismo,certamente non siamo d’accordo..(sic).ma attaccarli in questo modo mi sembra puerile...;nelle lotte per l’amistia la democrazia (le passate conquiste divorzio aborto ecc;)sonostati pionieri, tra i primi difensori (comenelle piaze rirodrdo la lorte ada parte ella polizia di giorgiana masi radicale,a roma ).Quindi, pe le lotte democratiche ;i radicali ((-quelli che lottano nelle piazze insieme alle popolazioni, non certo gli opportunisti come giuliano ferrara ex berlsuconiano poi passato al partito liberal lbertario radicale unltimamente ,sic),possono collaborare con noi ,ma ci scontriamo sul loro liberalismo economico./La questione é talmente semplice ...;I nemici sono altrove.;...non perdiamo di vista la destra nuova ,vera che si sta organizzando cercando di strumentalizzare la rivolta sociale (penso, alle nuove destre alternativa sociale di alessandra mussolini ,ecc msi di rauti, e compagnia bella ,forza nuova,etc etc ).Quindi :prima :"l’estreme de stre,po(2)i le destre liberali (forza italia lega etc),poi (3)ancora le destre travestite degli ex dc presenti nel cenro sinistra della margherita udeur etc)/poi(4) ancora i Ds nuovi democratic in voglia di clintonizzazione americana neoliberale...E cercare di unire almeno come strategia (la sinistra alternativa sincera vera)i rossi, i verdi di sinistra(ecologie delle menti alla deluze guattari foucault etc) e tutti i militanti dei movimenti disobbedient,alternativi antagonisti,sinistra alternativa ,alternativa socialista rivoluzinaria (ASR perché no un orga nuova?,come in francia;)insomma; etc///non perdiamo di vista ,in queste banali querelles con i radicali(sic), che non contano niente nel grande gioco della dominazione .(politicante del bluff di democrazia bloccata e ancora a venire italiana,oggi anocra purtroppo ,oligarchica,totaliberale mediatica- post -situazionista -spettacolare di regime orwellinao,etc;,)..La lotta é lunga, continua,permanente, ed ha bisogno di molta ,"pazienza"...la lunga marcia é alquanto ardua e non possiamo perderci in quste miniscule "querelles" con i radicali che comunque sono con noi nelle lotte per la democazia e nelle lotte per la amnistia libertà dei tantissimi compagni dissidenti democratici,che soo ancora in prigione come paolo e tanti altermondialsiti./..ciao e d’accordo con te/un singolare plurale ,:lotta continua(democrazia radicale ,de mo-crazia -sociale- libertaria...autonomia demcratica sociale (militante dell’ADSL)(Autonomlia alternativa/Democrazia,Socialista,Libertaria)e per un partito(movimento) nuovo rosso -verde- nero libertario(neo zapatista)...d’unità proletaria(precari)...bye bye ....amnistia per tuti i dissidenti di regime in italia..(l’italia una democrazia?).La democrazia diceva Churchill (che non,era certo un socialista)é il male minore,(rispetto ai totalitarismi dittature etc)ma spesso é malata ed ha bosogno continuamente di medicine,dottori,etc,e bisogna sempre ,restare vigilanti (noi veri democratici),come in italia ,negli USa etc etcdove la malattia prenderà molto tempo come le cure saranno lunghe ..oggi l’italia é in convalescenza...malgrado la caduta del regime berlusconiano che é ancora purtroppo ancora presente nelle istituzioni(non credo che cambieranno molti funzionari nlle camere del potere vero,repressivo poliziesco etc //bye bye..ce n’est qu’un debout continuons le débat...)ciao belli ciao...


> La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie
4 maggio 2006 - 13h55 - Di 3b632137d1af9ef41a6f06064109faab...

Spiace vedere e constatare come l’unico vero progetto di rinnovamento della sinistra venga calunniato e vilipendiato.
La rosa nel pugno non è una operazione di palazzo, i palazzi non ci interessano, nè una operazione di fantomatici "servizi", ma un pungolo di rinnovamento e modernizzazione della sinistra.
L’ulivo che sta nascendo, quello sì è frutto di giochi di palazzo, brutta copia del più retrivo compromesso storico, in cui i valori della sinistra, se mai ce ne sono ancora, sono già imbavagliati da un estremismo cattolico e reazionario soffocante.
Cosa faranno i DS ed i loro sostenitori?
Andranno ai consultori con gli amici del "movimento per la vita" ad assediare e tormentare le donne che faticosamente hanno scelto di abortire?
Andranno a gridare in piazza che l’embrione è un essere umano, mentre un malato non lo è più?
Voteranno svariati milioni di euro di finanziamento per le scuole private/cattoliche mentre le scuole pubbliche languono nella loro agonia?
Riflettete, cari compagni, invece di gioire per il fatto che la Rosa non è andata come si pensava: la sinistra in Italia rischia di scomparire nel nulla dell’assenza di valori e principi che non siano solo slogan.
L’insuccesso ridicolo dei DS, quello si, dovrebbe fare riflettere sulle ragioni che lo hanno determinato.
Un partito carneade che come unica dote dal PCI ha portato milioni di voti di gente che credeva nella Sinistra post comunista come una sinistra riformatrice e moderna, ma che la sta abbandonando delusa e sconcertata.
Come ultima annotazione, gradirei che chi, come l’autore dell’articolo, esprime giudizi tanto netti e duri sui Radicali, dovrebbe per onestà intellettuale studiarne la storia, lì capirebbe che i Radicali nascono dalla sinistra liberale e riformista dei F.lli Rosselli e di Ernesto Rossi, nonchè di Eugenio Scalfari e Marco Pannella, e a Sinistra sono sempre stati, eccetto che nel 1994, quando appoggiarono (dall’esterno del parlamento) il governo Berlusconi.
Detto questo giova ricordare che negli stessi anni Berlusconi era ospite gradito dei congressi DS e veniva definito dal presidente D’alema un leader di statura internazionale e risorsa della democrazia italiana.
Gli errori appartengono alla natura umana.
Ciò detto, si rifletta prima di esultare per la vittoria sulla Rosa nel Pugno, perchè se sparisse questa forza laica liberale socialista e radicale, sparirebbe anche la speranza di una sinistra moderna e giovane.
Sull’ironia riguardante Capezzone è bene neanche commentare, poichè riflette il tenore ed il valore dell’articolo al quale ho voluto rispondere

operatore@supereva.it



> La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie
5 maggio 2006 - 09h37 - Di d110fd9111eb53382506b5cd67a22dcc...

Caro operatore ecc
come mai chiami i radicali "di sinistra"? Non sono mica di di sinistra!
In altri tempi ho appoggiato molte loro campagna e ho anche versato la quota di sostenimento per 2 anni, sono stata d’accordo con molti referendum e oggi apprezzo la difesa che fanno della laicità e sarei disposta a portare avanti una campagna per sciogliere l’Italia dai patti lateranensi, li appoggio nella difesa che fanno dei carcerati e della libertà di ricerca... ma chiamarli di sinistra mi pare azzardato. Hanno appoggiato l’invasione irachena, sono filobushiani e filo-neocons, odiano a morte i sindacati e hanno sempre difeso la precarizzazione estrema del lavoro, non hanno mai detto una sola parola contro la globalizzazione e contro le multinazionali, o contro i grandi organismi economici come WTO, BM, o FMI, non si curano dell’ambiente e della crisi del pianeta, non dicono una parola sul dispotismo bancario, non hanno mai attaccato la privatizzazione dei beni fondamentali e dei servizi che ora sono pubblici, non hanno mai difeso lo stato sociale né i diritti dei lavoratori, né hanno parlato contro la Bolkestein...
Certo nNon potrei mai scrivere un articolo come quello sopra né mi interessa che essi raccolgano pochi voti, anzi più gente li vota meglio credo che sia, ma il fatto è che le pregiudiziali economiche di questo movimento sono di destra e l’economia non è un settore di poco conto (per qualcuno anzi è la struttura portante della società), per cui alla fine sono le idee sull’economia che connotano un movimento e i radicali, economicamente parlando, non sono affatto di sinistra, ma appaiono come dei neocons laicisti, scevri da ogni sorta di confessionalismo.
Il fatto che siano entrati nel centrosinistra a me pare molto anomalo e deve aver sbalestrato molti elettori che si sono guardati bene dal votarli. Francamente penso che, se Berlusconi li avesse accettati nella Cdl, ci sarebbe andati tranquillamente e sarebbero stati egualmente anomali, ma nel governo di centrosinistra proprio non riesco nemmeno a immaginarli, altro che come l’esca di una miccia.
La loro posizione è troppo particolare perché l’elettore riesca a pensarli in questo o quello schieramento e, in tempi bipolari come questi, la loro collocazione difficile dissuade dal voto.
Ascolto spesso radio radicale e mi piace la loro rassegna stampa, ora sento che anche alcuni radicali riconoscono che l’impero capitalista che si esprime come neoliberismo non ha migliorato le condizioni economiche degli oppressi e anzi ha aumentato l’impoverimento del globo, e che il loro disinteresse per questa oppressione in campagna elettorale non ha loro giovato per cui occorrono dei ripensamenti, ma questi accenni sono ancora troppo poco perché si possa parlare di svolta a sinistra, una cosa, del resto che a loro interessa meno di niente
saluti
viviana


> La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie
5 maggio 2006 - 10h14 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Si, Viviana, è tutto vero.

Però. c’è un però.

Di acqua sotto i ponti ne è sicuramente passata parecchia, ma non riesco a dimenticare un pumbleo pomeriggio del maggio 1977, nel quartiere di S.Lorenzo a Roma, in poche migliaia e circondati da una vera e propria occupazione militare, a celebrare il funerale della mia amica Giorgiana Masi.

Isolati anche fisicamente dal resto del mondo politico e dalla sinistra istituzionale, Pci in primis, ma con Marco Pannella ed Emma Bonino con noi a contrattare con la polizia ogni metro di funerale autorizzato.

A volte anche un solo momento come quello ha un valore simbolico, per chi l’ha vissuto, che poi dura per tutta la vita.

Per il resto hai sicuramente ragione anche se perlomeno su una questione, certo non secondaria,
la difesa senza se ne ma della scuola pubblica, i radicali hanno una posizione persino più intransigente di Rifondazione Comunista.

Magari il vero motivo di questa posizione irriducibile dei radicali è che le scuole private italiane sono in gran parte confessionali e non il rifiuto in sè delle logiche privatizzatrici, però questo aspetto, per l’importanza enorme dei temi della scuola, non mi sembra robetta di poco conto.

E poi mi sembra che i DS siano tutt’altro che esenti da molti degli stessi peccatucci dei radicali e talvolta, anche per il loro oggettivo maggiore peso politico, anche da peccatucci molto peggiori (legge Treu sul lavoro precario, guerre in Kossovo ed in Afghanistan, finanziamenti pubblici alle scuole private ecc. ecc. ecc.).

Eppure, ti sentiresti di dire che i Ds non appartengono alla sinistra ?

Vanni


> La Rosa nel Pugno: arrivederci e grazie
5 maggio 2006 - 13h36 - Di 3b632137d1af9ef41a6f06064109faab...

Ebbene si, torno a ripeterlo, i radicali sono di sinistra.
Da sempre la loro politica è incentrata sui temi classici, ma non per questo vetusti, della sinistra liberale, i fondatori di questo partito/movimento sono peraltro riconosciuti indiscutibilmente come i Grandi Padri Nobili della cultura di sinistra del nostro paese: uno per tutti Eugenio Scalfari...
Laicità dello stato, diritti civili, ricerca scientifica, progresso, sono tutti temi che dovrebbero informare una forza politica socialista e riformista, di respiro moderno ed europeo, ma in Italia sono e restano dei tabù.
I DS non hanno una posizione su nessun tema fondante l’essere una forza di sinistra, anzi stanno distruggendo la speranza della socialdemocrazia(dopo essere stati costretti ad abiurare rispetto all’ideologia comunista) condannando i loro elettori/sostenitori ad una alleanza con un centro, quello si neocons e clericale, che farà scomparire definitivamente ogni anelito di riformismo in Italia.
I "movimenti per la vita", "comunione e liberazione" etc., stanno monopolizzando e fagocitando gli sprovveduti DS, avveduti soltanto nella bieca corsa alle poltrone che stanno scatenando in questi giorni(continua)





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Il ne faut pas confondre la critique utile contre les choses avec les jérémiades répétitives contre les gens. Foucault
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito