Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Antonin Artaud - TRA ELETTROSHOCK E CINEMA

di : edoneo
domenica 15 gennaio 2006 - 12h50
JPEG - 45.4 Kb

La fine del mondo nelle parole di Antonin Artaud Un’intervista a Jean Jacques Lebel che, insieme a Dominique Paini, ha curato l’allestimento della mostra-evento al Pac di Milano. Ventidue anni di lavoro per ritrovare ventidue film, i cui frammenti vengono proiettati di continuo sugli schermi, avvolgendo gli spettatori. Su tutti spicca il provino per "La fin du monde" girato per Abel Gance

di MARCO DOTTI

"La chiamano mostra, ma io preferisco un’altra parola: montrage. Non voglio fare `mostre’ e tutte quelle altre cose che ben si adattano al mercato, con quotazioni, galleristi che lavorano come agenti di cambio, artisti, merci, visitatori, schiavi e via discorrendo. Io faccio una cosa più semplice, e tutto al fine di farla saltare, come con la dinamite, questa idea di mercato. Per fare questo, mi metto alla ricerca di frammenti - tracce di suoni, pezzi di immagini, urla di dolore - li restauro, li monto, come in un collage e infine li mostro al pubblico che sarà libero di trarne le conclusioni che preferisce".

Jean-Jacques Lebel è un signore garbato e polemico, rigoroso e appassionato al tempo stesso. Il montrage a cui si riferisce è quello che, a cura sua e di Dominique Paini, sotto il titolo Artaud. Volti e labirinti, è stato allestito al Pac di Milano (via Palestro, 14), dove rimarrà fino al 12 febbraio. In ogni «mostra» che ha curato, da quella dedicata a Picabia, a quella su Michaux o Victor Hugo, dichiara ancora Lebel, «ho sempre lavorato per trasformare lo sguardo sulla produzione intellettuale di un autore. Ad esempio Hugo, racconta, «ha disegnato e dipinto per cinquanta anni, ma si rifiutava al mercato».

Non voleva esporre. È il mercato, ci si chiede, il solo criterio per escludere un grande disegnatore dal canone della storia dell’arte? Dopo anni di accurata ricerca, Lebel è riuscito a mettere a frutto un lavoro che, più di tutti, sembrava stargli a cuore: un’esposizione dedicata ad Antonin Artaud, che conobbe, nel 1948, ad Ivry. Lebel dichiara di avere un’unica ambizione: mostrare Artaud. «Mostrarlo così come l’ho ritrovato, ricoperto d’oro e di sterco, di vita e di amore».

Un piccolo evento, questo, che sta premiando la scelta coraggiosa del Pac, e attira migliaia di visitatori, discreti e silenziosi (circa 12.000 nel primo mese di apertura), ma attenti, in una città che non si illumina più neppure per le feste, e non sembra affatto scossa dall’imminenza delle elezioni. «Arriva molta gente e questo è positivo - prosegue - significa che non si accontentano, che questo non è solo il paese di Berlusconi». Poeta e saggista, ma soprattutto «comunista libertario» e, a suo modo «visionario», Lebel non ama definizioni e schemi, almeno quanto non ama le verità dette a mezza voce. In questo, non sembra affatto cambiato dai tempi in cui, invitato da Gianni Sassi, animava le indimenticate rassegne Milano suono e Milano poesia. Era un’altra città, quasi un altro mondo. «Ci manca Gianni, manca a Milano. A questa città che sembra morta. Il mio montrage è dedicato a lui, che avrebbe capito. È dedicato anche a chi vuole cominciare adesso, a capire».

All’inizio del percorso, quasi senza cautele, il visitatore viene spinto nell’universo, sconvolgente per certi versi, di Antonin Artaud. La prima sala gli presenta una radiografia e un video provino, del 1930, credo mai visto prima.

Tutto il materiale che qui viene presentato è inedito. E tutto segue un ordine preciso, studiato in anni di lavoro. Ventidue anni per ritrovare i ventidue film - da Mathusalem di Jean Painlevé, all’Opera da tre soldi di Georg Wilhelm Pabst - i cui frammenti vengono proiettati di continuo, su grandi schermi che avvolgono lo sguardo del visitatore. Su tutti, spicca e colpisce il provino per La fin du monde, girato per Abel Gance, al quale lei accenna. Il visitatore deve entrare subito in questo mondo, circoscritto dalla lastra dorsale di Artaud - lastra che documenta che non era un delirio, il suo gridare che gli avessero spezzato la schiena con gli elettroshock - e questo video travolgente, con quel viso, qui gesti, quella voce che ti penetra dentro. Facciano pure le «mostre», al MoMa o al Beaubourg (per il 2007 è prevista una grande esposizione dedicata all’artista, ndr), mostrino i disegni, i quadri, accendano dibattiti. Non si fa spettacolo di questa sofferenza! Io questo non lo voglio, pertanto lavoro per rimettere in piedi il contesto che è stato teatro, e ha determinato, la sofferenza e la creatività di Artaud, ma viene costantemente censurato.

Ne «La fin du monde» Artaud intona una filastrocca per bambini con un’intensità esasperata. Impossibile non ricordare le sue parole: «Che cosa aspettate? Che la morte venga da voi? Vi consiglio, miei cari, di andare da lei. Di guardarla in faccia!». Impossibile non ripartire da qui, per ragionare su quel «magnetismo» fisico che, spesso, si attribuisce solo all’ultimo Artaud...

È vero. Il mio scopo era riattivare proprio questo procedimento. Prenda anche il fotogramma, da Surcouf di Luitz Morat, un film del 1924. Artaud vi interpreta la figura di un uomo dal destino tragico, che sceglierà il suicidio. Nella scena finale, Morel-Artaud si getta da una scogliera, e il suo corpo esanime, tra le rocce e il mare, sembra coperto di detriti. Questa è la crudeltà! Consideri sempre che Artaud non era un dilettante. Aveva la tessera sindacale. Lavorava come attore e così si guadagnava il pane. Ma non lavorava soltanto, viveva le sue scene, le soffriva. C’è una tensione radicale in tutto questo. Egli trasformava, con uno sguardo, un gesto, una sola presenza l’intero senso di un film. È un procedimento che andrà studiato, prima o poi.

Si è detto che alla costruzione del «mito Artaud», che per alcuni anni ha impedito di andare oltre la semplice ripetizione di aneddoti sulla sua vita, abbiano contribuito soprattutto gli amici a lui più vicini. Per questa ragione dedica una sezione della rassegna ad Artaud ritratto, fotografato, descritto proprio da alcuni tra i suoi amici più illustri?

Dal ritratto di Man Ray, a quelli di Dubuffet, Balthus, e via discorrendo, ho pensato che fosse importante ribadire che Artaud aveva molti amici. Che questi amici avevano diverse impressioni su di lui, ma c’erano. Non era un isolato, non era solo, intendo. Picasso lo aiutò spesso, Paul Eluard anche. Questo fa sempre parte del contesto, e il contesto non si può negare. Va capito a fondo. è importante sapere che non era stato dimenticato. Artaud era seguito, e molti amici andavano a trovarlo a Rodez, che si trova a mille chilometri da Parigi, rischiando, perché la Francia era occupata dai nazisti. Artaud non era solo, non lo è quasi mai stato.

Si potrebbe obiettare, da un certo punto di vista, che anche lei accrediti una certa immagine di Artaud, insistendo molto sull’aspetto dell’alienazione sul tema dell’elettroshock, invece che concentrarsi solo sui flussi, alterni, della sua creatività. È possibile che questo, in qualche modo, vizi la ricostruzione d’insieme. È una critica che si sente di accettare? Che cosa ne pensa?

Penso che il punto da mettere in risalto e da presentare subito, senza riserve o indugi a chi visita l’esposizione, è che, attraverso il prisma della cosiddetta schizofrenia, con una luce molto, forse troppo intensa, ma sempre estremamente positiva, Artaud illumina il nesso filosofico, sociale e politico fondamentale che sorge fra l’alienazione e questo periodo del capitalismo. Un capitalismo, quello che viviamo ora, che appare completamente trionfante e, al tempo stesso, degenerato. Date queste condizioni, è veramente difficile cogliere i termini del momento storico. Solo quelli che, come diceva Deleuze, hanno una percezione allucinatoria del reale possono forse cogliere intensamente il momento che viviamo. Ma tutti, questa è la sfida, dobbiamo lasciarla crescere dentro di noi questa percezione, perché solo così possiamo ricominciare a pensare a un’altra società, a un altro tipo o a un’altra forma di vita. Molti visitatori preferiscono voltare le spalle, dicendo: «Questa mostra è un incubo». È la verità, ma questo è l’incubo del capitale, non l’incubo di Artaud. Come un antico alchimista, egli ci mostra che anche nel disastro assoluto, nella sofferenza più nera, anche dalla privazione più dura - nove anni di internamento psichiatrico, durante l’occupazione nazista della Francia, mentre in Europa c’era la guerra - anche da tutto questo, dicevo, si può trarre nuova vita. Per questo ragione il percorso si apre con la lastra che mostra le conseguenze degli elettroshock sulle vertebre di Artaud. Il dottor Ferdière, che lo aveva in cura, dichiarava che Artaud stava delirando, e una cosa del genere non era mai successa. Ecco le prove, vengono dall’archivio dello stesso Ferdière, che mentiva sapendo di farlo. Ma una cosa dovremmo precisare meglio: Artaud non delirava, è questo che la lastra sta a rappresentare. Non delirava affatto, i suoi erano frammenti di verità vissuta. Ce ne lascia una traccia nel finale della sua opera per la radio francese, Per farla finita col giudizio di dio, in cui mette in scena una sorta di dialogo grottesco tra lui e Ferdière. Tutto questo è ricostruito nella sala dell’elettroshock. Ho ricostruito la stanza con gli strumenti dell’epoca, le lastre, i documenti con l’intestazione voluta da Pétain: «Lavoro, patria, famiglia»! Il visitatore deve vedere, capire, sentire l’odore dell’epoca. Deve sentirlo, per capire le cose, per capire ciò che l’industria culturale vorrebbe censurare e escludere dall’universo-Artaud.

Vogliono solo l’artista asettico, la lotta, la sofferenza, il contesto, come detto, lo escludono! Per non far passare più nulla che non sia, ancora una volta, sottomesso al mercato. Io ho rimesso al cuore del mio proprio lavoro questa sala. L’ho fatto per affermare che, al centro, si trova la lotta di un cosiddetto schizofrenico che, senza grammatica, senza sintassi, si è reinventato un linguaggio che ha molto a che fare con le onomatopee futuriste e con la poesia concreta dei dadaisti - Artaud è più dada, che surrealista. Artaud è un artista plurale, firmava con molti nomi, usava linguaggi e pensieri diversi, aveva corpi diversi. Il concetto di contraddizione non ha senso per lui. E non si deve dimenticare che, negli ultimi mesi della sua vita, tra il 1947 e il 1948, scrive due tra i testi chiave del nostro tempo: Van Gogh il suicidato dalla società e Per farla finita. Li scrive con sarcasmo, oltre che con lungimiranza politica, e consapevolezza artistica. Scrive lettere a Breton, in cui parla di insurrezione. A che cosa si riferiva se non a un’idea di rivoluzione?

Il suo è un Artaud molto politico, se ne rende conto?

Certamente lo è. Vuole esserlo, deve esserlo. Quando Artaud dichiara di odiare la Francia, di odiare la sua lingua... è il kepi dei gendarmi che odia. Il kepi del gendarme francese che tante volte si vede ritratto, nei documenti del tempo, fianco a fianco con gli assassini nazisti, nei lager, ma anche fuori. È tutta una storia della collaborazione, dell’asservimento e dell’occupazione che Artaud chiama in causa. Non dimentichiamoci che a Rodez, dove fu internato, ma da dove poteva uscire, ascoltare, parlare, operavano i Ftp, i partigiani liberi. Non gli stalinisti, non i gollisti, ma quelli che ora chiameremmo l’estrema sinistra, quella libertaria. Artaud non è estraneo a tutto questo, non potrebbe esserlo: è il suo tempo, la sua condizione, il suo contesto. E anche il nostro, nella misura in cui ci rimette ancora in discussione. Ma vogliono cancellarla, questa storia. Ciò che si vede, in questo montrage, è che dietro al personaggio Artaud, c’è l’uomo. E quest’uomo ha tutta una sua maturità artistica e politica. Il provino della Fin du monde, il manifesto surrealista La rivoluzione ancora e sempre, in parte scritto da Artaud, spezzoni delle apparizioni cinematografiche e frammenti delle sue registrazioni, cartelle cliniche, strumenti di tortura psichiatica... Tutto deve avvolgere l’occhio e l’orecchio dello spettatore e dargli il senso di questo percorso, della piena maturità, intendo dire, di questo percorso. «La realtà, non il sogno», si legge nello scritto dedicato a Van Gogh. Ecco, anche per me, anche per noi, ora, qui: la realtà, non il sogno. Con Artaud, ma anche attraverso di lui: la realtà. Nient’altro.

http://ilmanifesto.it/Quotidiano-ar...


http://www.edoneo.org



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

L'homme et sa sécurité doivent constituer la première préoccupation de toute aventure technologique. Le problème aujourd'hui n'est pas l'énergie atomique, mais le coeur des hommes. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito