Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Geldof vende l’anima al diavolo ma non sa far buona musica

di : Luca Mastrantonio
sabato 7 gennaio 2006 - 02h39
JPEG - 11.1 Kb

di Luca Mastrantonio

Assieme a Bob Dylan è stato uno dei clamorosi candidati recenti al Nobel. Ma a differenza di Dylan, omonimo del grande poeta Thomas e cantautore di valore universale, perciò candidato al Nobel per la letteratura, Bob Geldof, che di professione faceva il cantautore ma ora è un promoter economico-musicale, è stato candidato al Nobel per la pace. Da Jan Simonsen, parlamentare norvegese, che considera meritoria del premio la sua opera di sensibilizzazione per la cancellazione del debito in Africa. Una campagna che gli è valsa il titolo di Baronetto e un riconoscimento dalla fondazione Gorbaciov. Per dovere di cronaca, Simonsen ha candidato, sempre al Nobel per la pace, Bush e Blair, per aver avuto il coraggio di portare una guerra in Iraq senza il sostegno dell’Onu, ha detto.

In fondo, se si può esportare la democrazia con le bombe, si può esportare la ricchezza cancellando il debito. Dopo 25 anni di militanza, Simonsen è stato espulso dal partito progressista a seguito di uno scandalo di prostituzione maschile. Ora sta con la destra. Proprio come Bob Geldof che dopo aver flirtato a lungo con Tony Blair - assieme al connazionale inglese Bono Vox - è passato con David Cameron, dei Tories. Sarà un consulente del gruppo «Globalizzazione e povertà globale» istituito dal Partito conservatore. Al tempo, accusava Blair di essere troppo conservatore. Ora che farà, accuserà David Cameron di essere troppo progressista? Sembra che «the man for all season» abbia fiutato l’aria, capendo che il cavallo vincente, a questo giro, è a destra.

Ma cos’è allora, Bob Geldof, un fantino della politica? Un clown al circo dei buoni sentimenti? Un ammaestratore di dinosauri del rock? Bob Geldof... chi è costui, potrebbe chiedersi, donabbondianamente, chiunque entrasse in un negozio di musica per rintracciarne qualche motivo - musicale - dell’esistenza - sempre musicale. Robert Frederick Xenon (o Zenon) Geldof, classe 1954, irlandese, nasce come giornalista musicale fallito, diventa un mediocre musicista punk, compare in un video mitico del rock, diventa spin doctor dei buoni sentimenti. L’alba di questa stella di natura luminosa incerta avviene nel 1977, quando a Dublino viene folgorato dal punk e fonda i Boomtown Rats. La band si trasferisce in cerca di fortuna a Londra, la capitale musicale del Regno Unito. Gli esordi sono caotici, con risse sopra e sotto il palco, il primo album The Boomtown Rats va bene, ma non entra nella Top 10. A parte la voce originalmente sguaiata di Geldof, pessimo chitarrista, il gruppo è anonimo, come la loro carriera. A parte la canzone che lancia l’album The fine art of surfacing, ispirata a un fatto realmente avvenuto a San Diego, California, dove una ragazzina uccide alcuni compagni di scuola: I don’t like mondays (Odio i lunedì). Ma il gruppo perde pezzi per strada, ha un ultimo sussulto con Mondo Bongo (1980) e l’unica performance degna di nota di Geldof è l’interpretazione di Pink nel film di Alan Parker The wall, del 1982, tratto dall’omonimo doppio album dei Pink Floyd. Il 1984 è l’anno della folgorazione. Il punk-rocker scopre la fame nel mondo e se ne innamora. Geldof assiste a un documentario televisivo della Bbc sulla fame in Etiopia e viene sconvolto da quelle immagini. Nasce così la Band Aid, un cast di cantanti riunito in uno studio londinese per interpretare Do they know it’s Christmas?, canzone scritta da Geldof con Midge Ure degli Ultravox, uno dei singoli più venduti d’ogni tempo e l’iniziativa umanitaria più chiacchierata del secolo. Geldof rilancia organizzando il doppio concerto di beneficenza, a Londra e a Philadelphia, il Live Aid del 13 luglio 1985, che conterà anche le reunion di Who e Led Zeppelin. Prima del suo remake con il Live8 nel 2005 - e dopo aver formato con Jovanotti e Bono il triumvirato di «dropt the debt» (cancella il debito), che gli darà quel successo negato alla sua carriera da solista - il flop clamoroso dell’album Deep in the heart of nowhere e poi Sex, age & death. Meglio, il libro di memorie.

Negli annali musicali, dunque, rimane solo I don’t like mondays. Ma sarebbe come inserire Marco Ferradini tra i big della canzone italiana d’autore perTeorema («Prendi una donna, trattala male...») e magari mettergli in mano il concerto di Capodanno a Vienna. E poi, in fondo, I don’t like mondays, a parte il testo, forte, potrebbe non andare oltre I lunedì di Vasco Rossi. Il vero grande assente al Live8 che Geldof ha organizzato al Circo Massimo dell’estate scorsa, il 2 luglio, per fare pressione sul G8. Tra le copiose critiche all’immenso show da world music, il fatto che sul palco ci fossero pochi artisti africani: l’ingenuo Bob rispose: «Ho girato quattordici paesi africani e dovunque amano la stessa musica: Eminem e Will Smith...». Alla fine il suo baraccone mediatico ha registrato, più che defezioni, travagliate adesioni, come quella di Jovanotti e Ligabue, spesso frutto di calcolo mediatico o affezione alla causa. Vasco Rossi, invece, ne è rimasto fuori. Geldof gli ha detto che «per un paio di canzoni non perdi certo la voce», ma forse non ha mai saputo cosa vuol dire vivere delle proprie canzoni, fare il cantante. Non a caso, sul suo sito ufficiale (www-bobgeldof.info) c’è un avviso in primissimo piano: «Questo sito verrà presto cambiato per l’anno nuovo. Ci concentreremo completamente su Geldof come musicista. Se stai cercando su questo sito notizie sugli impegni di Bob in altri settori, devi andare direttamente su altri siti».

A proposito del web, c’è da registrare molto livore nei confronti di questo signor nessuno del rock e del suo baraccone: sul sito di Beppe Grillo - assieme a Geldof uno degli eroi dell’Europa del 2005, secondo il Time - c’è un inno denigratorio al live8: «Odio quel vecchio gufo cocainomane di Bob Geldof, che con un paio di canzoni di scarso successo in 25 anni, riesce a farsi passare da grande rocker. Odio i megaraduni da lui organizzati per cavarsi fuori egli stesso dalla melma dell’anonimato e rinverdire le proprie relazioni strategiche col rock-business». Su www.bellaciao.org si chiedono: «Bob Geldof: Nobel per la pace o per l’autopromozione?». Su www.ilboss.net c’è proprio un manifesto «8live8». E ancora, su www.guerrillaradio.iobloggo.com scrivono: «Bob Geldof ha smesso da tempo di essere santo».

In chiave di analisi economica, è la stessa politica del live8 a essere criticata. Non solo dagli iper-liberisti occidentali, ma dall’Africa stessa. L’anno scorso, a Milano, invitato dall’Istituto Bruno Leoni, è arrivato Franklin Cudjoe (vide il Live Aid a nove anni), giovane economista del Ghana, con studi alla London School of Economics, fondatore di un think tank, «Imani», con sede ad Accra. «Può Bob Geldof salvare l’Africa? Semplicemente no». I 450 miliardi di dollari passati all’Africa negli ultimi trent’anni: non hanno fatto crescere il Pil, sceso anzi di quasi mezzo punto percentuale. «Il problema di Geldof è che considera il debito che vuole cancellare come una fatalità del passato, che i governi si sono inspiegabilmente ritrovati. L’Africa deve invece assumersi una responsabilità, riconoscere i suoi errori, imparare a crescere». I soldi dati dai poveri dei paesi ricchi finiscono ai ricchi dei paesi poveri.

Nel 1985, Life, immaginò la genesi, divina, del Live Aid di Geldof: «Un giorno Dio voleva trovare una soluzione al problema della carestia in Africa e, probabilmente per sbaglio, ha bussato alla porta di Bob Geldof. Quando questo irlandese trasandato ha aperto la porta, dopo qualche perplessità deve aver pensato: Oh, al diavolo, andrà bene anche lui!». Al Daily mirror, recentemente, Geldof ha parlato di angeli e demoni, rispondendo a chi lo accusa di incoerenza: «Io non sono un membro del Partito laburista, e neanche del partito Tory. Ma sono pronto a scendere a patti con il diavolo se mi serve per ottenere quello che voglio. È questo il mio lavoro: essere usato». Come i gigolò di Simonsen. Solo che loro lo fanno per soldi, dichiaratamente, non per sfamare l’Africa. E poi, chi ha una Sympathy for the devil e spesso vende l’anima al diavolo in genere fa buona musica.

da Il Riformista, 3 gennaio 2006



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Notre esprit humain exige sans délai la solidarité et l'union entre les peuples et les nations au-delà des différences qui pourraient les séparer. Augusto Roa Bastos
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito