Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
In volo sull’America a un passo dalla fine

di : edoneo
giovedì 27 aprile 2006 - 09h14
JPEG - 55.2 Kb

CINEMA POLITICO USA Sullo schermo del Tribeca Film Festival - da oggi a New York - «United 93» di Paul Greengrass, l’11 settembre visto dal cielo

di GIULIA D’AGNOLO VALLAN NEW YORK

Il festival di cinema nato sulle ceneri del World Trade Center si apre questa sera con il primo film dedicato all’11 settembre. In una scena del suo 25th Hour, Spike Lee aveva ripreso dall’alto la voragine che si trova oggi al posto delle torri gemelle. Ma United 93, di Paul Greengrass - che inaugura il quinto Tribeca Film Festival - ha ricreato gli ultimi 81 minuti del quarto aereoplano dirottato dai terroristi, finito a schiantarsi in un campo della Pennsylvania, nei Pinewood Studios di Londra.

Una scelta che denota prudenza, circospezione. D’altra parte anche un regista poco timido come Oliver Stone ha preferito girare il suo World Trade Center (venti minuti in preview al festival di Cannes, il mese prossimo. La storia, interpretata da Nicolas Cage e Michael Pena, è quella delle ultimi due soccorritori estratti dalla macerie) ricostruendo la downtown newyorkese in un quartiere industriale di Marina Del Rey, a sud di Los Angeles, dove Howard Hughes aveva dato vita al suo gigantesco velivolo, lo Spruce Goose.

Sul fatto che la «filmabilità» dell’11 settembre sia una proposta incandescente non ci sono dubbi. Basta pensare non solo alle proteste sollevate da alcuni spettatori newyorkesi di fronte al trailer di United 93 (la Universal ha deciso però di non ritirarlo dalla sale) ma al semplice fatto che cinque anni dopo la tragedia, la città e lo stato di New York non sono ancora riusciti a trovare un accordo con l’imprenditore che controlla il sito del World Trade Center in modo da far partire il cantiere dei lavori.

Anche il museo che dovrà sorgere in loco non ha le idee ben chiare su come impostare la collezione: sta trattando con le famiglie delle vittime. E le registrazioni delle telefonate fatte quel giorno al numero d’emergenza 911 da persone intrappolate nelle torri in fiamme, che sono state rese pubbliche in occasione del processo a Zacharia Moussaoui, hanno recentemente riaperto la ferita, i punti interrogativi, il dibattito e gli empasse.

Allo stesso tempo, quei brandelli di conversazioni avvenute nel panico più totale sono mini-tasselli che contribuiscono a saldare la narrativa dello shock, come se sviscerarne ogni possibile dettaglio potesse darle più senso. E così come hanno ossessivamente fatto per i mesi successivi all’11 settembre le minuziose storie di ricostruzione apparse sul New York Times e, anni dopo, il paziente lavoro della 9/11 Commission, la scommessa di United 93 si basa sulla possibilità di evocare una cronologia per lo più di fatti di cui, in effetti, non si può sapere molto.

Per coincidenza, sull’ultimo numero del settimanale New Yorker, Martin Amis ha immaginato una ricostruzione di segno opposto: le ultime ore dei terroristi Muhammad Atta e Abdulaziz al Omari, prima di salire a bordo del volo American 11, destinato a colpire la torre nord del World Trade center.

Non è stato l’action thriller The Bourne Supremacy a far sembrare l’inglese Paul Greengrass adatto a questo progetto, bensì il film che (dopo una serie di documentari realizzati per la Bbc) lo ha preceduto e lo ha lanciato negli States, Bloody Sunday, uno spaccato asciutto, girato in stil documentario nervo/virtuoso, sul massacro di un gruppo di giovani dimostranti irlandesi avvenuto a Derry nel 1972.

È con quella sensibilità «non committal», quella drammaturgia sobria, che Greengrass ha affrontato United 93, di cui è anche sceneggiatore (ma il copione era una traccia, i dialoghi sono stati quasi tutti improvvisati durante le riprese, ha raccontato il regista).

In più, Greengrass ha voluto attori sconosciuti, o non attori (parecchi sono ex piloti, personale di volo..) a popolare il cast. Ben Sliney, che la mattina dell’11 settembre 2001 esordì alla direzione del comando centrale di controllo delle Federal Aviation Administration, in Virginia, interpreta se stesso. A sottolineare le intersezioni tra fiction e realtà che si accavallano nel film, il press book arriva corredato non delle biografie degli attori ma delle quaranta persone - passeggeri ed equipaggio - che erano a bordo del volo 93 diretto dall’aeroporto di Newark, in New Jersey, a San Francisco.

Alcune di quelle biografie sono lunghe ed elaborate, firmate dai familiari delle vittime. Prima di iniziare il film, Greengrass ha infatti scritto a tutte le famiglie chiedendo la loro collaborazione e, durante la lavorazione, si è tenuto in contatto con loro aggiornandoli attraverso un sito internet cui si poteva accedere con una determinate password.

La prima immagine di New York che apre il film, ancora la buio, è quella dello skyline di Manhattan su cui si stagliano le Twin Towers. Un’immagine che (come la chiusura di Gangs of New York di Scorsese, che è il primo vero film sull’11 settembre) spezza il cuore. Ma la scelta drammatica che ti colloca nella giusta sintonia emotiva è, subito dopo, quella del tempo reale (o quasi). Nella luce splendente di quella mattina vediamo passeggeri e terroristi recarsi all’aeroporto di Newark. Una giornata come un’altra, tempi morti e tutto. Contrariamente al brutto telefilm andato in onda l’inverno scorso sulla rete cavo A&E, Flight 93, che enfatizzava i nomi, il coraggio e la presenza di certi passeggeri e dava ampio spazio alle reazioni dei loro familiari raggiunti dall’aereo via cellulare a casa, Grengrass sceglie un taglio molto più «anonimo» e divide le cronologia di ciò che succede sull’aereo con quanto percepito sui monitor dei vari centri di controllo (a Boston, New York, Cleveland... più quello centrale di Herndon, in Virginia).

Quello che sanno loro di quanto sta succedendo sugli altri voli dirottati - ovvero pochissimo - è quello che sappiamo noi. Alla base militare del Northeast Defense Sector, di Rome, nello stato di New York, l’aviazione è ancora più confusa (ogni informazione arriva loro in ritardo o distorta, gli F14 partiranno alla volta dell’Oceano Atlantico, invece che diretti a New York e Washington. Sarà Sliney a decidere da solo di portare a terra i 4500 voli commerciali in aria al momento degli attentati).

E, con questo corto circuito di luoghi Greengrass evoca molto bene il senso di tempo sospeso, di totale impossibilità e totale frustrazione che quel giorno - speso a guardare il cielo di un blu mai visto - sentimmo tutti. E, con due pennellate veloci (quando il presidente e il suo vice ma anche la leadership al Pentagono risultano introvabili), dal suo film emerge anche lo sconcertante vuoto di leadership che caratterizzo quella manciata di minuti e le ore immediatamente a seguire.

Soli - un’emozione dominante - sono anche i passeggeri a bordo di United 93. La loro storia immaginaria (eccetto che quello che si è ricostruito da alcune telefonate e dai contenuti della scatola nera) è raccontata senza fronzoli: i terroristi sono seduti in prima classe, i due piloti e un passeggero di prima sono i primi ad essere uccisi. Poco dopo è la volta di una hostess.

Alla cabina di classe economica arrivano urla e rumori di collutazione, poi un terrorista appare con legata al petto quella che ha tutta l’aria di una bomba. «Non preoccupatevi. È un dirottamento. Stiamo tornando all’aeroporto» dicono gli arabi. Ma, dai telefoni di bordo, i passeggeri capiscono presto che non è vero.

La decisione di prendere il proprio destino in mano, attaccare i dirottatori, è confusa, non necessariamente unanime, non necessariamente lucida. Ed è un’operazione sul tempo anche l’ultima sequenza in cui Greengrass mette in scena il tragitto dei passeggeri - armati di acqua bollente, posate e del carrello delle bevande - dalla parte posteriore dell’aereo alla cabina di comando dove irrompono prima che l’aereo precipiti al suolo.

Girati in poco più di una sola inquadratura, sono istanti sanguinosi, brutali, non sempre decifrabili ma che soprattutto sembrano eterni. L’eternità che esiste tra il momento in cui, in una situazione come quella, decidi di tentare il tutto per tutto e quello in cui capisci di stare morendo.

http://www.ilmanifesto.it/Quotidian...


http://www.edoneo.org



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La difficulté, ce n'est pas de rêver, mais d'accepter et de comprendre les rêves des autres. Zhang Xianliang
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito