Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Non abbiamo il diritto di isolarci, come diceva Marx

di : Marco Sferini
mercoledì 11 giugno 2008 - 22h18

Non abbiamo il diritto di isolarci, come diceva Marx

di Marco Sferini

su redazione del 11/06/2008

Verso il VII Congresso del PRC

Avevo provato alcune volte ad immaginare una vita politica e sociale priva di Rifondazione Comunista: l’avevo immaginata non tanto come una scena dove fosse rappresentato un Parlamento senza comunisti o, anche più modestamente, senza deputati e senatori di sinistra. No, l’avevo figurata nella mia mente proprio come un tessuto sociale dove non esistesse più alcun ruolo per i comunisti, prescindendo dunque - e chissà mai per quale ragione - dalla disposizione parlamentare del Partito, dal suo ruolo nelle istituzioni.

Forse un riflusso di libertarismo anarcoidaile, o forse una riflessione monca, costruita con i mattoncini di un pensiero che non avrebbe mai contemplato il risultato elettorale dello scorso aprile dove, preludio ad una nostra fuoriuscita dalla vita sociale del Paese, si è manifestata in tutta la sua dirompenza la serrata delle porte di Palazzo Madama e Montecitorio per il PRC e per gli altri soggetti politici che avevano raffazzonatamente dato vita a la Sinistra l’Arcobaleno.

Siamo in piena fase congressuale, e così anche i Comunisti Italiani, i Verdi e Sinistra Democratica. Ognuno per sè in questo momento. Ognuno "in fondo perso dentro ai fatti suoi", mi pare cantasse Vasco Rossi. E ce n’è ben donde: non mancano infatti i motivi per riprendere in mano le redini dell’elaborazione certamente concettuale e di profonda analisi, ma anche per sviscerare le cause di una crisi di consenso sociale che non ha precedenti per i comunisti, per la sinistra.

Durante la tornata elettorale il corpo militante del Partito ha sentito delle precise, laconiche e icastiche parole d’ordine: "Fare la sinistra unita e plurale", seguite dall’ormai celebre diktat: "Con chi ci sta!". I nostri compagni e le nostre compagne hanno ascoltato la giaculatoria peregrina dell’ "oltre Rifondazione", quasi fosse il tasso di misurazione della volontà di ognuno di noi di dedicarsi o no all’impresa della fondazione di quella costituente della sinistra tanto caldeggiata dal compagno Bertinotti e sostenuta dai giovani rampanti più o meno ex o ancora comunisti. Oggi, quei compagni e quelle compagne che sostenevano un percorso di superamento graduale o meno del Partito della Rifondazione Comunista, si ritrovano nelle tesi espresse dal documento del compagno Nichi Vendola.

Un documento che nella sua prima parte si mostra generoso di espressioni volte alla salvaguardia del progetto politico della "rifondazione comunista" e che afferma di escludere qualunque ipotesi di scioglimento del PRC. Questo per quanto concerne la prima parte. Ma se la pazienza non ci abbandona e si seguita la lettura, si potrà vedere come dal capitolo 4 in poi si ripetano concetti che prefigurano chiaramente, senza alcuna interpretazione di sorta, quale debba essere la destinazione finale di quel partito nato nel 1991 e che oggi, avendo tastato gli umori della base militante, non si può scrivere di voler chiudere con un congresso.

Scrive, infatti, Nichi Vendola nel già citato capitolo 4, al paragrafo "a": "Costruire una nuova soggettività della sinistra, nella politica, nella società e nella cultura di questo Paese. Un processo costituente a dimensione unitaria completamente rimotivata nel ’qui ed ora’ dei compiti di opposizione generale che sono oggettivi e incombenti: perciò aperto in tutto e per tutto e fatto per rivolgersi, attraverso e oltre tutti i soggetti politici già ora disponibili...".

Se le parole sono quello che vogliono essere e non bizantinismi messi lì per dare vita ad un dolce stil novo del politichese, è evidente che, parafrasando il tutto, la costruzione di una "nuova soggettività della sinistra" che sia un "processo costituente a dimensione unitaria" e che si faccia "attraverso e oltre tutti i soggetti politici", ebbene se le parole sono queste, come vedete ripetute in sequela e senza alcun intento fazioso, vogliono con tutta sincerità dire che per fare una sinista moderna, nuova occorre superare ciò che oggi esiste e quindi anche Rifondazione Comunista che, se non sbagliamo, è al centro della discussione delle mozioni congressuali tutte.

Ecco una delle leve di comprensione della divisione che è avvenuta all’interno della vecchia maggioranza di Venezia e che oggi è quella che alza l’orpello che vorrebbe invece coprire le ragioni di cultura politica che stanno alla base della contrapposizione tra il documento 1 di Acerbo, Ferrero, Grassi, Mantovani e Russo Spena e il documento 2 di Vendola, Giordano, Gianni e Migliore.

Ho sempre pensato che anche dalle minuziosità di un carattere, di una qualsiasi espressione di intenti, si possa ricevere qualche segnale più complessivo, generale. In fondo il modo in cui ci rapportiamo con gli altri non è costituito da una sola forma di comunicazione. Ci sfuggono tantissimi nostri messaggi involontariamente subliminali, ma che lo sono perchè nascono da ciò che sentiamo, da ciò che pensiamo e che vogliamo, quindi, comunicare all’esterna da noi.

"Manifesto per la rifondazione", si intitola la mozione del compagno Vendola: e voi direte, dove sta questa minuscola caratterizzazione politica? Nella parola "rifondazione", che per essere un elemento minuscolo lo è, a dire il vero, del tutto: infatti non si scrive un manifesto per la "Rifondazione" intesa come partito, ma per la "rifondazione" intesa come processo non più associato al comunismo, ma ad una inespressione di aggettivi che dovrebbe essere quindi la caratteristica prima della nuova sinistra del millennio.

Io non credo che la costituente della sinistra che si propongono di attivare i compagni e le compagne del documento 2 sia di per sè deleteria, abbia un connotato di innatismo portatore di sciagure e cataclismi per i progressisti più o meno marxisti, più o meno comunisti, socialisti o ecologisti. Se oggi siamo al gradino più basso della nostra storia, della nostra funzione di incidenza - lo vogliamo dire senza troppa enfasi? - "rivoluzionaria" (nel senso di capacità di rovesciare anche gradualmente determinate situazioni create dal capitalismo), lo dobbiamo prima di tutto al distacco che abbiamo prodotto tra noi e tutti coloro che si aspettavano dall’azione di governo una risoluzione delle problematiche sociali che non si è verificata. I poteri c.d. "forti" hanno saldato molto bene un patto tra di loro e hanno ottenuto, con una intelligentissima manovra neo-borghese del Partito democratico, quella pace sociale che è la morte del conflitto di classe, che è la sospensione, la passivizzazione della coscienza classista e che relega il moderno proletariato al ruolo esistenziale che Marx definiva "classe in sé".

Una sinistra senza aggettivi non ha altro orgoglio se non quello di dirsi separata dalle storie operaie, dalle lotte sociali dei tempi ormai passati e ha la faticosissima ambizione, un poco presuntuosa, di essere la rappresentante di un nuovo modo, quello ovviamente vincente, di proporsi come forza propulsiva per la riscossa sociale, avendo abbandonato la vecchia cassetta degli attrezzi e lasciato al suo destino la "vecchia talpa" che scavava, scavava incessantemente...

Ci attende, dunque, un congresso di svolta, ci attende un congresso per decidere. Per decidere se proseguire nella costruzione del Partito della Rifondazione Comunista scansando nuovismi che non vogliono connotarsi ma che sono in odor di socialismo riformista e, al contempo, riproposizioni caricaturali del Comunismo non come "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente", ma come richiamo ad una aggettivazione esasperata e, altrettanto presuntuosa quanto la costituente della sinistra, laddove ritiene e pensa che solo i comunisti siano necessari e che il dialogo e il cammino comune con le altre forze politiche e sociali di progresso sia un elemento inquinante del valore rivoluzionaro reclamato.

Ricordo questa frase di Marx con grande piacere ogni volta che mi viene in mente quache fregola isolazionista o dai contorni settari: "Il proletariato deve marciare con il grande esercito democratico alla punta dell’ala sinistra, ma guardandosi bene dal rompere ogni legame con il grosso dell’esercito. Il proletariato non ha il diritto di isolarsi, ma esso deve, per quanto ciò possa sembrare duro, respingere quanto potrebbe separarlo dagli alleati.".

Ecco, io credo che l’attualità di questo pensiero del filosofo di Treviri sia così forte e necessaria da consegnarci un compito: fare di Rifondazione Comunista un partito comunista autonomo, che sappia reagire alle politiche delle destre con una azione di costruzione di una vasta opposizione sociale, che sappia rimettere a nuovo un comune senso antifascista capace di battere i neofascismi e la xenofobia che nascono dallo sfruttamento delle disperazioni sociali da parte delle forze reazionarie della destra. Una Rifondazione Comunista che sia, per tutto questo, unitaria con tutti coloro che sentono il dovere di cambiare la società a misura d’uomo e non di profitto. I comunisti sono tali solo se accettano questa grande, importante sfida per il futuro.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

A l'instant où l'esclave décide qu'il ne sera plus esclave, ses chaînes tombent. Gandhi
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito