Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
"Ma quale identità, oltre il partito c’è il nulla": Salviamo ciò che esiste per riprenderci il domani

di : Stefano Bocconetti
martedì 24 giugno 2008 - 14h21

Viaggio nei congressi di Rifondazione/1 Cintura di Torino, dove vince la mozione 1 (Ferrero-Grassi-e altri/e)

"Ma quale identità, oltre il partito c’è il nulla": Salviamo ciò che esiste per riprenderci il domani

di Stefano Bocconetti, Torino

Là dove vince Ferrero. Un breve, brevissimo viaggio - superificiale come tutti i viaggi - in quel pezzo d’Italia che prima era «il territorio della Fiat», così come lo era dell’Olivetti. Ora è ancora un po’ della Fiat ma è anche tante altre cose: università, banche, scuola, design, ricerca, cinema. Il Piemonte, insomma. Viaggio, brevissimo viaggio in questo "pezzo" di Rifondazione dove la mozione firmata dall’ex ministro della Solidarietà sembra affermarsi. Certo, mancano ancora i congressi cittadini, manca ancora qualche sezione di quelle che "pesano", ma la tendenza è quella. In qualche caso, marcata.

E che partito si sta disegnando? Ridisegnando? Per il cronista la risposta è difficile, complicata. Ti accorgi che c’è un mix di nostalgie e speranze, difficile anche solo da raccontare. Tanto vale far parlare i protagonisti, allora. Alberto Deambrogio è, appunto, uno di loro. E’ il segretario regionale di Rifondazione. A raccontare che tipo di dirigente sia, prima ancora delle parole, ci pensa la sua storia personale. E forse - almeno un po’ - anche il modo come è arredata la sua stanza. Immagini, poster, foto che raccontano della Val di Susa, le lotte che lui stesso ha dato una mano a costruire. Ma anche immagini delle occupazioni dei sem terra brasiliani, battaglie di terre lontane. Immagini dove non c’è una sola falce e martello. Sì, forse una, ma è in un manifesto di Rifondazione.

E la sua storia è un po’ in sintonia con queste immagini. Viene da Casale Monferrato (e dice che «non è facile farsi accettare a Torino, anche in un partito di sinistra, se si viene dalla provincia»), ed ha «incrociato» Rifondazione tardi. Molto tardi. Aveva già fatto l’università, era tornato a casa e assieme ad amici aveva costruito una delle tante associazioni di cui è piena la sua regione. Un po’ luogo di ritrovo, luogo di discussione, un po’ organizzazione politica di base. Loro pensavano, discutevano su come cambiare una sinistra che non li soddisfaceva. Poi l’incontro con Rifondazione, l’impegno nel partito. La scelta di diventarne un dirigente. E consigliere regionale. Prima ancora che lo prevedesse lo Statuto, però, lui aveva già deciso che questo suo incarico sarebbe stato a tempo. Fra un po’ se ne andrà, insomma, andrà a fare altro. E non ha molta paura del futuro, visto che di anni ne ha solo quarantadue.

Lui, insomma, li conosce i «movimenti», le vertenze territorio per territorio. Lui, nella sua cittadina, ha dato una mano a costruire una sede unitaria per la sinistra. Per questo - no, non si inalbera perché è tranquillo, pacato, riflessivo e anche molto simpatico - la prende male se gli chiedi come faccia uno con la sua storia a sposare una tesi «neoidentitaria», come si dice oggi. Quella di chi non vede il partito come fine ultimo, ma quasi. «Sbagli - dice - e sbagli di grosso». Anche per lui Rifondazione è solo un mezzo. «E sia chiaro - aggiunge - non sto parlando di un partito qualsiasi, sto parlando di quella Rifondazione che ha scelto di innovarsi, di sperimentare. Di innovare».

Lui non sa che fine debba fare il partito domani, ma sa che oggi ce n’è bisogno. «Perché qui da noi, più che altrove, in controluce si può leggere nettamente il rapporto che c’è fra lotte sociali e voto». La sinistra, Rifondazione, insomma, ha retto solo laddove era stata protagonista di vertenze, di battaglie. A lui interessa questo, niente altro. Non gli interessano, insomma, le «mummie», non gli interessa un partito che vive solo di simboli o di ricordi. «A me il partito serve per ricominciare, nei territori, le vertenze, le aggregazioni. Mi serve per riprovare a costruire pratiche sociali unitarie». Vorrebbe organizzare le comunità locali.

Domanda: ma non ti sembra un controsenso, provare ad essere animatori di movimenti che devono essere «autonomi», plurali - lui stesso lo sottolinea - e poi mettere in piedi un partito nel quale quelle comunità non possono riconoscersi? Perché magari si definiscono in un altro modo, perché sono cattolici, ambientalisti, animalisti, socialisti o qualunque altra cosa? Non è un controsenso suscitare battaglie unitarie e poi costruire un partito che, anche nella migliore delle ipotesi, non potrà rappresentare tutti i protagonisti di quei movimenti? «Sbagli anche in questo caso. Io sono rispettoso dell’autonomia politica, culturale di chi ho davanti. Sono rispettoso al punto tale che trovo sbagliata, sbagliatissima la storia della "costituente" di sinistra di cui parla Vendola. Perché lo sanno tutti che andrà a finire con la nascita di un nuovo soggetto politico. E allora, ti chiedo: chi è che ha una concezione antica? Io che mi impegno a garantire la pari dignità di tutte le posizioni o chi pretende di ridurre ad una tutte le differenze?».

Ma ad Alberto Deambrogio non va di fare polemiche. Gli interessa di più insistere sul «come ripartire» dopo la sconfitta. «Abbiamo bisogno di nuove pratiche politiche. Subito, ora. Da sperimentare nei territori». Ed eccoli, allora, queste territori. Castellamonte è un piccolo centro, ad una quarantina di minuti da Torino. Un po’ dopo l’aeroporto di Caselle. Un nome che potrà non dire molto ma è un centro significativo. Anche se si vuole "leggere" Rifondazione, quel che avviene lì dentro. Perché qui il partito - età media alta, altissima - è fatto soprattutto di pensionati che una volta erano alla catena di montaggio. Alla Fiat soprattutto ma anche nelle altre fabbriche dell’indotto. Oggi, la cittadina è quasi irriconoscibile.

Qui, adesso, chi è che dà lavoro è quasi solo l’azienda pubblica dell’acqua. Centinaia di dipendenti. Anche la sezione del Prc è nuova, tre o quattro anni. Pulita, riverniciata, ordinata. Non proprio efficiente magari: la macchinetta del caffè è andata da ormai due anni. Qui, gli anziani si riuniscono una volta a settimana, il venerdì, la sera. E non prendono caffè, un grappino magari sì, ma niente caffè. E poi, sul tavolo, trovi le copie di Liberazione vecchie di mesi, quando ancora usciva nel formato grande. Comunque, la stanza nel giorno del congresso è piena. Non sono tantissimi, ma le sedie sono tutte occupate. E qualcuno resta anche in piedi.

Si consumano le operazioni burocratiche, la verifica dei presenti, il loro diritto al voto. Operazioni che fanno un po’ sorridere in una stanza dove si conoscono tutti. Da una vita. Poi, la sala ascolta con attenzione quel che hanno da dire i presentatori delle varie mozioni. Ascoltano, chiedono chiarimenti. Ma si vede che ne hanno già discusso fra di loro. La pensano più o meno tutti allo stesso modo. E la pensa allo stesso modo anche un altro anziano, che prima di cominciare la discussione porta al tavolo della presidenza la sua lettera di dimissioni. Con sù attaccata con una attach la tessera di Rifondazione. Non se la sente più di continuare in un partito diviso in correnti, di un partito che sente lontano.

Gli altri qui se lo aspettavano, hanno provato a convincerlo ma non c’è stato nulla da fare. E allora si va avanti. Si chiamino Mario Peretti, Walter Morando, Ezio Raffeghelli, Giovanni Vautero e tanti altri. Il loro è un fuoco di fila. Raccontano aneddoti della campagna elettorale e spiegano che si è perso - almeno qui si è perso - perché non c’era la falce e martello nella scheda elettorale. Dicono che loro non faranno mai parte di un partito che non abbia quel nome e quel simbolo. Dicono che «prima di tutto», prima delle alleanze e delle analisi, c’è la sopravvivenza del partito. A questo bisogna dedicarsi.

Fra di loro c’è anche una ragazza, diciottenne. Rachele Contaro. Non prende la parola, non parla al congresso. Come tanti suoi coetanei sta cercando un lavoro, sta cercando qualcosa da fare finite le scuole superiori. Non ha molta voglia di parlare. Se insisti con mille cautele, però, ti spiega che per lei il partito non è un’entità astratta. «Non so come dirti: a me serve un partito. Che esista, che ci sia. Che magari mi aiuti nelle mie, nelle nostre battaglie. Che mi aiuti a cambiare la mia condizione». Quasi le stesse parole, userà anche un’altra donna.

Giacometta Papas, l’unica che sia intervenuta nel dibattito. Anche lei chiede innanzitutto di salvare il partito. Non ha identità da salvaguardare, non ha simboli da preservare. Chiede una sorta di partito di servizio. «Qui la gente non ce la fa, tanti non ce la fanno. Mi serve un partito per ricominciare ad organizzare queste persone, dargli uno strumento per provare a cambiare».

Tanti non ce la fanno. Per tanti è difficile, difficilissimo. Come per quella ragazza che non ha i quindici euro per pagare la tessera di Rifondazione. Sembra assurdo ma è così. Poi si vota: alla mozione Vendola neanche un voto, uno a quelle di Pegolo. Gli altri, tutti gli altri votano la mozione di Ferrero. Tutti e sei i delegati saranno della prima mozione.

Andranno al congresso di federazione a difendere le ragioni di un partito che deve riscoprire la sua natura operaia. Che deve difendere i suoi simboli. Che, se serve, deve fieramente difendere le ragioni della sua esistenza. Lo dicono tutti e chiaramente. Il resto viene dopo: anche la vicenda dell’acqua. Che qui, nonostante quello che si possa pensare, costa più che a Torino. Perché anche se si è a due passi dalle montagne è inquinata e prima di essere distribuita nelle case deve essere depurata. Una battaglia che può aspettare, però, prima c’è il partito.

Renato Patrito, è anche lui un dirigente di Rifondazione. E’ torinese, lavora all’assessorato provinciale alla solidarietà sociale, è tesoriere della federazione. Spesso, in questo periodo, va in giro per congressi a spiegare le ragioni della mozione Ferrero. Questi discorsi, i discorsi di un congresso come quello di Castelmonte un po’ lo mettono in imbarazzo. O almeno non sono i suoi discorsi. Certo, lui dice che comunque compito di un gruppo dirigente è quello di portare sul «terreno dell’innovazione» tutto il corpo del partito. Anche chi vive con lo sguardo rivolto al passato.

E lui all’innovazione ci crede. Crede anche in un progetto unitario. Che metta assieme la sinistra. Il problema - dice - «è che fuori da Rifondazione c’è il deserto». Esattamente il «deserto dei Tartari», dove invece di un nemico immaginario tutti aspettano un «amico». Ugualmente virtuale: la Sinistra democratica, i Verdi, i dirigenti dei metalmeccanici. «Fuori da Rifondazione, non c’è nulla, lo vogliamno capire o no?». E allora, non si può disperdere questo partito, questa comunità sull’altare di qualcosa che non esiste. Se non nelle fantasie di qualche dirigente romano.

Tornando a Torino, Renato Patrito continua a parlare. E ti accorgi che anche per lui le cose non sono così semplici, non sono tutte bianche o nere. Lui, come tutti, sperava in un altro risultato. Che avrebbe potuto avviare un’altra stagione di rapporti a sinistra. «Qualche volta però - dice - bisogna andare a lezione dalla realtà. E la realtà ci dice che fuori da Rifondazone non c’è nulla». Il risultato di questa analisi, allora, è uno solo: bisogna salvare l’unica cosa che è rimasta. Salvarla e continuare a tarsformarla. Ma innanzitutto salvarla.

Forse, ma questo non lo dice, anche a costo di dare spazio a chi sembra aver cancellato gli ultimi dieci anni di Rifondazione. A chi ha già pronta una ricetta facile facile. Tornare davanti alle fabbriche, tornare a dare qualche volantino e così, come d’incanto, tutto sarà risolto. «Le cose non stanno esattamente come dici - riprende il segretario regionale, Alberto Deambrogio - ma al fondo delle cose che dici c’è un minimo di verità». La verità di una sinistra, non solo di un partito, che ancora non è riuscita a superare, ad innovare la sua cultura originaria. C’è una sinistra, non solo un partito, che ancora pensa che Torino sia una città operaia, solo operaia. E da qui fa discendere tutto il resto, le sue analisi, le sue battaglie. «C’è una sinistra ancora molto alla ricerca di una sua identità», aggiunge Deambrogio. Tutta la sinistra, anche le nuove espressioni.

Perché forse non è un caso che qui, a Torino, ci siano i centri sociali più chiusi. Più settari. Non è un caso che qui sia più difficile che altrove parlare di ambiente, di differenza di genere, di diritti. Di povertà, che non sia solo quella economica. Lui, e tanti con lui, credono che per superare tutto ciò ci voglia più Rifondazione. Più partito. I mesi dopo il congresso diranno se avevano ragione.

Liberazione



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La culture, ce n'est pas ce qui reste quand on a tout oublié, mais au contraire, ce qui reste à connaître quand on ne vous a rien enseigné. Jean Vilar
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito