Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Una Catastrofe di nome Vendola

di : ballantaine
martedì 22 luglio 2008 - 17h42

Taranto, una realtà dura come l’acciaio

Delusi dalle logiche congressuali dell’Arcobaleno orfani dell’«effetto Vendola», con un sindaco comunista che fatica a imporsi sulle questioni del lavoro. E quell’odore dappertutto... Contraddizioni e veleni di una città operaia governata da una sinistra che non sa più chi sono gli operai

Astrit Dakli

TARANTO

Una città operaia governata da una sinistra che non sa più chi sono gli operai, in una regione dove la sinistra sembra quasi pentita di aver fatto eleggere - unica in Italia - un suo uomo al posto di governatore. Una città che è un gioiello d’arte e cultura e una meta turistica favolosa ma sprofonda nel degrado e viene considerata «sito ideale» per le peggiori porcherie industriali, raffinerie, degassificatori, inceneritori, perfino centrali nucleari. Una città già gravemente avvelenata dove la sinistra di governo è così debole da dover patteggiare con gli avvelenatori, snobbando gli ambientalisti.

Il panorama di Taranto 2008 si presenta davvero pieno di contraddizioni e motivi di allarme. Tanto per cominciare, l’odore. I tarantini non lo sentono più, sono assuefatti fin dalla nascita, ma chi arriva da fuori l’odore lo sente eccome, bello forte: ovunque, nella città vecchia e in quella nuova, in riva al Mar Piccolo e a quello Grande, nelle strade di periferia come nelle stanze del Palazzo di Città, sede dell’amministrazione comunale. Odor di fuliggine, carbone bruciato, metalli roventi. Un odore che i non più giovani riallacciano a ricordi antichi di nordiche città industriali, treni a vapore, ciminiere di mattoni bruni, ferriere assordanti. Un odore che chi scrive incontra ogni tanto in qualche vetusto centro industriale ex sovietico. L’odore dell’Ilva. Produzione secondaria gratuita

L’Ilva: già Italsider, massimo polo siderurgico europeo, ex industria di stato e ora feudo privato di padron Emilio Riva, 14mila posti di lavoro (erano 40mila una ventina d’anni fa, ai tempi delle partecipazioni statali), in gran parte occupati da giovani e giovanissimi; una poderosa produzione di acciaio, 10milioni di tonnellate annue, con profitti enormi, e una piccola produzione secondaria, non commercializzata ma sparsa nell’atmosfera e consegnata gratuitamente alla cittadinanza di Taranto: 172 grammi all’anno di diossina, tanta quanta ne producono le industrie di Svezia, Austria, Spagna e Gran Bretagna tutte insieme. Taranto è l’Ilva, da 45 anni. Poco altro: il porto (che in gran parte serve l’Ilva), la base della Marina militare, la raffineria dell’Agip. Tutta la vita cittadina ruota intorno a questa sola fabbrica, dopo che nei decenni scorsi sono andate via altre industrie importanti, anche se più piccole (cantieristica, meccanica).

Una città operaia, di lavoro pesante, manuale; una città dove vedi per strada un numero insolitamente alto di invalidi, di disabili, di anziani più malridotti di quel che sarebbe normale per l’età. Una città con forti tradizioni di sinistra, anche. Sindaci comunisti e socialisti per decenni nel dopoguerra, nel mare democristiano del Mezzogiorno. E di nuovo un sindaco comunista da un anno in qua, Ezio Stefàno, iscritto a Rifondazione, sostenuto da varie liste civiche, con Pd e destre all’opposizione, dopo che la precedente amministrazione di centrodestra è affondata in un «buco» di bilancio di un miliardo di euro fatto di corruzione e clientelismo - roba che neanche uno stato di medie dimensioni riesce a fare. Stefàno si è insediato in condizioni difficilissime: «Abbiamo trovato la piazza e il ponte davanti al municipio occupati dai lavoratori assunti dalla vecchia giunta per il servizio di pulizie degli uffici comunali: oltre 600 persone, dove ne servirebbero sì e no un centinaio», racconta Mario Pennuzzi, assessore al welfare, anche lui iscritto al Prc.

Il personale del comune è invece scarso e carente di qualificazione e motivazioni, troppi sono arrivati lì per vie clientelari; è difficile fare qualunque cosa, anche la più banale, mentre ogni giorno c’è qualche nuovo dramma, case che vengono occupate, scuole che vanno a pezzi. «Ogni mattina una coda di questuanti con il loro problema individuale che pensano di aver diritto a veder risolto prima degli altri solo perché conoscono l’assessore o il consigliere comunale... Stefàno e tutti noi cerchiamo di mettere pezze dappertutto, ma non so fino a quando potremo resistere».

Dai partiti arcobaleno non viene molto aiuto. «I dirigenti locali sono tutti presi con i congressi e delegano i problemi della città a chi sta nei ruoli amministrativi» - dice Maurizio Baccaro, 30 anni di cui 4 spesi dentro Rifondazione. «Non sono stati capaci di tirarsi fuori dal trend suicida e autoreferenziale dei gruppi dirigenti nazionali. Personalmente sono davvero deluso».

Anche Luca Del Ton, 28enne ormai ex militante del Pdci, è estremamente critico con i partiti arcobaleno, i cui dirigenti locali «hanno visto nelle dinamiche congressuali la possibilità di sopravvivere al disastro semplicemente schierandosi con i presunti vincitori. E non pensano al perché ci sia stato questo disastro. Sono come anestetizzati, fanno fatica a proporre cose nuove e nemmeno conoscono più le persone vere, alle quali dovrebbero rivolgersi.. Non si rendono conto, per esempio, della spaccatura che si è creata tra i giovani operai, che fanno un lavoro pesantissimo, e gli altri, precari o disoccupati, che li vedono comunque come dei privilegiati».

Un giudizio durissimo

Lo sperato «effetto Vendola» non c’è stato. Era lecito aspettarsi per la sinistra Arcobaleno un risultato non si dice buono ma almeno un po’ migliore che altrove? Evidentemente no, se nell’unica regione che ha un governatore di Rifondazione, e in particolare in uno dei pochi comuni capoluogo con un sindaco anche lui di Rifondazione, il voto di aprile ha visto a Taranto uno dei peggiori risultati nazionali dell’Arcobaleno. «Per forza quei nomi non hanno portato voti: non hanno fatto niente, governando». Il giudizio, durissimo e forse anche ingeneroso, tenendo conto delle difficoltà che comunque gli amministratori si sono trovati davanti, è di Francesco Vinci, cinquantenne con un passato in Democrazia Proletaria e un presente di attivista per i diritti dei disabili; e si riferisce soprattutto al tema drammatico della sanità in Puglia, «un tema su cui Vendola aveva fatto la campagna elettorale promettendo molte cose che poi non ha fatto.

Le liste d’attesa che dovevano sparire sono invece aumentate, le associazioni non sono state ascoltate quando è stato steso il piano salute, abbiamo visto onorevoli del Prc difendere o addirittura vantare strutture che sono dei veri lager per disabili. Le vecchie logiche con cui gli amministratori gestivano i rapporti con le strutture private, dai bandi di concorso ai finanziamenti, tutto continua come prima. Io sono molto, molto deluso. E non sono certo il solo».

Su un terreno contiguo a quello della sanità, cioè la tutela ambientale e la lotta all’inquinamento, anche ad Alessandro Marescotti, esponente di Peacelink e animatore di diverse iniziative ambientaliste, dispiace quel che il governatore ha finora fatto, almeno in relazione ai problemi di Taranto. «Avevamo sperato in lui, l’abbiamo votato tutti perché doveva incarnare il cambiamento, la partecipazione... Invece diciamo, per star leggeri, che ci sono difficoltà di comunicazione. Non risponde neanche alle e-mail che le associazioni gli inviano, non ha mai fatto sapere come stavano le cose con il progetto per il rigassificatore, abbiamo avuto con 6 mesi di ritardo, e solo insistendo furiosamente, i documenti dello studio di impatto ambientale che giacevano in regione...

No, diciamo pure che con Vendola e il gruppo che gli sta intorno si è rotto un rapporto di fiducia e ormai abbiamo capito che dobbiamo comportarci con la sua giunta come con qualsiasi altra, fare i cani da guardia». Il punto che più amareggia gli ambientalisti è che il governatore sistematicamente usa - e paga profumatamente - consulenti «neutri», che spesso sono apertamente favorevoli agli inquinatori e hanno lavorato per precedenti amministrazioni di destra, invece di rivolgersi al vasto e gratuito patrimonio di esperti e scienziati che sarebbero felici di dargli consigli e valutazioni tecniche.

Caso estremo, l’ok dato dal consulente Vito Balice - e accolto dal governatore - al piano dell’Ilva per la riduzione dell’inquinamento, «negli stessi giorni in cui Vendola veniva a Taranto a promettere ai bambini che sarebbe salito sulle barricate se l’inquinamento non fosse diminuito. Il piano dell’Ilva prevede che i nuovi filtri e le altre misure di depurazione entrino in funzione nel 2014!».

Anche il sindaco Stefàno, secondo Marescotti, ha difficoltà a opporsi all’Ilva. «Si fa dare qualche spicciolo per fare delle piccole cose, e poi si lascia infinocchiare ingenuamente su quelle importanti, perché non conosce come funziona la fabbrica. La verità è che ormai la sinistra non ha più al suo interno, come aveva una volta il Pci, gli operai e i tecnici che conoscono la produzione e sanno dove e come agire. E così diventa subalterna al padrone».

Leader senza progetto

È una tesi che ritorna con veemenza durante un incontro con il Laboratorio per l’unità della sinistra, gruppo di «senza tessera», in gran parte ex dipendenti Ilva, che da alcuni mesi cerca coraggiosamente e controcorrente di opporsi ai processi disgregativi che stanno frantumando l’Arcobaleno e i suoi componenti. Per esempio Giancarlo Girardi, ex Pdci, sostiene che «la sinistra qui è al governo ma è una delle più deboli d’Italia, non ha un suo progetto, solo leader con un prestigio personale: i partiti non sono all’altezza di questo ruolo di governo, non sanno nulla del mondo della produzione e quindi fanno molta fatica a capire come funziona il dominio dell’impresa». Vicino a lui Andrea Somma, anche lui «ex» di varia sinistra: secondo cui «siamo responsabili di aver fatto finta che in Puglia e qui a Taranto abbia vinto la sinistra, prima con Vendola e poi con Stefàno. Be’, non è vero. Loro sono stati eletti da gente che voleva un cambiamento dopo gestioni fallimentari e affaristiche e si è attaccata a dei personaggi bravi e onesti, ma i partiti della sinistra non c’entravano per nulla, in queste vittorie».

«Sia Rifondazione che il Pdci, per non parlar dei Verdi, qui hanno dei gruppi dirigenti affidati a consiglieri e amministratori comunali, che non hanno tempo per nient’altro al di fuori dei propri incarichi pubblici», aggiunge Annamaria Bonifazi, dell’associazione antimafia «Libera». Mentre Vincenzo Vestida, che non è un ex ma un attuale operaio Ilva, racconta con amarezza la sua esperienza di candidato Arcobaleno alle ultime politiche: «L’unico candidato operaio, in lista al 20mo posto in un collegio dove ci sono 18mila operai-elettori. E capolista è stato imposto Pecoraro Scanio, che qui nessuno può vedere. Se questo è far politica...».

(9 - continua)

manifesto 20 luglio



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Tout pouvoir est méchant dès qu'on le laisse faire; tout pouvoir est sage dès qu'il se sent jugé. Alain
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito