Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
175945929 IP
200136424 pagine
(dal 10/02/2002)
172 connectés
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Saviano, prima di parlare di Gramsci leggi almeno l’indice

di : Alberto Burgio
venerdì 2 marzo 2012 - 10h44
4 commenti

Martedì scorso sulla Repubblica Roberto Saviano ha recensito con toni entusiastici un libro sulle «due sinistre»: quella rivoluzionaria, brutta, sporca e cattiva, impersonata da Antonio Gramsci, e quella riformista, buona e gentile, rappresentata da Filippo Turati. Il libro, opera di Alessandro Orsini, giovane sociologo politico, sembra a Saviano niente meno che «la più bella riflessione teorica sulla sinistra fatta negli ultimi anni»...

La tesi del libro è semplice e niente affatto inedita. Da una parte c’è la sinistra riformista, realistica, sinceramente preoccupata delle sorti dei subalterni, quindi capace di valorizzare le piccole conquiste giorno per giorno (in una prospettiva che qualche tempo fa si sarebbe definita «migliorista»); dall’altra, la sinistra rivoluzionaria, violenta e pretenziosa, accecata dall’ideologia e intollerante delle altrui posizioni (la sinistra, per intenderci, dei faziosi e dei «fondamentalisti»).

Inutile dire che questa seconda sinistra – abituata ad aggredire gli avversari a suon di insulti e pugni in faccia, quindi un po’ fascista – è per Saviano la sinistra comunista, erede, scrive, della «pedagogia dell’intolleranza edificata per un secolo dal Partito Comunista»; mentre l’altra – riformista – è la sinistra socialista. Come nelle fiabe della nonna, insomma, tutti i buoni da una parte, tutti i cattivi dall’altra: un bel quadretto manicheo che la dice lunga sulla raffinatezza del personaggio e la complessità della sua visione.

Ma qual è il punto? Saviano, mascotte della fazione progressista, si arrabatta come può nell’argomentare, a suon di esempi ad hoc e citazioni estrapolate, una tesi inconfutabile perché arbitraria. Gli si potrebbe ricordare, se ne valesse la pena, che Benito Mussolini – non propriamente un campione di mitezza e tolleranza, come proprio Gramsci gli potrebbe ricordare – venne fuori dalle file socialiste, che del socialismo italiano sono purtroppo eredi i più facinorosi colonnelli berlusconiani e che senza i comunisti questo Paese non avrebbe avuto né la Resistenza né quella Costituzione antifascista che Saviano giura di venerare. Ma ne vale la pena?

No. E nemmeno merita tempo indugiare su altre stranezze di questo articolo: il suo argomentare a favore della mitezza ricorrendo a caricature e a mistificazioni; il suo perorare la causa delle buone eresie accodandosi ai più vieti luoghi comuni; il suo ridurre una vicenda complessa e contrastata a uno povero schemino di cui anche uno studentello svogliato si vergognerebbe. Meglio lasciar perdere, e limitarsi a constatare, desolati, a che cosa ci si può ridurre quando si è mossi dalla preoccupazione di piacere e di seguire l’onda. A Saviano diamo solo un suggerimento: legga quanto Gramsci scrive sul servilismo degli intellettuali. E stia tranquillo, non dovrà leggere tutti i Quaderni (il tempo, si sa, è denaro): nell’edizione c’è un ottimo indice analitico.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Saviano, prima di parlare di Gramsci leggi almeno l’indice
2 marzo 2012 - 16h45 - Di Antonio - 4ce0a45ea0e467b19583ce036a8efe87...

Per ragioni di completezza, pubblico qui la risposta che Alessandro Orsini ha scritto a uno dei suoi recensori più critici, il prof. D’Orsi. Credo possa essere utile per una comprensione più piena della questione:

Angelo D’Orsi, professore nell’Università di Torino, ha attaccato Roberto Saviano per avere recensito il mio ultimo libro su Repubblica (Gramsci e Turati. Le due sinistre, Rubbettino): “Saviano – ha detto − l’ha fatta fuori del vaso e il libro di Orsini è una porcheria”. D’Orsi ha addirittura dichiarato che Saviano “andrebbe fermato”, limitandolo nella parola.
Lo sfogo di D’Orsi conferma la mia tesi. Due sono le principali culture politiche della sinistra.
Vi è la sinistra di Gramsci, il quale invitava a chiamare “porci”, “scatarri”, “pulitori di cessi” e “stracci mestruati” coloro che erano in disaccordo con i suoi convincimenti ideologici; e vi è la sinistra di Turati che condannava l’insulto e promuoveva il libero confronto delle idee.
La sinistra di Gramsci produce un tipo di intellettuale che ricorda la figura del chierico della Chiesa medievale: è un organo del Partito. E il Partito è concepito leninisticamente come una macchina da guerra il cui dichiarato obbiettivo è la dittatura. Certo, nei Quaderni, Gramsci alla strategia della “guerra di movimento” oppose la strategia della “guerra di posizione”. Ma si trattava pur sempre di guerra. E in guerra non c’è spazio per la tolleranza. C’è solo un imperativo: annientare l’avversario incominciando con la sua degradazione morale, che non può fare a meno dell’insulto.
Sotto il profilo del metodo, D’Orsi ha attaccato il mio libro perché, a suo dire, non terrebbe in considerazione il contesto in cui Gramsci pronunciava le offese e gli inviti alla violenza contro i suoi critici. A D’Orsi rispondo che il contesto storico-politico in cui vissero Gramsci e Turati fu lo stesso. Nonostante ciò, Gramsci e Turati difesero principi e valori opposti, come ho spiegato nella nota sul metodo che chiude il volume.
Gli uomini, pur essendo influenzati dal contesto in cui vivono, rispondono in maniera differente davanti agli stessi stimoli. Questa diversità nel rispondere in situazioni analoghe è, in larga parte, una conseguenza dei valori interiorizzati dall’individuo. La crisi economica che investì la Repubblica di Weimar coinvolse milioni di tedeschi, ma non tutti abbracciarono il nazismo. Allo stesso modo, non tutti i professori universitari italiani giurarono fedeltà a Mussolini. Gli uomini non rispondono in maniera meccanica agli stimoli che ricevono dall’ambiente esterno.
Gli uomini scelgono.
Gramsci e Turati militavano nello stesso partito quando Mussolini si affermò al congresso socialista di Reggio Emilia; quando ci fu il biennio rosso; quando Lenin impose il Terrore; quando Mussolini conquistò il potere. Eppure, scelsero valori opposti, perché le loro culture politiche erano inconciliabili. Turati promosse sempre la pedagogia della tolleranza. Gramsci, invece, la pedagogia dell’intolleranza e l’elogio dell’insulto.
Il metodo dell’analisi culturale comparata − che ho impiegato per la prima volta nello studio della figura di Gramsci − ha esattamente questo obiettivo: mostrare il potere condizionante delle culture politiche e delle teorie pedagogiche, le quali non coincidono con l’azione, ma la predispongono in maniera decisiva. Alessandro Orsini



Saviano, prima di parlare di Gramsci leggi almeno l’indice
2 marzo 2012 - 20h38 - Di giovanni - b907390dae62596ffe0e8764c8797b14...

"Turati promosse sempre la pedagogia della tolleranza." e morì in esilio, riconoscendo di aver sbagliato tutto:
"La forza si vince con la forza. Quando la forza è tutta materiale, la resistenza dovrà pur essere della stessa natura. La non resistenza al male, se può avere un valore quando è suscettibile di provocare una reazione morale, diviene al contrario una vera complicità quando le circostanze e il carattere degli avversari rendono impossibile ogni reazione morale. Mossi da una concezione superiore della vita, noi abbiamo forse troppo disarmato le masse".


Saviano, prima di parlare di Gramsci leggi almeno l’indice
3 marzo 2012 - 20h10 - Di gigi - 5fdff1d1cc1688629a51c1251ae563e1...

Titolo ridicolo, per la decenza,articolo triste e illuminante per chi continua a credere nel massimalismo, assente in tutti i paesi civili europei.



Saviano, prima di parlare di Gramsci leggi almeno l’indice
4 marzo 2012 - 11h30 - Di d5166c00792e250e8e563866ab501ac0...

Gramsci era quanto di più lontano dal "massimalismo" ... sul quale ha scritto cose durissime ...

E comunque operava in regime fascista .... assurdo scomodarlo oggi per questa diatriba con Turati ( che peraltro aveva in esilio ampiamente rivisto le sue posizioni) che è tutta strumentale all’oggi ...

Come dicevo, la diatriba è strumentale e fuori luogo ... oggi non solo non abbiamo un Gramsci "rivoluzionario" ma nemmeno un Turati "riformista" ...

Oggi abbiamo il "pensiero unico" neoliberista, è sparita pure la socialdemocrazia ...

Il Pd, sin dalla sua fondazione, non è nemmeno socialdemocratico .... ha scelto di togliere ogni riferimento alla "sinistra" anche nella denominazione ..... è "liberista temperato" nella versione Bersani e "liberista spinto" in quella veltroniana ....

Quindi, di che stiamo parlando ? Di che straparla Saviano ?

K.





«Caro Saviano, scendi dal carrarmato». Ciao Vik (video)
mercoledì 16 - 11h05
di : MARINA ZENOBIO
L’invito di Vittorio
mercoledì 16 - 11h01
di : Arianna Tascone
Hanno ucciso Vik per colpire la speranza. Tre anni dopo l’omicidio di Arrigoni, parla Rosa Schiano
mercoledì 16 - 10h03
di : Tiziana Barilla
E’ morto Stefano Garroni, un marxista prestato alla filosofia
martedì 15 - 13h43
L’Istat fa i conti: "ma quali 80 euro..."
martedì 15 - 13h17
di : Claudio Conti ( Contropiano)
Il Cnel e quei 20 milioni che costa agli italiani.
lunedì 14 - 11h03
di : zag(c)
A KIEV CI SARA’ IL NUOVO MURO DI BERLINO
lunedì 14 - 10h03
di : salvo rappa
CARREFOUR SCARICA...I FACCHINI
lunedì 14 - 01h12
di : Comitato di Lotta CARREFOUR - Pieve Emanuele
Scontri a Roma, Servizio Pubblico filma agente che cammina sopra la testa di un manifestante (video)
domenica 13 - 16h05
Fiom,Landini rieletto segretario con più dell’80% dei voti. "Sciopero se non accolte nostre proposte"
domenica 13 - 15h44
di : Fabio Sebastiani
Fiom, Landini: «La nostra scelta»
domenica 13 - 15h43
Fiom contro Cgil, un passo verso la rottura
venerdì 11 - 14h44
di : Claudio Conti ( Contropiano)
La lobby delle bionde non conosce crisi
giovedì 10 - 09h03
di : Massimo Lauria
Dopo la Francia e l’Ucraina, l’Ungheria. Segnali molto gravi
giovedì 10 - 08h49
di : Claudio Grassi
Hersh: "Non fu la Siria a usare le armi chimiche"
giovedì 10 - 08h42
La lobby più potente del mondo
giovedì 10 - 08h39
di : Andrea Baranes
Per una grande parete occorre un grande pennello!
mercoledì 9 - 11h14
di : zag(c)
Il Fatto on line e il metodo Boffo
martedì 8 - 09h00
di : Paolo Ferrero
1 comment
Non ce se può credere!
lunedì 7 - 12h20
di : zag(c)
I giovani e il lavoro secondo Renzi
lunedì 7 - 11h43
di : InfoAut
Parma - Gravissimo attacco ai movimenti per la casa
lunedì 7 - 11h42
di : Rete Diritti in casa
Consorzio Bnl - Ragionevoli perplessità
lunedì 7 - 11h18
di : InfoAut Bnl
1 comment
Deriva autoritaria
lunedì 7 - 11h03
di : Piero Bevilacqua
A Terni come in Cile, un prof si ribella alla polizia in classe
lunedì 7 - 11h02
di : Marina Zenobio
Le supercazzole di Superbone!
domenica 6 - 15h20
di : zag(c)
il tecnicismo come maschera di finalità politica
sabato 5 - 14h57
di : zag(c)
La disoccupazione per diffondere precarietà
sabato 5 - 12h33
di : Maurizio Scarpa
Il jobs act è illegale, oltre che ingiusto
sabato 5 - 12h31
di : Checchino Antonini
HONDURAS: “Né le pallottole né i machete fermeranno la nostra lotta per l’acqua e la terra”
sabato 5 - 12h13
di : Giorgio Trucchi
Replica di Paolo Ferrero al fattoquotidiano.it
sabato 5 - 12h10
di : Paolo Ferrero
Se non ora, quando?
venerdì 4 - 14h23
di : zag(c)
7 A P R I L E 2014 tributo al compagno MARIO SALVI
venerdì 4 - 12h51
di : InformationGuerrilla
Affermare e non lasciar alternative
giovedì 3 - 17h39
di : Affermare e non lasciar alternative
Nuovo regolamento AGCOM: ennesimo, reiterato pastrocchio censorio all’italiana
mercoledì 2 - 21h25
di : InfoAut
Renzi, disoccupazione al 13% è un dato sconvolgente
mercoledì 2 - 14h01
di : zag(c)
Il lato oscuro della Monsanto
martedì 1 - 20h17
La Svolta autoritaria
martedì 1 - 14h04
di : *
1 comment
Fuoco Nostrum - Il video integrale degli spari dalla nave Aliseo (video)
martedì 1 - 00h34
di : Gaetano De Monte
Diari di Cineclub. On line il numero 16 - Aprile 2014
lunedì 31 - 20h31
di : Diari di Cineclub
Purtroppo rimarremo provinciali
sabato 29 - 21h28
di : #

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Les hommes sont comme les plantes, qui ne croissent jamais heureusement, si elles ne sont bien cultivées. Montesquieu
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
4 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito
Il Collettivo Bellaciao querelato per diffamazione da Mario SANDOVAL
martedì 10 Gennaio
di : Collettivo Bellaciao
Il 12 gennaio 2012, Roberto Ferrario, uno dei portavoce del Collettivo Bellaciao comparirà davanti al Tribunale Correzionale di Auxerre, assistito dal suo avvocato Weyl France, in seguito della causa per diffamazione che il signor Mario Sandoval ha presentato nei confronti di diverse media, tra cui Marianne2, Mediapart, Le Grand Soir, Courrier International, France Info, El Correo, Calpa... Mario Sandoval, un ex ufficiale di polizia argentino, denuncia Bellaciao per la pubblicazione sul (...)
Leggere il seguito
La storia siamo noi Peppino Impastato (6 videos + live radio)
giovedì 5 Gennaio
di : Collettivo Bellaciao
Palermo: Oggi è il compleanno di Peppino Impastato, il militante antimafia che avrebbe compiuto 64 anni e ucciso da Cosa nostra nel 1978, e di "Radio 100 passi" in onda da due anni. Ricorrenze che oggi vengono celebrate con una maratona su Radio 100 passi e sulla webtv "100 Passi Tv" che nel pomeriggio da’ il via alle sue trasmissioni. Fin dalla mattina collegamenti in rete - aperti dalla testimonianza del fratello, Giovanni Impastato - con le redazioni on line delle principali (...)
Leggere il seguito
Storia della RADIO CANALE 96
lunedì 2 Gennaio
di : Massimo Emanuelli via RF
L’emittente nasce a Milano nel 1975, per iniziativa del QUOTIDIANO DEI LAVORATORI, dunque dell’area politica di Avanguardia Operaia, fra i fondatori ci sono Giuseppe Maccali (titolare di un piccolo negozio di comunicazioni), Martino Benpensante e Basilio Rizzo (insegnante e futuro consigliere del Comune di Milano). La prima sede di Canale 96 (che irradia i suoi programmi dagli fm 95,200, donde il nome) è in via Mac Mahon presso un’abitazione privata. Alberto Pugnetti, un (...)
Leggere il seguito