Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Nicaragua : il dramma infantile

di : Giorgio Trucchi
sabato 10 luglio 2004 - 15h54

Giorgio Trucchi

La bambina di sei anni é entrata nella clinica attaccata al braccio della mamma. E’ rimasta con la testa inclinata davanti alla dottoressa dell’Istituto di medicina legale ed ha cominciato a parlare solo quando é entrato un dottore in camice bianco, con paura. "Mi visita quest’uomo? No, mamma, non voglio. E’ un uomo, non voglio!".

Con la dottoressa ha poi raccontato che é stata abusata da uno zio che l’aveva trovata coperta solo con un asciugamano, pronta per farsi la doccia. L’ha portata in camera e l’ha violentata con le dita perché la bambina non era sufficientemente sviluppata. E’ iniziato quindi l’inferno per la bambina e la morte per la mamma.

Hanno dovuto fare un intervento chirurgico per riparare le lesioni e un intervento psicologico molto lungo.

La Polizia ha ricevuto 2.171 denunce nel 2003 per delitti di tipo sessuale, di cui 678 erano violenze carnali. Nel 60% dei casi si tratta di bambine. Nel primo trimestre del 2004 sono già 231 i casi di violenza denunciati (ma quanti quelli non denunciati per paura, vergogna, timore...), mentre l’Istituto di medicina legale é intervenuto in 1.377 casi di aggressione sessuale fino al mese di maggio 2004. Nel 2003 lo stesso istituto ha contabilizzato 2.886 casi di violenza sessuale, la maggior parte dei quali nei confronti di minorenni tra gli 11 e i 17 anni. La seconda percentuale più alta riguarda i minori di 10 anni.

Colpevoli di questi atti sono per la maggior parte persone conosciute e poi, via via, il fidanzato, un famigliare e solo all’ultimo posto uno sconosciuto. Si é registrato un grosso aumento dei delitti a radice sessuali avvenuti all’interno della famiglia stessa. Molto spesso le violenza escono alla luce solo dopo alcuni anni, quando le persone colpite arrivano alla tappa dell’adolescenza. Queste mostruosità non riguardano solo bambine, ma anche bambini. I casi in cui le persone colpevoli di questi atti aberranti vengono catturati e condannati non sono molti e questo é uno dei tanti aspetti di questa tragedia che coinvolge i tribunali, la polizia e le stesse famiglie.

Molto spesso bambine molto piccole, come il caso di Rosa che nel 2003 fece il giro del mondo per essere rimasta incinta a 9 anni a seguito di una violazione subita in Costarica dove viveva con la famiglia immigrata, restano incinta dopo essere state violentate da sconosciuti o spesso da un proprio famigliare ed attualmente in Nicaragua si é aperto un grande dibattito sul mantenere o meno la figura giuridica dell’Aborto Terapeutico che, per ora, non é penalizzato dal Codice Penale. Questa figura giuridica prevede la possibilità di aborto in caso di grave pericolo per la madre o di grave deformazione del feto e solo su richiesta della madre stessa o dei genitori (in caso in cui sia minore d’età) e previa approvazione di un’équipe di tre medici che constatano il reale pericolo. In questi giorni é però in corso la discussione in Parlamento sul Nuovo Codice Penale e le forze legate alla Chiesa Cattolica e a quella evangelica stanno facendo pressione affinché venga punita qualsiasi forma di aborto e permessa solo in caso di estremo pericolo di morte della madre. Quest’anno, il 8% della nascite in Nicaragua provengono da bambine tra i 10 e i 14 anni e molto poco si parla di cercare d’intervenire sul terrificante fenomeno, sulle sue cause ed anche sull’aumento della repressione e della pena per chi commette questo tipo di delitto.

La Red de Mujeres Contra la Violencia, il Movimiento Autonomo de Mujeres ed altre realtà che lavorano da anni sulla tematica della difesa della donna, dei suoi diritti e contro la violenza nei loro confronti, si sono presentate al Parlamento dove era in discussione l’approvazione del nuovo Codice. "L’età delle bambine deve essere presa in considerazione come causale per sostenere l’interruzione della gravidanza. Il numero di bambine abusate sessualmente e che restano incinta é altissimo e porta danni gravissimi. Prima di tutto sono bambine e non le si può obbligare a portare avanti una gravidanza forzosa. Crediamo che la tematica dell’aborto deve restare com’é e contemplare la possibilità di prendere in considerazione l’età della bambina. Dei 191 paesi che fanno parte della ONU, solo 17 non permettono l’aborto e di questi, 5 sono dell’America Latina. Se passasse la posizione dei gruppi antiaborto, il nostro paese resterebbe isolato e metteremmo a rischio la vita delle donne, adolescenti ed ora, anche delle bambine" hanno detto Ana Maria Pizarro e Juana Jiménez, esponenti di questi movimenti.

Elizabeth De Rojas della Alianza Evangelica ha invece sostenuto che la figura dell’aborto terapeutico deve scomparire per sempre. "Con il progresso tecnologico" - ha detto - "é possibile salvare la vita della madre e del figlio/a. Per come é strutturato oggi, l’aborto terapeutico permette di uccidere vite inermi. L’aborto deve essere praticato solo in casi estremi debitamente giustificati e deve avvenire previa autorizzazione di tre medici specialisti del Ministero della Sanità. Se una minorenne é in grado di rimanere incinta vuol dire che il suo corpo é anche in grado di resistere ad una gravidanza. Chiaro, con tutte le cure ed attenzioni mediche".

A livello di Asamblea Nacional, i vari partiti non si sono ancora espressi chiaramente, se non attraverso dichiarazioni di singoli deputati e quindi, l’esito della votazione é quanto mai incerto. Non é da escludere che le pressioni della Chiesa cattolica, ancor di più in un periodo elettorale come questo, possano far pendere la bilancia dalla parte dei movimenti antiabortisti. Intanto da più parti vengono rese pubbliche prese di posizioni di varie personalità. Di seguito un’interessante esposizione di Monica Zalaquett, giornalista ed attivista del Centro para la Prevencion de la Violencia - CEPREV.

"Basta con il cinismo" Di nuovo gli occhi inquisitori sono diretti al ventre ingrossato della bambina di 11 anni, mentre la pudica mano della censura patriarcale nasconde l’organo del padre che l’ha violentata. Nuovamente il peccato si trova nel ventre femminile, nello scandalo impronunciabile, nel ventre che cresce. E i saloni si riempiono di accese polemiche contro l’aborto, mentre la salute della bambina, il suo dolore e il suo futuro restano confinati in un angolo.

Perché lo scandalo si concentra sulla bambina incinta e non su chi l’ha violentata? Se così fosse saremmo occupati a discutere sul perché accadono tante violenze e nelle risposte troveremmo le forme per prevenire questi atti. Invece, la casta cittadina si appresta a vigilare da vicino la gravidanza, a lanciare grida e organizzare marce nel caso in cui i medici o i famigliari si pronuncino a favore dell’aborto terapeutico. Gli occhi dell’inquisizione vigilano da vicino la bambina, mentre chi l’ha violentata resta lontano dalla condanna dell’opinione pubblica, dell’accusa e della condanna. Nemmeno una parola su di loro, solo quella di monsignor Hombach, che si é opposto al silenzio della chiesa con una valorosa domanda: "TOLLERANZA ZERO PER CHI HA ABUSATO".

Il discorso é questo. Le persone che reclamano che a ogni bambina violentata e messa incinta si aggiunga il trauma della gravidanza imposta, con un’alta possibilità di perdere la vita, ignorano la causa della sua tragedia. Di questo preferirebbero non parlare, non é l’oggetto del loro interesse. Queste persone seguono con una lente d’ingrandimento l’esito della gravidanza, ma non pensano minimamente di condannare i colpevoli, chiedere leggi dure o aprire le porte dell’impunità dietro le quali si nascondono i violentatori.

Per questi nuovi crociati vale la libera decisione degli uomini di schiacciare il corpo e l’anima di queste innocenti, ma non il diritto alla protezione della dignità umana di questa bambina che, una volta incinta, dovrà subire la tortura di essere il centro del morbo collettivo e l’ostaggio degli interessi politici e religiosi che approfittano della sua disgrazia.

Ricordiamo alcune verità. L’abuso non é un’eccezione, é la regola. Cioè é generalizzato e ogni giorno appaiono casi tremendi alla televisione e si producono tante gravidanze infantili o di adolescenti. L’abuso sessuale é l’espressione massima della violenza patriarcale e il prodotto naturale della cultura autoritaria, che promuove la credenza che i corpi e le vite delle donne sono proprietà del maschio e sono destinati a servire, accogliere, soddisfare in tutti i modi il soggetto uomo. Qualche lettore crede ancora alla storia che questi aberranti esseri sono persone strane, che appaiono ogni tanto per attaccare una vittima che ha avuto la sfortuna di cadere nelle sue mani?

Se vediamo le statistiche della Polizia vediamo che una di ogni cinque femmine e uno di ogni nove maschi é vittima di questi abusi, ma le statistiche non contemplano tutte le persone che restano zitte e questi tipi di delitti solitamente non si denunciano. Secondo le nostre indagini almeno una di ogni tre femmine e uno di ogni cinque maschi sono vittime di qualche forma di abuso, la maggior parte dei quali avvenuti in famiglia da parte di qualche famigliare..

Vediamola in un altro modo. L’abuso non é penalizzato socialmente, ma convalidato dal silenzio. Viviamo sotto la cultura dell’abuso di potere e ne facciamo parte anche noi donne che molte volte partecipiamo come complici, non solo per soldi o per non perdere la sicurezza o il sentimento di forza che dà il fatto di vivere accanto a un uomo, ma perché siamo condizionate famigliarmente e socialmente a gratificarlo in qualsiasi modo, anche giustificando l’abuso nei confronti della propria figlia. Nelle loro menti annebbiate prevale a livello di famiglia il sacro diritto maschile all’abuso di potere (originalmente "pernada" e cioè il diritto dei Signori in epoca feudale a passare la prima notte con la sposa vergine di un uomo del popolo).

Gli uomini sono arrabbiati e frustrati. Le donne stanno cambiando velocemente. Escono di casa, lavorano quando loro sono disoccupati, a volte guadagnano di più, vogliono decidere, chiedono di più e fanno sentire le proprie voci. Loro però continuano a pensare come prima, sentono che viene messo in discussione un ordine sacro e non possono tollerare l’insubordinazione a questo paradigma e alla loro vecchia mentalità. Per questo, sempre di più, le aggrediscono, le uccidono e le violentano. Per questo si lanciano su esseri ancora più indifesi come bambini, bambine ed adolescenti.

In Spagna ed Argentina i governi sono allarmati e preoccupati ed hanno deciso di considerare il problema della violenza interfamigliare come un caso di Stato e stanno concertando strategie di politica pubblica. Hanno visto il tema come un problema di diritti umani, salute pubblica e sicurezza cittadina e secondo me, é ormai anche un fatto di pace sociale. C’é una guerra contro i deboli che ha come scenario la famiglia e in Nicaragua non possiamo continuare ad ignorarlo

07.07.2004
Collettivo Bellaciao



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La règle d'or de la conduite est la tolérance mutuelle, car nous ne penserons jamais tous de la même façon, nous ne verrons qu'une partie de la vérité et sous des angles différents. Gandhi
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito