Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
LA NUOVA TEOCRAZIA

di : Lucio Garofalo
martedì 21 giugno 2005 - 01h43
4 commenti
JPEG - 12.2 Kb

di Lucio Garofalo

L’esito referendario del 13 Giugno scorso ha confermato una serie di tendenze di segno involutivo e regressivo, in atto in Italia da diversi anni.

Una riflessione preliminare merita l’ennesimo fallimento di un’iniziativa referendaria: da circa 10 anni nessun referendum è mai più riuscito ad ottenere il fatidico quorum, ossia un livello di affluenza alle urne superiore al 50 %.

Le statistiche riportate su molti quotidiani italiani, ci rammentano che l’ultima campagna referendaria che ha sortito un effetto vittorioso, avendo superato il quorum, risale addirittura al 1995, ossia al referendum concernente la Legge Mammì sulla Tv.

Già in passato, il 3 Giugno 1990, il referendum promosso contro la caccia e l’uso dei pesticidi, fallì: quello fu davvero un precedente storico.

In seguito, a parte una parentesi di 5 anni costellati da alcuni referendum vittoriosi in materia elettorale (anni, tuttavia, che hanno visto l’avvento di Tangentopoli ed il tracollo della prima Repubblica), si sono susseguiti innumerevoli insuccessi referendari proprio a causa del mancato raggiungimento del quorum.

Indubbiamente, in Italia il referendum è stato uno strumento abusato, soprattutto dai Radicali di Marco Pannella, per cui negli ultimi anni si è alquanto usurato, diventando un arnese vecchio che, così com’è, può solo essere rottamato. Oppure, e questa sarebbe una valida ipotesi risolutiva, occorre rivedere il meccanismo del quorum, o abolendolo completamente (come suggeriscono i Radicali) oppure ridimensionandolo (chi propone una riduzione al 33 %, chi al 25 %, ecc.) o ancorandolo ai risultati delle ultime elezioni politiche per la Camera dei Deputati, vale a dire prefissando una cifra “mobile”. Si pensi che altrove, ad esempio nella Confederazione elvetica, i referendum si vincono con il 20 % dei voti!

Comunque sia, il disastroso (quanto prevedibile) dato referendario del 13 Giugno, ci suggerisce un motivo di amara constatazione dell’ennesimo insuccesso di uno strumento (l’unico previsto dalla nostra Costituzione) di democrazia diretta a disposizione dei cittadini italiani.

Dunque, già questo è un elemento palesemente sfavorevole e preoccupante che attesta, in maniera inoppugnabile, un processo storico di declino e di logoramento, non solo e non tanto dell’istituto referendario in sé, quanto soprattutto degli spazi di agibilità democratico-partecipativa che vanno sempre più restringendosi nel nostro sventurato Paese, ormai governato da una nuova teocrazia, camuffata sotto la veste di una repubblica parlamentare.

A questo dato di fatto assolutamente ineccepibile, si sposa un altro discorso che rivela una portata ancora più profonda e complessa. Mi riferisco alle cause principali che hanno determinato il fallimento del referendum, ossia alle ampie responsabilità storiche, ideologiche e politiche assunte dalle gerarchie ecclesiastiche che, a partire dalla curia pontificia e dalla Conferenza Episcopale Italiana, fino ai livelli inferiori del clero italiano, hanno esercitato pesantissime ingerenze condizionando in modo decisivo l’esito referendario.

Non si può negare che la forte presa di posizione del Vaticano rispetto al voto referendario, con tutta la sua dimensione in termini di arroganza e di ipocrisia moralistica, costituisce l’ennesima conferma di un vero rigurgito neoguelfo e di una sorta di restaurazione clerico-fascista (per dirla alla Pasolini) quali tendenze ormai insite nella cultura, nel costume e nella società di questo Paese.

Non c’è alcun dubbio che abbiamo assistito ad una vittoria del Vaticano e del clero più reazionario, controriformatore e preconciliare, ovvero ad un’aspra e bruciante sconfitta della laicità e della democrazia (reale e legale) nel nostro Paese. Un Paese ormai riconsegnato (semmai si fosse affrancato) nelle mani di una teocrazia pseudo-repubblicana il cui capo indiscusso non è tanto papa Nazi-nger (figlio della gioventù hitleriana), bensì sua eminenza il cardinale Ruini, la vera mente strategica della reazione clericale.

E’ inutile nascondersi o far finta di nulla. Non si può assolutamente negare che l’esito dell’ultimo referendum ci ha consegnato l’immagine di un Paese ancora più oscurantista, illiberale e retrogrado, almeno se lo osserviamo da un punto di vista laico, illuminista, razionalista e libertario.

I politici di professione, quelli che aspirano a far carriera, anche quelli di sinistra (persino i dirigenti del P.R.C.) hanno chiaramente timore ed esitano a fare affermazioni del genere, soprattutto per non urtare la suscettibilità dell’opinione pubblica italiana, ossia per non perdere consensi elettorali.

Ma chi, come il sottoscritto, non persegue simili interessi di natura elettoralistica, sarebbe semplicemente ipocrita e vile se non ammettesse e non capisse quella che è una verità evidente, cioè che in Italia, negli ultimi 20 anni circa, si è compiuta un’involuzione sociale e culturale gigantesca, in senso illiberale, cattolico-integralista e reazionario.

Non si tratta di accettare o rispettare “democraticamente” (ossia nel nome di una democrazia fittizia, strumentale ed ipocrita) la libertà d’opinione e la volontà del popolo italiano, in quanto questo non ha avuto il modo di esprimersi liberamente, avendo subito gravi limiti, ingerenze e censure che ne hanno condizionato ed ostacolato il libero arbitrio, da parte soprattutto dello strapotere clericale che, in Italia, non è mai morto, anzi non è stato neppure moribondo, ma oggi appare molto più forte e presente rispetto a 25/30 anni fa. Insomma, il regime clerico-fascista è risorto (se mai era defunto), più prepotente ed intollerante che mai!

Si è confermata una verità storica incontrovertibile, che era già chiara a Gramsci oltre 80 anni fa e che fu riconosciuta e ribadita da Pasolini 50 anni dopo, cioè che in Italia la sinistra autenticamente laica, anticlericale, repubblicana, costituisce un’esigua minoranza inferiore addirittura al 30 % dei voti. Non a caso, per vincere le elezioni e battere una destra clericale e reazionaria (che è sempre stata molto forte e presente in Italia), la sinistra è costretta a costruire alleanze con le forze cattolico-centriste e una parte dei moderati.

Saluti anticlericali ed antifascisti, Lucio Garofalo



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> LA NUOVA TEOCRAZIA
22 giugno 2005 - 12h31 - Di 9415fadad41b47917f8d8ed45733d4dd...

Bisognerebbe fare attenzione a non essere sempre "anti" e ogni tanto essere "per" qualcosa.

A parte questo, non sono sicuro che ci sia un’alleanza strategica tra la destra e la Chiesa. Il discorso mi appare più complesso. Nel seguito alcune mie osservazioni di qualche giorno fa.

In questa storia dei referendum tutti mi appaiono aver fatto errori colossali.

Intanto partiamo dall’istituto del referendum, che dall’assemblea costituente del 1948 fu pensato come un correttivo della democrazia parlamentare, ma mai fu pensato come un modo per dare potere legislativo al popolo, perchè le manipolazioni avrebbero potuto essere troppo facili.

E invece il referendum fu usato ripetutamente in modo contrario a come l’avevano pensato i padri costituenti, arrivando all’assurdo di passare al sistema maggioritario con un referendum che alterava addirittura la costituzione materiale, portando poi alla designazione diretta del primo ministro e quindi ad un indebolimento della separazione dei poteri (tra legislativo ed esecutivo, entrambi eletti dal popolo).

Da questo punto di vista appare gradevole il fatto che gli elettori si siano stancati di essere manipolati per prendere decisioni che non spettavano a loro. E questo indipendentemente dal tipo di referendum.

Poi c’è la Chiesa, che dopo un pontificato conservatore come quello di Woytila, passa ad un papa reazionario che spinge verso il passato. Parte così una settima crociata, una crociata di tipo anomalo, dove l’ordine è quello di non fare, di astenersi. Tanto i rappresentanti della Chiesa hanno già provveduto tramite accordi a far emanare una legge che odora di Medioevo.
Che la legge abbia qualche contenuto etico è indubbio, ma se la Chiesa decide di entrare prepotentemente nello stato laico dovrebbe almeno avere il coraggio di dibattere in pubblico i suoi motivi, non di puntare tutto sull’astensionismo e su slogan del tipo "La vita non si può mettere ai voti". Insomma, invece di dare a Cesare quello che è di Cesare, si intromettono nella vita secolare con i trucchi più sporchi della politica. Alla faccia dell’etica. Ci vuole molta faccia tosta a dire che hanno vinto.

Infine ci sono i potentissimi gruppi d’interesse che vorrebbero privatizzare la vita per farne commercio. Hanno preso una solenne trombatura e questo sta bene. Cercheranno di recuperare, ma per ora sono fermi al palo.

Vale forse la pena di parlare dei cosiddetti "esperti", quelli come Veronesi, che pochi mesi fa parlava del mais transgenico come qualcosa di assolutamente innocuo (ricordo che secondo lui il problema più grosso era invece il basilico). Dovrebbero smettere di parlare a nome dei gruppi d’interesse e cominciare ad avere un po’ di coscienza, perchè la gente comincia a non credere più alle loro balle.

Ah, il popolo, quello per tutti i partiti e gruppi d’interesse, e movimenti cattolici, e associazioni di "scienziati", citati in precedenza, è solamente popolo bove, da sfruttare per i propri fini. Bene ha fatto il popolo a non dare soddisfazione a nessuno.

Truman Burbank



> LA NUOVA TEOCRAZIA
22 giugno 2005 - 19h26 - Di 60a80469c9a5324685154a94e5ab0d3a...

Bellaciao
Caro Truman Burbank
La tua lettera e’ un tantino contraddittoria, per cui spunto alcune tue frasi:
“Bisognerebbe fare attenzione a non essere sempre "anti" e ogni tanto essere "per" qualcosa”.
Sono d’accordo, avere giudizi severi per difendere valori imprescindibili non vuol dire essere nichilisti. Io sono “per” la liberta’ dell’uomo, per l’allargamento della conoscenza, per l’impegno civile, la solidarieta’, la compassione, la crescita umana, l’evoluzione spirituale, l’amicizia, il rispetto per persone e cose, la difesa della Terra. Raramente le vedo incarnate, pero’ in una chiesa, in un partito o in una persona. Non le ho viste incarnate nei nemici di questo referendum, qui per quanto mi sia sforzata ho visto solo gente assatanata che spingeva per costringermi a credere a cose che non stavano ne’ in cielo ne’ in terra, per puro desiderio di dominio, fregandosene delle sofferenze che procurava ad altri e della crisi di credibilita’ in cui precipitava lo stato e la religione. Avere dei valori non significa non accorgersi di quanto i comportamenti umani possano divergere da essi, almeno se non si e’ fideisti, ma si conserva lo spirito critico. Io questi valori li ho visti incarnati in don Milani, in padre Kizito, in Zanotelli, in Gramsci, in Norberto Bobbio, in molti giovani o non giovani del mondo no global, in molti sindacalisti, in madri, in mogli, in figli. Non li ho visti in Pera, in Ruini, in Ratzinger, in Berlusconi.
Dici poi: “A parte questo, non sono sicuro che ci sia un’alleanza strategica tra la destra e la Chiesa.“
Qua mi cadono le braccia. Basta avere un minimo di conoscenze storiche per vedere con la massima chiarezza che e’ dai tempi di Costantino che la Chiesa cattolica ha scelto di stare dalla parte di chi usa il potere in modo reazionario: Pinochet, il nazismo, Franco, la giunta de El Salvador, i generali dittatori, perfino la massoneria. Anche l’uso che la Chiesa dominante ha fatto dei suoi patrimoni non e’ stato certo nel senso di un aiuto sociale ai sofferenti (cosa che e’ stata lasciata ai piccoli preti e frati) ma nel senso di manovrare capitali per far piegare i governi verso destra. Gli attacchi a Allende, il vescovo Romero, don Dilani, i preti operai, la teologia della liberazione …perche’ se no? Mi pare che poi fai alla Chiesa proprio le stesse accuse di oscurantismo e di ritorno al passato che non la designano certo come progressiva e sociale.
In quanto al referendum, esso non fu pensato come strumento legislativo ma abrogativo, il che e’ molto diverso. La designazione diretta del primo ministro per fortuna non ce l’abbiamo e speriamo bene che Berlusconi crolli e che non ce la abbiamo mai. Anche il referendum per il maggioritario non fu legislativo ma abrogativo, infatti chiedeva se volevamo abrogare una quota di parlamentari eletti col proporzionale.
In quanto ai “potenti gruppi di interesse” e’ ovvio che nel campo della sanita’ ne troviamo a iosa, in quanto esistono dappertutto, ma il tema era se aprire o no la ricerca sulle staminali, e mettere il nostro paese proprio fuori da questa ricerca che viene considerata la piu’ importante del millennio mi pare una grave degradazione, visti poi i livello in cui viene tenuta la ricerca in Italia. Parlare di “trombatura” per chi voleva impegnarsi per guarire malattie gravissime mi sembra una stecca, ma tant’e’.
Veronesi parlava di polenta, mi pare, e non di basilico, e i suoi riferimenti agli OGM e’ stata una delle cose piu’ sporche che abbia sentito negli ultimi tempi, ma se Veronesi fosse in grado di salvare chi muore, e io avessi un parente in gravi condizioni e Veronesi me lo salvasse , mi va bene anche Veronesi e non farei una piega per quanto ci guadagna, chi fabbrica armi letali guadagna anche di piu’ e non mi sembra che faccia una piega nessuno. Siamo in un mondo dove i gruppi di interessi sono ineliminabili e quel poco che si chiede e’ che non operino per creare epidemie o morte ma per aiutare il mondo.
Non credo che il popolo “abbia fatto bene a non darla vinta a nessuno”, perche’ il popolo italiano questa scelta non l’ha fatta e in questa disgraziata situazione mi sembra sia quello che ci ha perso di piu’.

viviana


> LA NUOVA TEOCRAZIA
23 giugno 2005 - 10h38 - Di 9415fadad41b47917f8d8ed45733d4dd...

Cara Viviana

non è la prima volta che ci troviamo in disaccordo, ma l’importante è confrontarsi, non essere d’accordo a priori.

Non mi sembra che occorra molta memoria storica per ricordare prima della guerra in Iraq l’opposizione più significativa alla guerra di Bush fu quella di Karol Woytila, che mobilitò milioni di persone in manifestazioni di vario genere, e non sto confondendo con le manifestazioni storiche dei vari movimenti per la pace, parlo di migliaia di iniziative autonome della Chiesa. L’effetto maggiore non fu tanto di impedire la guerra, ma di rompere quell’idea laboriosamente costruita negli anni dai teorici neocons, che fosse in atto uno scontro tra l’occidente e l’islam (vedi "Scontro di civiltà" di Huntington e "La fine della storia" di Fukuyama). In definitiva la Chiesa contribuì all’attuale isolamento degli USA. (Con questo non nego le tue citazioni, sto solo dicendo che non sempre è andata così).

Per quanto riguarda il passaggio del sistema elettorale al maggioritario mi appare evidente il fatto che il referendum portò in sostanza ad una modifica legislativa, non all’abolizione di una legge, con ciò tradendo lo spirito della Costituzione, anche se essa formalmente venne rispettata. Ma anche qui c’erano potenti interessi in gioco.

Per quanto riguarda Veronesi avevo fatto un po’ di confusione, il riferimento al basilico non era esattamente suo:

Yahoo! Notizie
Mercoledì 3 Novembre 2004, 16:42
Ogm: Veronesi Lancia ‘Manifesto’ Anti-Fobia
[cut...]
il professor Francesco Sala, ordinario di Botanica generale e biotecnologia delle piante presso la Statale di Milano...
“Ricordiamo - ha aggiunto il ricercatore - che nel 2003 la Lombardia ha buttato il 20% della sua produzione di latte perche’ conteneva aflatossine sopra i livelli soglia. Ma un caso simile si era gia’ verificato nel 1999”. E’ per queste insidie che occorre allarmarsi, ha ribadito lo specialista. “La gente crede alle ‘virtu’ del biologico - ha ribadito l’esperto - ma va detto che il mais Ogm ha un contenuto in aflatossine 10-15 volte inferiore al mais bio”. E occhio anche al ‘mito’ dei prodotti nostrani. Un esempio? “Il pesto genovese fatto secondo la vera ricetta ligure contiene una quantita’ di metileugenolo, sostanza cancerogena, 600 volte superiore alla dose massima giornaliera consentita. Al contrario il pesto industriale contiene solo eugenolo, un derivato innocuo del metileugenolo. Il segreto sta nell’altezza delle piantine di basilico: vanno colte quando superano i 10 centimetri di altezza - svela Sala - perche’ quelle giovani contengono il precursore tossico che solo dopo si trasforma nel derivato innocuo”. (Opa/Adnkronos Salute)

In quanto alle mie incoerenze, forse rispecchiano semplicemente il fatto che non sono schierato a priori e quindi ci sono aspetti della Chiesa che vedo positivamente ed altri che mi fanno pensare al Medioevo.

saluti

Truman Burbank


> LA NUOVA TEOCRAZIA
23 giugno 2005 - 21h57 - Di 9b765f3a7ec5220c3e0933d0d50a5db6...

Signor Burbank,
personalmente sono convinto che talvolta (se non spesso) per riuscire ad essere "a favore di" qualcosa o qualcuno, bisogna saper essere "anti", e in molti casi è addirittura inevitabile esserlo.
Se, ad esempio, si vuol essere a favore della libertà, della democrazia, della tolleranza, della pace, della giustizia, è necessario schierarsi con vigore e coraggio CONTRO ogni forma di oppressione sociale e politica, CONTRO ogni forma d’intolleranza e di razzismo, CONTRO ogni guerra ed ogni violenza, CONTRO ogni forma d’ingiustizia sociale e via discorrendo.
Fatta questa breve premessa, mi pare davvero una litania noiosa ed ossessiva quella di rammentare, esaltare e sottolineare ogni volta il "grande" merito di papa Wojtyla il quale si è "fermamente" e "strenuamente" opposto alla guerra in Iraq!
Avrei voluto vedere che non lo avesse fatto, dato che gli conveniva farlo!
Tale posizione è stata funzionale alla rinnovata strategia politico-egemonica del Vaticano negli ultimi 20-25 anni, una strategia tesa a riaffermare il primato e la centralità, non solo spirituale, della Chiesa cattolica romana nella scena politica nazionale ed internazionale.
In tale direzione ed in tale ottica va inquadrata la storica battaglia di Giovanni Paolo II contro i regimi dell’Est europeo, ma anche contro il neoliberismo guerrafondaio made in U.S.A.
Allora tutti hanno celebrato ed osannato la figura del papa polacco che, dopo la sua morte, ha addirittura ricevuto in omaggio una vera e propria beatificazione mediatica.
Ma, indagando bene in profondità, penetrando oltre gli orpelli superficiali delle belle parole, delle facili prediche e delle dichiarazioni di principio, ci si aggorge che quella è stata solo una linea strumentale ed ipocrita, un atteggiamento di facciata, un’opposizione meramente verbale.
Il pontificato di Karol Wojtyla è stato invece profondamente segnato da altre vicende, molto meno nobili ed edificanti, di cui quasi nessuno ha osato parlare.
Si pensi al sostegno esplicitamente offerto ad alcuni tra i più feroci, criminali e sanguinari regimi della storia contemporanea, mi riferisco alla dittatura di Pinochet in Cile; si pensi alla condanna ed alla censura nei confronti della teologia della liberazione e del dissenso interno alla Chiesa; si pensi alla copertura morale offerta al cardinale Marcinkus, principale responsabile e protagonista dello scandalo Ior, la banca vaticana; si pensi all’oscurantismo culturale, al conservatorismo e al primitivismo di stampo medioevale in materia di diritti al divorzio e all’aborto (tanto per citare i temi più bollenti), e in generale rispetto all’emancipazione dei costumi sessuali delle donne e non solo; si pensi al processo di restaurazione autoritaria, assolutistica e verticistica compiuto all’interno della Chiesa e del suo apparato di potere; si pensi all’ecumenismo fittizio di Wojtyla, espresso soltanto a parole, ma nei fatti contraddetto da innumerevoli e spiacevoli vicende di intolleranza, di ingerenza, di sopraffazione, e peggio ancora!!!
Insomma, come al solito, SI PREDICA BENE E SI RAZZOLA MALE, MALISSIMO! E questo è un malcostume tipico e ricorrente nella storia secolare del papato e della Chiesa cattolica romana, campionessa universale dell’ipocrisia e della menzogna!
Ebbene, se Wojtyla è stato un papa "conservatore", Ratzinger è addirittura un reazionario!
Un esempio alquanto emblematico e significativo di questa svolta in senso reazionario compiuta dal Vaticano e dalla CEI del cardinale Ruini, lo si è immediatamente avuto durante l’ultima campagna referendaria, nella quale la scelta astensionista non è stata casuale, ma studiata con diabolico cinismo.
Si pensi ai metodi intimidatori ed alle ingerenze esercitate dai vescovi, dai preti, dal clero (alto e basso) più reazionario e retrogrado, nei confronti di milioni di fedeli, di parrocchiani, di credenti, a cui è stato impedito di esprimersi democraticamente, secondo la libertà di coscienza.
Non a caso la tattica astensionista, oltre che intercettare (come molti opinionisti hanno già osservato) l’astensionismo "fisiologico", ha precluso la libertà di voto proprio attraverso la soppressione della segretezza, nella misura in cui nel segreto dell’urna l’elettore (specie se ricattabile e vulnerabile) si sente più tutelato.
Non è un caso, infine, che persino autorevoli personalità dell’odierno dissenso cattolico (mi riferisco, ad esempio, a Don Vitaliano Della Sala) non hanno potuto far sentire la propria voce, avendo subito ricatti ed imposizioni di stampo terroristico...

Credo che possa bastare, signor Burbank?

Saluti libertari,
Don Chisciotte





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Jamais on ne corrompt le peuple, mais souvent on le trompe. Jean-Jacques Rousseau
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito