Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
CAN YOU SEE?

di : viviana
lunedì 4 luglio 2005 - 17h00
JPEG - 19.2 Kb

di Viviana Vivarelli

Coloro che si scagliano visceralmente contro gli zingari, o gli extracomunitari o i negri o gli ebrei fanno inconsciamente il gioco di gente bastarda che devia la loro rabbia contro falsi bersagli, per impedire il formarsi di una coscienza di classe o di un’etica sociale che attacchi come veri pericoli quelli che ci comandano.

C’e’ chi ruba e chi ruba. "Can You see?"

“Abbiamo tutti fame e sete di giustizia”

”Se non faremo giustizia, non ne meriteremo”.

“Ma se non ci daranno giustizia, capitera’ che non sapremo darla nemmeno agli altri”.

"L’ingiustizia non e’ una situazione, e’ una cecita’".

Come nell’elefante descritto dai ciechi nella famosa storiella (chi descrive la zampa e chi la coda), ognuno parla della realta’ che gli duole, nessuno vede l’intero elefante, la realta’ ci sta attorno ma la ignoriamo. Molti non cercano nemmeno di sapere com’e’ fatta, ma sfogano solo una rabbia interiore, una specie di fame inespressa, che sceglie la via della violenza e vuole un capro espiatorio. Ognuno ha i suoi motivi, personali e sociali, per dire quello che dice. E i fenomeni di proiezione sono tanti, spesso incontrollati e ignoti al portatore. Spesso parliamo e non sappiamo.

Attaccare i rom o i migranti o i neri o gli ebrei e’ facile, troppo facile. Purtroppo fare la guerra tra poveri non serve. Se non si capisce che il grande discrimine non e’ quello tra sindi e rom, ma quello tra potenti e deboli e che noi, qui, non siamo proprio dalla parte degli inaccessibili, che piuttosto ci controllano e ci censurano, ci marcano e ci vendono, e che la nostra presunta sicurezza e rispettabilita’ sono molto fragili e provvisorie, allora non abbiamo capito niente.

I piazzaioli delle viscere, i trippaioli truffaldini, avranno sempre buon gioco e riusciranno facilmente a far riversare le nostre rabbie in questi canali di scarico di basso servizio, molto utili al potere ma dove non faremo che peggiorare il mondo, senza far cosa utile nemmeno a noi.

Le effervescenze di rivolta devono arrivare alla testa, passando per il cuore, o produrranno solo scarti intestinali, uomi bassi.

Eppure dovrebbe esser chiaro che questi sono mezzi triviali, pilotati ad arte per decentrare il furore, ben utili a tener salvi i potenti, in una totale impunita’ e irresponsabilita’. Piu’ ti sfogherai in basso, piu’ il potere stara’ ben saldo in alto.

Se proprio vogliamo trovare degli avversari, sara’ meglio che guardiamo piu’ su, verso i veri ladri della vita. Il rom puo’ farmi un piccolo furto ma c’e’ chi mi deruba tutti i giorni di me stesso, dei miei beni e dei miei diritti e io potrei essere cosi’ cieco da dargli anche una mano, credendo che il nemico sia altrove.

Del resto le societa’ del benessere sono proprio quelle che mostrano i gap giganteschi tra ricchi e poveri.

A Tokio il numero dei clochard e’ impressionante. Il governo da’ loro piccole canadesi che essi alzano lungo i fiumi, e gli inverni sono gelidi.

Nella grande mela, accanto ai grattacieli sconfinati e ai grandi centri di potere finanziario, vagano centinaia di homeless, non sono zingari ne’ emarginati per DNA difettoso; appena ieri erano benpensanti come noi, travet, operai, impiegati, persino dirigenti, gente cosiddetta normale.. e, mentre Bush scarica la sua follia elitaria per favorire i censi alti, i barboni aumentano e aumentano e aumentano. Un enorme quantita’ di senzatetto, non solo vecchi ma giovani, donne, bambini, per strada, nei dormitori, sotto i ponti, come all’epoca della grande crisi del ’29. Alcuni hanno semplicemente perso il lavoro, altri si sono semplicemente ammalati senza una assicurazione costosa per le spese, altri ancora hanno divorziato e sono stati stroncati dalle spese conseguenti. Basta poco in America per diventare un barbone: un incidente, una malattia, un periodo lungo di disoccupazione, un fallimento, una detenzione.

Penso a Fini che marcia sparato per imprigionare i giovani fumatori di spinelli che riempiranno le carceri italiane di un altro 25% e che saranno segnati a vita, con una fedina penale che impedira’ loro un lavoro.

A New York mancano le case popolari, mancano quei centri di ricovero, di cui parlavamo, dove si possa avere un riparo e acqua e luce e gabinetti a costo minimo, buoni per i rom, come per i migranti, come per il pensionato solo e sfrattato, come per il disoccupato.

La societa’ opulenta e’ tanto prodiga per i gia’ ricchi a cui fa regali di ogni sorta, e a cui dona sempre nuove riforme fiscali propizie, nuovi condoni, nuove depenalizzazioni, nuove collusioni, ma non provvede nulla per chi non ha o non puo’.

E i nuovi governi neocon sono cosi’ lesti a parlare di diminuzione dello stato sociale e di privatizzazione dei servizi e dei beni essenziali e di riduzioni di tasse ai ceti alti con conseguente riduzione dei servizi alle classi basse....

E quelli che qui fanno i razzisti sono cosi’ pronti anch’essi a dare il loro voto a chi difende solo il regno del privilegio e perpetua l’ingiustizia.

In una societa’ giusta ci sarebbe modo di dare un minimo di sopravvivenza civile al rom come agli altri elementi deboli o emarginati della societa’.

In una societa’ giusta la parola ‘emarginato’ sarebbe una bestemmia.

Una societa’ giusta non e’ quella dove gli anziani pensionati vengono sfrattati con violenza dalle case dell’esercito o della finanza, come non e’ quella predisposta dall’assessore Manca che la miseria o il degrado li alimenta e i suoi topi vorrebbe stroncarli.

L’emarginazione non nasce da etichette, nasce dalla miseria. Non c’e’ etichetta di questo mondo che tenga se arriva provvista di bei soldoni: comunista, ebreo, albanese, sovietico, negro, terrorista, mafioso... tutte si nullificano se uno si presenta pieno di denaro, sia pure sporco, perche’ la prima regola di questa societa’ e’ che il denaro, quando e’ molto, non e’ mai sporco, anzi apre la strada di ogni potere.

Quando in un paese gli affitti sono superiori all’inflazione, quando mancano alloggi a basso costo e strutture di sostegno ai deboli, quando i prezzi aumentano in modo incontrollato senza intervento pubblico, quando la scuola pubblica viene deteriorata, e i concorsi e le assunzioni sono gestiti da abusi politici, quando vivi in mezzo a una criminalita’ collusa con lo stato, quando nemmeno con due stipendi riesci a far fronte alle spese e un figlio o una malattia ti azzoppano, quando un terremoto ti distrugge la casa ma vent’anni dopo ancora lo stato non te l’ha ricostruita, quando l’interesse dei padroni e’ portarti a meri limiti della sopravvivenza o anche sotto, quando si precarizza il lavoro ai limiti dell’impossibile, quando non si guarda in faccia alla fonte delle ricchezze e chi ruba in grande viene premiato anche dall’elettore... non mi pare che quello sia il luogo adatto a fare una guerra tra emarginati.

Quello e’ un mondo dove domina l’ingiustizia e ci andrei piano con i calci in faccia ai deboli, perche’ in quel disgraziato paese siamo tutti a un passo dal diventare deboli.

Quello e’ il luogo dove deve nascere la pieta’ per chi non e’ riconosciuto come essere umano. In quello stato siamo tutti emarginati, e’ solo questione di grado, e’ solo questione di tempo.

A New York una persona su venti non e’ in grado di pagarsi una casa, forse voi penserete che quello sia un alcolizzato, un demente, un vagabondo,un vecchio, in realta’ e’ piu’ spesso un ragazzo di colore. E avra’ forti probabilita’ di diventare un delinquente minorile e di morire giovane di morte violenta. E se si passa da New York alle altre grandi citta’ del mondo, Kinsasa, Nairobi, Rio, Buenos Aires, Napoli, Bombay.. e’ lo stesso, eserciti di ragazzi vagano per le strade, eserciti di anime che non interessano ne’ a governi ne’ a scuole ne’ a chiese ne’ a partiti. Che saranno preda dei signori della droga, del racket della prostituzione, delle centrali del furto, delle mafie locali, e infine degli arruolatori militari.

E c’e’ un’altra cosa che continuo a vedere trascurata. Mi puo’ anche andar bene l’avversione al furto, mi va meno bene che si facciano discriminazioni tra chi ruba in piccolo o chi si permette di rubare in grande. Il furto deve essere furto a ogni livello.

Ruba il ragazzino rom, vedo la sua manina nera nella mia borsa, lo vedo e mi ribello, ma perche’ non mi ribello allora alla mano che in alto mi deruba anche se non la vedo? Solo perche’ la sua mano non e’ materialmente visibile nel mio metro quadro di vita?

Ruba anche il capo partito ormai incapace anche di parlare e che potrebbe vivere lautamente della sua pensione di senatore e che invece occupa posti in cui non lavora, magari anche un doppio incarico, nazionale e europeo, approfittandone per allocare in ruoli alti figli e cognati.

Quando di parla di furto deve valere ogni tipo di furto. Quando si parla di gente che non lavora, deve valere ogni tipo di gente che non lavora. Quando si parla di emarginazione, ci si dovrebbe riferire ad ogni tipo di emarginazione.

Quel senatur che occupa ossessivamente due posti non solo impedisce a qualcuno migliore di fare il lavoro che lui non fa, ma ruba a me personalmente 25 milioni al mese piu’ altri 24 milioni, e dunque 49 milioni come minimo,‘senza fare niente, ‘senza laurar’. Lo zingarello lo vedo che mi ruba 2 euro una volta nella vita, il senatur non lo vedo ma mi ruba 24.000 euro ogni mese, come minimo, e contro di lui non apro bocca, come non dico nulla a quei ’pianisti’ che hanno a noia anche a entrare in parlamento e danno il voto per la mano di un altro, come non lavorano i capimafia, i palazzinari, i riciclatori di denaro sporco, gli usurai, i politicanti, i portaborse, gli affaristi, gli speculatori di Borsa, gli agenti segreti veri o fasulli, i vari Saya, i faccendieri, i capo bordello, i trafficanti di bambini o di carne umana, i venditori di porno, spregevoli figure certo, ma anche quelli che prendono una pensione di invalidita’ fasulla o vanno in pensione dopo 12 anni di lavoro, o dopo sei mesi di legislatura o i figli di padre celebre che ereditano cariche anche se nullafacenti e nullapensanti....

Il mondo e’ pieno di gente che mi deruba senza lavorare, che distrugge le mie sicurezze economiche e sociali, che mi rovina la vita. Dal piccolo ladruncolo posso anche difendermi, da questi no.

Dire della sofferenza di un rom, escluso, rigettato, calpestato, non padrone nemmeno di quelle due poche cose che sono sue e che possono venire schiacciate di colpo da una ruspa, non padrone di un angolo di mondo dove essere accolto, riconoscere che dietro la sua sofferenza c’e’ un uomo, una donna, un bambino non significa perdere di vista la sofferenza del disoccupato, dell’anziano, del povero, del salariato, del precario, del malato, dell’handicappato.

Anzi, in genere, chi vuole condizioni di vita migliori per un rom, le vuole anche per tutti gli altri emarginati del potere. Chi si fissa sul rom, come sull’extracomunitario, non vede altro che quello ed e’ la preda piu’ facile per il potente malintenzionato che lo sua come una pedina. Finche’ ci picchieremo tra di noi nullatenenti, il potere si ingrassera’ indisturbato.

In una societa’ dove la vita umana non conta nulla, e dove tutto si divide nelle due grandi classi di chi ha il potere e di chi non ce l’ha, o c’e’ una pietas che ci riporti all’umano o siamo in pericolo tutti.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La question est de savoir dans quels cas et jusqu'à quel point nous sommes obligés d'obéir à un système injuste. John Rawls
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito