Archives : IT | EN | ES

Les articles depuis 2022

La sequenza fotografica dell’assassinio di Carlo Giuliani

samedi 21 juillet 2001 - 4 coms
L’ESECUZIONE
Genova, piazza Alimonda. Sono le ore 17.20 del 20/07/2001
foto1

Una jeep dei carabinieri rimane incastrata in una stradina
stretta, tra il marciapiede e un cassonetto, e viene circondata da un gruppo di manifestanti. Il finestrino posteriore non esiste più, perché è stato sfondato a colpi di anfibio da uno dei militari presenti all’interno del mezzo per aprire un varco utile a colpire i manifestanti : contro questi ultimi viene lanciato un estintore dall’interno del mezzo.

Dietro sulla sinistra è possibile vedere due carabinieri chiamare rinforzi, che da immagini a campo largo si vedono essere massicciamente presenti a meno di 30 metri. Quindi è una menzogna quella secondo cui i manifestanti avrebbero assaltato una jeep isolata.

Ma inspiegabilmente gli uomini della Celere stanno fermi,
non intervengono.

foto2

Il carabiniere sul retro punta la pistola fuori dal finestrino posteriore. Il ragazzo con la felpa lo vede. Carlo Giuliani (il ragazzo in canottiera e con il passamontagna) invece non se ne accorge perché sta guardando a terra, dove probabilmente vede l’estintore che sta per raccogliere.

foto3

Il ragazzo con la felpa, impaurito dalla vista dell’arma,
tenta di correre lontano dalla jeep. Sembra che gli altri
manifestanti invece non si siano accorti della pistola puntata.

Carlo Giuliani raccoglie l’estintore.

foto4

Carlo Giuliani ha ora l’estintore in mano, di fronte alla
faccia del carabiniere. Probabilmente solo ora si è accorto di essere sotto tiro di una pistola.

foto4bis

Questa inquadratura laterale permette di valutare le reali distanze della scena, rivelando lo schiacciamento prospettico delle immagini scattate col teleobiettivo : nel momento in cui Carlo solleva l’estintore e sta per partire il colpo che lo uccide, si trova a circa quattro metri della camionetta.

Questo vuol dire che il carabiniere a bordo sta per sparare

- mirando deliberatamente alla testa di Carlo - senza essere particolarmente pressato da una aggressione ravvicinata o da situazione di rischio immediato per se stesso.

foto5

La pistola punta direttamente alla testa di Carlo. E’ una spietata esecuzione.
Presa la mira, il carabiniere esplode due colpi, uno dei quali colpisce il ragazzo : entra sotto lo zigomo sinistro e fuoriesce dalla nuca. Sono le 17.27.

foto6

Carlo cade a terra, colpito. Il rinculo del colpo lo fa sbandare prima di cadere. In questo momento la jeep è ancora incastrata al marciapiede.

foto7

L’autista fa retromarcia sul corpo di Carlo. Il carabiniere che ha sparato si copre il volto con le mani.

foto8

L’autista ingrana la prima : passando per la seconda volta
sul corpo di Carlo, il mezzo si muove di pochi metri in avanti, dove molti rinforzi stanno ad aspettare. Se erano così vicini, perchè è stato necessario sparare ? Il carabiniere sulla sinistra si mette le mani sul casco, in stato di shock.

Quello che ha sparato è ora visibile, indossa un passamontagna di quelli in dotazione da mettere sotto le maschere antigas.

Ma non ha né maschera antigas, né casco. Anche l’autista indossa solo un passamontagna.

foto9
foto9a foto9b

Carlo rimane senza vita sull’asfalto. Alcuni manifestanti si precipitano a soccorrerlo, cercando di evitare che si dissangui.

Le forze dell’ordine ora intervengono in massa, e con violente cariche e lanci di lacrimogeni proibiscono a chiunque di avvicinarsi al luogo in cui lo Stato ha appena commesso uno spietato omicidio.

Gli scontri attorno al corpo di Carlo proseguono per molte
ore. Nel frattempo, con le prime dichiarazioni, le forze dell’ordine negano la responsabilità dell’accaduto.

I filmati televisivi mostreranno un celerino rincorrere un manifestante urlandogli "lo hai ucciso tu, con una pietra !", e questa è la pazzesca versione che gli responsabili di carabinieri e polizia tenteranno di accreditare, prima che queste immagini inizino a fare il giro delle agenzie e chiariscano a tutti da che parte è la verità.

clicca per ingrandire

Il personale della Pubblica Assistenza riesce ad entrare nel cerchio che le forze dell’ordine hanno eretto attorno al corpo di Carlo. China su di lui, un’infermiera disperata si tiene la testa tra le mani. Non c’è più nulla da fare.

Dall’analisi di questa sequenza quindi ci si accorge che :
- La cosiddetta aggressione dei manifestanti alla camionetta poteva essere dispersa con l’intervento delle decine di uomini (bardati di tutto punto) presenti a pochi metri di distanza.

Non si è trattato, come è stato fatto credere per giustificare il ricorso estremo alla pistola, di una offensiva a una jeep isolata e a due singoli militari.

- La situazione di rischio per i carabinieri presenti all’interno della jeep, derivante dall’assenza del lunotto posteriore, è stata determinata dalla assurda scelta dei militari stessi di infrangere il finestrino.

- Carlo si è avvicinato alla jeep a mani nude, e ha raccolto l’estintore dopo averne subito il lancio da parte del carabiniere.

La sua è stata quindi una reazione a un gesto potenzialmente omicida compiuto dal militare.

- La scelta di ricorrere all’arma da parte del carabiniere è stata assolutamente indipendente dalla sua preoccupazione
per le possibili conseguenze del gesto di Carlo, dato che
il militare estrae la pistola e la punta sulla folla ben prima che il ragazzo raccolga l’estintore e lo rivolga verso la camionetta.

- Il carabiniere aveva tutto il tempo di utilizzare l’arma
in maniera meno drastica, tentando un colpo in aria o - in
ipotesi estrema - mirando a punti non vitali. Invece il militare, quando Carlo è ancora a diversi metri dalla camionetta, sceglie di mirare alla testa del ragazzo ed esplode due colpi.

Caro lettore, già che sei arrivato fin qui ragiona un secondo : tu sei un carabiniere e ti trovi all’interno di
una jeep chiusa. Hai dei facinorosi attorno, che sono a mani nude. Che cosa fai ? Rompi a calci il finestrino, scagli fuori un estintore, estrai la pistola e la punti sulla folla, poi

- quando un manifestante raccoglie l’estintore - prima ancora che costui si avvicini alla jeep miri alla testa (alla testa, cristo) e spari. E hanno il coraggio di chiamarla LEGITTIMA DIFESA !!!

foto10

"Hanno ucciso un ragazzo nella piazza dove sono nato"

Per non dimenticare Carlo Giuliani, 23 anni, assassinato dal regime italiano il 20 luglio 2001.

Questa è la testimonianza oculare di un amico di Carlo :

Ero piazza Alimonda il 20 luglio alle 17.

Ero con Carlo ed alcuni altri fratelli davanti al mezzo dei
CC apparentemente "bloccato" tra cassonetto e non si sa bene cosa.

Eravamo in pochi lì davanti, una dozzina forse, e la nostra attenzione non era proprio rivolta verso il fuoristrada dei carabinieri bensì verso il plotone di celerini che, maschera antigas indossata, lanciavano pietre e puntavano fucili verso i manifestanti.

I secondi scorrevano istante per istante, fotogramma per fotogramma.

Mi ha fin da subito stupito che quella jeep e chi era rimasto dentro (ho ben chiara l’immagine di un carrubba che ha il tempo di uscire e di raggiungere gli altri) facessero "cose strane" : prima ancora che un paio di compagni si avvicinassero ai finestrini lato manifestanti, il carabiniere all’interno colpiva ripetutamente a suon di anfibio il lunotto posteriore del fuoristrada cercando di romperlo.

Ho visto chiaramente l’anfibio del militare sfondare il vetroposteriore della jeep.

E’ stato proprio questo gesto inconsueto, apparentemente non comprensibile che mi ha fatto istintivamente allontanare e correre sul sagrato della chiesa.

Mentre correvo verso il muro della chiesa avevo gia’ la sensazione di ripararmi da qualcosa che non erano pietre o lacrimogeni.

Ero appena rientrato dalla testa del corteo disobbediente che cercava di difendersi dalla brutale e inarrestabile violenza dei celerini che caricavano la gente con blindati, sassi e lacrimogeni e avevo gia’ visto quelle camionette CC che arretravano in retromarcia con la portiera aperta e la pistola puntata ad altezza d’uomo verso la folla.

Avevo gia’ sentito pochi minuti prima quei suoni "diversi",
quegli spari secchi e concisi che si distinguevano da quelli dei lacrimogeni. Ma non avevo ancora realizzato.

Quando mi sono girato, spalle al muro, verso la strada ho
visto il corpo che giaceva immobile per terra. Il mio respiro e il mio tempo si erano fermati. Mi sono precipitato sul corpo urlandomi dentro : "Non e’ possibile ! Perchè ??! Perchè ??!!".

Mi sono fermato un’istante che non finiva mai guardando Carlo, poi mi sono girato verso quegli assassini in divisa che indicavano il corpo coi manganelli e che cominciavano a correre verso di noi urlando.

Sono corso via con le lacrime in volto, con la morte dentro
e con quegli spari che mi rimbalzavano nei timpani.

Ho visto la testa zampillare di sangue, e poteva essere la mia.

Ho visto un corpo trucidato dal piombo, e poteva essere il mio.

Ho visto un fratello cadere...era un mio fratello !!!

Carlo era uno di noi.

VERITA’ SULL’OMICIDIO DI CARLO.

VERITA’ SUI FATTI DI GENOVA.

This document saved from http://www.avvelenata.it/g8/carlo.html

Messages

  • Il militare che ha sparato è stato un incapace e dovrebbe pagare per la sua mancanza di professionalità : anche in momenti così imprevedibili un pubblico ufficiale dovrebbe essere addestrato a mantenere la calma quanto più possibile e a non sparare colpi se non come ultimissima chance.
    Ma per favore, non mistifichiamo i fatti. Carlo Giuliani era al posto sbagliato nel momento sbagliato. Non metto in dubbio le sue profonde intenzioni nel credere in un mondo migliore ma non metto in dubbio nemmeno la sua diretta responsabilità dell’accaduto.
    Evidentemente Carlo Giuliani non ha "manifestato" in maniera ragionata e moderata anzi, ha osato metter mano alla violenza pur di imporre le proprie ragioni e quelle dei suoi fratelli. Carlo Giuliani ha sbagliato ad essere lì e a non capirlo.
    In faccende come queste, dove si è pervasi da un forte sentimento di tristezza per la morte di un giovane uomo risulta banale voler attribuire in maniera deterministica chi ha torto e chi ha ragione ; ma è necessario riflettere su quanto è accaduto per evitarne il ritorno.
    Nonostante la vita ci insegni che nulla è mai chiaramente scindibile a livello morale e che al contrario essa è frutto della più variegata moltitudine di punti di vista, a volte è volutamente spietata ; in casi come questi invece del solito arcobaleno di diversità esistono solamente due toni, bianco come vita e nero come morte. Tiziano Fioriti

    • il carabiniere che ha sparato non è tanto un incapace quanto un individuo oggettivamente pericoloso , sostanzialmente uno con la pistola facile , uno che speri di non incontrare mai nè in un posto di blocco nè durante una perquisizione , uno che ti spara perchè ha paura e poi gli dispiace . Di tutta questa orrenda vicenda l’unica cosa positiva è che quel tale non fa più il carabiniere e quindi non è più in grado potenzialmente di far male a nessuno . Il problema non è tanto che il povero Giuliani si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, ma che è andato ad incocciare in un vigliacco con la pistola facile .
      E , se permettete un ricordo personale, come è ora impossibile per chiunque raccontare balle su come si svolgono i fatti : l’assassinio ( perchè di assassinio si tratta ) di Giuliani è stato ripreso e fotografato in ogni prospettiva , così le balle vengono subito smascherate : per esempio, l’estintore è stato prima lanciato dalla jeep della polizia , e quindi si deve suppore che il rilanciarlo dentro la jeep non fosse pericoloso .
      Ai miei tempi mancavano riprese e foto e le ricosrtuzioni dei fatti erano spesso delle vere e proprie imprese impossibili.

      Buster Brown

  • Apriamo gli occhi,strappiamo via la patina di menzogna che lo stato italiano ha riposto su di noi.Coscenziosi e non più assopiti nell’ignavia più pericolosa NON DIMENTICHIAMO ! CARLO GIULIANI è solo una delle tante ingiuste vittime dell’irrazionale potere italiano.Chi ha ucciso Carlo Giuliani non è altro che un manichino nelle mani di un potere INGIUSTO e sopratutto VIOLENTO.Ma se la giustizia non esiste saremo NOI insieme,uniti l’uno con l’altro ad estirapare via il germe dell’odio di chi non ha coscienza !non dimentichiamo le vittime di assassini pagati,agevolati,ancora liberi dello stato italiano !!!

  • sono repressi non sò perchè, sono violenti gli uomini in divisa, io stò piangendo di rabbia per un ragazzo ucciso in mezzo alla strada. perchè ? leoni con i deboli e pecore con quelli veri. VERGOGNATEVI SIETE PERSONE ANCHE VOI POLIZIOTTI, CHI VI CREDETE DI ESSERE..LA GENTE NON VI AMA..ANZI IO PROVO UN GRANDE ASTIO dopo averci avuto a che fare purtroppo con voi che per un pezzo di fumo mi avete ammanettato in mezzo alla strada e ora non mi sento più il dorso della mano, ho perso la sensibilità, mi sembra di avere una pietra sulla mano, siete bestie. avete ucciso un ragazzo, lui era lì per un suo ideale, voi PAGATI dalle nostre tasse. vergogna. sabrina.

Derniers articles sur Bellaciao :