Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Meglio un uomo in gonna o una donna in camicia nera?

di : Vladimir Luxuria
martedì 14 marzo 2006 - 13h40
5 commenti
GIF - 17.7 Kb

Riflessioni su Mussolini(nonno e nipote), i “froci” e il confino

di Vladimir Luxuria

“Frocio” è il termine dispregiativo con il quale vengono definiti i gay nell’area del centro-Italia, “culattone” è più usato al Nord. Il ministro Tremaglia di Alleanza nazionale nell’ottobre 2004 scrisse su carta intestata del Ministero «I culattoni sono in maggioranza» riferendosi alla sfiducia del Parlamento europeo a Buttiglione che aveva abbinato al concetto di omosessualità quello di peccato, “culattoni” sono quelli che, secondo l’ex Ministro Calderoli, hanno «un’assurda pretesa di privilegi» parlando di unioni civili. L’altro ieri durante “Porta a porta” l’onorevole Alessandra Mussolini ha detto: «Meglio essere fascisti che froci». Adesso manca qualcun altro che usi il termine meridionale “ricchione” per completare la gamma linguistica di epiteti omofobi.

“Frocio” probabilmente deriva dal latino “flaccus”, aggettivo per “floscio, molle”, infatti la “mollezza” (D’Annunzio docet) è stata in passato vista come sintomo di effeminatezza al contrario della durezza virile, della marmorea mascolinità delle sculture fasciste, come quelle dello Stadio dei Marmi a Roma. Quello di Alessandra Mussolini è stato un atto di sincerità: inutile usare eufemismi, argomentare in maniera civile la propria contrarietà alle unioni civili, la verità è che questi gay proprio non li sopportiamo.

Eppure il 6 gennaio 1995 sulle pagine del Corriere della Sera, in un’intervista a Massimo Consoli la nipote del Duce dal cognome impegnativo contrastava il suo nemico di sempre, Storace, sulle presunte unghie laccate del verde Paissan: «Già qualche anno fa ero in controtendenza rispetto al mio partito (allora An, ndr) perché un ragazzo fu allontanato dal Fronte della Gioventù in quanto omosessuale. Un gay può dare generosità, amore, affetto, una casa, un’istruzione, un’educazione a un figlio. Sono convinta che possa farlo allo stesso modo di un eterosessuale. La sfera dell’affettività non ha sesso». Solo una decina di anni fa Mussolini non solo era favorevole alle unioni civili ma addirittura all’equiparazione al matrimonio, come Zapatero in Spagna. Per carità, ognuno ha il diritto di cambiare idea, ma le ho dichiarato il sospetto che a furia di frequentare Fiori o Tilgher anche una donna che sembrava così forte come lei si sia piegata al maschilismo autoritario. E’ legittimo pensare che rivedrà anche le sue idee sulle norme anti-stupro e sulla dignità della donna e presto si metta a parlare solo di mogli-madri.

C’è però un punto di questa vecchia intervista sulla quale la leader di Alternativa Sociale non ha cambiato idea, ovvero sul fatto che il nonno Benito non sarebbe stato aggressivo nei confronti dei gay, che durante il fascismo non ci sarebbe stata una vera e propria persecuzione. Certo, in Italia non ci sono stati i lager dove gli omosessuali, contraddistinti dal triangolo rosa, venivano deportati e uccisi, eppure il fascismo aveva stretto un’alleanza con il nazismo di Hitler; da noi sono stati più “soft”, anche se proprio delicati non erano gli squadristi che massacravano di botte omosessuali o presunti tali al suono di slogan come “Per il bene della razza al confino il pederasta! ”.

Il “confino” era un provvedimento di polizia, senza processo regolare, che obbligava ad abitare per anni in una località ristretta, poco abitata e difficilmente raggiungibile: in pratica ti costringevano a lasciare la tua città e i tuoi affetti con una piccola valigia per occultare il vizio, era la punizione per comportamenti ritenuti immorali. Nel dopoguerra è stato abolito il confino politico ma non quello comune all’interno del Testo unico di pubblica sicurezza, al punto che una delle prime transessuali italiane, la famosa “Romanina” di Firenze fu confinata in un paesino in provincia di Foggia per esiliare lo scandalo del cambiamento di sesso.

Durante il fascismo il terrore di tutti gli omosessuali, quelli di “Una giornata particolare” di Ettore Scola per intenderci, era il questore Molina di Catania: nel 1940 confinò 56 persone nell’isoletta di San Domino delle Tremiti. Il problema di un’esatta ricostruzione storica della persecuzione omofoba del periodo nazi-fascista è dovuta alla mancanza di memoria collettiva: diversamente dagli ebrei i gay non avevano una comunità, erano clandestini, nascosti; erano stati scoperti, non avevano fatto “coming-out”, a volte accusare qualcuno di sodomia serviva anche come dispetto personale indipendentemente dalla fondatezza dell’accusa. I gay erano accusati di non consentire la proliferazione della razza italiana, così come oggi veniamo accusati di essere gli eredi di Erode, quelli contro i bambini, gli zozzoni contro le anime innocenti.

Per fortuna quando Mussolini ha detto “frocio” era notte fonda e non c’erano bambini a guardare la tv. Per il resto saranno gli elettori a decidere se mettere nella maggioranza una persona che usa questi termini in un dibattito politico, a decidere se, come ha detto Pippo Baudo in radio da Fiorello (e lo ringrazio) è meglio vedere un uomo con una gonna oppure uno con la camicia nera e un manganello in mano.

http://www.liberazione.it/giornale/...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Meglio un uomo in gonna o una donna in camicia nera?
14 marzo 2006 - 17h42 - Di b715f99eb222e786af36c1cfd402ed6c...

ciao Vladimir,
il confino veramente esiste ancora
e si chiama art.1,
non so se arriveranno a darlo pure ai gay
coll’aria che tira!

Credo che sai di cosa parlo:
la diffida a frequentare persone
con precedenti, a non muoverti
da casa a non partecipare a manifestazioni.

Comunque nun te fidà de Pippo Franco
quello, come la nipote dello scucchione,
è pronto a spostà il bagaglino
secondo il vento che tira.
con affetto
ma perchè ti sei messa in questo carrozzone
elettorale?;-)

vittoria



> Meglio un uomo in gonna o una donna in camicia nera?
14 marzo 2006 - 23h22 - Di b7166d6d9fe8dfcb854d747d1162b365...

Vladimir mi sei piaciuta da quel coglione di Vespa...a parte le interviste e le chiacchierate rilassate (all’epoca del Costanzo show) non ti avevo mai sentito...hai risposto con dignità e preparazione atutti gli attacchi ignoranti e xenofobi mussoliniani.



> Meglio un uomo in gonna o una donna in camicia nera?
15 marzo 2006 - 07h58 - Di e8aeff7d6d7e1be024b793f83d9361c9...

Complimenti, Vladimir, per lo stile, la sobrieta’ e l’intelligenza. La Mussolini ha dato di se’ uno spettacolo miserevole, aveva proprio perso le staffe e ti voleva usare come capro espiatorio. Ma mettiti nei suoi panni! Era appena stata trombata per la seconda volta da uno a cui deve stare accanto come alleata, ingoiando rospi senza fine, pensando che ha frugato oscenamente nella sua vita cercando di appiccicarle dossier al veleno. A te forse non ti rivede, ma quello se lo deve sorbire ogni giorno quando sara’ all’opposizione, compagno di schieramento, ogni giorno della sua vita politica, una cosa cosi’ insopportabile da non poterla nemmeno pensare!. Ah, che boccone amaro e’ il potere! Tu hai fatto una bellissimo figura. Loro si sono rigirati nel brago. Poveri disgraziati! Sono cosi’ cattivi che la cattiveria li infetta l’un l’altro. La cosa vergognosa e’ che continuano a ripetere che il centrosinistra ha in se’ rapporti poco amichevoli! Mentre loro sono cosi’ in amicizia che cercano di fottersi nei modi piu’ spietati. Hanno tentato di svergognare Marrazzo inventandogli una relazione con un trans, mentre sono loro uno scandalo perpetuo. Hanno tentato di svergognare Caruso attribuendogli perfino le auto incendiate a Milano. Sono talmente serpi che si avvelenano col loro stesso veleno. Vogliono fare politica con questi mezzi da Cesare e Lucrezia Borgia, ma finiranno male.
Io ti faccio i miei complimenti. Spero di rivedere ancora in tv la tua sobrieta’. Siamo proprio stufi di deficiente assatanti.
E concordo con il Caruso che Striscia la notizia ci ha mostrato in televisione: sono tutti scemi costoro! Sporchi, brutti e cattivi.
cari saluti affettuosi
viviana


> Meglio un uomo in gonna o una donna in camicia nera?
20 marzo 2006 - 20h55 - Di f2c0b93dc772a2a23c89fdfbd532eb22...

Collega Vladimir, anch’io, come te, sono laureato in lingue. Sono stato in missione per alcuni anni in Uganda, dove l’omosessualità è reato ed i gay possono essere arrestati. Ho già condannato sul sito cuorineri.it la volgarità e l’inciviltà della fascista Alessandra Mussolini: se vince la destra, la democrazia è in pericolo (ma per fortuna vincerà Prodi). Ti esprimo la mia solidarietà e ti auguro di diventare parlamentare della Repubblica italiana che, per fortuna, è una Repubblica antifascista. Ciao, anzi, come si dice in Africa, jambo.

Giuseppe Liguori (missionario cattolico)



> Meglio un uomo in gonna o una donna in camicia nera?
28 novembre 2009 - 00h51 - Di Vladimiro - c95945924f3d09fe3e9d384ee4704420...

Ah Ah Ah Ah Ah





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Je n'ai qu'une passion, celle de la lumière, au nom de l'humanité qui a tant souffert et qui a droit au bonheur. Emile Zola
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito