Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Oltre tre milioni i votanti. Prodi: "Straordinario"

di : Red
lunedì 17 ottobre 2005 - 03h43
2 commenti
JPEG - 17.1 Kb

di red

«Qualcosa di straordinario è accaduto. Mai niente di simile in Europa. E alle primarie americane (abbiamo oggi fatto i conti) la quota di elettori che vota è la metà rispetto alle nostre». Romano Prodi è persino più stupito che raggiante arrivato, a urne appena chiuse, nella sede romana dell’Unione a piazza Santi Apostoli. E solo attorno alla mezzanotte confessa: «sì, sono euforico, un milione era un gran risultato ma tre milioni...»

Alle undici di sera, al 70 percento della rilevazione sui seggi sparsi in Italia, in effetti si sono superati già i tre milioni di votanti. Dopo mezzanotte con il 27% di seggi scrutinati- legge Vannino Chiti -, Romano Prodi ottiene il 75% dei voti, Fausto Bertinotti il 14,8%, Mastella il 3,8%, Di Pietro il 3,3%, Pecoraro Scanio il 2%, Scalfarotto lo 0,6%, la Panzino 0,5%. All’una di notte con il 50 percento dei seggi spogliati, Prodi è al 73,9, Bertinotti al 14,9, Mastella al 4,6, Di Pietro al 3,6, Pecoraro Scania al 2,2, Scalfarotto allo 0,6 e la Panzino allo 0,5.

Lo spoglio andrà avanti tutta la notte e la proclamazione ufficiale dei risultati sarà lunedì alle 12 e 30. Sotto la sede dell’Unione la gioia è contenuta, per il lutto di Francesco Fortugno, ucciso a Locri. Ma il Tir giallo di Prodi fa lo stesso una strombazzata e attacca qualche nota dell’Internazionale.

Prodi promette: «Lavorerò per il nuovo Ulivo in una grande Unione». Ma su questo gli altri leader dell’Unione glissano. Rutelli taglia corto: «Al dopo ci penseremo dopo». D’Alema dice che deve essere Prodi a spiegarsi meglio e comunque «decideremo tutti insieme». Boselli: «Noi abbiamo già deciso e stiamo con i Radicali». Parisi: «Cos’è un vero Ulivo? Certo non è un tram...».

Infatti per ora è un Tir e Prodi ci sale sopra. Buffamente l’abbraccio più caloroso lo riceve, e lo dà, proprio al suo sfidante Bertinotti. «Hai visto, Fausto...». E Fausto gli risponde con una dichiarazione che sottolinea unità nella coalizione e lealtà. Ma la sua partecipazione al listone viene «esclusa».

«È un risultato enorme, al di là di ogni aspettativa, che testimonia il fatto che i cittadini non hanno voluto perdere questa opportunità, questa occasione democratica», commenta Massimo D’Alema a piazza Santi Apostoli. Fin dall’apertura, i seggi sono stati presi d’assalto. Alle 19 i votanti hanno ormai superato i due milioni. E lunghe, lunghissime file si registrano ancora in molti seggi di Roma, Milano e Venezia, dove le schede elettorali sono andate a ruba. Già in mattinata, l’ufficio organizzativo dell’Unione, che si è riunito a Roma, ha infatti autorizzato l’eventuale «stampa straordinaria» di schede elettorali e del materiale cartaceo utilizzato nei gazebo-seggi. In molte sedi di voto le schede sarebbero già terminate.

Un fenomeno forse inaspettato, ma che si registra un po’ dovunque, è l’affluenza di religiosi ai seggi. A Roma, alle otto in punto, quando il seggio ancora non si era aperto, una decina di suore paoline della vicina Basilica di San Paolo, si sono presentate al seggio di via Giustiniano Imperatore per votare. Si sono anche lamentate che il seggio era poco visibile. A Milano, in una sezione del centro, un gruppo di 22 suore si è presentato appena aperte le operazioni. E anche a Venezia, in un seggio del centro storico, un padre benedettino è stato il primo votante.

A mezzanotte a Roma le proiezioni parlano di 250 mila votanti, con in testa Prodi al 73% seguito da Bertinotti al 18 % e da Di Pietro intorno al 2% e poi gli altri.

In Toscana con 258 seggi scrutinati su 824, Prodi risulta in testa con il 79,8% dei voti. Bertinotti è al 15,6%, Pecoraro Scanio all’1,5%, Antonio Di Pietro all’1,6%, Mastello lo 0,6%, Scalfarotto allo 0,5% e Panzino allo 0,3%.

In Sicilia hanno votato alle primarie dell’Unione in 180 mila. Secondo i dati resi noti dai Ds nelle province di Enna, Agrigento, Caltanissetta e palermo Romano Prodi è al 71,7%. Ad Enna, invece, raggiunge l’80%.

In Basilicata hanno votato circa 42.000 secondo e il dato quasi definitivo dà Prodi nettamente in vantaggio con circa il 60% delle preferenze, seguito da Clemente Mastella che si sta attestando al 17%.

Secondo voci non confermate in tutta Italia sarebbe stata raccolta in sottoscrizione la bella cifra di 40milioni di euro, visto che non tutti hanno dato solo l’euro pattuito come obolo, ma qualcosa di più.

http://www.unita.it/index.asp?SEZIO...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Oltre tre milioni i votanti. Prodi: "Straordinario"
17 ottobre 2005 - 08h10 - Di b6890c8f140c0e0ed96a209abd6e45fe...

Bella vittoria, e ora?

Vincere non basta, bisogna proseguire.

Intanto ci augureremmo tutti che esistesse un Centro.
La Chiesa avrebbe finalmente un partito di riferimento, di cattolici ossequienti che ubbidiscono alle direttive di Ruini e si smarcano dalle orrendevolezze di Berlusconi, dalle sue leggi ad personam, dai suoi scandali finanziari (ogni giorno nascono nuovi guai per la Finivest), dai suoi strettissimi legami con mafia e P2, da un obbrobrio come la Bossi-Fini... e votano finalmente senza opposizione per la famiglia patriarcale, l’abolizione del divorzio, della fecondazione assistita, dell’aborto e dei PACS e l’introduzione di una religione di stato per trasformare uno stato laico in uno stato confessionale.
Se molti desiderano questo, non capisco perche’ non debbano unirsi in un uno schieramento unico, ora la proporzionale glielo permettera’. Un programma ce l’hanno. Dunque lo facciano, questo terzo Polo!
Sono a tutti chiari la sofferenza di un Follini e di un Tabacci, i desideri di rivincita degli ex socialisti, le mire di Pera e di Casini, le ideologie di Buttiglione e Giovanardi, le giravolte di Rutelli, le pene di Rosy Bindi...
I motivi per rifare la DC ci sono e anche le persone. Che cosa dunque osta? Rutelli con Prodi sta male e lo ha dimostrato, e, se si e’ dovuto fare questo grosso sforzo per le primarie, e’ proprio a causa sua, che poi non si e’ nemmeno candidato. Soffre Mastella che vota per ogni cosa sia di Berlusconi e sta a sinistra come il cavolo a merenda e oggi si attacca alle schede che mancano, domani si attacchera’ a qualche altra cosa e sempre sara’ inaffidabile su tutto.
Non si trovano d’accordo, li posso capire. La democrazia e’ avere idee diverse, e’ un diritto, ma democrazia e’ anche assemblarsi tra simili. Non si puo’ fare il supplizio etrusco che consisteva nel legare un vivo a un morto o un democristiano a un bertinottiano.
Anche nel centrodestra le sofferenze e i voti dati obtorto collo sono fin troppi e per di piu’ con Berlusconi si trovano di fronte una sicura sconfitta, e allora? Cosa li frena? mancano i soldi? Manca il leader carismatico? Non sanno camminare coi loro piedi? Non hanno il coraggio? Il leader si trova facile, le primarie insegnano, senno’ possono fare anche votazioni private tra pochi intimi, i soldi arrivano, arrivano, figuriamoci se la Chiesa non aiuterebbe, e anche certe banche che hanno fatto di peggio, i programmi gia’ ci sono, solo la Chiesa fornirebbe una bella mole di votanti, ma che gli manca? Avrebbero pure i fondi della CIA...! Cosa c’e’ che loro sanno e che noi non sappiamo?
Tre Poli puliti, una destra, un centro, una sinistra e poi si vede chi vince. Ora hanno fortissimamente voluto un proporzionale che favorisce anche i partiti e li pastura.....

Vedo che i leader della destra ripetono oggi i loro slogan muffiti di ieri. Calderoli che considera 4 milioni e duecentomila votanti come una scarsa affluenza (ma prova te!!), Berlusconi che dice che Prodi e’ retto solo dalla sinistra (e perche’ poi? magari anche dal centro e spezzoni della destra, e chi lo sa, mica hanno votato con la tessera), quell’altro che parla di imbroglio mediatico (e perche’? i voti erano solidi e seri! c’e’ ben altra gente che fa gli imbrogli mediatici).
Insomma l’invidia trasuda da tutti i pori. Ma la vittoria della democrazia resta li’, pulita e bellissima.
Io, quando ho visto che alle 13 in Australia erano andate a votare 2600 persone, sono stata presa dall’euforia. Penso alla vergogna di quanti all’estero leggono i giornali locali con le battutacce indecorose contro Berlusconi e l’immagine del nostro paese nel fango e nella derisione...! Mi sarei mossa anche io da lunghe distanze per dire con questo voto che c’ero e che anche io, italiana dimenticata o costretta all’estero, che Berlusconi non lo volevo piu’.

Spero che Mastella si ravveda, ha avuto il 4,5, che contro quello che prende di solito (0,..; 1,.. il suo
partito e’ un prefisso telefonico) e’ un grasso risultato, magari ha fatto tutta questa manfrina proprio per quello, perche’ i votanti premiano le vittime. E poi fare tutto questo sfracello il gorno prima?! La cosa puzza. Si vede che sta cercando pretesti per uscire. Intanto con questa scusa stiracchiata dara’ l’appoggio esterno.. Si comincia con l’appoggio esterno per poi preparare un bel divorzio. Ma che figura fa davanti agli occhi degli elettori uno che dice: "Per dispetto del torto fatto a me (il giorno prima?!)saboto la votazione per il sistema elettorale"? E noi? Gli importiamo cosi’ poco noi da farci questo dispetto aggratis? Scarsa serieta’, capriccio, poca maturita’, un leader da burletta, ma che se ne fa una coalizione seria di un elemento simile? Che poi le sschede evidentemente c’erano se i suoi lo hanno votato!

Ora che le primarie sono passate, mi resta solo un grande dispiacere:
 non poter andare a votare anche contro la Bolkestein (grande assenza dei partiti alla manifestazione di Roma, la Margherita nemmeno c’era)
 contro le leggi Biagi distorte per una precarizzazione infinita che stronca la meglio gioventu’ e non solo ...
 contro qualsiasi guerra e la progressiva militarizzazione dell’Italia (ora Bush minaccia di attacco anche la Siria, che si fa? gli si va dietro come primo o secondo alleato?)
 contro le basi americane in Italia, 90 basi con bombe atomiche innescate e pronte a deflagrare e gli USA che si espandono nell’arcipelago
 per il ripristino della democrazia e della repubblica parlamentare che si basa su tre poteri autonomi ed indipendenti che non comprendono presidenzialismi di sorta
 contro la devolution e per la messa fuori legge di partiti nemici dell’Unita’ nazionale
 per la ripresa e difesa dei beni fondamentali (acqua ecc.) che sono nostri e non possono essere privatizzati perche’ sono la nostra ricchezza e guai a chi ce li tocca
 a favore delle energie alternative e della lotta contro gli sprechi energetici
 per la laicita’ dello stato contro le avances di un confessionalismo sempre piu’ minaccioso
 contro le tasse inique che creano privilegi ingiusti e immunita’ spregevoli
 per l’uguaglianza di tutti davanti alla legge
 per il processo agile e la pena certa e senza riduzioni o oasi di impunita’
 per la difesa della costituzione e dello statuto del lavoro
 per il carcere ai reati finanziari, alle evasioni fiscali, agli abusi edilizi, agli inquinamenti ambientali e ai reati fatti da clericali
 per la riduzione a due dei gradi di giudizio
 per cacciare da qualunque luogo di potere chi abbia sentenza anche di primo grado passata in giudicato
 contro il Mose e il Ponte di Messina e per la distruzione di qualunque abuso edilizio fosse pure Villa Certosa
 a difesa dello stato sociale e delle classi piu’ deboli
 per una edilizia veramente popolare
 per la tutela dello stato sociale
 per una scuola democratica e civile
 per il divieto, finalmente, di qualunque conflitto di interessi....
ecc. ecc. ecc.

...perche’ aver votato il centrosinistra non vuole ancora dire avere ottenuto tutto questo

Viviana

Il centrodestra e’ livido per molte cose, anche per quei 40 milioni di euro che provano con quanto amore i votanti sono andati a votare, se 4 milioni di persone hanno versato 40 milioni di euro e se
ci sono stati cosi’ tanti volontari che hanno lavorato gratuitamente (moltiplica 9700 seggi per un tot medio di scrutinatori), questi sono risultati che la destra non avrebbe avuto mai e che provano che la passione politica non e’ affatto morta e che non basta un miliardario corrotto a stravolgere la democrazia.



> Oltre tre milioni i votanti. Prodi: "Straordinario"
17 ottobre 2005 - 14h46 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Si avverte in effetti un certo digrignare di denti provenire dalla destra, come di topolini che rosicano.

Ma non confondiamo un solitario ottimamente riuscito con la partita vera.





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Il vient une heure où protester ne suffit plus : après la philosophie, il faut l'action. Victor Hugo
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito