Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Le roulottes della miseria

di : Frédéric Potet
venerdì 23 dicembre 2005 - 03h14
JPEG - 8.8 Kb

de Frédéric Potet Tradotto dal francese da karl&rosa

Tre settimane fa, Pascal si é sistemato fra le sue nuove quattro mura. "Mura" é una parola grossa per questa piccola roulotte, sperduta in fondo a un campeggio municipale di La Ferté-Alais (Essonne). Un tramezzo cede, l’altro permette all’aria fredda di entrare da una finestra rotta. "Non oso russare la notte, perché ho paura che mi caschi tutto sulla testa!" ride "Barbe-Rousse", l’inquilino. Senza dimora da "tre o quattro anni", Pascal occupa di regola un ricovero di pescatori, subito dietro il negozio Champion. A fine novembre, dopo che l’inverno ha fatto le prime vittime, i servizi municipali gli hanno chiesto di sistemarsi nel campeggio. Grazie al piano "grande freddo" Pascal ha trasportato una parte della sua roba in questa roulotte scassata che non ha neppure l’allacciamento alla linea elettrica. L’ex manovale si fa luce con le candele. "Sarà più pratico per Natale!" E si scalda con una stufa a petrolio prestata da vicini simpatici, che gli forniscono anche il carburante.

I vicini? Qui non mancano. Una quarantina di persone vive tutto l’anno su questo terreno da campeggio, posizione ideale, dieci minuti a piedi dalla stazione della ferrovia locale. Lavoratori dipendenti a basso salario, percettori di sussidi sociali, divorziati, pensionati, famiglie in attesa di alloggio... La maggior parte di questi campeggiatori sedentarizzati lo sono diventati per difetto, in balia delle circostanze della vita o perché i loro redditi non permettevano di fare altrimenti. Il costo di una piazzola é, in media, di 300 euro al mese.

Un anno fa erano dieci di più: inquilini morosi, contro i quali il comune ha ingaggiato un procedimento dopo aver ripreso la direzione dei luoghi. Alcuni sono stati espulsi, altri rialloggiati. "Il gestore precedente era abbastanza accomodante. Chi non aveva i mezzi per pagare l’affitto faceva in cambio piccoli lavori di manutenzione, come quello di raccogliere le foglie o potare gli alberi", ricorda Joe Sacco, che vive egli stesso in un autobus con l’imperiale. Questo ex giornalista d’impresa, originario dell’isola di Malta, dirige oggi l’associazione Abitanti di alloggi effimeri o mobili (Halem). Il suo scopo é far riconoscere la residenza mobile permanente come ogni altra residenza e fornire uno statuto ai soci, che si tratti di "deboli economicamente" o di "transfughi dal cemento".

Quanti sono, esattamente, in Francia quelli che vivono in roulottes o mobil homes? Difficile saperlo. I gestori del campeggio si guardano bene dal tenere il conto, poiché teoricamente non possono alloggiare nessuno per tutto l’anno. Quanto a coloro che si sistemano su parcelle private, sfuggono nella maggior parte dei casi alle statistiche. Secondo l’urbanista France Poulain, ricercatrice del CNRS ed autrice di L’Esprit du camping (Ed. Cheminements), fra "70.000 e 120.000" persone abiterebbero in roulottes o mobil homes. Per lei non ci sono dubbi: la recrudescenza della precarietà e la crisi degli alloggi spingono ogni anno un numero maggiore di lavoratori poveri verso questo modo di vivere, ultima risorsa prima della strada.

"E’ raro che ci si sistemi deliberatamente in una roulotte, spiega. Bisogna che ci sia una rottura. Questa rottura é spesso professionale, come la perdita del posto, ma puo’ anche essere familiare: un divorzio, la morte di qualcuno... Allora la gente si ritrova senza niente, hanno perduto la casa e non hanno altra soluzione se non quella del campeggio, pensando che sarà provvisorio". Secondo lei "due tipi di percorsi residenziali" si incrociano nei campeggi: "Da un lato, i percorsi ascendenti dei senza tetto che riescono a comprare una tenda. Dall’altro percorsi discendenti di lavoratori a reddito minimo che ci arrivano perché non hanno scelta. E’ il caso, ad esempio, di giovani famiglie con bambini, sempre più numerose, che accettano un posto a centinaia di chilometri dal coniuge e non possono pagare due affitti".

L’idea di soggiornare stabilmente al campeggio si impone raramente come un’evidenza. Cio’ avviene progressivamente, via via che passano i mesi e gli anni. Gli urbanisti lo chiamano il fenomeno della "baracchizzazione". Un giorno, davanti alla roulotte si mette una veranda. Rinforzata con cartoni o tavole, puo’ raddoppiare o triplicare la superficie abitabile. Un altro, si fa una terrazza in cemento. Delimitata da tronchi d’albero o tuie, anch’essa migliorerà la vita di tutti i giorni. Una tenda all’ingresso, un rubinetto esterno, una capanna da giardino vengono sistemati più tardi... Fino a mettere i doppi vetri alle finestre, simbolo di una sedentarizzazione esibita. Una bella mattina, quella che doveva essere solo un’abitazione alternativa é diventata, senza chiasso, un domicilio definitivo. Una "casa" quasi confortevole.

Come quella di Alain e Annie, a Tourmignies (Nord), una ventina di chilometri a sud di Lilla. Come altri, anche loro pensavano di restare "qualche mese" in roulotte. Alain aveva appena divorziato. Dato che si ritrovava senza casa, la vita al campeggio é stata inevitabile. Annie lo ha raggiunto. Vent’anni dopo, sono ancora li’. "Malgrado tutte le domande, non siamo mai riusciti a trovare un alloggio, raccontano. Ogni volta che facevamo una domanda, dovevamo per forza dire che vivevamo al campeggio. Automaticamente, tutte le porte si chiudevano".

Questa coppia di cinquantenni fa parte degli ultimi residenti permanenti del sito, o almeno di quel che ne rimane. Questo parco di 18 ettari é stato acquistato un anno fa dalla Comunità dei comuni del Paese di Pévèle (CCPP) per 1,6 milioni di euro. L’idea del suo presidente, sindaco (UMP) di Templeuve, Luc Monnet, é di trasformarlo in un "complesso turistico e del tempo libero" con fattoria pedagogica, cavalli, laghetto per il bagno, giochi per i bambini, caffé all’aperto, chalets in affitto, capanne negli alberi... Il sindaco di Tourmignies, Alain Duchesne (UDF) si oppone al progetto, la cui prima fase consiste, evidentemente, nell’espulsione di quanti occupano il terreno.

La maggior parte hanno già sbaraccato, in ogni caso quelli che venivano a passare le vacanze e i fine settimana. Gente modesta, spesso originaria del Nord-Pas de Calais. Sono stati loro proposti indennizzi da 200 a 700 euro per spostare le roulottes e i mobil homes. Resta la cosa più delicata: ottenere la partenza delle quindici famiglie "residenti" che un po’ tutti avevano dimenticato... E’ stata insediata un’unità sociale, che ha chiesto sei mesi, prima dell’arrivo dei bulldozers, per trovare un alloggio per queste persone. Alain, dipendente comunale nel villaggio vicino di Attiches e Damie, inserviente di mensa a Tourmignies, hanno accettato un appartamento di 24 mq, ma soltanto per stivarvi i loro mobili ed elettrodomestici. Di dormirci non se ne parla: "Se ci si mette un letto, non ci si puo’ mettre un tavolo. E’ troppo piccolo". Eppure, la loro roulotte non é più grande, ma grazie a una veranda sotto la quale é stato sistemato un salottino con la TV, un tavolo di formica ed una gabbia per gli uccelli, la superficie totale é fra 47 e 48 mq". Vi hanno vissuto felici con il loro figlio Cédric, oggi fornaio. Da quando il terreno é stato venduto "non é più lo stesso" si lamentano. Mucchi di detriti si accumulano qua e là, i servizi igienici sono sporchi o chiusi, il sistema di drenaggio non é più funzionante, il che provoca delle inondazioni sotto le verande. E "topi grossi come gatti" secondo Alain, vagano nei viali deserti. Perfino gli gnomi da giardino sembrano sciupati. In questi ultimi mesi si sono pure registrati molti furti a danno della coppia di gestori, che prevedono di andarsene il 31 dicembre. Anche se la CCPP ha assunto un custode e promesso di ripulire il terreno, gli ultimi occupanti hanno l’impressione di essere abbandonati al loro destino.

Dopo vent’anni di roulotte, Alain e Annie oggi sognano una "casetta" loro. Vorrebbero anche regolarizzare la loro situazione. Il 9 dicembre, Alain é andato alla gendarmeria a far timbrare il suo "libretto di circolazione", come fa ogni tre mesi. Come i nomadi ed i senza tetto da lunga data, l’uomo non possiede altri documenti d’identità. La mancanza di un indirizzo fisso lo priva anche del diritto di voto. "E di libretto degli assegni", precisa. Altrettante ragioni che lo spingono ad andarsene. A rientrare nei ranghi.

Ma non sono tutti come lui. La vita randagia ha anche i suoi lati buoni. Ed i suoi sostenitori. "Qualcuno se ne compiace. Il limite fra cio’ che si subisce e cio’ che si sceglie non é evidente, dice Joe Sacco, a La Ferté-Alais, in mezzo all’accozzaglia del suo autobus londinese. La vita nella ruolotte da un sentimento unico di libertà. Certo, ci sono degli inconvenienti, come la questione del confort. Ma tutti si abituano. Quando si ama il proprio cane, si amano anche le sue pulci". Per France Poulain, "il mito del campeggio" funziona, qualunque sia il contesto. "C’é sempre un’aria di vacanze al campeggio, sottolinea. Proponete a qualcuno che abita in una roulotte di andare a vivere in una casa popolare: state sicuri che rifiuterà. Ed é tanto più vero dopo le sommosse che hanno infiammato le banlieues".

Xavier, 36 anni, incontrato sulla sua moto nel parco di Tourmignies, é d’accordo. "Qui siamo all’aria aperta, molto meglio che in un monolocale, dove non si puo’ dormire a causa del rumore. E’ un privilegio essere in piena natura, sostiene questo ex magazziniere, attualmente in corso di riqualificazione. Al campeggio si stabilisce anche un contatto fra le persone introvabile in città, si sta insieme, ci si aiuta... Non dico che é il paradiso. In questo momento, devo fare la doccia ai servizi dall’altra parte del parco e faccio pipi’ all’aperto. Ma non c’é da compiangerci. Abbiamo l’acqua e l’elettricità, mentre tanta gente dorme sotto i ponti. "Evidentemente, l’amore del verde non é la sola ragione che porta fino al campeggio. Dopo molti anni di vita in mobil home, Xavier riconosce: "E’ veramente difficile trovare un alloggio quando il salario é miserabile. Vivere al campeggio é una scelta obbligata".

Obbligata, ma vietata. La legge non autorizza ad eleggere domicilio su terreni adibiti al "tempo libero" ed al "turismo". A meno che nessuno ci trovi da ridire. Prefetture e collettività locali preferiscono chiudere un occhio. Non hanno soluzioni per proporre un alloggio a questi residenti spesso sfortunati. Ironia della sorte, talvolta alcuni sono perfino "collocati" al campeggio dalle collettività o da certe Ddass (Direzione dipartimentale degli affari sanitari e sociali, ndt), come nota France Poulain: "Di fronte alla penuria di case popolari ed ai problemi di insalubrità delle pensioni, il campeggio puo’ sembrare una soluzione accettabile in situazioni di emergenza".

In ogni caso la mancanza di concertazione delle autorità in proposito non dispiace a tutti. Molti proprietari di campeggi sono entusiasti di avere "clienti" al di fuori del periodo estivo. Certuni non esitano a trasformare la loro offerta per renderla più "residenziale" e meno "turistica". "Si vedono dei gestori dividere in quattro il loro terreno, osserva France Poulain. Il primo quarto é riservato ai campeggiatori annuali che posseggono la loro roulotte, il secondo ai mobil homes in affitto ed il terzo a chalets anch’essi in affitto. Solo l’ultimo quarto é riservato alle parcelle libere, per i turisti".

Ritorno a Tourmignies, in fondo al campeggio dove vivono Daniel, 57 anni, ex camionista e sua moglie Marie-Paule. Un primo licenziamento, dieci anni fa, lo ha condotto qui: "Abbiamo dovuto vendere la casa". Un secondo licenziamento, nel 2002, gli ha fatto mettere radici. Soprannominato "petrolio" perché la sua roulotte é sempre ben riscaldata, l’uomo é oggi in prepensionamento ed ha una pensione d’invalidità per via di due operazioni alla schiena. La prospettiva di essere rialloggiato in un appartamento non gli sorride. In questi ultimi tempi, Daniel pensava di sistemare la sua roulotte nelle Hautes Alpes, dove vive suo figlio, idraulico, ma lui, "troppo occupato", non ha potuto venire a prenderlo. Dovrebbe spostarsi non lontano da Tourmignies, in un campeggio di un comune dei dintorni dove ha trovato un posto. Solo problema: non é aperto in inverno. E allora? "Allora si vedrà".

http://www.lemonde.fr/web/article/0...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Abolissez les douanes et soutenez le libre-échange : alors, dans tous les domaines de l'économie, nos ouvriers seront ramenés au niveau de serfs et de pouilleux, comme en Europe. Abraham Lincoln 19eme
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito