Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO

di : Doriana Goracci
martedì 10 gennaio 2006 - 08h41
9 commenti
JPEG - 21.3 Kb

di Doriana Goracci

9/1/2006 h.18,29 Arriva dal mio cellulare una notizia Ansa testuale*come muore un italiano : TG 1 trasmette video omicidio Fabrizio Quattrocchi in edizione delle 17.

Mi sono chiesta subito dopo perché, perché oggi perché questa fretta di farlo vedere il filmato senza neanche annunciarlo prima.

Quattrocchi venne ammazzato, lo apprendemmo dal salotto di Vespa come lo apprese la famiglia, Frattini lo dichiarò eroe subito, Berlusconi aveva offeso la comunità islamica e dichiarato che era “fuori discussione” il ritiro dei soldati dall’Iraq, venne chiesto agli italiani, di manifestare il loro dissenso al governo e alla guerra.

Arrivò l’appello delle famiglie: tutti a Roma, a San Pietro, tutti convocati sindaci, fedeli, parenti, movimento, politici della sinistra.

Con le Donne in Nero di Roma discutemmo a lungo se andare e come andare. Ci ritrovammo in sit in a Ponte S. Angelo che ci aveva viste in precedenza manifestare con Muyesser Gunes, madre della pace curda, nel giorno dei ponti listati a lutto di Roma.

Testimoniammo una volta ancora con lo striscione “Fuori la guerra dalla storia” ma anche con le scritte in arabo, perché arrivasse a tutti il nostro messaggio silenzioso e forte. Arrivammo poi a San Pietro, non ci fù un bagno di folla, il movimento c’era ma il” fedele popolo per la vita “NO.Ricordo quella manifestazione con profonda amarezza .

In quei giorni venne trasmesso dalla televisione svizzera francese un lungo documentario dal titolo”Guerrieri affittansi”. Nessuna televisione italiana comprò i diritti per mandare in onda almeno la parte che riguardava le guardie private italiane, Ballarò di Rai tre aveva chiesto in visione “Poveri eroi” dove si vedeva e sentiva parlare Quattrocchi e Simeone (il datore di lavoro della Presidium per gli statunitensi), ma non ne fece niente.Gli altri tre tornarono a casa e le bandiere italiane sventolarono.

E oggi mi chiedo dunque come muore un italiano, all’estero, in Italia, a casa propria, sul lavoro.

Poco a poco, muore anche l’italiano vinto e vigliacco mai eroe, che torna a casa,quello che legge un messaggio che dice ”Torni per cena ?”. E’ stanco per rispondere.

E il piatto lo trovi freddo, gelato.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
11 gennaio 2006 - 02h25 - Di df8ca648d657576014d412623accf0a9...

Ciao Doriana,
Perché oggi... perché oggi serve avere un eroe. Che fosse un mercenario è
fuori discussione, che fosse un... amico delle armi anche.
Oggi serve un eroe, che giustifichi la nostra presenza in Iraq.
Sono vecchia per età e per esperienza, e credo che quasi nulla sia dato al
caso. Perché proprio ora viene reso pubblico il video? Ora, la morte di un
italiano, quando in Italia c’è un grande confronto fra chi giustifica la
guerra e chi no....
Veltroni, brava ed onesta persona, tutto il mio rispetto, ha detto che
intitolerà una strada di Roma a Quattrocchi! A chi? A uno che è andato a
combattere dietro lauto compenso per una causa che non era quella del suo
paese!
E’ morto, rischio contemplato a chi gioca alla guerra, ma non è morto da
Italiano, non rappresentava NOI ITALIANI.
Spiacente, mio caro connazionale morto in terra straniera, ma non sei uno di
noi.
NOI, quel noi collettivo che rappresenta la nostra nazione, noi non andiamo
in armi in terra straniera, e chi lo fa non lo fa in nostro nome.
Ciao,
Ierina



> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
11 gennaio 2006 - 16h00 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Trovo semplicemente ripugnante l’accanimento ideologico, e la opposta beatificazione eroica, sulla figura di un uomo che aveva liberamente e semplicemente scelto un mestiere rischioso in un luogo rischioso, come tanti altri.

Che fosse di destra o di sinistra, fascista o stalinista, è del tutto irrilevante, per me.

Eroi sono Calipari, che diede la propria vita per salvarne un’altra, già vergognosamente rimosso dalla imbarazzata memoria di un governo preso a pernacchie dall’"amico americano", o il dottor Carlo Urbani, morto in Vietnam per studiare il virus aviario e già dimenticato.

Vittorio


> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
11 gennaio 2006 - 17h38 - Di 900849c1e3cb34dcd7635fe49922dab2...

Vi faccio vedere come muore un italiano

VI FACCIO VEDERE COME MUORE UN ITALIANO:muore di freddo
nelle case popolari a Cremona perche’ la sua misera pensione
d’invalidita’ sul lavoro(360 euro) non gli permette di pagare l gas
e la luce e loro bloccano immediatamente la fornitura,muore nei
cantieri edili dove magari lavora pure in nero,muore nelle
aziende in cui e’ assunto con contratto precario e non
adeguatamente formato,muore come carne da macello perche’ ha
inalato amianto senza le minime protezioni(salvo un bicchiere di
latte al giorno)nonostante fin dal 1911 esistevano esami sulla
sua nocivita’(breda fucine di sesto san
giovanni,monfalcone),muore tra atroci tormenti per pvc a
Marghera,muore a causa dell’ uranio impoverito(militari in
Kosovo) perche’ non e’ informato e non ha le adeguate
protezioni troppo costose,muore perche’ avra’ mangiato delle
merendine prodotte con cereali contenenti sostanze altamente
cancerogene(Casillo re dei cereali-scrive il gip Nardi"...un
disprezzo che potrebbe portare danni incalcolabili a una
moltitudine di persone"),muore per il latte
contaminato(Nestle’...),muore lentamente con i suoi lavori
precari,sottopagati(500 euro al mese rinnovabili ogni 3 mesi)
perche’ la malattia non e’ pagata e allora e’ difficile fermarsi e
curarsi.muore lentamente perche’ e’ impossibile costruirsi un
futuro(mutuo per la casa,maternita’,pensione),muore con i suoi
1000 euro al mese garantiti(anche meno perche’ si sciopera per
chiudere un contratto che non sia di sopraffazione da piu’ di un
anno)perche’ non si arriva alla quarta settimana ,perche’ se
accade un imprevisto ci si indebita(la macchina con cui si
raggiunge il posto di lavoro si rompe,problemi ai denti...) con le
finanziarie e alla fine non vale piu’ la pena provare a tirare a
campare,si muore perche’ si ha uno sfratto esecutivo e nessun
posto dove andare,si muore...MA CHI SPARA a questi tanti
piccoli eroi quotidiani che lottano per sopravivere in maniera
dignitosa e onesta?Chi sono gli avidi,arroganti,violenti
ASSASSINI che speculano e si arricchiscono sempre piu’(in
questi periodo di crisi gli unici beni che hanno incrementato i lo
fatturati sono quelli di altissima e costosissima gamma) sulla vita
di migliaia di innocenti?Sono forse i grandi impreditori la cui
unica capacita’ aziendale consiste nel
sfruttare,sottopagare,delocalizzare e magari andare
inquinare(dopo aver ridotto i nostri fiumi,mare coste in manierara
vergognosa e insalubre) la’ dove le leggi sono piu’ permissive ,
meglio ancora inesistenti, sia per quanto concerne lo
sfruttamento umano che quello ambientale(inquinando le falde
acquifere e mettendo a tacere i sindacalisti che chiedono un
minimo di diritti come la cocacola, spargendo pesticidi sulle
coltivazioni di banane mentre i bananeros lavorano)?Voglio che i
tg, i politici,la stampa mi mostri tutti i giorni come muore un
italiano e VOGLIO VEDERE LE FACCIE IMMORALI E AVIDE DEI
LORO ASSASSINI

Vittoria

www.controappunto.org


> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
12 gennaio 2006 - 01h34 - Di 9796ba6a6fa2163ba101023e159dad0c...

cara Ierina,
mi sento di condividere pienamente quanto scrivi, anche a nome delle numerose persone semplici con le quali lavoro e che spesso si pronunciano soltanto attraverso
affermazioni del tuo tipo. "lavorava"(?), era un lavoratore dell’aggressione o della difesa di trafficanti che occupano un paese straniero. Non mi vergogno di pensare che aveva firmato un
contratto e -insieme ad altri-formava una specie di taskforce collaterale alle truppe di occupazione. Molti strani attentati o sequestri non si spiegano se non si tiene conto di
queste truppe collaterali che rispondono non si sa a quale centrale.
Perciò, anche se mi dispiace per la sofferenza della sua famiglia, non accetto l’orgoglio di maniera e l’aggressività di chi giustifica la sua azione.E vuole farne un caso umano e nazionale.
No. Molti lavoratori italiani, cassintegrati, disoccupati, precari si rifiutano d firmare contratti
per andare a combattere armati in un paese straniero..... non si chiamano mercenari? E non rappresentano gli Italiani. Per fortuna ogni tanto, in mezzo a tanta confusione e disgregazione,
un po di semplicità e di chiarezza!
Ti abbraccio
Paola....


> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
12 gennaio 2006 - 01h24 - Di 9796ba6a6fa2163ba101023e159dad0c...

Cara Doriana,
mai si dovrebbe morire per guerra o a causa e conseguenza di guerra.
Come dici tu tale pratica dovrebbe non trovare più posto nella storia.
Certo bisogna poi trovare le risposte adeguate a chi aggredisce e viola con
la forza e la prepotenza i diritti e le regole di convivenza fra i popoli.
Io penso che prima e sino all’estremo bisogna provare con la diffusione dei
metodi della democrazia, della diplomazia, della trattativa, degli accordi,
della crescita economica e culturale di quelle vaste parti del mondo che
stanno indietro. E penso che così si poteva anche evitare la guerra in Iraq.
Ma se alla fine il prepotente rimane sulle sue ed anzi ha ulteriormente
esteso il suo potere, che si fa?
Ad esempio penso ai Talebani ed alle loro inaudite violenze pscologiche e
materiale specie sulle donne.
E penso ai popoli costretti alla guerra per liberarsi dalle tirannie
interne o esterne?
O per conquistare la propria autonomia e indipendenza. Noi stessi siamo
figli del Risorgimento e poi della Resistenza.
Mi chiedo sempre e da sempre queste cose che ora il tuo scritto mi ripropone

Un abbraccio
Antonio
E comunque prima di spendere la parole eroe penserei bene al suo
significato e mi ricorderei degli eroi che la nostra storia santifica e
ricorda. Insomma ci rifletterei bene. Penso che eroe voglia dire altro al
di là di un estremo gesto di dignità di fronte alla propria barbara
esecuzione.



> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
12 gennaio 2006 - 13h19 - Di 32c6992e2cfe2c34ae966d70d5e89240...

ammesso poi che l’eroismo sia per forza una virtù... (cosa a cui NON credo),
se, sul punto di essere uccisi, si rivendica la dignità con cui "muore un italiano"...
...allora, proprio da quelel parti, coloro che si imbottiscono di esplosivo e si fanno saltare in aria VOLONTARIAMENTE e non perché CATTURATI sono dei supereroi?! Che andassero tutti a quel paese gli "eori"... Fino a quando una società avrà bisogno di eroi?!

Se sono eroi costoro, cosa sono tutti coloro che tutte le mattine si alzano all’alba per andare a farsi otto interminabili ore di lavoro per un pugno di euro che poi son costretti a spendere in buona parte per pagare l’affitto per una topaia?!



> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
12 gennaio 2006 - 18h04 - Di 508182e89aab1690eb388b08ecf27fbb...

Fabrizio Quattrocchi ha tenuto alto il nome dell’Italia davanti al mondo. Al di là di quello che era andato a fare (sicuramente discutibile) ha avuto questo grande merito. Per una volta l’italiano non è stato visto come l’opportunista inaffidabile, bravo a cucinare, simpatico ma fondamentalmente vigliacchetto. Per una volta tanto gli inglesi non hanno citato il nome dell’Italia con il sorriso sulla bocca. E’ per questo e solo per questo che Fabrizio Quattrocchi merita di essere onorato.


> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
12 gennaio 2006 - 18h19 - Di aa291e9feb3bdb95a744c96b393fdd72...

IRAQ:RIGONI STERN, EROI MILITARI MORTI IN GUERRA PAGATI?
"Saro’ cattivo e crudele, ma questi nostri militari che vanno in Iraq e che muoiono che eroi sono? Questi vanno a fare la guerra perche’ sono pagati. I nostri partigiani ci andavano a gratis per la liberta’!". Lo scrittore Mario Rigoni Stern, classe 1921, da tesserato Cgil partecipa alla due giorni del congresso Spi Cgil di Vicenza, per parlare di Costituzione, di Statuto dei lavoratori ma anche della guerra in Iraq. "Il lavoro che si fa per la pace nel mondo - ha proseguito Rigoni Stern, uno dei reduci della campagna di Russia - e’ la cosa piu’ importante di tutte, ma in Iraq i nostri soldati sono andati davvero a portare la pace? E’ questa la domanda che dobbiamo porci". Lo scrittore dal palco ha parlato anche della validita’ attuale della Costituzione italiana e dello statuto dei lavoratori. "La Costituzione - ha detto - e’ stata scritta da grandi uomini come De Gasperi e Togliatti e oggi questi piccoli uomini pensano di cancellarla, modificarla". "In aprile si andra’ a votare - ha detto - ricordiamoci allora di quella primavera in cui finiva la guerra di Liberazione, quando sull’Italia sorse una nuova alba. Speriamo che succeda anche questa volta". ()
Repubblica.it


> MERCENARIO MI SEMBRA UNA PAROLACCIA MA E’ QUELLO CHE SIAMO
12 gennaio 2006 - 18h23 - Di aa291e9feb3bdb95a744c96b393fdd72...

il patriottismo NON mi appartiene e francamente italiano, inglese, tunisino, americano o filippino per me non c’è differenza...
sono e sarò sempre per l’internazionalismo proletario e LIBERTARIO

"l’italiano", "l’inglese" ed il "tedesco" mi ricordano solo quelel abominevoli barzellette di 20 anni addietro.. che oggi racconterebbe solo il piazzista-berlusconi...
suvvia genete, lasciate perdere "la patria"...






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si tu vis dans l’ombre, tu n’approcheras jamais le soleil. Jacques Mesrine.
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito