Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Venezia. Applausi per Spike Lee: La (non)vita dopo Katrina rivela l’America povera che non conta

di : edoneo
domenica 3 settembre 2006 - 01h40
JPEG - 15.8 Kb

Spike Lee: "l’America è debole" "Gli Stati uniti vivono con un enorme contraddizione: si propongono al mondo come la nazione più ricca e potente e al tempo stesso soffrono all’interno un’enorme miseria". Incontro con il regista

di Cristina Piccino Venezia

Dieci meno qualcosa del mattino. Giornata di sole, il mare scintilla davanti al Palazzo del cinema «soffocato» da tele e dai Leoni di Dante Ferretti. Spike Lee alla proiezione di When the Leeves Broke A Requiem in Four Acts arriva con la famiglia, moglie, i due bimbi, la ragazzina seria, il ragazzino più spigliato, tutti e quattro vestiti di bianco, tocco d’eccezione il cappellino da baseball che il regista non abbandona quasi mai.

Il film racconta l’uragano Katrina, la violenza della natura e la responsabilità pesante dell’uomo: il presidente Bush in testa che per giorni sembra non curarsi affatto - è ancora tempo di vacanze - delle migliaia di suoi cittadini affamati, feriti, e se scampati all’uragano lasciati morire per inadeguatezza e irresponsabilità.

Un anno. Erano i giorni della Mostra del cinema, e Spike Lee anche allora era al Lido. Quasi «obbligato» il passaggio di When the Leeves Broke che proiettato in agosto a New Orleans ha fatto piangere sedicimila persone. Qui alla fine c’è stato un applauso caldo e lunghissimo, e gli applausi hanno costellato spesso anche la proiezione. Il passaggio a Venezia era quasi «obbligato», non solo per la ricorrenza però ma perché è un film straordinario. «Quei primi momenti dopo l’uragano sono stati molto dolorosi. Ero lontano, qui al Lido, guardavo la televisione e mi colpiva con quanta lentezza reagisse il governo federale.

I soccorsi sembravano non arrivare mai. Le immagini televisive davano l’idea che a essere colpita fosse in maggioranza la popolazione african american della città. Era quanto pensavo anche io seguendo le notizie, New Orleans è una città a prevalenza african american. Per questo in Europa, come sempre quando accade qualcosa alla comunità african american, ero assalito dai giornalisti, quasi ne fossi il portavoce. Ma non è così. Però quelle immagini di violenza e disperazione mi hanno spinto a fare qualcosa. Ho contattato Hbo, anche loro erano d’accordo che l’uragano Katrina era un avvenimento senza precedenti. È la dimostrazione della debolezza del nostro paese».

Debolezza ma anche indifferenza ai limiti dell’irresponsabilità.

Il governo era in vacanza, Condoleezza Rice mentre la gente annegava, si stava comprando un paio di scarpe da Ferragamo e Bush invece di precipitarsi a New Orleans si è limitato dopo molti giorni a sorvolarla in aereo. In Indonesia gli Stati uniti sono arrivati due giorni dopo lo tsunami. È grandioso ma anche assurdo se si guardano le distanze. Il punto non è, come dice Kanye West nel mio film, che a Bush non importa nulla degli african american. Tornato negli Stati uniti, e poi andando a New Orleans ho capito che l’intera città era stata colpita, anche i quartieri dei «bianchi». Il punto non erano allora gli african american mai i poveri. Gli Stati uniti vivono con un enorme contraddizione: si propongono al mondo come la nazione più ricca e potente e al tempo stesso soffrono all’interno un’enorme miseria. Non c’è nessuna ragione apparente per cui i bimbi americani vadano a letto affamati.

Però si fa finta di non sapere, si inventano trucchi sempre nuovi per nascondere questa realtà. L’uragano Katrina l’ha messa a nudo, ha detto agli americani e al mondo che l’America è un paese pieno di poveri. È di loro che non importa nulla a Bush e al suo governo, non contano nulla, non hanno potere, e allora perché preoccuparsi?

Quali sono state le difficoltà maggiori nel fare il film?

Parlare con la gente, fare domande che avrebbero risvegliato il loro dolore. Ma non ho mai pensato a una fiction, volevo che la storia fosse raccontata da chi l’aveva vissuta, da chi era stato testimone e protagonista e aveva visto tutto l’orrore di quei giorni a New Orleans. E la reazione del pubblico al film mi ha dimostrato che era giusto. Nessuno può essere all’altezza di queste persone. Penso all’uomo che racconta come è morta sotto al sole sua madre, come ha dovuto abbandonare il corpo quando gli aiuti lo hanno costretto a salire sull’autobus per lasciare la città.

È una cosa assurda, di una crudeltà incredibile. I due ultimi capitoli parlano dei mesi successivi all’uragano, quando ormai Katrina non fa più notizia ma la gente di New Orleans continua a soffrire. Sono senza casa, senza aiuti, poveri, hanno perso tutto, vogliono tornare ma non sanno come e dove. Bush sta facendo credere che le cose vanno molto meglio, che New Orleans si sta ricostruendo, ma non è vero. In molte parti della città mancano luce, gas, e sembra che l’uragano sia passato appena da qualche giorno. Gli esperti dicono che ci vorranno decenni prima che la città torni come prima, e anche per questo voglio pensare al film come a un lavoro in progress.

Le cose non sono finite e, quindi, neppure il film. Spero, con il mio lavoro, di aiutare a capire meglio quanto è accaduto e accade, ci piace pensare che qui a Venezia siano molti i compratori a chiederlo. Intanto andiamo avanti, contiamo sull’uscita negli Stati uniti in dvd, lo proiettiamo nelle scuole, nelle università perché si crei un vero e proprio movimento per la ricostruzione di New Orleans.

Il film è anche una riflessione sui media che se da una parte sembrano critici dall’altra si fanno presto trascinare in una serie di incongruenze, tipo la definizione che fa infuriare gli sfollati di «rifugiati».

L’informazione americana ha avuto un comportamento lodevole.

Quando si sono sentiti traditi e ingannati dal presidente hanno dato prova di coraggio nei loro reportage. La falsità però è nel fondo. New Orleans non è stata devastata da Katrina ma dagli argini che rompendosi hanno riversato tonnellate d’acqua sulla città. E questo è stato l’errore umano, è avvenuto perché sono stati progettati in modo completamente sbagliato. A un certo punto si parlava di bombe che avrebbero fatto esplodere gli argini per salvaguardare la parte più ricca della città.

Non era vero, ma la gente ci ha pensato perché era accaduto in passato. Mi chiedo allora, e ancora una volta, come sia possibile che un paese come gli Stati uniti non siamo in grado di garantire a una metropoli degli argini sicuri. Guardiamo un piccolo paese come l’Olanda, e lo dico con rispetto, hanno una grande calcio, il cioccolato, i caffé dove si fuma liberamente hashish... La loro tecnologia nella costruzione di dighe, canali, argini è tecnologicamente all’avanguardia. Mentre il paese più potente al mondo non ce l’ha fatta. È vergognoso.

Quanto credi che Katrina abbia influito negativamente sull’immagine di Bush?

Molto come il fiasco in Iraq. Credo che abbia aperto gli occhi agli americani, e anche i repubblicani che hanno sempre sostenuto Bush cominciano a prendere le distanze. Il tasso di approvazione nei suoi confronti è molto calato e per questo lui cerca di difendersi continuando a ingannare la nazione. C’è intanto la questione della guerra. Continua a dire che la guerra in Iraq è come la guerra contro Hitler, i fascisti, i comunisti, che fa parte della storia americana di lotta per la democrazia nel mondo. È una stronzata e spero che gli americani non ci credano.

Vorresti che Bush vedesse il film?

Certo, e non solo lui ma anche Rumsfeld, Cheney, Rice... Naturalmente non accadrà mai, ma se potessi li obbligherei legandoli alla sedia sedia come in Arancia meccanica di Kubrick.

JPEG - 46.5 Kb

L’uragano non si ferma

«When the Leeves Broke» di Spike Lee, le menzogne di Bush & soci di fronte al disastro ampiamente annunciato di New Orleans

di C. Pi. Venezia

Ieri la Mostra del cinema ha lasciato il posto, almeno su qualcuno dei quotidiani regionali, alla crisi di Marghera. Gli americani della Dow Chemical che decidono di chiudere il loro stabilimento con duecento e più operai a rischio. Strani cortocircuiti. A fondare il petrolchimico fu il conte Volpi, quello che nonostante fosse ministro fascista (ma il suo nome ritorna anche nell’indagine di Tina Merlin sulle responsabilità del Vajont) continua a dare il suo nome al premio per il migliore attore/attrice al festival di Venezia (coppa Volpi appunto).

Qui intanto si discute molto sulla capacità del cinema italiano, fiction o documento la distinzione non dovrebbe essere per un immaginario avanzato mai netta, di confrontarsi con la propria realtà che non vuol dire scodellarne semplicemente i conflitti ma renderli qualcos’altro, segno presente di inquietudine, di una caduta libera che tocca i centri nevralgici del vivere politico, culturale, sociale. È questa la (non unica) lezione magnifica di When the Leeves Broke. A Requiem in Four Acts, l’uragano Katrina un anno dopo nella lente obliqua di Spike Lee.

Che in quattro capitoli costruisce connessioni con le quali vengono messi a fuoco responsabilità politiche, la totale indifferenza dell’amministrazione Bush - «del resto - come fa notare qualcuno dei protagonisti - come potrebbe essere diversamente visto cosa pensa di noi sua madre». Laura Bush infatti davanti a migliaia di sfollati, massacrati da giorni di fame e sofferenza dice che lì in terra, negli aeroporti, sui pullman dove vengono caricati quasi nudi senza sapere la loro destinazione, stanno meglio che nelle loro case.

When the Leeves Broke è New Orleans e l’apoteosi di una globalizzazione che macina il rispetto dell’essere umano, divora i diritti sociali in nome delle economie rovesciando le pratiche di vampirismo esercitate nei cosiddetti paesi deboli: nessun rispetto del lavoro, nessuna garanzia, nessun investimento nella politica sociale. È l’America del dopo 11 settembre, non quella invasata di fanatismo religioso che celebra con enfasi terrificante Oliver Stone, ma l’America paese poverissimo nonostante l’immagine di potenza mondiale.

L’America degli african american obesi per cattivo cibo come anche i poveri bianchi, di chi all’ordine di evacuare la città emesso dal sindaco Ray Nagin, evacuare la città non può anche volendolo obbedire. Non hanno automobili, non hanno mezzi per caricare neppure se stessi.

Spike Lee sa usare la potenza destabilizzante dei migliori film horror, e non per i cadaveri che vediamo, per l’orrore di lasciare i propri cari morti di stenti e mancanza di cure in mezzo alla strada, per la fisicità di devastazione che arriva dal Super Dome e dal Convention Center dove hanno rinchiuso i sopravvissuti... La violenza è nel dopo, è lì che si squarcia la rete di menzogne tessuta da Bush, Condoleezza Rice, Rumsfeld, Cheney tutti in vacanza mentre New Orleans agonizzava. Il dopo lontano dai media, risucchiato dal silenzio come le guerre, come fu Sarajevo, il Kosovo, come sarà il Libano, come se dopo non accadesse più nulla e le cose tornassero magicamente a posto.

Non è così. Spike Lee ce lo spiega costruendo a tutto campo lo scenario di New Orleans, passato e presente. Le cause di questo disastro annunciato da meteorologi e esperti come un uragano di violenza inaudita, sono la leggerezza e l’indifferenza. Poco importa di questi cittadini ben presto trasformati in corpo estraneo - li chiamano rifugiati - e anzi il disastro diventa persino l’occasione inaspettata (e insperata) per accelerare quel piano di trasformazione di New Orleans in città-turistica attuando i piani di «bonifica». Via i cittadini scomodi, ovvero i poveri (per Marghera si parla di bonifiche, di progetti turistici di alto livello che non includono le conseguenza della disoccupazione).

Nei giorni dopo l’uragano sono in molti a dire di avere sentito delle esplosioni, si parla di bombe che avrebbero fatto saltare gli argini per proteggere i quartieri ricchi della città dirottando l’acqua su Upper Ninth Ward o St. Bernard Parish. È accaduto in passato, ma oggi la realtà è ancora peggiore. Gli argini non hanno retto perché costruiti male. Un’altra responsabilità umana di menzogna come quelle che Bush oggi si gioca sulla rinascita.

La maggior parte della gente non è riuscita a tornare a casa, vive da qualche parte, chissà come. Altri lottano, non vogliono arrendersi. Sono tanti, nomi noti come Winston Marsalis e Terence Blanchard e persone che incontriamo in queste quattro ore che volano via. Produce Hbo, vorremmo vederlo in Rai in prima serata. È cinema e è il nostro contemporaneo.

www.ilmanifesto.it

JPEG - 38.1 Kb

http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Je voudrais seulement comprendre comment il se peut que tant d'hommes, tant de bourgs, tant de villes, tant de nations supportent quelquefois un tyran seul qui n'a de puissance que celle qu'ils lui donnent, qui n'a de pouvoir de leur nuire qu'autant qu'ils veulent bien l'endurer. Etienne de La Boétie, 1576
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito