Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Lo straordinario fumetto dell11/9

di : Utopico
sabato 9 settembre 2006 - 14h15
1 comment
JPEG - 23.7 Kb

di Javier Del Pino

Lo stile dei disegni si adatta al modello classico statunitense, agile e colorato, e la narrazione sembra scritta da uno sceneggiatore delle storie di supereroi. Il rapporto dell’11/9:Un adattamento illustrato non è, senza dubbio, un fumetto come gli altri: è il resoconto fedele della preparazione, dell’esecuzione e della reazione agli attentati commessi quasi cinque anni fa così come venne riferito nel rapporto ufficiale della commissione d’indagine.

In uno Stato dove non si accetta volentieri di rivivere avvenimenti tanto dolorosi, gli autori hanno ottenuto una riproduzione minuziosa, rispettosa e sorprendentemente coinvolgente attraverso un mezzo che non si distingue per la sua solennità. La critica e i lettori hanno riconosciuto il valore di tale sforzo.

E’ facile immaginare quello che pensarono i dirigenti della casa editrice Hill e Wang quando lo sceneggiatore di Niño Rico e il disegnatore del fantasma Casper proposero di creare un adattamento fumettistico del rapporto della commissione sull’11/9. Ad ogni modo, Sid Jacobson e Ernie Colón riuscirono a convincere gli editori che la loro esperienza e la loro immaginazione avrebbero permesso di creare un prodotto degno e rispettoso e che il loro talento sarebbe stato capace di ridurre le 600 pagine del sostanzioso rapporto originale alle 133 che riempie l’adattamento illustrato. Il libro, che conforma i propri mezzi ad una consistenza da romanzo piuttosto che da fumetto, è stato recentemente pubblicato negli Stati Uniti con un enorme successo di vendite.

Poco più di due anni fa, il rapporto finale della commissione indipendente che investigò sull’11/9 diventò un bestseller inatteso grazie all’inserimento di dati sconosciuti al pubblico e, soprattutto, al suo allontanarsi dal tedioso stile narrativo di questo tipo di documenti adottandone uno giornalistico capace di ricorrere alla cronologia attraverso una grande abilità letteraria.

Il rapporto era pieno di critiche e lamentele per l’incapacità del Governo - attuale e precedente - di localizzare l’autentica minaccia che rappresentava l’organizzazione terroristica Al-Qaeda. Il documento della commissione - composta da 10 ex politici repubblicani e democratici - lamentava in particolare la lentezza dei servizi di intelligence e la loro inefficacia al momento di ostacolare il piano degli attacchi dell’11/9. Allo stesso tempo, il rapporto rispecchiava la tenacia e la perseveranza di Al-Qaeda nella progettazione e nello sviluppo dei piani.

Tutti i fatti più rilevanti contenuti nel rapporto dispongono ora di una rappresentazione illustrata nel lavoro di Jacobson e Colón, diventato, come hanno detto alcuni dei membri della commissione, un “rapporto per le masse”. E lo è: anche se un formato tanto disinvolto come il fumetto non appare il più adeguato per un evento come l’11/9, la qualità grafica e la sorprendente capacità di sintesi forniscono in quanto ad opportunità un valore aggiunto. Un disegnatore ha creato, ad esempio, una rappresentazione simultanea dei fatti che avevano luogo in ogni aeroporto e in ogni aereo sequestrato, il che permette di distinguere chiaramente alcuni degli errori più deplorevoli di quel giorno: all’aeroplano United 93, che finì schiantato in Pennsylvania, fu permesso di decollare quando le autorità aeree già sapevano che c’erano dei sequestri in fase di svolgimento. In altre occasioni è il testo vago ad essere più rilevante: “Il segretario della Difesa, Donald Rumsfeld, fu irreperibile in vari momenti della giornata”, si legge in una vignetta. In un’altra, sopra una cartina del mondo, si legge: “Agli statunitensi l’Afghanistan appariva come un luogo molto lontano. Ad Al-Qaeda, gli Stati Uniti apparivano molto vicini. In qualche modo, erano più globalizzati di noi.” Tutto è letterale, fedele al rapporto. Incluso il titolo del primo capitolo, “Abbiamo degli aerei...” è la frase pronunciata da uno dei sequestratori e trasmessa per errore alla torre di controllo invece che all’equipaggio.

L’assenza totale di sarcasmo e la fedeltà al testo originale concede agli autori l’uso di alcune delle licenze classiche del genere senza che nessuno le abbia criticate: l’aereo fa BLAMM! quando si schianta contro il Pentagono, e nelle Torri Gemelle risuona uno SHOOM! all’impatto degli aerei e un R-RRUMBLE... prima del crollo.

Le illustrazioni forniscono dettagli che si perdono nella lettura del rapporto, come l’altezza dei sequestratori: che erano bassi appare irrilevante quando lo si legge nel documento ufficiale, ma è inquietante vederlo nel fumetto perché accentua la loro abilità nel passare inosservati. Le loro fattezze si rifanno alle poche fotografie note. Altri personaggi sono disegnati con maggiore o minore somiglianza: la raffigurazione di Condoleezza Rice, allora consigliera della Sicurezza Nazionale, è fotografica, mentre il presidente George W. Bush non è particolarmente fedele all’originale.

Anche se Jacobson e Colón si sono formati nei due santuari statunitensi del fumetto, Marvel e DC, in questa storia non ci sono eroi. Il personaggio che più si avvicina al ruolo di protagonista è Richard Clarke, responsabile dell’Antiterrorismo nel Governo di Clinton messo in disparte da Bush. Clarke sembra l’unico individuo con sufficiente buon senso da chiedere ai suoi superiori maggiore interesse verso la prevenzione di possibili attentati. La sua rappresentazione grafica, in toni scuri, presenta Clarke come un combattente solitario che scompare dalla narrazione quando si scatenano gli eventi.

Il fumetto può contare su una benedizione aggiunta in forma di prologo, firmato dal presidente e dal vicepresidente della commissione sull’11/9, Thomas Kean e Lee Hamilton: “L’obiettivo della commissione era riportare la storia dell’11/9 in una forma comprensibile per gli statunitensi. Sentivamo che uno degli eventi più tragici e importanti della storia del nostro paese doveva essere accessibile a tutti”, scrivono in un testo che apprezza la lealtà con cui è stato curato l’adattamento. Kean ha riconosciuto che la sua prima reazione all’idea non fu propriamente positiva, ma cambiò una volta visto il risultato finale.

Secondo Colón, l’idea nacque dalla concentrazione di contenuti del testo originale: “Quando lessi il rapporto avvertii molta confusione perché non riuscivo a tenere a mente tanti nomi e tante date, tanti luoghi, tanti avvenimenti. Con il fumetto, è possibile considerare con un’occhiata tutto quello che accadde.”

Solo alcuni familiari delle vittime hanno criticato la rappresentazione grafica di quei fatti: “Le immagini della gente in fiamme o l’esplosione degli aerei non è appropriata. Non credo che gli adulti debbano vederlo in forma di fumetto”, ha detto Carie Lemark, figlia di una delle vittime.

Nella quarta di copertina del libro, lo storico re del fumetto, Stan Lee, manifesta la propria raccomandazione più entusiasta: “Non avevo mai visto prima d’ora una storia reale tanto ben narrata e illustrata. Questo libro è destinato a diventare il modello per il futuro; la sua lettura dovrebbe essere obbligatoria nelle famiglie, nelle scuole e nelle biblioteche.”

Traduzione di Sara Zagaria per CaniSciolti

Fonte:El Pais - 06.09.06

http://www.canisciolti.info/modules...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Lo straordinario fumetto dell11/9
27 settembre 2006 - 13h09 - Di 6cc7dc314b5ab8cf98c911c1702205d1...

UN SOSPETTO AUMENTO DI CREDIBILITA’ DEL MOVIMENTO PER LA VERITA’ SULL’11 SETTEMBRE

PERCHE’ I MEDIA HANNO ADOTTATO "LA VERITA’ SUL 9-11"
DI HENRY MAKOW
La scorsa settimana "TIME Magazine" e "The Washington Post" hanno pubblicato storie quasi dello stesso rilievo e descritte con un tono di simpatia, riguardanti il "Movimento per la Verita’ sull’11 settembre".

Simili pubblicazioni sono sinonimi di realtà per milioni di Americani ancora senza sospetti. Perchè i Media riconoscerebbero legittimità ad una interpretazione cospiratoria, che coinvolge i loro padroni, i banchieri centrali Illuminati ? Perche’ i Media darebbero voce alle discrepanze della ricostruzione ufficiale, che invece hanno censurato per cinque anni ?

Immagina di essere ad una riunione con i banchieri centrali, che controllano negli Usa sia i mass media che il governo. Immagina di essere il successore del genio delle Pubbliche Relazioni Edward Bernays.

"Edward", - dicono - "la nostra rappresentazione del terrorismo comincia a mostrarsi falsa. Un terzo degli Americani ritiene il proprio governo responsabile dell’ 11 settembre.
Maledetta Rete ! Cosa fare ?"

Se fossi Bernays, risponderei: "Dipende se state ancora progettando un altro evento terroristico da attribuire ad altri, la legge marziale e un attacco all’Iran. Se così fosse, continuerei ad ignorare e a marginalizzare questo movimento. Non dovreste fornirgli un enorme aumento di credibilità in questo momento."

"Eddie", - direbbero di rimando - "è troppo tardi per tutte quelle pericolose operazioni. Nessun personaggio importante crede più alla minaccia terroristica. Israele ha rimediato una sanguinosa rottura del naso in Libano e non può attaccare l’Iran. L’ Esercito Usa è troppo impegnato in Iraq. I generali Usa sono in rivolta. Inoltre la Rete e’ piena di storie, che accusano il Mossad ed Israele. L’ Anti-Semitismo è in crescita."

"Non fatevi prendere dal panico, ragazzi", - direi loro - "ho la soluzione. Ascoltate con attenzione. Quello di cui abbiamo bisogno è una sospensione del gioco, per ricostruire la fede di tutti nel sistema. Abbiamo bisogno di tornare al Partito Democratico, di un ritorno all’equilibrio di un Carter o di un Clinton; di una liberazione da quei mediocri sgradevoli corrotti Repubblicani."

"Come ottenere un risultato simile ?" - chiedono i banchieri.

"Pensiamo a Daniel Ellsberg (1) e "The Pentagon Papers (I documenti del Pentagono)". Pensiamo a Michael Moore (2) e "Fahrenheit 911" . Abbiamo bisogno di scaricare la responsabilita’ per l’ 11 settembre sulle spalle di Bush e levarla da Silverstein (3) e dal Mossad, dai neo-con e da noi stessi banchieri. Dobbiamo riposizionare il Movimento per la Verita’ sull’11 settembre nello schema del movimento anti-guerra degli anni ’60 e focalizzare ognuno sull’odio verso il "Governo". A quel punto eleggeremo una maggioranza Democratica alle Camere il prossimo novembre 2006 e Bill Richardson (Governatore del New Mexico), o qualcuno come lui, a Presidente nel 2008. Per un po’ sarà un fascismo più indulgente e più gentile. Questo ci darà il tempo di pianificare il nostro prossimo passo."

"Da dove cominciare ?"

"Perchè non pubblicare una storia da copertina su TIME riguardo quei giovanotti che hanno creato il film Internet "Loose Change (Spiccioli)" ? Forse che essi non fanno menzione degli agenti del Mossad sorpresi a danzare e a ridere, che furono arrestati "mentre documentavano l’evento" (4), con esplosivi nel loro furgone ? Descriviamo i ragazzi come partecipi della "grande tradizione americana del contare su sè stessi e del dissenso non conformista anti-autoritario. Essi combattono il potere." [le esatte parole che TIME usa]. Forse potremmo attirare Bob Dylan nella operazione."

"Eddie, questo è pericoloso. Quel film mostra che Larry [Silverstein] ordinò la demolizione del WTC 7 (5) lo stesso giorno. Possono essere gli Americani così stupidi da ritenere che questa costruzione da 47 piani fosse minata a scopo di demolizione, e che WTC 1 e WTC 2 (6) non lo fossero ? Certo essi capirebbero che tutti e tre gli edifici furono demoliti e che si era supposto che un aereo colpisse WTC 7. Saremmo tutti impiccati per strage."

"Gente, non preoccupatevi. Il popolo crede a quello che gli viene detto, non al buon senso, nè ai suoi stessi occhi. Non menzioneremo il WTC-7 negli articoli. Focalizzeremo solo un paio di punti ed avremo i nostri lacchè pagati, intendo dire i nostri "esperti", che li confuteranno. Il punto importante e’ quello di accentuare che il "Governo" ha compiuto ciò. Che è stato un "lavoro compiuto dall’interno". Bush subirà il crollo nella considerazione della gente."

"E’ sufficiente una sola storia ?"

"Pubblicatene un’altra su "The Washington Post", incentrata su David Ray Griffin (7). Datele un titolo del tipo "Quelli che non credono".

Menzionate il Mossad di passaggio un paio di volte, ma non il Rapporto dei Servizi Segreti della Germania (BND), che riferisce che il Mossad ha organizzato l’ intero l’evento (dando preavviso a Bush). Sarà uno scontro dei nostri esperti contro i loro, e la gente non saprà cosa pensare. Il popolo incolperà Bush e penserà che i media siano obiettivi e facciano il loro lavoro."

CONCLUSIONI

A rischio di sembrare troppo ottimista, la pubblicazione con atteggiamento benevolo sui mass media di articoli relativi al Movimento per la Verità sull’11 settembre potrebbe segnalare che non avremo a breve un attacco all’ Iran ed un nuovo evento terroristico "false-flag". Ritengo che i banchieri siano spaventati dal fatto che stanno perdendo il controllo della mente degli Americani. Bush e’ stato molto utile ai banchieri, ma e’ arrivato per lui il momento di prendersi le colpe e andarsene.

Il solo pericolo è che Bush e Cheney facciano qualcosa di disperato, per rimanere al potere. Tuttavia, senza la cooperazione dei media, non possono avere successo. I loro incarichi scadono comunque tra due anni.
Penso che prenderanno il loro denaro ed usciranno di scena in maniera compita.

Per una volta sto azzardando una previsione, che spero si rivelerà corretta!

Versione originale:
Henry Makow, Ph.D.
Fonte: http://www.rense.com/general73/truth.htm

Versione italiana:
Fonte: http://francescocaselli.blogspot.co...
Traduzione di Francesco Caselli.

Note del Traduttore:
1) Analista militare Usa presso la Rand Corporation, che nel 1971 porto’ a conoscenza della pubblica opinione Usa alcuni documenti comprovanti come essa fosse stata ingannata dal proprio Governo in merito alla gestione della guerra in Vietnam
2) Film-documentario sul comportamento della amministrazione Bush a seguito dell’ 11 settembre
3) Impresario ed affittuario delle Torri del World Trade Center
4) Facevano foto
5) World Trade Center n°7, cioe’ la terza torre, piu’ bassa delle due principali
6) Le due torri maggiori
7) Professore universitario, in pensione, di Filosofia delle Religioni e di Teologia, oltre che Teorico della cospirazione in relazione all’11 settembre.

http://xoomer.alice.it/911_subito/i...

http://www.ariannaeditrice.it/artic...

by guido arci camalli arci guernica arci fuori orario arci cervo arci ceriana arci bergamo arci peppino impastato






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

L'Etat est notre serviteur et nous n'avons pas à en être les esclaves. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito