Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
La forca per quelle maestre non assolverebbe le nostre coscienze...

di : comiromanord
sabato 5 dicembre 2009 - 15h29
4 commenti
PNG - 228.9 Kb

Troppo facile per noi genitori e cittadini cavarcela con così poco, invocando la forca per le maestre cattive. Troppo facile autoconvincerci che l’asilo lager sia solo quello di Pistoia. E, volendo fare un parallelo, si potrebbe andare oltre autoconvincendoci come cittadini e utenti che gli ospizi lager siano una rarità o che episodi di malasanità killer riguardino solo alcuni reparti ospedalieri del sud.

No, a mio avviso, occorre una riflessione più profonda dopo aver superato la reazione istintiva di pancia tipica del telespettatore che vede scene orribili a danno di bambini indifesi. Chiediamoci, per favore, se tutto il male sia attribuibile a due maestre oppure se le responsabilità non siano anche collettive: del Comune, della ASL, della Regione Toscana per finire, paradossalmente, agli stessi genitori.

Guardiamole le cronache di Rignano Flaminio, guardiamo quanto hanno detto ai giornali, subito dopo l’arresto delle maestre, alcuni genitori utenti dell’asilo lager di Pistoia. Ricordo un papà che ha dichiarato più o meno questo: "se a casa mio figlio si comporta male basta che gli dico che il giorno dopo non lo porto all’asilo (cip-ciop ndr) e lui subito smette, quindi non posso credere a quello che raccontano delle maestre".

Noi genitori che lavoriamo, spesso abbiamo accompagnato, o accompagniamo ancora, i nostri bimbi piccoli in un asilo nido, che non è sempre e non è affatto una casa di vetro per come viene solitamente gestito. La difficoltà a conoscere la qualità del servizio e di sapere cosa accade all’interno dell’asilo ci può scatenare ansie incompatibili con il grande stress quotidiano del lavoro e delle incombenze familiari. Allora, può accadere che alcuni genitori mettano in atto un sistema di compensazione e si barrichino dietro una supervalutazione irrazionale del nido e dietro quel velato rapporto di soggezione seduttiva con le maestre le quali "tengono in pugno le nostre creature".

Come se ne esce da questa situazione di stallo per la quale solo una telecamera nascosta della polizia ci fa sì riaccendere il cervello, ma per indurci purtroppo subito dopo all’isteria collettiva, alla voglia di massacrare di botte due maestre psicologicamente disturbate? Dimentichiamo così che per anni, forse, quelle maestre hanno potuto fare del male grazie alla mancanza di un vero controllo delle istituzioni pubbliche e grazie alla mancanza di una rappresentanza attiva dei genitori e utenti, come dovrebbe avvenire in tutte le strutture di assistenza alla persona.

Il male, a mio avviso, contagia e interroga anche le nostre coscienze di genitori quando preferiamo delegare totalmente ad altri la cura, l’istruzione e l’educazione dei nostri figli senza voler impegnare un briciolo del proprio tempo nella partecipazione alle riunioni, ai comitati di gestione del nido, alle consulte di quartiere, ai consigli di scuola e di circolo, ai consigli d’istituto e di classe.

Ogni tanto emergono storie assurde come quella dell’asilo di Rignano Flaminio, come quella della maestra di sostegno che con le forbici ha ferito la lingua di un bambino, come quella dell’assistente domiciliare di cooperativa sociale che "educava sessualmente" il minore preso in carico, come quella del bambino disabile annegato questa estate nel lago di Martignano per incuria di un’altra cooperativa sociale che avrebbe dovuto assisterlo.

Le amministrazioni pubbliche hanno per prime le loro grosse responsabilità di omessa vigilanza su servizi alla persona pubblici, esternalizzati e autorizzati, senza i dovuti controlli sul personale impiegato, sulle loro qualifiche e sull’effettiva applicazione dei regolamenti di accreditamento, sanitari e di gestione. Amministrazioni, a volte comunali o sanitarie o scolastiche sostanzialmente "distratte" (?).

Ma la ricaduta in termini sociali si amplifica quando noi cittadini e genitori, anzichè svolgere il ruolo critico e costruttivo di cogestione e compartecipazione ad un servizio di utilità pubblica, preferiamo rimanere più comodamente nel ruolo passivo e obbediente di "utenti beneficiati".

Questi orrori si ripeteranno se noi continueremo a deresponsabilizzarci restando massa informe capace di foderarsi gli occhi col prosciutto e di imbracciare i forconi telecomandata dagli schermi televisivi.

La mia proposta di genitore, che una decina di anni fa ha deciso di impegnarsi in prima persona entrando negli organi di gestione dell’asilo nido, nei consigli di scuola dell’infanzia, di circolo didattico e nei comitati di quartiere, è quella ovvia rivolta a tutti: ognuno dia quel poco tempo che può mettere a disposizione per sostenere il processo educativo e di crescita dei propri figli e la qualità della vita del proprio territorio. Tentiamo almeno di assumerci la responsabilità piena di essere cittadini attivi di questo paese che intendono partecipare al governo della cosa pubblica, non da sudditi, ma da padroni di casa.

Domenico Ciardulli



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

La forca per quelle maestre non assolverebbe le nostre coscienze...
6 dicembre 2009 - 01h50 - Di Roberta Lerici - 79c96a93727a4554bd431bb7449b49f5...

Concordo pienamente con quanto si afferma nell’articolo. Nei vari casi di abuso e maltrattamenti nelle scuole materne, lo shock più grande è quello di non aver capito che cosa stava succedendo, o almeno, che la realtà era molto diversa da come appariva.Ma se si potrebbe imputare ai genitori il fatto di non aver dato sufficientemente peso ai segnali di disagio che diversi bambini lanciavano, bisogna anche capire che la maggior parte della gente ha una grande fiducia nelle istituzioni scolastiche, ed è convinta che le insegnanti conoscano i bambini meglio di loro: le insegnanti hanno a che fare con un mucchio di bambini, mentre un giovane genitore al primo figlio, appare talvolta sperduto e, se si è così bravi da fargli credere che è lui a non capire i bambini, l’insegnante riuscirà ad esercitare un grosso potere anche sul genitore, fino a convincerlo che tutto ciò che appare strano in suo figlio, rientra nella normalità. L’errore di base è nel mancato controllo del personale delle strutture a cui si appalta, quello dei servizi esternalizzati, ecc. Ma forse, il vero problema è che dei bambini non importa abbastanza a nessuno. Ed è inutile scandalizzarsi se ogni tanto accade un fatto eclatante, sarebbe strano il contrario.Chiunque sia in possesso di certi titoli può aprire un asilo nido, basta una sola persona abilitata, ma una laurea non basta a fare un buon insegnante.Per esempio, la Scuderi aveva tutti i titoli necessari, una delle due insegnanti di un nido di Milano condannate per maltrattamenti due anni fa, era addirittura una psicologa.Ma qualcuno ha controllato il suo lavoro? Perchè se i genitori delegano troppo, anche chi assume queste persone non si interessa di come lavorano. E i comuni non fanno alcun controllo sulle strutture private a cui si affidano.Tutti i giorni ricevo email in cui mi si segnalano cosa incredibili che accadono in tutte le scuole, pubbliche e private: dal bambino traumatizzato perchè la maestra gli strappa tutti i disegni, a quella che ha sgridato a tal punto un’alunna di prima elementare che lei, appena una maestra pronuncia il suo nome, scoppia a piangere. Queste cose non andranno mai sui giornali, ma creano comunque grossi traumi nei bambini. Chi se ne preoccupa, oltre ai genitori interessati?

Roberta Lerici
Resp.Movimento Infanzia Lazio
/ Resp. Dipartimento Infanzia IDV



La forca per quelle maestre non assolverebbe le nostre coscienze...
6 dicembre 2009 - 12h31 - Di comiromanord - 38af111349213d2da0fde86f7c3a6540...

Gentile signora Lerici grazie del suo contributo alla discussione. Asili privati e pubblici per poter essere autorizzati a funzionare non solo dovrebbero avere personale con titoli (e una delle due aveva solo la terza media) ma dovrebbero essere sottoposti a controlli periodici della Asl e degli altri enti locali. Gli asili e le scuole dovrebbero inoltre prevedere carte dei servizi e organismi di partecipazione e controllo da parte dei genitori. Mi rendo conto che spesso tutto è sulla carta, e non a caso si chiama carta dei servizi, ma in molti casi rendere eclatante e additare il capro espiatorio più facile serve a nascondere e a distrarre l’opinione pubblica da eventuali responsabilità a monte, più grosse che potrebbero coinvolgere funzionari pubblici o politici locali...
Riguardo alla presunta soggezione del neogenitore rispetto alla puericultrice vorrei ricordare che la mentalità di sentire il bisogno di affidarsi con fede nelle mani di qualcuno è diffusa non solo a livello educativo ma anche nella quotidianità ordinaria. Non è stato infatti del tutto superato il concetto dell’assistenza sociale di mussoliniana memoria dove i servizi erano beneficienza e patronato anzichè strumento per innescare l’emancipazione e la presa di coscienza di ogni individuo in difficoltà. Esattamente come fanno molti partiti quando fanno intendere al cittadino utente che un diritto elementare sia un favore erogato in cambio di un consenso elettorale. Saluti

Domenico Ciardulli
www.ciardullidomenico.it


La forca per quelle maestre non assolverebbe le nostre coscienze...
8 dicembre 2009 - 01h15 - Di mason antonio - 601fd7eafae8a93226ec220c4cc94a83...

In questi ultimi 70 anni di guerre decine e decine di migliaia di persone sono morte bruciate vive dalle bombe al fosforo, fosforo che continua a bruciare la carne anche se ci si getta in un fiume.
Non ho sentito un solo lamento,contro le bombe al fosforo, da questi forcaioli che vogliono le 2 mestrine di Pistoia sul patibolo
Non giustificò le maestre di Pistoia dell’ asilo Cip e Ciop ma rammento che le 2 mestrine ,come tutti gli imputati, hanno diritto alla difesa, diritto costituzionale, ed eventualmente una pena, se ci sarà pena,proporzionale ai delitti previsti dal codice penale. Questo clima forcaiolo alimentato anche da certa stampa e tv è contro il diritto di difesa delle 2 maestre. Non si giudica con le emozioni ma con gli articoli del codice penale e civile in mano. Pertanto va denunciato qualunque articolo che pur di fare audiece , che in gergo giornalistico si chiama diritto di informazione, inquina il diritto alla difesa delle 2 mestrine. Io denuncio gli eventuali abusi dei giornalisti alle procure

Mason Antonio Padova


La forca per quelle maestre non assolverebbe le nostre coscienze...
8 dicembre 2009 - 13h55 - Di pixel - 7b98e129c10fc0fd931ddac7d81444ad...

d’accordo con te, sconvolge questa gara cruda e violenta anche di gente che si ritiene per bene, che esercita con la tastiera i suoi desideri di tortura, di sgozzamento, di macellazione delle autrici dei maltrattamenti nell’asilo di pistoia. E’ un’italia medioevale che manda fuori dalle sue viscere l’essenza di barbarie che cova dentro. Persone probabilmente di ceto medio elevato e ragazzotti di periferia che dimostrano, inneggiando alla morte e alla tortura, di essere peggio, molto peggio di quelle maestrine.





Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo
La Strage di Barcellona ed il genio incompreso di G Romero
lunedì 21 - 21h23
di : pugliantagonista
16 agosto 1894: Sante Caserio fa il fornaio non la spia
martedì 15 - 18h38
di : caserio
Agosto 1926-2017 Resistete agli sfratti, opponete l’azione autonoma di Classe
venerdì 11 - 17h52
di : pugliantagonista
editoriale 10 anni di Pugliantagonista.it
giovedì 10 - 21h58
di : pugliantagonista
UNO SPETTRO NAZIFASCISTA SI AGGIRA NEL MEDITERRANEO [MA CHI LO FINANZIA?]
domenica 6 - 16h31
di : Lucio Galluzzi
In rete il numero di luglio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 17 - 11h12
di : Franco Cilenti
Uomini o caporali
martedì 11 - 16h48
di : Lucio Garofalo
no In rete il nuovo numero del periodico nazionale Dire, Fare Rifondazione
domenica 9 - 10h29
di : Franco Cilenti
Progettifici e dittatori scolastici
mercoledì 5 - 15h57
di : Lucio Garofalo
Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
venerdì 2 - 16h52
di : Alessio Di Florio
In rete, e in distribuzione, il nuovo numero del periodico lavoro e Salute
martedì 23 - 10h59
di : Franco Cilenti
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
1 comment
Pubblicato Dire, Fare Rifondazione, notiziario dell’Organizzazione - maggio 2017
lunedì 15 - 08h28
di : Franco Cilenti
L’ESERCITO DI RISERVA NELLE MANI DEL CAPITALISMO NELLA LOTTA DI CLASSE
sabato 6 - 06h15
di : PCL Pavia
Sinceramente razzisti
giovedì 4 - 19h25
di : Antonio Recanatini
PACE
sabato 8 - 07h43
di : Franco Astengo
SULL’ORLO DELLA GUERRA?
venerdì 7 - 10h21
di : Franco Astengo
LA PROSPETTIVA DI UN GOVERNO DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI
martedì 28 - 06h03
di : PCL Pavia
La vendetta come augurio (Elogio della vendetta)
martedì 21 - 21h55
di : Antonio Recanatini
In rete il nuovo numero del periodico Lavoro e Salute
martedì 21 - 18h48
di : Franco Cilenti
CENTO ANNI STORIA E ATTUALITÀ DELLA RIVOLUZIONE COMUNISTA
martedì 14 - 05h56
di : PCL Pavia
La sinistra contro il rospo e il principe azzurro
giovedì 9 - 04h39
di : Antonio Recanatini
LA BUROCRAZIA SINDACALE SVENDE. LA SINISTRA RIFORMISTA LA COPRE
domenica 26 - 07h13
di : PCL Pavia
JOB ACT: l’apogeo di questa distruzione pianificata dei diritti sociali
martedì 14 - 14h30
di : PCL Pavia
Il dissidio tra viziati
giovedì 9 - 10h54
di : Antonio Recanatini

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Nous devons penser l'éducation comme un moyen de développer nos plus grandes capacités. John Fitzgerald Kennedy
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito
Letteratura e guerra partigiana in Italia a Parigi
martedì 7 Febbraio
di : ANPI PARIGI
Il Collettivo Bellaciao sarà presente... Un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza presentato da Daniele Gaio presentato da Daniele Gaio 13 e 27 febbraio, 5 marzo 2012, ore 19 alla libreria: "La Libreria" 89 rue du faubourg Poissonnière 75009 Parigi L’Anpi Parigi, sezione Carlo e Nello Rosselli, in collaborazione con La Libreria, vi propone un ciclo di incontri sulla letteratura della Resistenza italiana. Quattro narratori (Italo Calvino, Cesare Pavese, Beppe (...)
Leggere il seguito