Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Commenti sulla contestazione a Berlusconi.

di : ripreso da E. B.
mercoledì 16 dicembre 2009 - 16h03
1 comment

Il martitologio di Berlusconi è al servizio del bonapartismo di Marco Ferrando

Il titolo cubitale de Il Giornale di Berlusconi (“La violenza costituzionale”) chiarisce la cinica operazione in corso. Altro che”pacificazione”! Il governo addossa sfacciatamente all’opposizione e persino alla Costituzione la responsabilità del gesto di una persona psicolabile. E fa leva sul martirologio di Berlusconi per lanciare un nuovo affondo plebiscitario contro le opposizioni, per una modifica bonapartista della Costituzione. Occorre reagire. L’ipocrisia di un ministro degli interni che appartiene al partito dei “fucili” secessionisti e del “bianco Natale”antimigranti, ma recita la “non violenza”, va apertamente denunciata. Le sinistre politiche e sindacali non debbono farsi intimidire dal clima minaccioso che si annuncia. Di fronte ai balbettii di PD e UDC, debbono rilanciare un’opposizione sociale e politica, radicale e di massa, organizzando un vero sciopero generale: l’unica via capace di sconfiggere il governo, prepararne la caduta, aprire la via di una vera alternativa.


Chi semina vento raccoglie tempesta di Sergio Cararo

Al colpo di souvenir lanciato da un cittadino dell’hinterland milanese e che ha ferito il Presidente del Consiglio Berlusconi, sembra che vogliano dare lo stesso clamore di un vero e proprio attentato. Mentre al popolo dei blog e di facebook viene dato il contentino di sfogarsi sulla rete, il sistema politico bipartizan prende la palla al balzo per utilizzare ai propri fini un episodio rilevante sul piano della cronaca politica ma tutto sommato relativo sul piano degli effetti materiali prodotti. L’obiettivo è quello di sfruttare l’accaduto per riportare tutti alla “calma”, quietare gli “animi surriscaldati”, mettere la museruola alle parole forti e…. riallacciare il dialogo/inciucio bipartizan sulle controriforme istituzionali ed economiche.

Su quanto accaduto, tutti tacciono però di due fattori politicamente rilevanti avvenuti domenica pomeriggio a Milano durante il comizio di Berlusconi, fattori estranei al lancio del souvenir contro il leader del maggior partito del centro-destra (questo e non un’autorità istituzionale era Berlusconi in quel contesto).

Il primo fattore è che non c’è stato il bagno di folla che il Cavaliere si aspettava nella “sua” Milano. Le cronache riferiscono di un migliaio di fans del Cavaliere di solito abituato a ben altre presenze di massa nelle sue apparizioni pubbliche.

Il secondo fattore è che il comizio di Berlusconi è stato contestato apertamente in piazza, segno questo della perdita di ogni soggezione pubblica e politica di un pezzo di società verso il leader politico indicato come eternamente vincente e popolarissimo. L’imprevedibile coda del ferimento di Berlusconi ad opera del sig. Tartaglia - almeno dalle immagini che hanno fatto il giro del mondo – ha aggiunto un volto segnato più dallo sgomento che dal dolore.

La destra in queste ore spara a palle incantenate contro tutto ciò che ha osato criticare Berlusconi sotto in ogni forma: dalle manifestazioni alle trasmissioni televisive, dai libri ai film, accusandoli praticamente di “concorso esterno in attentato a capo di stato”. Il Partito Democratico si spertica in dichiarazioni di condanna del fatto e maledice il momento in cui il sig. Tartaglia, invece di tornarsene a casa, ha deciso di lanciare un souvenir del duomo di Milano contro Berlusconi. Il direttore del quotidiano La Repubblica quasi si pente di aver condotto una campagna giornalistica critica verso il Primo Ministro. Uniche eccezioni, al momento, Rosy Bindi e Di Pietro che in modi diversi hanno invitato il Cavaliere a non fare la vittima.

Il punto infatti è anche questo: chi semina vento non può che raccogliere tempesta. Berlusconi ha palesemente costruito il suo blocco sociale di potere proprio sull’ideologia dell’odio di classe, scatenando sistematicamente i suoi ministri o i suoi alleati della Lega prima contro gli immigrati, poi contro gli insegnanti e i lavoratori pubblici, poi ancora contro i sindacati o gli studenti che occupavano le scuole. Paradossalmente fino a quando il target di questo odio erano i settori sociali subalterni, il Cavaliere ha trovato compagni di strada anche nei distinti commentatori liberaldemocratici (dal Corriere della Sera al Sole 24 Ore e alla Stampa). Quando invece si è fatto prendere la mano ed è passato a istigare all’odio anche contro magistrati, autorità istituzionali e giornalisti (fino a voler "strozzare" chi ha scritto libri o film sulla mafia), i liberali si sono fatti più prudenti, riluttanti, quasi ostili, ma mai, mai, mai avrebbero pensato che qualcuno nella società reale (e non nei salotti o nelle camere di compensazione bipartizan) potesse alla fine sentire questo odio come reciproco.

Se osserviamo la spaventosa sottrazione di ricchezza a vantaggio dei ricchi ed a scapito dei lavoratori avvenuta in questi ultimi diciassette anni, se rammentassimo gli effetti perversi della oligarchizzazione della rappresentanza politica prodotta dal sistema maggioritario re-introdotto nel 1993, se comprendessimo come dentro la società astratta c’è anche una società reale che riesce a distinguere tra le responsabilità di un immigrato e quelle di un ricchissimo leader politico sulla propria difficoltà quotidiana del vivere dignitosamente, allora si potrebbe guardare a quanto avvenuto in un pomeriggio milanese con occhi assai diversi da quelli dell’ipocrisia.


Il potere della vittima e lo scontro all’americana di Salvatore Cannavò

E’ un evento del tutto eccezionale quello provocato da Massimo Tartaglia, sconosciuto personaggio destinato a ricalcare, sia pure in scala minore, la notorietà del forse dimenticato Pallante, autore dell’attentato a Togliatti. Un presidente del Consiglio colpito in pieno volto, al termine di un suo comizio, nella sua città natale e perno del suo potere politico e imprenditoriale, è un fatto di sicura eccezionalità. Uno shock per la potenza esibita dallo stesso Berlusconi, uno smacco per i servizi di sicurezza, un gesto destinato a occupare la centralità politica delle prossime settimane. Un gesto su cui si misura la miseria della politica italiana le cui reazioni, come sempre, sono molto al di sotto della portata dei fatti e inadatte a spiegarseli e a spiegarli. E così da destra è tutto un gridare al «clima d’odio» provocato nel paese da «precisi settori politici e dell’informazione» per utilizzare le insulse parole del ministro Bondi. Ci ha pensato, del resto, il fidato Bonaiuti a presentarsi ai Tg della sera per snocciolare il messaggio che sta a cuore alla maggioranza e a Berlusconi in persona. Sfruttare un episodio, che pure certamente lo ha scosso come si desume dall’immagine del volto insanguinato, per mettere in evidenza il suo essere vittima della congiuntura politica la cui violenza dei toni "arma" le mani di alcuni sconsiderati capaci di arrivare a gesti estremi. Dal punto di vista del premier la reazione è del tutto comprensibile e scontata. Logico anche che i suoi uomini si gettino a corpo morto sul fatto per cercare di uscire da un angolo in cui Berlusconi si era cacciato. Che poi il clima di «odio» sia in larga parte generato dai comportamenti del presidente del Consiglio, dai suoi attacchi furibondi, dalle “consegne” date ai suoi giornali e alle sue tv - cos’è stato il killeraggio contro Boffo orchestrato da Vittorio Feltri, peraltro costretto dagli avvocati a fare marcia indietro? - dalla sua propensione “eversiva” è una ovvia constatazione che i dirigenti del Pdl non potranno mai fare. Così come evidente è l’altra considerazione: lo scontro con la magistratura e con la Corte costituzionale origina non già da una diversa visione degli assetti istituzionali del Paese ma dal fatto che chi attacca i giudici è un sempiterno imputato che, come tutti gli imputati, cerca di sottrarsi al legittimo giudizio. L’operazione di Berlusconi si avvale però di uno stuolo di commentatori della grande stampa che non perdono l’occasione per cimentarsi con uno dei loro pezzi forti. Si guardi Lucia Annunziata sulla Stampa o Pierluigi Battista sul Corriere - non citiamo per amore della decenza il fondo del Giornale: immediato collegamento tra il lancio di Tartaglia e il NoBday o, addirittura, l’immancabile rimando agli anni 70. E’ un riflesso inarrestabile quello di far risalire qualsiasi fatto violento si generi oggi a quanto accaduto in Italia negli anni 70. E il furore ideologico è tale che si perdono di vista aspetti essenziali: pure nel clima del decennio più movimentato del dopoguerra nessuno - tranne il caso di Bertoli contro Rumor - si era spinto a colpire in una pubblica piazza un presidente del Consiglio. Eppure, negli anni 70, i cortei passavano sotto piazza del Gesù, sede della Dc, urlando slogan piuttosto aggressivi e spesso qualche mano si esibiva nel gesto della P38. Così, per tornare a oggi, lo stesso Battista, prima di costruire il collegamento tra opposizione politica e “il lancio della statuina”, è costretto ad ammettere che in piazza c’era una distanza enorme tra i contestatori e il gesto di Tartaglia. Però il collegamento lo fa lo stesso, deve essere fatto perché questo episodio servirà a normalizzare la situazione. Del resto, dall’opposizione "democratica" i toni sono di grande rasseneramento. Niente violenza, niente odio, torniamo a discutere serenamente. Con la sola eccezione di Di Pietro, e di Rosi Bindi che in un’intervista a La Stampa ammonisce Berlusconi a «non fare la vittima» visto che il clima odio «dipende anche da lui», i dirigenti di Pd e Udc iniziano ad ammorbidire i toni, forti anche dei toni più moderati che lo stesso Berlusconi aveva utilizzato nel suo comizio, allontanando la prospettiva di elezioni anticipate e smettendo di attaccare Giorgio Napolitano (che ieri sera ha chiamato personalmente il leader della maggioranza). In realtà, tutto questo fiume di parole e questo fumo ideologico non permette di ragionare attentamente sul gesto e il suo significato. L’elemento eccezionale è innegabile; Tartaglia è in cura psichiatrica da dieci anni e la sua reazione immediata è tipica di una persona non stabile. Eppure su Facebook, la pagina creata in suo nome ha raccolto più di 40mila “fan”. L’adesione a un gesto che non ha nulla a che fare con la politica, che non accresce in alcun modo l’opposizione al governo, anzi la depotenzia, è stata esponenziale. I dati vanno presi con giudizio, Facebook è uno strumento che ben si presta a esaltare le emozioni immediate, connette e mette in rete i pensieri in libertà e si presta a dare fissità a semplici modi di dire. Eppure il dato fa riflettere. E fa riflettere sulla mancanza di politica, sulla mancanza di luoghi in cui organizzare un disagio evidente, dare continuità a una ribellione diffusa e settorializzata - da facebook, appunto - che, sia pure in forma esemplare ed eccezionale, si individualizza. Il gesto di Tartaglia, il consenso da social network che genera, fa pensare, una volta di più, all’americanizzazione del conflitto sociale in Italia. L’attentato individuale al Presidente è un genere cinematografico e letterario che tanto spazio ha occupato negli Stati Uniti. In Italia si è determinato, per la prima volta, con Silvio Berlusconi - il cui agire è tutto intriso di americanizzazione - e lo si ritrova sia nel fatto avvenuto ieri ma anche nelle modalità di alcune manifestazioni, nella rarefazione dello scontro sociale, nella scomparsa della sinistra di classe. Da questo punto di vista, senza enfasi e senza trarre conclusioni eccessive, l’evento di un uomo solo, disturbato mentalmente e che in una piazza Duomo gremita colpisce in pieno volto il presidente del Consiglio, fa riflettere anche noi.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Commenti sulla contestazione a Berlusconi.
16 dicembre 2009 - 18h15 - Di Giuseppe - cc86c8c71d518e5c750ba732b8e96dc3...

Come sempre la breve analisi del grande Marco Ferrando (uno davvero comunista) si rivela la più lucida nella sua seppur semplice argomentazione. E’ finito il tempo dei parolai. La drammaticità della situazione economica e sociale impone un deciso cambio di rotta da parte di tutte quelle forze politiche, sindacali, movimentiste, associazioniste ecc... che hanno a cuore la difesa dei diritti civili e delle libertà individuali.
Obbiettivo assolutamente minimo visti i tempi bui ed i concreti rischi di dittatura fascista che stiamo correndo...
Risvegliare le coscienze dal lungo sonno della ragione attraverso la dura e radicale lotta, ecco la ricetta, ecco le parole d’ordine. Altre vie non ce ne sono.






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si les gens de cette nation comprenaient notre système bancaire et monétaire, je crois qu'il y aurait une révolution avant demain matin. Henry Ford Sr
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito