Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
CESARE BATTISTI : e Frankenstein fabbricò la sua creatura (prima puntata)

di : Collettivo Bellaciao
venerdì 2 aprile 2004 - 16h43
1 comment

L’ORRORE DELLA STAMPA ITALIANA RIVELATO DAL CASO CESARE BATTISTI

di Valerio Evangelisti

L’asso nella manica

In genere, la stampa italiana ha un grado di pretenziosità più alto della televisione o della radio nazionali. Questi ultimi due media, quando non sono puramente commerciali, sono comunque vincolati al potere politico o a interessi privati, che ne designano i vertici. Da parte del pubblico non vi è grande aspettativa di attendibilità nei loro confronti; anzi. Solo alcuni corrispondenti, alcuni commentatori godono di prestigio. Gli altri – la maggioranza – vengono regolarmente triturati da trasmissioni satiriche (Blob, Striscia la notizia, Mai dire domenica ecc.) che sono una sorta di bidone della spazzatura a uso interno, molto gradito dal pubblico.

Diverso il discorso per la stampa quotidiana o settimanale, nazionale o locale. Il direttore, l’editorialista di prestigio, il corrispondente con un lungo mestiere alle spalle posano a intellettuali (e spesso lo sarebbero, per formazione), discettano con competenza sulle materie più varie, parlano da interpreti autorizzati dell’opinione pubblica, scrivono con la sicumera di chi coltiva la verità e possiede informazioni sconosciute ai più. Del resto, si lodano tra loro, si citano, si premiano l’un l’altro, si presentano compatti all’applauso. Se io non conoscessi Cesare Battisti ormai da anni, se non avessi ricostruito per mio conto il suo cammino umano e giudiziario, forse conserverei dei signori della stampa italiana un’immagine simile a quella che propongono essi stessi. In passato, a dire il vero, la mia fiducia aveva oscillato parecchie volte. Ricordo lo shock che provai quando, nel terz’ultimo volume della Storia d’Italia di Indro Montanelli – celebrato anche dagli avversari quale maestro di giornalismo – trovai scritto che Francesco Lorusso, lo studente ucciso a Bologna l’11 marzo 1977, sarebbe stato armato di pistola. La fonte: il “pentito” Antonio Savasta. In realtà il dettaglio non ha alcun fondamento, è totalmente campato in aria, fu smentito fin dal primo istante.

Perché, dunque, Montanelli lo fece proprio, fino a inserirlo in un volume con pretese storiografiche? Forse perché odiava Lorusso anche dopo la morte, per squisite ragioni ideologiche? Non lo so. So solo che la Storia d’Italia di Montanelli e collaboratori (Gervaso, Cervi) seguita a essere ristampata con quella pagina bugiarda e infame. E se Montanelli continuava a disprezzare Lorusso post mortem, io mi sento autorizzato a coltivare il suo stesso grado di pietà. Poi sono state tante altre le macchie della stampa italiana che mi hanno indignato. Specie in occasione di guerre recenti, in cui foto fasulle e reportages balordi servivano a confortare il partito preso del direttore del giornale e dei suoi più stretti collaboratori. Ma non posso dilungarmi e vengo allo specifico: il caso Battisti. Un’occasione in cui la stampa, seguita dagli altri media italiani, ha dato il peggio di sé. Penne raffinate e scribacchini, tromboni di partito e sedicenti maestri di saggezza, si sono ritrovati complici nel costruire, con maggiore o minore eleganza, una mostruosa inversione della verità. Tratto comune a tutti loro: una completa ignoranza dei fatti più elementari. Fine comune: gettare in pasto ai lettori un capro espiatorio costruito all’uopo. Sottofondo comune: la rinuncia a ogni deontologia professionale. Non era la prima volta. Be’, ci sono ricascati. Cercherò di dimostrarlo.

Chi è Cesare Battisti. Le leggendarie origini

Sull’identità di Battisti, quanto a origini familiari, ci informa nientemeno che GIORGIO BOCCA. Su La Repubblica del 20 marzo ci spiega che è pronipote dell’eroe omonimo della prima guerra mondiale. Ebbene, non è affatto vero. Da dove ha tratto Bocca simile notizia? Chissà. Gli serve, comunque, per tirare in ballo, attraverso un ragionamento arzigogolato (l’occasionale incontro con una figlia dell’eroe), Vittorio Vidali: l’agente di Stalin che nel corso della guerra civile di Spagna torturò a morte il leader del POUM, Andrés Nin (questo Bocca non lo dice e magari non lo sa) e più tardi fece finire nei lager parecchi antifascisti italiani. “Forse una storia arrivata fino al Battisti pronipote…”. Ecco che una falsa genealogia serve a collegare goffamente, fin dalla nascita, Cesare Battisti (quello odierno) a un assassino. Se fossi nei panni di Giorgio Bocca morirei di vergogna. Ha dato prova di quello stile stalinista che dice di aborrire.

Cesare Battisti, il Re del Terrore

Quanti e quali sono i crimini di Cesare Battisti? Questo è il campo in cui la stampa si è più sbizzarrita, sorretta dalla televisione. Partiamo dall’esempio più balordo, tratto da un articolo di ENZO CATANIA (il “Turbominchia” del Processo di Biscardi) apparso su La Sicilia del 9 marzo 2004. Già il titolo che figura in prima pagina – “Il brigatista Battisti uccise un catanese” – è un intreccio tra due menzogne. Intanto Battisti non era affatto un “brigatista” (come poi scriverà anche MARIO PIRANI su La Repubblica). E poi, chi sarebbe il “catanese” da lui ucciso? Si tratta di Vincenzo Consoli, un avventore del ristorante Transatlantico di Milano, morto nel corso della sparatoria che, il 22 gennaio 1979, oppose il gioielliere Pier Luigi Torregiani e un suo cliente, entrambi armati, a due rapinatori. Uno dei banditi rimase ucciso (“l’ennese Orazio DaIdone”, spiega Catania, sensibile alle questioni di campanile), e l’episodio provocò poi, il mese successivo, l’agguato mortale a Torregiani fuori della sua gioielleria. Nessuno ha mai pensato di attribuire a Cesare Battisti, e nemmeno ai PAC (Proletari Armati per il Comunismo) in generale, la rapina al Transatlantico e la morte accidentale di Vincenzo Consoli. E difatti, nell’articolo di Enzo Catania non se ne fa cenno. Il titolo “Il brigatista Battisti uccise un catanese” serve solo a eccitare i lettori de La Sicilia contro il “mostro” Battisti. L’articolo del “Turbominchia” è poi farcito di dettagli gratuiti (“Torregiani sorrise al cameriere, si rassicurò nel toccare il borsello che conteneva la sua Smith & Wesson”), ridicoli (“in un altro tavolo singolo c’era uno dei conti Dal Verme, un elegante giovanotto”, “mentre gli altri sei mangiavano pizza alla diavola e margherita, la parapsicologa cominciò a sfilarsi anelli e monili e a sbuffare”) e fasulli, tipo la presenza di un terzo bandito rimasto a fare da palo.

Quest’ultimo dettaglio, come parte della descrizione della dinamica della rapina, proviene in realtà da un vecchio articolo di GIAMPAOLO PANSA scritto a ridosso dell’assassinio di Torregiani, “L’orefice con la pistola” (compreso nel 1980 nel volume “Storie italiane di violenza e terrorismo”, ed. Laterza). Forse proprio perché scritto a caldo (ma sì, concediamo le attenuanti!), l’articolo è infarcito di inesattezze. Non c’è mai stato alcun “terzo uomo” nella rapina al ristorante (e, se ci fosse stato, comunque non avrebbe potuto trattarsi di Battisti). Inoltre Pansa, e dopo di lui Catania, sorvola sul ferimento del figlio adottivo di Torregiani, il giorno dell’attentato a quest’ultimo, finendo per attribuirlo agli aggressori. Se Pansa, ripeto, aveva a suo tempo qualche scusante, ne ha di meno La Padania, che, scoppiato il “caso Battisti”, ha ripubblicato il suo articolo senza modificarne una virgola. Del resto, l’episodio tragico del figlio di Torregiani rimasto paraplegico è divenuto, sui nostri media, il perno della costruzione del “mostro Battisti”. Ciò sebbene, come vedremo tra breve, Cesare Battisti non sia affatto accusato di avere partecipato direttamente al delitto, e la sua partecipazione “indiretta” (quale organizzatore, o affiliato alla banda armata organizzatrice) derivi da un “teorema” accusatorio dalle basi estremamente labili. Comunque, ormai, quando si pensa a Battisti, lo si associa automaticamente all’assassinio di Pier Luigi Torregiani e al figlio di questi costretto a muoversi in carrozzella. Il fine è raggiunto.

Lo spettacolo dei sentimenti e le sue ricadute

Va detto che Alberto Torregiani, figlio adottivo di Pier Luigi, è infinitamente più nobile di chi, nelle settimane scorse, lo ha intervistato innumerevoli volte. Ha sempre ammesso sinceramente, infatti, che a ferirlo nella concitazione della sparatoria e a renderlo invalido fu il padre. Non ha mai accusato di questo Cesare Battisti. Solo che la sua semplice apparizione, nel corso di programmi televisivi consacrati a Battisti, o la sua menzione, nell’ambito di articoli dedicati allo stesso tema, è emotivamente sufficiente a mettere in secondo piano le parole da lui dette. Oggi, diversi milioni di italiani sono persuasi che Cesare Battisti abbia personalmente ucciso Pier Luigi Torregiani e ne abbia reso paraplegico il figlio. Anche adesso, quando è ormai noto che nessuna delle due asserzioni corrisponde a verità, il figlio invalido di Torregiani viene evocato ogni volta che si vuole eccitare l’opinione pubblica (non solo italiana) contro Battisti. Vediamo alcune varianti tra le più insidiose. Scrive BARBARA SPINELLI (come si noterà siamo mille miglia lontani dal “Turbominchia”), in una lettera agli intellettuali francesi apparsa su La Stampa del 7 marzo 2004, poi ripresa da Le Monde: “Così furono uccisi il macellaio di Venezia Lino Sabbadin e il gioielliere di Milano Pierluigi Torregiani, con la partecipazione diretta o indiretta di Battisti. Nel corso della colluttazione, Adriano [in realtà Alberto, n.d.r.] figlio di Torregiani fu colpito da una pallottola sfuggita al padre prima che questi cadesse, e da allora, paraplegico, è sulla sedia a rotelle. L’ho visto alla Rai il giorno in cui Battisti è stato scarcerato. Peccato non l’abbiate potuto vedere anche voi.

Rincara GIULIANO FERRARA, su Panorama del 15 marzo 2004: “A me non piace rivedere in tv il povero figlio del gioielliere Torregiani sulla sedia a rotelle da oltre vent’anni per aver preso un colpo nella schiena dalla banda armata di Battisti o da lui in persona (secondo le sentenze), tendo a voltare lo sguardo dall’altra parte per il dolore che provo per lui e per il raddoppio di quel dolore, la sensazione che a quell’orfano ferito per sempre nessuno spirito di vendetta restituirà felicità, ma che dico, un minimo di benessere.” Simpatico quel “secondo le sentenze” di Ferrara. In teoria, la sentenza valida dovrebbe essere l’ultima, che proscioglie Battisti dall’avere commesso direttamente il delitto – non quella che fa più comodo citare. Però la sostanza vera dell’articolo sta nel fatto che Alberto Torregiani avrebbe “preso un colpo nella schiena” da Battisti o dalla sua banda. Falso, e se Ferrara avesse letto la sua collega Spinelli lo saprebbe. Ma che gliene frega, in fondo?

Tanto Battisti non è in condizione di querelare per diffamazione nessuno. E’ un fuorilegge, no? Comunque, prima di proseguire, conviene vedere come Cesare Battisti sia entrato, in sede processuale, dentro e fuori il caso Torregiani, e come si sia ritrovato più carico di omicidi di Diabolik o Fantomas.

da Carmilla

29.03.2004
Collettivo Bellaciao



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> CESARE BATTISTI : e Frankenstein fabbricò la sua creatura (prima puntata)
13 luglio 2004 - 17h25 - Di 09825148c3efc1b955bb953aba2d71b3...

solo capziosita’ e dettagli.
tutti sanno che il figlio del gioielliere e’ stato ferito dal padre...e allora?
la sostanza che battisti sia responsbile dei 4 omicidi (commessi direttamente o da altri appartenenti del suo gruppo) non cambia. e ricordo che ne basta uno di omicidio per prendersi un meritato ergastolo.....
quando si arriva ad attaccarsi ai dettagli significa che non si hanno proprio argomenti. che tristezza!






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Je voudrais seulement comprendre comment il se peut que tant d'hommes, tant de bourgs, tant de villes, tant de nations supportent quelquefois un tyran seul qui n'a de puissance que celle qu'ils lui donnent, qui n'a de pouvoir de leur nuire qu'autant qu'ils veulent bien l'endurer. Etienne de La Boétie, 1576
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito