Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra

di : Libia
lunedì 28 marzo 2011 - 11h11
9 commenti
JPEG - 34.4 Kb

Il presidente americano ha esultato per la missione libica, che a suo parere “sta avendo successo”. Le bombe ‘democratiche’, secondo il premio Nobel per la Pace, avrebbero salvato molte vite. Ma dietro gli ‘insorti’ potrebbe esserci ben altro.

Il capo della Casa Bianca ha sottolineato che gli americani “devono essere orgogliosi delle vite salvate in Libia” con un intervento “che è stato nel nostro interesse nazionale”. E la stampa internazionale esulta per i successi dei ‘ribelli’. Ma ad alcuni ‘inviati’, specialmente a quelli ‘di sinistra’ italiani sono stranamente sfuggiti alcuni particolari sulla ‘opposizione libica’.

Innanzi tutto i fatti. Sebbene del tutto ignorato dai media internazionali o addirittura definito ‘materiale di disinformazione’, il bilancio fornito dal Omar Khaled, funzionario del Ministero della Salute libico, riferisce di 114 morti e di 445 feriti a causa dei bombardamenti compiuti tra il 20 ed il 23 marzo da forze statunitensi, francesi e del Regno Unito. I dati forniti dal governo di Tripoli non distinguono tra vittime civili e militari, ma secondo informazioni riferite da Telesur e raccolte tra i media locali “la maggioranza delle vittime erano civili, dei quali 100 sono stati uccisi a Tripoli, mentre gli altri 10 sono morti a Sirte (nord), oltre 600 chilometri dalla capitale”.

Il ‘successo’ al quale si è riferito Obama è però il frutto di una complessa operazione di ‘guerra psicologica’ supportata da alcuni media, in particolare Al Jazeera, preparata con cura da Washington, Parigi e Londra e gestita, forse, con la stessa confusione con la quale si è ‘prederminato’ il superpasticcio afgano.

In Occidente ed in Italia i quotidiani di ogni orientamento (in particolare quelli di sinistra) hanno deformato la realtà da subito. Non si è spiegato ai cittadini-lettori come il conflitto libico sia stato originato in particolare da due fatti che nulla hanno a che vedere con una ‘rivoluzione per la democrazia’. Il primo è il cedimento dell’accordo tra i capi clan del Paese che garantiva l’equilibrio tra le diverse tribù e la dittatura del Colonnello. Il secondo, meno trasparente, coinvolge alcuni servizi segreti occidentali (Usa, Francia, Regno Unito) e forze non ancora identificate (secondo alcune testimonianze vicine all’integralismo islamico egiziano) che hanno preparato i primi moti di Bengasi e rifornito di armi e informazioni segrete i ‘ribelli’.

Prima di tutto fino ad oggi non è assolutamente chiaro da chi siano composte le cosiddette ‘forze ostili alla dittatura di Gheddafi’ e quali tribù abbiano aderito al cartello antigovernativo. Tuttavia è noto che Mustafa Mohamed Abud Al Jeleil, il segretario del ‘Consiglio nazionale ad interim di transizione’, era l’ex ministro della Giustizia del Colonnello ed stato oggetto in passato di duri attacchi da parte di Amnesty International ed Human Right Watch per le sue attività di repressione del dissenso. Inoltre, le autorità di Sofia lo ritengono tra i responsabili del sequestro e della tortura di alcune infermiere bulgare e di un medico palestinese a lungo detenuti a Tripoli e condannati a morte dopo un processo farsa che indignò il mondo intero e liberati dopo otto anni di galera grazie all’intervento (guarda caso) della ex moglie del presidente francese, Cecilia Sarkozy.

Ma i dubbi non si fermano all’ex collaboratore del dittatore libico. In un’analisi pubblicata il 26 marzo scorso dal quotidiano statunitense ‘The Washington Examiner’, il caporedattore politico Byron York, ha scritto: “Sta emergendo la prova che le forze degli Stati Uniti stanno conducendo la guerra in Libia a favore di ribelli tra i quali ci sono jihadisti che hanno combattuto contro gli Usa in Afghanistan, Pakistan e Iraq”.

Il reporter americano, citando il britannico ‘The Telegraph’, ha sostenuto che “Abdel-Hakim al-Hasidi (nella foto, ndr), uno dei leader delle forze ribelli appoggiate dagli Usa nei combattimenti intorno a Adjabiya, è andato in Afghanistan nel 2002 per lottare contro la “invasione straniera”, cioè le truppe americane che avevano invaso quel Paese dopo l’11 settembre.

Praveen Swami, un giornalista del quotidiano inglese, ha scritto poi che “in una intervista rilasciata al giornale italiano ‘Il Sole 24 Ore’, Mr al-Hasidi ha ammesso di aver reclutato ‘circa 25′ uomini nell’area di Derna, una zona della Libia orientale, per combattere contro le truppe della coalizione in Iraq. Alcuni di loro, ha detto, sono ‘oggi sono in prima linea ad Adjabiya’”.

Per York “la storia di Al-Hasidi è coerente con le prove presentate in un rapporto del 2007 pubblicato dal Centro contro lotta al terrorismo dell’Accademia Militare degli Stati Uniti di West Point” (leggi).

Il rapporto, redatto dai docenti Joseph Felter e Brian Fishman, aveva preso in esame alcuni documenti di organizzazioni integraliste affiliate ad al Qaeda trovati nell’ottobre 2007 vicino a Sinjar, in Iraq. Il materiale comprendeva informazioni biografiche su circa 700 terroristi stranieri arrivati in Iraq per combattere contro gli Stati Uniti tra agosto 2006 e agosto 2007.

I due studiosi avevano scoperto che la maggior parte dei combattenti stranieri, circa il 41 per cento, provenivano dall’Arabia Saudita. Il secondo Paese numericamente rilevante per reclutamento, col 19 per cento di presenze, era la Libia.

Dal momento che studi precedenti avevano indicato un numero molto minore di combattenti libici in Iraq, gli autori avevano dedotto che ci fosse stato un aumento di libici in Iraq nella primavera e nell’estate del 2007 grazie al lavoro del ‘Libyan Islamic Fighting Group’s’ (Lifg) e ‘The Telegraph’, citando fonti governative statunitensi e britanniche, ha affermato che Abdel-Hakim al-Hasidi è un membro del Lifg.

Daya Gamage di “Asia Tribune” in un recente articolo sullo studio del Centro di West Point, ha aggiunto “… cosa allarmante per i politici occidentali, molti combattenti provenivano dalla Libia orientale, il centro delle attuali rivolte contro Muammar Gheddafi. La città orientale di Derna ha inviato più combattenti in Iraq rispetto a qualunque altra città o cittadina”.

Secondo il lavoro di indagine svolto dal ‘Centro’ i principali centri del Lifg erano le città di Bengasi e Derna. Questo è documentato in una dichiarazione di Abu Layth al-Libi, sedicente “Emiro” del gruppo, poi divenuto un funzionario di alto livello di al Qaida. L’uomo nel 2007 aveva sottolineato l’importanza di Bengasi e Derna per i jihadisti libici ed aveva affermato: “E’ con la grazia di Dio che stavamo issando la bandiera della jihad contro questo regime di apostati (quello di Gheddafi, ndr), sotto la leadership del Gruppo dei Combattenti Islamici Libici, che ha sacrificato l’elite dei suoi migliori figli e comandanti nella lotta contro questo regime, il cui sangue è stato versato sui monti di Derna, nelle strade di Bengasi, nei sobborghi di Tripoli, nel deserto di Sabha e sulle sabbie dei litorali”.

Felter e Fishman, già nel 2007, avevano proposto che la Casa Bianca iniziasse una cooperazione con i governi arabi esistenti contro i terroristi. Avevano scritto i due analisti: “I governi siriano e libico condividono le stesse preoccupazioni degli Stati Uniti riguardo alla violenta ideologia salafita-jihadista e riguardo alla violenza perpetrata dai suoi aderenti. Questi governi, come altri in Medioriente, temono la violenza dentro i loro confini e preferirebbero che quegli elementi integralisti andassero in Iraq piuttosto che causare destabilizzazioni nel Paese. Gli sforzi degli Stati Uniti e della Coalizione per bloccare il flusso di combattenti in Iraq saranno più efficaci se si rivolgeranno all’intera catena logistica che supporta gli spostamenti di questi individui – a partire dai loro Paesi d’origine – piuttosto che rivolgersi ai soli punti d’accesso siriani. Gli Stati Uniti potrebbe riuscire a intensificare la cooperazione dei governi per bloccare il flusso di combattenti in Iraq rivolgendo le loro attenzioni alla violenza jihadista domestica”.

Lo studio di West Point, però, conteneva anche una seconda opzione, ipotizzando di utilizzare i membri del Lifg contro Gheddafi, creando un’alleanza fra gli Stati Uniti e un segmento dell’organizzazione terroristica. Secondo la ricerca a prescindere dalla strategia globale “è probabile che alcune fazioni del Lifg vogliano ancora rendere prioritaria la lotta contro il regime libico, piuttosto che combattere in Iraq. E’ possibile esacerbare le divisioni fra i capi del Lifg e la tradizionale base di potere egiziana e saudita di al Qaida”.

L’esperienza afgana, nella quale sono stati investiti milioni di dollari anche provenienti dal traffico di oppio, per sostenere i guerriglieri integralisti ai tempi dell’invasione sovietica sembra possa ripetersi in Libia. Salvo poi trovarsi sul campo non degli alleati, ma dei temibili nemici.

La guerra libica, insomma, potrebbe contenere scenari del tutto inconfessabili. Indulgere nello sport della dietrologia non è mai saggio. Ma lo strano conflitto libico e la presenza di immensi giacimenti di petrolio in quel Paese dovrebbero suggerire molta cautela. Perchè dalle ‘armi di distruzione di massa’ di Saddam (mai trovate) alla tragedia dell’Afghanistan, passando per non poche guerre africane, golpe ed omicidi mirati le manovre delle grandi potenze (in prima linea Usa, Cina, Francia, Gran Bretagna e Russia) hanno prodotto fino ad oggi immensi danni e decine di migliaia di vittime.

La sinistra italiana, prima di imbracciare i fucili e gridare alla ‘rivoluzione democratica’, forse dovrebbe osservare con cura la situazione. Per evitare errori irreparabili.

http://www.inviatospeciale.com/2011...

PDF - 824.6 Kb
Al‐Qa’ida’s Foreign Fighters in Iraq: A First Look at the Sinjar Records


Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
28 marzo 2011 - 12h45 - Di 843e96438d711269e7ce820fff6fe7ab...

Cos’è, l’ Agenzia Jana" di Tripoli ?

Cioè l’equivalente dell’ "Agenzia Stefani" ai tempi del fascismo ....

Raf



Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
28 marzo 2011 - 19h34 - Di Mirko P. - 20213e719473bd60828188f92e76022d...

Vabbè vi appigliate a tutto.

In Libia non c’è nessuna rivolta ma c’è una guerra civile tra tribù. Alcune di qst non erano più contente di come era spartita la torta e si sono fatte sostenere da stati stranieri, a loro volta scontenti delle spartizioni.

Inoltre le potenze occidentali avrebbero potuto fare come in Egitto o in Tunisia, dove tutto è identico (forse anche peggio) di come era prima delle rivolte. Si veda la nuova costituzione o la nuova legge anti manifestazioni in Egitto. Oppure potevano fare come stanno facendo in Giordania o Bahrein, dove è difficile sentir parlare delle rivolte e dei massacri che stanno avvenendo.

No alla guerra.


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
28 marzo 2011 - 19h57 - Di 162fc89386cde9c9efbd397234c87a9f...

Tutto questo giustifica la sopravvivenza al potere di un orrido buffone come Gheddafi ?

K.


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
28 marzo 2011 - 20h06 - Di 29def7c42eef935d55137557b52fae78...

Sembra sempre piu’ ,purtroppo, che queste rivoluzioni siano state per.. soli uomini,
da amnesty si vien a sapere che, il nuovo corso rivoluzionario egiziano (che tanto ha appassionato i nostri animi)ha arrestato 18 donne che manifestavano in piazza Tahrir perchè nei cambiamenti costituzionali recentemente approvati, non c’era niente che migliorasse la vergognosa condizione femminile.Portate in caserma sono state non solo picchiate ma è stato fatto loro il test della verginità ,per dimostrare che in un paese islamico, solo delle puttane potevano avere il loro ardire.I famosi scherzi da preti ,saranno il leitmotiv del futuro, la parte laica sarà esclusa se non perseguitata ,come del resto è successo in iran e dovunque i pretacci hanno preso il potere.Va bene che siamo come sveglie che suoniamo nel deserto e qualche filosofo potrebbe dire, visto anche la nostra possibilità di influire in questi avvenimenti,che non soniamo affatto.ma per favore arrendetevi all’evidenza, voi che ancora non avete ben messo a fuoco come stanno le cose!
Alex


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
29 marzo 2011 - 00h06 - Di 71c5ea07e195f4ae958544baff1a1d26...

e se si partisse dalla valorizzazine che tra gli insorti vi sono anche donne come queste che manifestano per la propria libertà... o queste anche ai nostri occhi devono essere viste come incidente di percorso o funzionali al capitalismo occidentale? E’ paradigmatico come non si voglia fare i conti con una fetta - non importa se piccola o grande - di popolazione che lotta (può perdere, non importa) per la libertà. L’impressione è che alcuni pur di evidenziare come nulla cambia... finiscono già col rimpiangere i vecchi regimi (un sacco ancticapitalisti, si intende)... Non sarebbe meglio allora supportare, con tutti i mezzi che abbiamo, chi si batte contro il vecchio regime ed allo stesso tempo è represso dal "nuovo ordine" ? Ormai ci ripetiamo le cose da troppo tempo. Evidentemetne siccome non credo che facciamo a non capirci, vi sono visioni del mondo e letture dell’esistente troppo diverse. hai voglia a paralre di unità della sinistra o anche solo dei "comunisti"


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
29 marzo 2011 - 12h39 - Di 6179cf4efcd80101135bf5667cdf7eae...

se sono state per soli uomini è anche perché sotto quei regimi tanto spazio per far crescere una cultura diversa non si è dato... e forse è anche inevitabile che decenni e decenni di tal fatta abbiano mantenuto una mentalità dura a morire. UNA RAGIONE IN PIU’ PER AUSPICARE RIBELLIONI SU RIBELLIONI. Ed invece c’è chi ancora frena quasi a rimpiangere la barbarie che ha imperato per decenni. Il nuovo lo si costruisce con la lotta; anche con la lotta di quelle donne che coraggiosamente hanno alzato la testa! Ross


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
29 marzo 2011 - 13h46 - Di Mirko P. - 647f97ed920b98b932c6ca30d2045dfe...

Scusate ma penso di non aver mai affermato di stare dalla parte di Gheddafi o di Mubarak o di Ben Ali o del re di Giordania o di Assad ecc.

Dico solamente che le rivolte non sono tutte uguali, per differenti situazioni socio-economiche e culturali di partenza. Dico inoltre che l’Occidente ha marciato e guadagnato come poteva da queste situazioni e che parte dei ribelli non sono poi così "ribelli civili". Vorrei ricordare il caso ad esempio dell’Uck in Kossovo.

Nel nostro piccolo vorrei ricordare le rivolte contro la discarica di Pianura, quando per protestare contro una ingiusta decisione l’area Felegre fu messa a ferro e fuoco. Come tutti già sapevano la rivolta fu creata, sovvenzionata e sostenuta da camorristi e alcuni politici. La ribellione era giusta ma quelle persone andavano spazzate via.

Sosteniamo le rivolte in favore della libertà ma non mettiamoci i paraocchi.


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
29 marzo 2011 - 16h18 - Di 843e96438d711269e7ce820fff6fe7ab...

Ma che c’entra Pianura ?

Casomai il caso dell’UcK somiglia ad una specie di Lega Nord, però armata.

E la "ribellione" dell’UcK era comunque contro un governo democraticamente eletto come quello di Milosevic.

Gheddafi non è stato democraticamente eletto da nessuno, da 41 anni esercita una feroce dittatura personal/familiare, non è nemmeno lontanamente "socialista" come comunque si definiva Milosevic ed è socio d’affari di molto capitalismo occidentale.

Oltre a fare, da qualche anno, il cacciatore di migranti al soldo del governo italiano di Berlusconi.

Quindi, di cosa stiamo parlando ?

Raf


Libia: spie, integralisti e intrighi di una sporchissima guerra
29 marzo 2011 - 16h56 - Di Mirko P. - db1d95823bc8fe4bdc5b48d45a6e6314...

Ma io infatti non ho proprio parlato di Gheddafi. Mi sembra che portiate sempre la il discorso per evitare di parlare delle questioni sollevate.

Il mio riferimento era ai rivoltosi. Il caso dell’Uck è emblematico. Anche loro combattevano contro un "dittatore" (era eletto ma a qst punto anche Mubarak era eletto). Dopo si è scoperta la verità. Ripeto viva chi combatte per la libertà. In Libia però si tratta di una guerra tribale scaturita da una rottura degli equilibri interni al regime.

Scusate ma poi anche Saddam era un sanguinario dittatore, oltretutto con posizioni naziste e molto vicine alla estrema destra europea. Eppure tutti noi, giustamente, ci siamo schierati contro la guerra, pur essendo contrari a Saddam, al suo partito e allo sterminio di Kurdi, Sciiti e comunisti.





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La perfection des moyens et la confusion des buts semblent caractériser notre époque. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito