Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...

di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
venerdì 9 febbraio 2018 - 14h36

A fine gennaio una “passeggiata” neofascista nel quartiere Primavalle a Roma poneva all’indice i migranti e le persone indigenti che vivono nel quartiere come “colpevoli” di ogni degrado e criminalità. Dopo il femminicidio di Pamela a Macerata, e l’atto terroristico neofascista, in poche ore la propaganda xenofoba e razzista ha puntato indice e tutte le altre 19 dita contro i migranti (e chi con loro è solidale) accusandoli indistintamente di essere colpevoli di spaccio di droga, mafia, insicurezza, criminalità e degrado. Arrivando anche ad affermare che è la presenza dei migranti ad aver scatenato l’atto criminale. Gli unici da condannare sono gli africani presenti in Italia. Ad oggi la dinamica non è ancora definita ma la colpa è dei migranti, senza se e senza ma. Emergesse altro sbaglierebbero la realtà e gli inquirenti. Eh si, perché in realtà c’è un altro passaggio delle ultime ore di Pamela che esiste: nelle ore precedenti il suo assassinio c’è chi l’ha pagata per avere un rapporto sessuale. Diventato protagonista anche di un’intervista nel quale il giornalista racconta il suo strazio e il suo dolore …

IL RECORD DEL TURISMO SESSUALE E DELLE VIOLENZE … DOMESTICHE



Avete sentito mezza parola di condanna? Avete visto una mezza unghia puntata? Qualcuno si è posto qualche domanda? Nossignori! Ma se indigna (e deve indignare) a stupire non stupisce più. Perché la Nazione teatro da anni e anni di propaganda xenofobe contro i clandestini che “ci vengono a rubare e stuprare le donne” ( e già questa è un’affermazione ripugnante e nauseante perché una donna è una persona dotata di intelligenza, dignità, rispetto, autodeterminazione … e mai, mai e poi mai deve essere considerata proprietà di un altro … se un uomo pensa che la fidanzata/moglie/convivente/amante/ecc. sia sua proprietà non è un uomo, è un aguzzino disumano …) dove la quasi totalità di violenze, abusi, femminicidi avvengono dentro le mura domestiche, da membri della famiglia e da fidanzati ed è la stessa che ha il record mondiale del “turismo sessuale” criminali contro bambine e bambini di Asia e Africa (https://left.it/2018/02/05/pedofilia-lorrendo-primato-italiano-nel-turismo-che-distrugge-i-bambini/ ). Un record che passano gli anni ma non cede minimamente (http://www.unimondo.org/Notizie/Italia-80mila-italiani-nel-turismo-sessuale-del-Sudest-asiatico-76945 ). Un record su cui il silenzio e la scarsa (anzi, quasi nulla) indignazione è pressoché totale. E guai a provare a toccare il mito della nostra “brava gente”, a denunciare che i crimini non hanno colore e nazionalità. Il diluvio di offese, minacce, intimidazioni violente sarà fragoroso. Lo stiamo vedendo appunto anche in questi giorni. Gli antirazzisti e gli antifascisti per i signori del Potere e della Propaganda non dovrebbero neanche parlare. Mentre a destra si giustifica, difende, solidarizza, con il terrorista neofascista.

SILENZI E CONNIVENZE TRA MASSOMAFIE E FASCIOMAFIA

Silenzio su silenzio. Quello che troppo spesso copre di tutto e di più. Il nemico è il migrante, il nemico è chi calpesta da clandestino il “sacro suolo della Patria”. Sono colpevoli di tutto, basta spazzare via loro è spazzare via mafie, degrado, spaccio, sfruttamento della prostituzione, schiavismo. Buttiamoli fuori e l’Italia sarà sana. Questo il mantra xenofobo dei neofascisti. Ma la realtà è un’altra ovviamente. E la loro propaganda, i loro silenzi, il loro deviare a tutti i costi l’attenzione sul “nemico della Patria” non fa altro che costruire omertà, connivenze, complicità, difendere mafie e violenti, sfruttatori e oppressori, criminali di ogni risma. Perché, basta attraversare piazze e strade, chi si scaglia contro il “nemico della Patria”, chi individua l’unico “colpevole di tutto” nel migrante è lo stesso che china il capo davanti a potenti e potentati di ogni dimensione, che si adatta ad ogni sistema, è colui che col cappello in mano alimenta clientelismo e favoritismi, malaffare e malapolitica. E’ colui che gira la testa dall’altro lato davanti alle Suburra delle nostre periferie, che non andrà mai in difesa del debole che viene quotidianamente oppresso, è quello che non denuncia neanche chi avvelena lui e i suoi figli. E’ quello che, basta che sia dei nostri e che gli faccia cadere qualche briciola, la grande massomafia, quella dei colletti bianchi e dei feudatari criminali, la accetta (http://www.qcodemag.it/2017/10/21/mafia-liquida-imprenditori-criminali-e-nuove-massomafie/ http://heval.altervista.org/litalia-e-un-regime-fondato-su-trame-ricatti-depistaggi-omerta-e-malaffare-cose-questo-regime-tutti-lo-sanno-ma-troppi-amano-tacere-ed-esser-complici/ ). Perché gli dona sicurezza, conforto, sostanzialmente gli piace. E guai a chi denuncia, a chi non china il capo. Perché è colui che turba la pax borghese, è colui che crea scandalo, è colui che offende il decoro e insulta la propria terra.

E da qui non si può non far scaturire un’altra considerazione. Perché dagli assassini di Fausto e Iaio a Mafia Capitale c’è un fil noir comune: la presenza di neofascisti in organizzazioni criminali e mafiose. La grancassa della propaganda anche a Roma alla fine, con violenza e arroganza, con menzogne e silenzi interessati, alla fine – anche in questo caso – ha portato avanti il meccanismo già descritto. La colpa è degli immigrati, dei clandestini, dei “negri”. Ma la cupola era, come la definì la Procura inquirente, si nera. Ma nera politicamente. Quella di Roma è una, parole testuali degli inquirenti, una “fasciomafia”. Era la cupola che gravitava intorno all’ex NAR Carminati, era quella difesa da una incredibile campagna innocentista di un quotidiano di quell’area politica. Mentre un altro ha visto addirittura suoi redattori addirittura coinvolti nella stessa inchiesta. E’ il processo che ha visto protagonista, in aula tra il pubblico e sui social, come difensore di Carminati, autore di insulti e diffamazioni contro Lirio Abbate, L’Espresso e tutti i giornalisti che hanno denunciato “Mafia Capitale” il leader di Militia Maurizio Boccacci (http://www.cinquantamila.it/storyTellerArticolo.php?storyId=528e11f851e51 http://castelli.romatoday.it/maurizio-boccacci-leader-storico-estrema-destra-castelli-romani.html ). Tra i protagonisti della protesta davanti Montecitorio contro lo “ius soli” del giugno scorso e che dopo l’aggressione alla troupe di Nemo su facebook si schierò con Roberto Spada (https://www.nextquotidiano.it/maurizio-boccacci-roberto-spada/ https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/11/09/ostia-lestremista-di-destra-boccacci-sta-con-spada-a-te-va-la-mia-solidarieta-i-fan-su-facebook-giornalista-terrorista/3967553/ ).

Stiamo parlando della stessa città, tanto per fare un esempio, dell’assassinio del “cassiere di Mokbel” le cui indagini hanno interessato fette della galassia neofascista romana e non solo (http://popoffquotidiano.it/2014/07/03/roma-nord-i-fascisti-si-sparano-un-morto-un-ferito/ http://contropiano.org/news/old-altro-news/2014/12/18/altri-fascisti-arrestati-per-l-omicidio-del-cassiere-di-mokbel-028179 ).
Ma tutto questo non dice nulla di nuovo sotto il sole tricolore. Tra i primi a scagliarsi contro i “clandestini della mafia nigeriana”, a schierarsi con Traini fino ad arrivare ad affermare che pagherà le spese legali c’è un’organizzazione neofascista a cui non solo lui era legata. Ma il cui fondatore è stato condannato (ma non ha mai scontato un giorno di carcere perché per anni si rifugiò all’estero) per banda armata e associazione sovversiva. Di cui lui è stato il capo e che ha forgiato una generazione di stragisti, assassini, rapinatori, sequestratori.

Grancassa della propaganda xenofoba ma se si toccano gli interessi petroliferi e della grande industria nazionale le inchieste su corruzione e crimini diventano colpe dei giudici antipatrioti. Grancassa della propaganda ma i cambiamenti climatici, frutto di lucro e ingrassamento di multinazionali dell’energia e non solo, causa di devastazioni e crimini orrendi nel Sud del Mondo, diventano “il caldo con cui vogliono costringerci a sopportare altri immigrati clandestini”. E alla fine il colpevole diventa innocente e il nemico è sempre lo stesso. Grancassa che si spegne, tanto per fare gli ultimi esempi, davanti alle inchieste di questi giorni su gravissimi reati che coinvolgono persino organi dello Stato (http://espresso.repubblica.it/inchieste/2017/05/12/news/al-supermarket-delle-sentenze-ecco-l-inchiesta-che-fa-tremare-il-consiglio-di-stato-1.301388?ref=fbpe che ha portato ad arresti lo scorso 6 febbraio, https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/06/corruzione-15-arresti-per-associazione-a-delinquere-ci-sono-un-pm-un-ex-legale-di-eni-e-due-gia-coinvolti-in-caso-consip/4139705/ https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/il-piu-grave-scandalo-di-sempre/ ).

LE VIOLENZE DEI NEOFASCISTI E LA DISUMANITA’ DEI LAGER LIBICI (PAGATI ANCHE DALL’ITALIA)



Gli immigrati tout court sono colpevoli di reati, violenze, degrado, mafie. La pura civiltà occidentale è minacciata dai pervertiti depravati gay, lesbiche, trans, dal gender che minaccia la famiglia e i nostri bambini. Ma, dopo decenni di stragi neofasciste contro la democrazia e che ha colpito vari luoghi dello Stivale, anche negli ultimi anni l’elenco di attentati, agguati, violenze dei neofascisti è sterminato. Solo tra il 2014 e quest’anno ne sono stati mappati almeno 133 (https://www.google.com/maps/d/u/0/viewer?mid=1zGE0OJF-Cq0sN616hn_zto9q3-H3BmpM&ll=43.9054191637347%2C10.36573607924663&z=6 ), nel 2013 altri episodi di violenze e compresenze li avevamo elencati qui http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/440/Comunicato-Stampa-NOI-siamo-ANTIFASCISTI.aspx e non si può non citare la strage di Firenze di due anni prima (http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/63/Roma-%C2%ABIn-marcia-contro-il-razzismo-per-Mor-Diop-e-Modou-Samb%C2%BB.aspx ) o l’omicidio di Fermo dell’anno scorso, condito da un’incredibile campagna che tentò di trasformare la vittima in colpevole e il colpevole in uno da giustificare.

Mentre le grancasse della propaganda razzista vanno a più non posso queste alcune delle realtà libiche. Nel dicembre 2016 una missione Onu in Libia accertò che la maggior parte dei 34 centri di detenzione (finanziati e sostenuti anche dall’Italia, così come la locale “guardia costiera”) presenti sono veri e propri lager. E dove i trafficanti agiscono liberamente con la complicità di funzionari e polizia libica. Alcune donne, prima di entrare in Libia, davanti all’altissimo rischio di stupri assumono enormi dosi di anticoncezionali. Cercano così di evitare gravidanze ma si procurano danni irreversibili all’organismo. Dopo aver visitato alcuni di questi centri il commissario Onu per i rifugiati Filippo Grandi non nascose di essere rientrato a dir poco scioccato per quel che aveva riscontrato. Un’inchiesta della giornalista internazionale Nancy Porsia del febbraio dell’anno scorso ha evidenziato la figura chiave nel traffico di esseri umani del capo della guardia costiera a Zawiya: Abdurahman Al Milad Aka Bija.

Al Bija è accusato di avere legami con le milizie di Tripoli che portano i migranti dal Sahara alla costa, prima che siano imbarcati verso l’Italia. Accuse ribadite due mesi dopo anche dall’Oim. Il porto della città è lo snodo centrale di tutta la costa occidentale libica per i traffici di esseri umani e di petrolio.

Mentre le forze militari europee schierate in mare, denuncia la Porsia, “stanno chiudendo un occhio”, solo il traffico di carburanti vale 10 milioni di euro. E “negli ultimi due anni le milizie hanno infiltrato l’amministrazione della raffineria qui, e anche della guardia costiera”. Denunce simili, sempre a febbraio, furono sollevate da un reportage de l’Espresso in collaborazione con l’Unicef. “Ci sono guardie costiere che recuperano i migranti in mare e li vendono alle milizie che li trasportano nelle prigioni illegali. I migranti sono i bancomat di questo Paese. L’Europa vede, ne è consapevole, eppure ha preferito spostare il problema sulle nostre spalle anziché farsene carico. Preferisce non vedere i morti”, leggiamo nel reportage in cui viene riportata anche la denuncia di un poliziotto locale sulla brigata Sharikan, una delle più potenti a Tripoli: “fingono di arrestare i migranti clandestini e li tengono nei loro centri, senza cibo e senza acqua, prendono loro i soldi, li sfruttano, abusano delle donne e poi li trasportano nella zona di Garabulli per farli partire con i gommoni, con la complicità di parte della guardia costiera”.

Si potrebbe continuare ancora per pagine e pagine. Questo è il quadro. E allora non si può non ribadire, è doveroso farlo, la posizione espressa nell’agosto 2013 http://www.ritaatria.it/Home/tabid/55/EntryId/561/Lorda-nera-non-deve-dilagare-Basta-con-il-neofascismo-nelle-nostre-citta.aspx . Sono passati quasi quattro anni ma in realtà è anche cronaca di oggi.

Alessio Di Florio
Associazione Antimafie Rita Atria



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si je diffère de toi, loin de te léser, je t'augmente. Antoine de Saint-Exupéry
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito