Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti

di : Alessio Di Florio
giovedì 8 marzo 2018 - 08h06

La miniserie “Il Principe Libero” ha scatenato anche sui social un fiume di commenti. La platea di facebook, per esempio, si è letteralmente divisa a metà tra delusi ed entusiasti. Per alcuni giorni praticamente Faber ha calamitato gran parte dell’attenzione. Tra i delusi e gli entusiasti della recitazione di Marinelli c’era comunque un filo comune: grandissimo ed immenso Faber, gigante unico ed irripetibile. E anche gli entusiasti hanno ammesso che in uno sceneggiato televisivo di poche ore era impossibile raccontare pienamente Faber.

minoranzadeandreiana Paolo Villaggio in un’intervista su Repubblica (http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/spettacoli_e_cultura/villaggio-de-andre/villaggio-de-andre/villaggio-de-andre.html ) criticò la “deificazione” di Fabrizio con la quale si “è costruito un personaggio finto”. Ma lui “era molto più divertente, vario, non poteva essere schematico come un anarchico cattivo e incazzato” di come “l’hanno confinato”. La persona vera si è incarnata nei quartieri dove il buon Dio non dà i suoi raggi, si è perso tra i carugi dove incontrava l’umanità più varia e nelle sue canzoni interpretava il disagio degli emarginati, dei disgraziati, dei condannati dall’ideologia benpensante per renderlo qualcosa di utile e bello. Faber per tanti aspetti era l’anti eroe per definizione, ci mise anni anche solo per cedere al palcoscenico. La sua essenza era altrove, lontana dalle luci e dai lustrini, dai salotti e dai riflettori. Nei giorni della miniserie tutti deandreiani, tutti innamorati della sua poesia, tutti a decantare le virtù. Di chi però disse di aver trovato ben poco merito nella virtù e ben poca colpa nell’errore.

 

GLI ULTIMI E GLI EMARGINATI CANTA FABRIZIO

Siamo innamorati di Fabrizio? Siamo rapiti dalla sua musica? Ci struggiamo realmente nel suo ricordo? E allora commemoriAmolo nell’unica maniera vera e autentica. Abbandoniamo le nostre certezze borghesi, le nostre ideologie da perbenisti e benpensanti, le nostre comodità da materassi di piume in cerca di poltrone e tivù. Fabrizio era autenticamente Fabrizio accanto agli ultimi, agli emarginati, ai barboni, alle puttane delle “vecchie case” di Genova, ai disgraziati di ogni tipo. Ma mai con la carità pelosa e assistenziale di chi si crede migliore e guarda dall’alto in basso. No, Fabrizio viveva con loro, li ammirava, apprezzava la loro umanità. La migliore. Molti sono colpiti, ancora oggi, dalla precisione, dalla minuziosa ricerca, dall’attenzione di De André nelle parole e nelle musiche. Era tutto messo nel descrivere, nel raccontare, nel far conoscere quella umanità. Ma saremmo mai capaci noi di andare alla ricerca di un barbone o in una comunità di una prostituta, di un ex tossico, di un ex carcerato? E ascoltarli, lasciarci arricchire dall’incontro, apprezzarli? E ci andremo mai con “l’abito bello”, il vestito da cerimonia e a festa? Si, quelli che utilizziamo per le pompose commemorazioni, i matrimoni e i salotti buoni? Fabrizio era questo. L’uomo che viveva a disagio nelle sacrestie dell’ordine borghese, nei salotti delle vuote chiacchiere e delle certezze dell’ipocrita alta società. Faber tutta la vita si è ribellato alla piramide sociale, l’ha vissuta rovesciandola. Trovando la meglio società lì dove i ricchi e benpensanti giudicano e disprezzano.

personecontinuadelusione E’ un interrogativo anche troppo facile e scontato quello su cosa avrebbe detto e come cantata, la società degli ultimi vent’anni, la crisi economica e la guerra sociale, economica, politica, tra Stati, permanente. Ma la risposta è, probabilmente, ancor più scontata. Faber avrebbe continuato a cercarne le vittime, a guardare con loro questo mondo, a non arrendersi ad un ordine sociale sempre più ingiusto e disumano. Denunciando che i colpevoli della povertà sono in alto, che non sono i poveri e gli emarginati, i deboli e i sofferenti i responsabili. Ma coloro che vanno elemosinando voti e poi dichiarano guerra alle vittime delle loro politiche, delle loro condanne, del loro ordine costituito. Ma, alla fine, non è probabilmente questa la domanda da porci, che avrebbe senso. La vera questione, mi sia permesso scriverla, è cosa facciamo, diciamo, cantiamo noi. Ieri, oggi, domani. Mattina, pomeriggio, sera, notte. Viviamo il disagio e il dolore di questa ingiusta società? Ci indigniamo, ci incazziamo, stiamo male di fronte alla violenza contro i più deboli, alle lacrime di chi soffre le guerre e le crisi, l’impoverimento e la brutalità di chi sta in alto? Riusciamo quotidianamente a non lasciarci andare al disprezzo per un barbone o all’indifferenza per le sorti di una ragazza costretta ai bordi delle strade o nei bordelli frequentati dalla “brava gente”? Come diavolo si può dormire la notte, restare tranquilli e vivere la propria vita senza sentire questo dolore, quest’ingiustizia, questa disumanità sulla propria pelle, nelle proprie carni, che dilaniano le viscere? Come si può rimanere più o meno indifferenti, non uscire pazzo, trovare pace, non sentire l’obbligo, il dovere, la necessità anche fisica di indignarsi, muoversi, attivarsi, ribellarsi?

L’IPOCRITA PERBENISMO BORGHESE E GLI ULTIMI CONDANNATI

mondomuorerealta Mai come oggi queste domande dovremmo porcele quotidianamente, ogni giorno, ogni ora. Perché mai come ora sono tempi bui per le classi meno abbienti, gli impoveriti, coloro costretti ai margini e alla fragilità. E in cui il perbenismo, i benpensanti, l’ottuso bigottismo pre-medievale dominano e imperversano quotidianamente. E c’è chi rimane senza casa e senza lavoro, chi vive per strada e nelle stazioni. Chi viene uccisa, violentata, stuprata, oppressa dal branco. Chi lucra sulle spalle dei poveri, facendola spesso franca e anzi trovando titoli, microfoni, ribalta e chi viene gettato nelle moderne “discariche sociali”. I Miché, i Geordie, gli incarcerati di Fabrizio erano i derelitti, i disgraziati, chi non aveva nulla e nessuno. No, e questo andrebbe spiegato al salottiero ex direttore kommunista, non c’era nessun garantismo e nessuna attenzione per i forti e i potenti nelle canzoni di De André. L’ordine sociale che lui denunciava e condannava era quello che distrugge e condanna i poveracci, chi non ha santi in paradiso. Quelli davanti i quali tu e i tuoi colleghi ogni giorno mostrate indifferenza e condanna. No, Don Raffaè non è una canzone che si schiera con i camorristi e i criminali della loro risma. Nossignore, cianciarone borghese sempre alla ricerca di nuovi padroni da servire, Fabrizio denunciava l’ipocrisia del suo tempo (che è poi quella di oggi) di chi fa finta di indignarsi e di impegnarsi e poi si accorda, scende a patti, costruisce l’ordine economico con i peggiori e più disumani criminali. Mentre opprime e rinchiude, giudica e condanna nelle “discariche sociali” fragili, indifesi e deboli. Perché lamentarsi che tutto non va, che la politica fa schifo e non funziona nulla alleggerisce la coscienza (per chi incidentalmente dovesse averla). Ma se può essere utile l’amico dell’amico, l’amico dell’amico dell’amico, l’amico dell’amico dell’amico dell’amico, diventa quasi un obbligo sociale rivolgercisi. E se non vuoi rivolgerti al feudatario delle clientele, se non vuoi accettare la raccomandazione, se non chiudi gli occhi di fronte a “impicci e ‘mbrogli” sei tu sbagliato, sei tu che non vuoi lavorare, sei tu che “ma chi cazz ti credi di essere?”. E se toccano quella “brava persona”, quella che “ha trovato il lavoro a tanti”, “fa tanto del bene”, la colpa diventa sempre del giornalista in cerca di notorietà e fama, del magistrato che non si fa i cazzi suoi. Mancano i soldi, siamo sempre più poveri. Ma i tossici fanno schifo e sti cazzo di barboni, sto andando dalla parrucchiera e a farmi le unghie, sto al bar a leggermi il giornale. Che cazz rompete i coglioni che puzzate e date fastidio? La violenza è brutta, ma quella hai visto come stava vestita? Che ci faceva a quell’ora in giro DA SOLA? Ma dai che qualche segnale l’ha dato, altrimenti perché lui si è avvicinato? Ma daii, è stata solo una ragazzata! E’ una brava persona, non farebbe mai del male neanche ad una mosca, se è arrivato a tanto era esasperato, chissà che gli era successo. Ma guardala, ma come fai a non fare certi pensieri quando la vedi? Devi essere proprio un frocio di merda! Che spreco, ma ti rendi conto, ma come fa ad essere lesbica? Dai che non ha mai trovato un vero maschio … Questa carrellata non è un raptus del momento, non me la sto inventando così per il gusto di scrivere qualche cazzata. Basta rifletterci ed è cronaca quotidiana, lo sentiamo per strada o al bar, nelle nostre tiepide case o sul posto di lavoro. Sono il sistema patriarcale e maschilista, schifosamente sessista o omo-lesbo-trans-fobo che ogni giorno viene alimentato da pensieri, parole. E purtroppo anche fatti e omissioni.

LO SQUALLIDO MASCHILISMO DEL BRANCO DEI BENPENSANTI

Ecco, anche le canzoni di Faber lo raccontano e denunciano. Il moralismo bigotto dei benpensanti è solo schifosa, complice ipocrisia. E’ il nascondere dietro la facciata perbene il peggior squallore oppressivo e perverso. Perché non è mai una gonna ad essere troppo corta o un jeans troppo aderente, non è mai colpa della vittima (https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/21/stupro-di-gruppo-a-firenze-tutti-assolti-ragazza-giudicata-io-non-violenza/1893590/ https://www.quotidiano.net/2009/05/23/181593-troppo_libere_siamo_rischio_stupro.shtml http://27esimaora.corriere.it/articolo/da-madre-superiora-a-prostitutail-valore-di-una-donna-inciso-sulla-gamba/ http://27esimaora.corriere.it/articolo/non-dite-a-noi-come-vestire-dite-a-loro-di-non-stuprare/ ) e non è mai solo una cazzata o una ragazzata, che no significa solo e soltanto no e nulla, nulla, nulla deve essere interpretato in altra maniera e lo stupratore è sempre, solo e soltanto una schifoso criminale senza attenuanti. Una donna non è una “suora” o una “puttana” a seconda di come si veste. O perché davanti si trova di fronte un branco di più o meno mafiosetti e maschi disumani(http://www.ritaatria.it/LeStorie/Donne/LeCalabresi/AnnaMariaScarf%C3%B2.aspx ). E una donna libera, dalla forte personalità, che non china il capo di fronte al “maschio” non è una che “ce l’ha di legno”, una mancata “troia”. No, è una persona che merita rispetto e ammirazione, ricca dei beni più preziosi: dignità e libertà. Ed è squallido e osceno nel 2018 pretendere, in nome di un ottuso e bigotto moralismo, la donna in posizione ancillare. Angelo del focolare che deve servire e riverire l’uomo forte, che “porta i pantaloni”. La donna che arrivata ad una certà età deve sposarsi e fare figli. Nella “bella famiglia naturale” dove ovviamente lui è il maschio e portare “i soldi a casa”. Eh già perché se fosse lei a lavorare e lui a fare il “domestico” scandalo! E altro scandalo se fosse lei più adulta, sarebbe snaturata la famiglia con lei che ha qualche anno di più. Figurati se fossero, per esempio, addirittura una decina. Chissenefrega dell’amore, del rispetto reciproco, della dignità. L’importante è salvare le convenzioni e la facciata borghese!

La bellezza può essere ammirata e apprezzata, le qualità e le virtù di una donna meritano rispetto. Ma nessuna avvenenza fisica, nessun vestito, nulla di nulla, è un biglietto da visita per i porci comodi. E la violenza è sempre violenza. E non è mai lei che provoca ma lui che è uno stronzo. Anche se davanti hai una donna più o meno costretta ed oppressa dallo sfruttamento dello prostituzione di un pappone (chiunque esso sia). Si, anche lei ha diritto al rispetto. Se dovesse essere spedita in ospedale o uccisa non è una “puttana di meno sulle strade e chissenefrega che si è fatto un po’di pulizia”. Così come chi muore per overdose non è un “tossico di merda” in meno. Ma una persona con dignità e umanità. E merita solo ammirazione e stima chi esce dal tunnel della tossicodipendenza, chi riesce a ricostruirsi una vita. E, statene certi, può essere una straordinaria madre, padre. Potrebbe persino diventare insegnante o dottore. E non c’è nulla da giudicare, anzi è una splendida persona molto ma molto ma molto di più, di ogni figlio di papà, di ogni arricchito borghese, di ogni benpensante vissuto nella bambagia dei materassi di piume.

Questo è il mondo che si è fermato per “Il Principe Libero”, del record di ascolti per la mini serie su Fabrizio De Andre, che per giorni e giorni sui social si è commosso ed è stato colpito da Faber. Un po’ quel che accadde tre anni fa con la fiera dell’ipocrisia di tanti, troppi “Je suis Charlie Hebdo” (http://www.telejato.it/home/cronaca/alla-fiera-dellipocrisia-un-je-suis-charlie-ognuno-compro-tanti-troppi-non-sono-autentici/ )

Alessio Di Florio

 

Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo

E’ ancora possibile fare politica insieme agli impoveriti e agli ultimi, ai piccoli e ai deboli, senza rimanere ingabbiati nei soliti rituali e nelle meschine dinamiche dei palazzi? Fare politica non per il potere ma solo per le vittime e gli sfruttati?

http://www.qcodemag.it/2017/07/03/alexander-dallumanita-ai-margini-per-riparare-il-mondo/

drammavita E sul precario della vita è sceso l’oblìo dell’ipocrisia. Ma le sue parole gridano ancora

http://heval.altervista.org/e-sul-precario-della-vita-e-sceso-loblio-dellipocrisia-ma-le-sue-parole-gridano-ancora/

Scendono la tristezza e la malinconia …

http://heval.altervista.org/scendono/?doing_wp_cron=1519139094.4398629665374755859375

Col suo marchio speciale di speciale disperazione e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi …

http://heval.altervista.org/col-suo-marchio-speciale-di-speciale-disperazione-e-tra-il-vomito-dei-respinti-muove-gli-ultimi-passi/

“Vi distruggano con le idee nate dalle vostre idee, l’odio nato dal vostro odio”

http://heval.altervista.org/vi-distruggano-con-le-idee-nate-dalle-vostre-idee-lodio-nato-dal-vostro-odio/

ac808e5c4939924e2acb242747e0cedf Don Gallo, 3 anni dopo traffichiamo ancora sogni

http://heval.altervista.org/don-gallo-3-anni-trafficando-ancora-sogni/

GLBT: la breccia aperta ai funerali di don Gallo

https://www.peacelink.it/sociale/a/38447.html

Abbattiamo tutti i triangoli rosa. Realmente, senz’ipocrisie

https://www.peacelink.it/sociale/a/37464.html

Blenda, assassinata dalla transfobia di Stato

https://www.peacelink.it/sociale/a/30723.html

Colpevoli d’amore

https://www.peacelink.it/sociale/a/30440.html

Il volo negato di Sandra

https://www.peacelink.it/sociale/a/25717.html

Nessun rispetto per Emuanuela

https://www.peacelink.it/sociale/a/21497.html

6 anni dopo ci sia giustizia e rispetto per Emanuela. E per tutti noi

https://www.peacelink.it/abruzzo/a/39392.html

Aggressione Pescara: No all’intolleranza omofoba

https://www.peacelink.it/abruzzo/a/39467.html

Con Dino e don Tonino (e Vik Utopia) sogniAmo una Pasqua di liberazione da guerre e oppressioni

http://heval.altervista.org/con-dino-e-don-tonino-e-vik-utopia-sogniamo-una-pasqua-di-liberazione-da-guerre-e-oppressioni/

La Pasqua o è degli ultimi e degli impoveriti o non è

http://heval.altervista.org/la-pasqua-o-e-degli-ultimi-e-degli-impoveriti-o-non-e/

Lettera ad un condannato a morte

https://www.peacelink.it/sociale/a/21226.html

Che non sia (stato) un Natale ipocrita e ingiusto

http://heval.altervista.org/che-non-sia-stato-un-natale-ipocrita-e-ingiusto/

Tutti a difesa del Crocifisso ma ai crocifissi incarnati ci si pensa?

http://heval.altervista.org/tutti-difesa-del-crocifisso-ma-ai-crocifissi-incarnati-ci-si-pensa/

In ricordo di Fernanda Pivano. Ciao signorina Anarchia, ciao signora Libertà

http://heval.altervista.org/ciao-signorina-anarchia/

Di ragliatori, cicisbei e galoppini nauseanti

http://heval.altervista.org/di-ragliatori-cicisbei-e-galoppini-nauseanti/

Siete solo ipocriti mafiosi borghesi di merda!!

http://heval.altervista.org/siete-solo-ipocriti-mafiosi-borghesi-di-merda/

Pier Paolo Pasolini. L’Italia sta marcendo

http://heval.altervista.org/pier-paolo-pasolini-litalia-sta-marcendo/

La repressione e la propaganda son strumenti dell’ordine delle classi dominanti

http://heval.altervista.org/la-repressione-e-la-propaganda-son-strumenti-dellordine-delle-classi-dominanti/

Il Pentagono documenta quel che i pacifisti denunciano

https://www.peacelink.it/editoriale/a/32608.html

Crimini contro l’umanità.

https://www.peacelink.it/pace/a/6719.html

Libia, l’infinita scelleratezza delle guerre occidentali

https://www.peacelink.it/editoriale/a/41929.html

Il diritto (calpestato!) di essere bambini gioiosi e giocosi

https://www.peacelink.it/sociale/a/21719.html



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista
Terremoto di Casamicciola
martedì 22 - 17h08
di : Lucio Garofalo

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Abolissez les douanes et soutenez le libre-échange : alors, dans tous les domaines de l'économie, nos ouvriers seront ramenés au niveau de serfs et de pouilleux, comme en Europe. Abraham Lincoln 19eme
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito