Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Nuove amazzoni: il movimento delle donne contro il cancro al seno

di : Laura Corradi
venerdì 16 luglio 2004 - 17h56
2 commenti

di Laura Corradi

Il libro

Le storie delle donne raccontate in questo libro hanno in comune la decisione di dichiarare guerra al cancro, facendo di questa lotta un motivo centrale della loro esistenza. Nel Cancer movement, che si è sviluppato negli ultimi anni negli Stati Uniti, lottano fianco a fianco donne di diversa provenienza sociale, etnica e politica, per opporsi ai "produttori di cancro", agli inquinatori e ai loro fiancheggiatori, e per combattere politiche sanitarie ottuse e discriminanti.

Il movimento contro il cancro ha le sue radici nell’esperienza del femminismo bianco statunitense e nel movimento per la salute sul lavoro; trova nuova linfa nel movimento per la giustizia ambientale, tra gli epidemiologi popolari nelle comunità a rischio e nei gruppi di scienziati ambientalisti che si oppongono a spiegazioni della malattia genetiste, razziste e colpevolizzanti. Le diverse parti dell’attivismo contro il cancro hanno in comune l’idea che la prevenzione primaria sia l’area strategica, ma propongono anche altri obiettivi impellenti, tra cui l’accesso generalizzato a diagnosi precoci a basso costo, la liberalizzazione delle terapie alternative e l’assistenza gratuita ai malati terminali.

Mentre l’epidemia di cancro raggiunge un terzo dei cittadini statunitensi adulti, per richiamare l’attenzione dei media e del pubblico le attiviste mettono a punto atti di guerriglia semiotica che puntano ad attirare l’attenzione della dormiente e opulenta America. Nuove amazzoni contro l’impero del benessere, chiedono conto dei soldi spesi nella ricerca, esigono controlli sull’inquinamento elettromagnetico, vogliono "tolleranza zero" contro gli agenti cancerogeni e più risorse per le cure alternative.

Laura Corradi è docente presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università della Calabria. Ha insegnato alla University of California e ha all’attivo molte pubblicazioni sui temi della salute e dei movimenti sociali, tra cui Il tempo rovesciato (1991) e Il rischio dell’amore, con Renato Stella (1992). È coautrice della Guida alla salute della donna (2003) e ha curato, per l’European Women Health Network, il Country Report italiano (2000-2001).

Il testo

Helen Crowley è una professionista di Boston, soddisfatta del proprio lavoro, non ha alle spalle alcuna storia di militanza né nel femminismo né nel movimento contro la guerra. In seguito a una mammografia risultata negativa - dopo soli tre mesi - decide di farne un’altra: guadagna bene e può permettersi il lusso di una "seconda opinione" per dissipare i dubbi che le erano rimasti: la madre era morta di cancro al seno. I radiologi di un altro centro, visionando le immagini già prodotte, individuano un’area sospetta, sfuggita alla precedente lettura. Inviano una notifica alla ginecologa di Helen, che ne fraintende il contenuto e non dà avvio alla procedura di urgenza.

Passano così altri due mesi prima della seconda mammografia. "Nel frattempo il cancro si era drammaticamente evoluto - racconta - aveva i segni che indicano la metastasi". Le offrono lo stesso trattamento a cui era stata sottoposta la madre nel 1951. Sente il mondo crollarle addosso. "Sapevo di non volere un gruppo di supporto. Sapevo di essere furiosa e non volevo che nessuno mi battesse la mano sulla spalla per aiutarmi a superare la rabbia. Un giorno stavo andando in macchina a lavorare e sentii [alla radio] che il Cancer Project avrebbe tenuto un incontro per organizzare azioni politiche. Accostai e mi scrissi la data e l’ora: sarebbe stato il giorno dopo. Quella sera stessa cancellai tutti gli appuntamenti che avevo al lavoro. Da allora non ho perso una riunione".

Bonnie Withley è sempre stata attiva nella comunità afro-americana di Oakland come punto di riferimento delle donne, guadagnandosi la fiducia della sua gente. Inizia a lavorare nel movimento contro il cancro dopo la morte del padre. Anche suo fratello morirà a soli 26 anni a causa di un potente cancerogeno: l’amianto. Quale attivista, Bonnie lavora principalmente per le donne afro-americane, ma aiuta altre donne povere - oggi rinominate underserved nel nuovo linguaggio "politicamente corretto" che Bonnie si rifiuta di usare - indipendentemente dal colore della loro pelle: "Ho cominciato a combattere per le donne povere afro-americane, ma se trovo una donna che ha bisogno di accedere a un servizio sanitario, combatto per lei con la stessa intensità… Non posso voltare le spalle a una donna povera che ha bisogno di un medico, che sia bianca o altro, non posso farlo". Bonnie sostiene la necessità di messaggi preventivi "culturalmente sensibili": una delle ragioni per cui i programmi di salute non hanno successo è che vengono calati dall’alto, anziché essere creati all’interno delle diverse comunità etniche.

Diane Williams è "indiana d’America", militante da sempre sulle questioni dei prigionieri, lavora in una clinica nativo-americana nella Baia di San Francisco. Mi racconta quanto è dannoso il cibo dell’uomo bianco per la sua gente, lo stress a cui sono sottoposti coloro che vivono nelle riserve, la difficoltà di sopravvivere a un genocidio che continua. Un articolo del "San Francisco Examiner" parla di loro: "Il Dipartimento dell’energia ha sistematicamente usato la corruzione tra le popolazioni indigene negli Stati Uniti affinché accettassero i rifiuti radioattivi nelle loro riserve; in cambio di denaro, ovviamente. Le donne nativo-americane e i bambini mostrano cancro agli organi riproduttivi 17 volte più della media nazionale". Diane vive in un quartiere povero e degradato, ha due figlie che mantiene da sola, e un Master in Salute pubblica; si occupa della salute delle donne nella sua comunità, delle gravidanze. Mi mostra le magliette e le borracce con il logo del tradizionale "Sacro cerchio della nascita" (Sacred Cirle of Birth). Diane lavora per la prevenzione delle malattie più letali fra i nativo-americani, come diabete e tumori. Diventerà una delle principali organizzatrici delle marce delle attiviste (Cancer Walks), maratone attraverso le città per informare su cause e prevenzione del cancro; intreccerà una fitta rete di relazioni con/fra le altre intervistate della ricerca, che prima non si conoscevano.

Susan Claymon è una signora perbene che abita alla periferia di San Francisco vicino all’aeroporto: la nostra conversazione è frequentemente interrotta da aerei di linea che passano bassissimi. Vive in un condominio modesto ma, come la maggior parte dei cittadini statunitensi, pensa di appartenere alla classe media. È sempre stata repubblicana: ha votato per Bush e per Reagan, non aveva ragioni per dubitare delle verità griffate dalla rete televisiva Cnn. Dopo una diagnosi di cancro al seno la sua vita è cambiata profondamente. Adesso è politicamente attiva in un gruppo locale, Breast Cancer Action (Azione sul cancro al seno), che mette a segno atti di disobbedienza civile contro le corporazioni inquinatrici, i mass-media complici e le agenzie di protezione ambientale che non fanno il loro dovere. Susan partecipa a volantinaggi non autorizzati, e ad altri eventi pubblici per coinvolgere altre donne nella lotta.

Qual è il tratto comune che unisce Helen Crowley, Bonnie Withley, Diane Williams e Susan Claymon? Una diagnosi di cancro ricevuta personalmente o da una persona cara; nel caso di Diane, le molte diagnosi che hanno colpito la sua piccola comunità. Queste donne hanno dichiarato guerra al cancro, facendo di questa lotta un motivo importante della loro esistenza.

Nel Cancer Movement lottano a fianco a fianco donne di diversa provenienza sociale, etnica e politica, di diverso credo religioso e preferenze sessuali. Un movimento variegato che si sviluppa a macchia di leopardo, dalla costa atlantica a quella pacifica per opporsi ai produttori di cancro, le multinazionali inquinatrici (corporate polluters), e ai loro fiancheggiatori; e per dire no ai medici che vogliono gettare la colpa della malattia sulle vittime (blame the victim attitude).

(…)

L’esplosione di attivismo sul cancro avvenne prevalentemente grazie all’azione di donne malate di cancro al seno, che catturarono l’attenzione dei mass-media in maniera istantanea. La fase pubblica dell’attivismo sul cancro segue in termini di tempo quello sull’Aids - anche se la sua nascita, come vedremo, lo precede di un paio di decenni. Il movimento contro il cancro è un movimento di lungo respiro che, grazie all’attivismo sull’Aids, trova una strada aperta per esprimersi in maniera altrettanto dirompente, e un’opinione pubblica sensibilizzata e disposta a mettere in discussione le verità dei medici.

Dall’inizio degli anni Novanta - e in maniera crescente durante la prima amministrazione Clinton (1993-1997) - si assiste a un progressivo spostamento di interessi dall’Aids al cancro. L’attivismo sull’Aids (Act-Up) rappresenta anche, nella storia contemporanea degli Usa, l’unica occasione in cui una malattia fisica diventa una questione politica su vasta scala. Qui non analizzerò in maniera sistematica analogie e differenze tra i due movimenti. Certamente Act-Up è il modello più vicino di cui disponiamo quando consideriamo l’attivismo sul cancro, ma l’analisi delle differenze fra i due movimenti probabilmente oscurerebbe quella delle similitudini per tre ordini di motivi:

 1) l’Aids si presentò da subito come un’emergenza: una malattia contagiosa e nuova - che aveva spiazzato anche la classe medica, inizialmente priva di risposte - mentre il cancro esiste da molto tempo, anche se sicuramente il cancro in dimensioni epidemiche è un fenomeno nuovo. Questo significa che il movimento contro il cancro si è trovato di fronte a una struttura dirigente (establishment) molto più radicata e potente di quella affrontata dagli attivisti Aids;

 2) la maggior parte degli attivisti Aids inizialmente erano maschi gay, spesso di classe media o alta e con un buon grado di istruzione, mentre le attiviste sul cancro sono spesso casalinghe che confessano di sentirsi impreparate a condurre battaglie sociali o politiche;

 3) creare strategie di prevenzione primaria dell’Aids è una questione difficile per le reticenze sociali che implica - ma sicuramente meno complessa rispetto alla formulazione di strategie di prevenzione primaria per tutti i tipi di cancro.

16.07.2004
Collettivo Bellaciao



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> Nuove amazzoni: il movimento delle donne contro il cancro al seno
22 luglio 2004 - 12h13 - Di 36a5e901fcb573b89115b7c92772f692...

Donna , chirurga oncologa,radiologa,senologa e operata di cancro al seno.............., l’iniziativa calza a pennello, mi piacerebbe raccontarti la mia storia.
e-mail ninorizzo@tiscali.it



> Nuove amazzoni: il movimento delle donne contro il cancro al seno
24 maggio 2006 - 22h00 - Di 1e370be8687f42b6c5db2387119d7996...

ciao, sono alla university of california e ho letto solo ora il tuo commento al mio libro ....
certo mi interessa parlare della tua esperienza - saro’ in italia dal 15 al 20 luglio per fare esami all’univ. in calabria - mio studio 0984-492548 cell 347-0967445 a presto, laura





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si notre condition était véritablement heureuse, il ne faudrait pas nous divertir d'y penser. Blaise PASCAL
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito