Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)

di : COLLETTIVO ANTAGONISTA PRIMAVALLE - Roma
giovedì 14 aprile 2005 - 12h13
8 commenti
JPEG - 11.2 Kb

I fascisti attaccano col fuoco

Questa notte intorno alla 01,15 una squadraccia di fascisti ha incendiato la porta della sede del Collettivo Antagonista Primavalle, e le porte di due case occupate confinanti con la sede del collettivo.

In una delle case vive una famiglia con una bambina di circa un anno. Nell’altra casa ci vive un compagno.

Questa mattina alcuni compagni antagonisti di primavalle hanno fatto una trasmissione a Onda Rossa, nella trasmissione si è parlato del rogo nell’appartamento dei Mattei avvenuto il 16 Aprile del 1973. Alla fine della trasmissione è arrivata una telefonata di minacce molto generica" ti rompo il culo"

Questa notte l’incendio.

Fortunatamente uno degli occupanti era ancora sveglio ed ha visto il fuoco filtrare da sotto la porta ed ha potuto svegliare tutti gli altri.

SenSo di vendetta, alzare la tensione in quartiere con l’approssimarsi del 16. Non vorremmo che come nelle ultime settimane a Milano i fascisti abbiano deciso di innalzare il livello dello scontro, aspettando reazioni che possano dare ancora una volta spazio a teorie tipo opposti estremismi, guerre per bande e via dicendo. Come sempre sapremo rispondere a queste provocazioni con la solita determinazione che ci ha accompagnato nel nostro intervento politico nel territorio.

Per sabato 16 Aprile avevamo già indetto un presidio presso la sede del collettivo, questo vigliacca aggressione conferma la necessità di mobilitazioni antifasciste per cui invitiamo tutti i compagni e le strutture di movimento alla mobilitazione per sabato 16 alle ore 16,30 presso la sede del collettivo di Primavalle in Via Casanate 2 A .

Collettivo Antagonista Primavalle

Roma 14.4.2006



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)
14 aprile 2005 - 17h24 - Di 2d6c25180d67dfe845bda77e0ba2cbe3...

COMUNICATO STAMPA Attentato incendiario a Primavalle: poteva trasformarsi in tragedia. Solidarietà alle famiglie ed al Collettivo Antagonista Primavalle.

Gruppo Consiliare Capitolino
del Partito della Rifondazione Comunista

COMUNICATO STAMPA

Attentato incendiario a Primavalle: poteva trasformarsi in tragedia.
Solidarietà alle famiglie ed al Collettivo Antagonista Primavalle.

Dichiarazione di Adriana Spera consigliera PRC al Comune di Roma

Gli attentati incendiari di questa notte a Primavalle contro le porte di ingresso di due abitazioni occupate e contro quella della sede del Collettivo AntagonistaPrimavalle sono di chiaro stampo neo fascista.
Gli attentatori sapevano molto bene che in una delle due abitazioni risiede uno dei compagni che da anni è impegnato con il Collettivo Antagonista nelle lotte per la casa, per il lavoro e per i diritti dei migranti. E’ chiaro quindi che si voleva “punire” la persona anche a rischio di causare una tragedia. Nella seconda abitazione occupata abita una coppia con un bimbo di pochissimi anni di età e alla sede del Collettivo fanno riferimento molti giovani antifascisti del quartiere.
Questo è il clima di intimidazione che i gruppi neo fascisti vogliono nuovamente instaurare a Primavalle, a soli due giorni dalla ricorrenza della morte dei fratelli Mattei. Negli anni trascorsi in tale ricorrenza l’ex borgata è divenuta una vera e propria “zona proibita”, con decine e decine di automezzi delle forze dell’ordine, scuole pubbliche costrette a fare uscire anticipatamente gli alunni, serrande dei negozi abbassate e scorribande di qualche decina di neo fascisti che lanciano slogan nazisti unitamente all’immancabile saluto romano con il braccio disteso.

Nell’esprimere la mia solidarietà alle famiglie e ai compagni del Collettivo colpiti da questo vile attentato, chiedo che le autorità e le forze dell’ordine competenti prendano adeguate iniziative per evitare che anche questo sabato si ripetano a Primavalle i tristi episodi accaduti negli ultimi anni.
Come Consigliera comunale di Rifondazione Comunista faccio appello alle altre forze democratiche della città affinché si vigili per garantire il pieno rispetto dei principi della nostra Costituzione repubblicana ed i suoi valori fondanti nati dalla resistenza partigiana antifascista.

Roma, 14 aprile 2005
Adriana Spera

Tel.cell. 3474867112 - 3397642238 – e.mail: a.spera@comune.roma.it

www.adrianaspera.it



> ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)
14 aprile 2005 - 17h34 - Di 2d6c25180d67dfe845bda77e0ba2cbe3...

Contro il fascismo non basta la sfilata...

Dopo il polverone politico e mediatico sulla vicenda mattei che ha riaperto la stagione dei veleni, dello stato vendicatore, dell’emergenza giudiziaria e delle menzogne
pilotate, dopo la supposta rinascita delle strutture militanti dell’estrema destra a partire dai
comodi mascheramenti politici in odor di reciclaggio nelle lotte sociali come le occupazioni abitative e le lotte per la casa - chiamate o.s.a. occupazioni non conformi - dopo le aggressioni nella lombardia e nel veneto ai danni di compagni e spazi sociali avvenute negli ultimi giorni, ci ritroviamo, governati da mafiosi, pidduisti, imprenditori, fascisti e criminali di vario tipo, a denunciare l’ennesima vile aggrssione fascista ai danni di una sede e di una casa privata di alcuni compagni avvenuta la scorsa notte nella citta’di roma, quartiere primavalle.

Ovvero nella notte di mercoledi’ 13 aprile alcuni fascisti hanno appiccato il fuoco alle porte della sede del collettivo antagonista primavalle e delle due case occupate - da famiglie del coordinamento - li’ a fianco, e solo il rapido intervento degli occupanti ha permesso di evitare il triste e drammatico epilogo.
Ora, non solo con questo stringato comunicato vogliamo esprimere intanto la massima solidarieta’ ai compagni di primavalle, ma vogliamo anche riaffermare che questi loschi, servi ed infami fascisti che agiscono notte tempo sotto casa dei compagni dovranno cominciare a nascondersi e a rintanarsi nelle fogne dalle quali di quando in quando si permettono di uscire.

Non abbiamo nessuna intenzione di fare un solo passo indietro e vi promettiamo di divenire in ogni dove un incubo continuo delle vostre misere vite.

Antifascismo sempre e ovunque, mai un passo indietro!

L’ appuntamento per tutta la cittadinanza attiva sinceramente democratica ed antifascista
e’ a primavalle alle ore 16:30 - sabato 16 aprile in Via Casanate 2a davanti la sede del Collettivo Antagonista Primavalle

 Fiducia nello stato non ne abbiamo l’antifascismo e’ rosso e non lo deleghiamo -

Coordinamento cittadino di lotta per la casa - Roma

Laboratorio Acrobax Project

Csoa Vittorio occupato - Ostia



> ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)
14 aprile 2005 - 18h21 - Di 2d6c25180d67dfe845bda77e0ba2cbe3...

I compagni e le Compagne dei COBAS TELECOM - TIM

Esprimono la loro solidarietà ai compagni e le compagne di Primavalle colpite dalla vendetta fascista.

Evidentemente la sconfitta elettorale brucia e sopratutto brucia il fatto che esistano ancora realtà e situazioni che non hanno intenzione di svendere memoria e storia e lasciare lo spazio al revisionismo storico.

Quel revisionismo che abbiamo visto all’opera con la riscrittura della storia, dalle foibe alle vittime degli anni settanta tra cui annoveriamo moltissimi compagni e compagne uccisi dai fasciti con la copertura dello Stato e dei suoi apparati.

NEI POSTI DI LAVORO, NEI QUARTIERI
NESSUNO SPAZIO AI FASCISTI

VALERIO VERBANO VIVE - WALTER ROSSI VIVE - MARIO SALVI VIVE -
DAX VIVE

Cobas Telecom - TIM Roma

Roma 14-04-05



> ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)
14 aprile 2005 - 19h42 - Di 2d6c25180d67dfe845bda77e0ba2cbe3...

Il Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici Roma Ovest esprime solidarietà ai compagni e alle famiglie occupanti di Primavalle, vittime di una aggressione fascista nella notte scorsa.

Il Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici Roma Ovest esprime solidarietà ai compagni e alle famiglie occupanti di Primavalle, vittime di una aggressione fascista nella notte scorsa.

I fascisti come sempre pescano nel torbido: aizzati dalla canea reazionaria portata in palmo di mano da questo governo berlusconiano, ma non meno dalla demagogia del "volemose bene" che la sinistra istituzionale da almeno un decennio sta portando avanti a suon di revisionismo storico, questi individui, sempre schierati a fianco del potere, coscienti o meno di esserlo, colpiscono chi lotta per i propri bisogni nei quartieri proletari.

Motivo dirompente può anche essere stata la vicenda Mattei, ma quel che più conta è la gestione che di essa è stata fatta dai due schieramenti dominanti, di destra-centro-sinistra, tesa a decontestualizzare i fatti, a far dimenticare chi ha praticato - e pratica - puntualmente il terreno del terrore antiproletario, con bombe, massacri e vili aggressioni, a prescindere dalla responsabilità soggettiva nella gestione di quell’evento, su cui tra l’altro, la sinistra rivoluzionaria di allora già aveva svolto le proprie indagini.

Nessuna assoluzione per lo stragismo fascista; nessuna tesi degli opposti estremismi deve passare nel campo culturale e sociale dei giovani proletari, antagonisti, vittime della barbarie capitalistica, che fonda il propprio dominio sullo sfruttamento economico e sull’oppressione sistematica delle opinioni antagoniste al capitale, anche attraverso sottoproletari che si prestano fraintendendo la propria collocazione sociale a sostenere lo status quo.

Militanza antifascista e sostegno alle lotte antagoniste al capitale

Coordinamento lavoratrici e lavoratori Roma Ovest Roma, 14 aprile ’05



> ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)
15 aprile 2005 - 09h14 - Di e4ef7a224b8e196eb614da9bcfa44b15...

Solidarietà ai compagni del Collettivo Antagonista Primavalle

Ancora una volta i fascisti colpiscono e vorrebbero rimanere impuniti.

Dopo una serie di continui episodi, in un escalation nazionale che da tempo non si notava, i fascisti hanno colpito nel cuore della notte a Primavalle. Lo hanno fatto con la loro pratica criminale, come sempre, e solo l’intervento pronto degli occupanti del Collettivo Antagonista Primavalle ha impedito che il bilancio fosse tragico. Nell’esprimere la nostra forte e incondizionata solidarietà a coloro che sono stati vittime dell’ennesima provocazione, pensiamo che sia giunto il momento di ricacciare la teppa fascista nelle fogne. Per far ciò però, dobbiamo avviare una riflessione concreta su quello che è l’antifascismo. Molte campane suonano chiamandoci a un antifascismo di facciata, specie a ridosso delle elezioni. Viceversa i fatti ci dimostrano che contro i fascisti non c’è spazio che per una coerente lotta contro di loro e contro il loro mandante, lo Stato. Troppo si è lasciato correre: aggressioni, attentati, e quant’altro dimostrano come sempre che i fascisti non sono un problema che si risolve con il pattume istituzionale, né agitando i dettami costituzionali. Quante volte gli stessi simboli che la domenica sventolano negli stadi li abbiamo visti ricamati sulle divise dei fedeli servitori dello Stato. Così come, per certi versi, non era difficile immaginare che tutto il letame, che le varie trasmissioni televisive ed esternazioni pubbliche hanno agitato intorno a Primavalle, specie in quest’ultimo periodo, avrebbero potuto produrre un simile episodio. Un episodio che altro momento non poteva trovare se non il cuore della notte, stante la presenza proletaria che nel quartiere è da sempre presente. Quante volte solo la forte presenza dei servitori dello Stato ha garantito quell’incolumità alla teppa fascista, che altrimenti avrebbe risolto il problema e ricacciati i topi neri nel limbo delle fogne. Ma è bene che costoro sappiano che non sempre potranno contare sullo storico connubio tra servi in divisa e servi in camicia nera. E così, nel ribadire la solidarietà ai compagni vittime dell’aggressione, ci teniamo a riaffermare in maniera inequivocabile che l’antifascismo è proletario e appartiene alla lotta di classe, impedendo altresì ogni strumentalizzazione elettoralista, così come l’opportunismo dei carrozzoni trasversal-costituzionali ma vincolandolo, come sempre, alla militanza quotidiana.

Contro Stato, padroni, polizia e fascisti nessuna tregua

Fiducia nello Stato non ne abbiamo, l’antifascismo è rosso e non lo deleghiamo.

Comitato Cittadino per l’Autonomia di Classe - Roma



> ATTENTATO FASCISTA A PRIMAVALLE (Roma)
15 aprile 2005 - 21h25 - Di 2d6c25180d67dfe845bda77e0ba2cbe3...

anticipazione orario

IL PRESIDIO ANTIFASCISTA PREVISTO A PRIMAVALLE DOMANI 16 APRILE ALLE 16.00 ANTICIPA L’ORARIO ALLE ORE 14.00

VIA CASANATE 2/A DAVANTI LA SEDE DEL COLLETTIVO ANTAGONISTA TRA PIAZZA MARIO SALVI E PIAZZA CAPECELATRO

AUTOBUS 46-49



Presidio antifascista e contemporaneo minicorteo di merde a Primavalle
17 aprile 2005 - 17h15 - Di 4accaf9fab053591f9326b48181dc1d4...

“Il Menzognero” colpisce ancora.

Il noto quotidiano romano, procedendo ad un miracolo del tipo di quello dei pani e dei pesci, fa diventare la settantina di carogne fascite (superprotette dalle forze dell’ordine) addirittura “200 ragazzi sotto i ventenni e qualche quarantenne”. Mentre i compagni, presenti in almeno trecento-trecentocinquanta davanti la sede del Collettivo Antagonista Primavalle, diventano “alcuni rappresentanti di sinistra” e "30 simpatizzanti". Fra l’altro le “forze dell’ordine” hanno garantito la vergnosa sfilata delle settanta merde inquadrate in fila per quattro con le solite croci celtiche e i ridicoli saluti romani, mentre due plontoni della Guardia di Finanza in assetto antisommossa con quattro blindati hanno chiuso le due estremità di via Casanete impendendo a chiunque di entrare o uscire dalla via fino alla conclusione della pagliacciata fascista in un quartiere completamente militarizzato. Senza contare che molti compagni non sono riusciti neanche a raggiungere per tempo il presidio in quanto la polizia, già dalle 15:00, aveva provveduto a deviare il traffico autobilistico e le corse degli autobus e fermando ogni gruppetto sospetto (di essere compagni) che cercava di avvicinarsi.
Da notare, che mentre da parte del “Il Menzognero” non potevamo che aspettarci una tale cronaca, “Il Manifesto” non ha fatto molto di meglio pubblicando un trafiletto in cui i fascisti erano cento e i compagni duecento. Alla faccia dell’informazione libera e di sinistra.
Segue da “Il Messaggero”

Domenica 17 Aprile 2005

L’ANNIVERSARIO
Rogo di Primavalle: corteo e dossier
Ieri, trentaduesimo anniversario della morte dei fratelli Mattei a Primvalle. In
un’atmosfera irreale, silenziosa il corteo dell’estrema destra: 200 ragazzi sotto i
ventanni e qualche quarantenne. Slogan e saluti fascisti, mentre alcuni
rappresentanti di sinistra presidiava l’area dove l’altro ieri sono stati bruciate le
porte di un due appartamenti e di un centro sociale. Mentre L’associazione
Mattei, creata dal fratello che si salvo dal rogo del ’73, ha presentato un dossier
di controinformazione «per dimostrare che l’accusa di strage ipotizzata dalla
Procura, era già evidente allora».
Marincola all’interno

Domenica 17 Aprile 2005
Giampaolo Mattei: «Lollo è tornato a funestarci la
vita, poteva essere fatta giustizia 32 anni fa»
di CLAUDIO MARINCOLA
Primavalle sembrava ieri quella del ’73. Tutti chiusi in casa, tutti dietro le finestre.
Stesso silenzio, strade vuote, poliziotti in assetto anti-guerriglia per scortare 200
giovanissime teste rasate guidate da un manipolo di quarantenni duri e cupi da
Piazza Clemente XI a via Bernardo da Bibbiena, dove tra saluti romani e slogan
fascisti hanno deposto tre corone per «i camerati caduti».
Da 32 anni la processione dell’estrema destra nelle vie che furono dell’estrema
sinistra, produce lo stesso effetto. Una sfida a quello che un tempo era un
concentrato di comunismi diversi. Tutti ad alto potenziale incendiario, Potop,
Lotta continua, Nuclei combattenti, Autonomia operaia. Allora non occorreva un
motivo preciso perché - divise sulle modalità dell’assalto - le varie sigle della
sinistra extraparlamentare si ritrovassero unite in nome dell’antifascismo
militante. Anche allora, negli anni Settanta, Primavalle era blindata. I cortei
marciavano davanti ai lotti delle case popolari e si concludevano con un calibrato
lancio di molotov sulla vicina sezione dell’ MSI di via Svampa. Fu in questo clima
che i fratelli Mattei rimasero intossicati dalle fumo nell’incendio della loro casa
alle 3 di notte del 16 aprile del 1973. L’anniversario di ieri era diverso.
Con un reo confesso, Achille Lollo. L’ex militante di Potere Operaio condannato
a 18 anni di carcere nel 1987. Dal Brasile, dopo aver negato per anni, Lollo tre
mesi fa ha dato una nuova versione dei fatti. Ha chiamato in causa oltre ai suoi
due complici - come lui condannati ma latitanti, Manlio Grillo e Marino Clavo - tre
persone nuove, Paolo Gaeta, Diana Perrone ed Elisabetta Lecco.
I magistrati Franco Ionta e Salvatore Vitello hanno riaperto un fascicolo già
chiuso dalla Cassazione che ritenne l’incendio doloso e il duplice omicidio
preterintenzionale. La nuova inchiesta ipotizza il reato di strage - non
prescrivibile - ed è vincolata a due rogatorie. Ed eccoci a ieri, al 32esimo
anniversario. Simile purtroppo al primo. Le rivelazioni di Lollo hanno riaperto la
ferita, riacceso gli animi. Al punto che mercoledì notte qualcuno ha versato
liquido infiammabile sotto la porta di due abitazioni in una strada distante solo
poche metri dal caseggiato dove si consumò la tragedia dei Mattei. Stessa
dinamica. Stesso odio. L’obiettivo era probabilmente un esponente del collettivo
antagonista. Ma hanno rischiato di andarci di mezzo una bimba di 17 mesi e i
suoi genitori. Polizia e carabinieri ieri hanno scortato il corteo della destra e
isolato i 30 simpatizzanti chiamati a presidiare il luogo dell’attentato di quattro
giorni fa e il vicino centro sociale Break Out.
È stata una lunga giornata. Iniziata la mattina con la celebrazione di una Messa
alla quale hanno partecipato anche i Mattei. Che non si sono mai stancati di
chiedere giustizia per una strage rimasta impunita. «Lollo è tornato a funestarci
la vita - ha ripetuto ieri Giampaolo Mattei - ma noi continuiamo a combattere».
L’“associazione Mattei” ieri ha presentato un dossier «di controinformazione».
«Per dimostrare - ha detto Giampaolo - che l’accusa di strage ipotizzata ora dalla
Procura era già evidente allora, che il rogo va collocato dentro una precisa
strategia». Il pamphlet è stato presentato in un hotel della capitale. Enzo Fragalà
e l’ex presidente della Regione Lazio Francesco Storace, da sempre in prima fila
sul rogo di Primavalle, non erano presenti perché impegnati nella crisi di
governo. Presente invece il sottosegretario alla Giustizia, Giuseppe Valentino e
l’esponente di An Domenico Gramazio. In platea la mamma dei Mattei con i
nipotini. Anche da nonna non ha smesso di cercare la verità.


> Presidio antifascista e contemporaneo minicorteo di merde a Primavalle
17 aprile 2005 - 18h43 - Di 9425096d009c961271943dcfb1c27d30...

Beh, indubbiamente Claudio Marincola che pure aveva fatto un bellissimo articolo due giorni prima sull’ attentato al Collettivo e alle case occupate ( una vera e propria tentata strage ), essendo tra l’ altro l’ unico articolo che dava il senso vero delle cose, adesso ha fatto un ’ operazione del tutto contraria.

A sua parziale scusante, va detto che e’ venuto al presidio alle 15 quando effettivamente non c’erano piu’ di trenta/quaranta persone per poi allontanarsi a seguire la manifestazione fascista.

Solo che, mentre nel frattempo il presidio, ancorche’ assediato dai finanzieri, cresceva di circa dieci volte i partecipanti, il buon Marincola faceva lui crescere di brutto il numero dei manifestanti fascisti.

Ma a parte questo, e’ allucinante la sua nota di colore, veramente fatta a capocchia, sulla realta’ di Primavalle negli anni settanta dove sembra che lo sport principale di chi interveniva nel sociale del quartiere fosse quello assalire la insignificante sezione missina di Via Svampa e non invece quello di organizzare le lotte degli edili, dei giovani proletari, l’ autoriduzione di fitti e bollette e soprattutto la lotta per la casa.

E si che Marincola quella realta’ dovrebbe ricordarsela bene visto che anche lui militava in uno dei gruppi della sinistra rivoluzionaria che era presente nel quartiere ( tra l’ altro quello piu’direttamente coinvolto nelle note vicende ).

Ma evidentemente la proprieta’ del Messaggero - il palazzinaro Udc Caltagirone, suocero di Casini - gli ha imposto di riequilibrare il primo articolo.

Cose che capitano.

Peccato per lui che il voler privilegiare la patetica sfilata fascista gli ha anche impedito di assistere in diretta al ritrovamento di importanti reperti da parte della Digos nel cortiletto attiguo al luogo dell’ attentato, notizia invece "presa" dal Manifesto.

Che comunque ,concordo, ha fatto in generale anche piu’ schifo sul trattamento dell’ intera vicenda.

Keoma





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La perfection des moyens et la confusion des buts semblent caractériser notre époque. Albert Einstein
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito