Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

Le conversazioni di Bellaciao: "Il tamburo di Manu Chao"

lunedì 15 novembre 2004

- Contatta l'autore


I "chiaccheroni" di Bellaciao, Roberto e Thomas

Il 5 novembre 2004, in un bar di Ménilmontant (Parigi):

- He Manu, ci si vede spesso, beviamo, festeggiamo, facciamo della musica insieme
di gia’ da d’anni. Ma e’ gia’ da un momento che non abbiamo fatto una chiaccherata
su una banda sonora...! Con l’uscita del tuo nuovo libro e’ l’occasione non?
In più abbiamo un "super" dittafono! (4bits-22kHz...). Calma... forse e’ meglio
che lo facciamo uno di questi giorni?

- Si mio fratello, questa sera e’ gia’ tardi! Ma domani, Fahrenheit festeggia
l’anniversario dei suoi 20 anni a Issy, possiamo darci un’appuntamento alla bilancia
alle 16...

- OK va bene!

****

Ci si ritrova sabato a Issy. Manu ha dimenticato il suo tamburo, si riparte insieme
a Pigalle per recuperarlo.

Comincia allora una "conversazione Bellaciao" che potete ascoltare su radio Têtard:

http://radiotetard.org

* concerto e ritrasmissione sul web della settimana Radio Bemba nel 2001: Radio
Bemba - giugno 2001

Leggete l’articolo:
Manu Chao : La Siberia che mi è stata narrata

Messaggi

  • Le
    conversazioni
    di Bellaciao

    Leggete
    l’articolo

    ascoltate sulla
    Radio Têtard :
    Il tamburo
    di Manu Chao

    I "chiaccheroni" di Bellaciao
    Roberto
    e Thomas

  • Ragazzi, meno feste e sballi e più fatti.
    E’ triste per me dirlo, perchè mi fà sentire vecchio, ma noi negli anni ’70, in piazza, ci siamo rotti il culo e siamo morti ammazzati per un mondo migliore... e non abbiamo concluso niente.

    Figurati voi con centri sociali (contenitori vuoti) e divertimento a go-go.

    Solo con il metodo si fanno le rivoluzioni (o almeno ci si prova), col sudore e il sangue...

    Mi sembrate tutti omologati anche nell’ "antagonismo". SVEGLIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Scusate la franchezza e prima di mandarmi a cagare rilfettete solo un attimo.
    Saluti. Marco 1961

    • A parte il fatto che tanto i gestori che i principali collaboratori di questo sito viaggiano abbondantemente sopra le cinquanta primavere ( altro che 1961 !) questa tua considerazione mi sembra una enorme stronzata ....

      La musica, negli anni sessanta e settanta, è stata uno degli elementi fondamentali della rivolta generazionale e di classe ....

      K.

    • Voglio rispondere alla tua sferzata, giusta sferzata........le feste servono per socializzare, per conoscersi, però, nello stesso tempo servono ad organizzarsi, per agire.......non si può agire con le regole di questo potere, dobbiamo agire con le nostre.......noi siamo incappati nella cosidetta tela del ragno, più ti muovi e più vieni legato ai fili della rete.......dobbiamo liberarci da questio fili di questa falsa democrazia, del resto lo constatiamo in questi mesi di nuovo governo, capitanato dal Democristiano Prodi.......per eleggerlo sono scesi in campo anche i cosidetti movimenti antagonisti.........SILENZIO TOTALE DELLE LORO ESISTENZA IN PARLAMENTO, ad eccezione di quando Caruso fece quella dichiarazione sulla Legge Biagi.......in quel momento tutti gli andarono adosso, compreso quel partito che lo aveva messo nelle liste, il PRC......questi sono uno dei tanti esempi di quello che avevo detti prima, appunto la tela del ragno.
      Vengono chiusi tutti quei centri di lotta senza che nessuno ne dice niente, ogni giorno vi sono arresti......i mass-media accomunano questi compagni alla delinquenza comune così da creare caos e confusione.
      In questi giorni il governo di centro sinistra (sic!) stà discutendo per le leggi speciali contro, guarda caso i più deboli di questa società......ebbene vi è un silenzio assordante, non una presa di posizione chiara...tutto và in nome di questa unità...roba da schifo.
      Compagni SVEGLIATEVI, uscite dai vostri centri, FATEVI SENTIRE, possibile che l’estate deve intorpidire tutto?
      Questo governo sta facendo cose mostruose.....in tutti i campi, e guarda caso con metodi molto fini.....ad esempio, tanto per citarne uno......la cosidetta tredicecima per i penzionati.......prendete carta e penna e vi rendete conto di come queste persone vengono gabbate, fate una divisione di 12 mesi della tredicesima che prenderanno e vi accorgerete di quanto le pensioni vengono aumentate.......oppure per i lavoratori precari......toglierli dalla precarietà con al mese 600 euro se va bene.....capite la finezza di questo governo!!!!!per non parlare poi del taglio della spesa pubblica e della relativa diminuzione delle tasse......vogliono praticamente arrivare a farci pagare quel poco di tasse, mettendoci sul groppone il pagamento della sanità, scuola, in somma una specie di regime alla americana, solo leggermente un po più dolce........ecco, questi sono uno dei tanti esempi do come veniamo gabbati.......quindi viva le feste, ma anche viva organizzarsi per ribellarsi a questo schifo strisciante.......
      Francesco

    • sono tra i tanti ragazzi dei centri sociali, ma nel mio piccolo cerco di combattere questa vita, questa società per un futuro migliore, se non tanto per noi che ormai ci siamo e dobbiamo prenderlo cosi, come viene, in tutto il suo schifo, scusate se mi permetto, ma per quelli che verranno,e mi viene in mente il mio fratellino che ha 9 anni..................lo dobbiamo fare per loro!!!!

    • BASTA A GIUDUCARE..NOI E VOI...VOI E NOI...BASTA...UNIAMOCI E FACCIAMO...DIALOGHIAMO COI PIU GIOVANI..MA SE COMINCIAMO A FARE COME TE NON CI ASCOLTERANNO...SENTIRANNO GIà IL PREGIUDIZIO SUL COLLO...GIà CHE LA MAGGIOR PARTE DI LORO SI SENTE SUPERIORE E CONTEMPORANEAMENTE FRAGILE e CONFUSA...
      ALLORA COMUNICAZIONE,DIALOGO E TANTA TANTA pazienza ed umiltà.anche un pòdi comprensione,grazie.