Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
C’era del marcio in Danimarca - Alle origini del clima che ha favorito il caso delle "vignette"

di : edoneo
sabato 11 febbraio 2006 - 08h59
1 comment
JPEG - 21.6 Kb

VIGNETTE BLASFEME

Alle origini del clima che ha generato l’ultimo «scontro di civiltà», in un paese noto finora per il welfare, che si scopre di destra e xenofobo. Tutto cominciò in socialdemocrazia

de NIKOLAJ HELTOFT * COPENHAGEN

Quando la faccenda è esplosa sulla stampa internazionale e l’industria del formaggio danese è stata colpita dal boicottaggio, la «crisi delle vignette» aveva già di gran lunga oltrepassato i limiti del suo contesto originale. I disordini nelle capitali arabe e asiatiche, la pubblicazione «solidale» delle vignette in tutta Europa, l’incendio delle ambasciate e il cambio di posizione da parte delle superpotenze mondiali, rendono difficile tornare allo specifico da cui queste vignette sono emerse.

Una cosa è però certa: non è facile rispondere a chi in questi giorni si chiede come il periferico e provinciale stato danese abbia potuto generare una delle crisi globali più gravi dall’inizio della guerra in Iraq. Perché proprio la Danimarca, famosa per il suo welfare, l’euro-scetticismo, il Lego e i suoi - oggi boicottati - mediocri latticini? In Danimarca i disegni satirici su Maometto nascono in un clima di xenofobia anti-islamica che negli ultimi decenni ha trasformato il paese in uno tra i più difficili da raggiungere se non sei europeo e il tuo nome è Mohammed.

Nella società danese vige da anni la separazione tra la popolazione maggioritaria e le minoranze etniche; c’è una crisi di identità e una radicalizzazione delle problematiche socio-culturali nella seconda e terza generazione di migranti, come avviene in molti altri paesi europei. I ragazzini dei deserti di cemento urbano sono uguali a quelli di ogni altra capitale europea: vestiario street-ware, scarpe Nike, irrequietezza e forte desiderio di benessere economico. Lo Jyllands-Posten, il giornale che ha pubblicato le vignette, aveva già detto la sua, conformemente al tradizionalismo della campagna cristiana danese - la Jutlandia , appunto - su come trattare questi ragazzini: dovrebbero essere puniti più severamente, dovrebbero abbandonare la cultura dei padri, le ragazze dovrebbero smettere di portare quei loro veli... Insomma, le cose che ci si aspetta da un giornale conservatore.

Il fatto significativo, che rende diversa la pubblicazione dello scorso settembre da quella successiva negli altri paesi europei, è che in Danimarca la xenofobia parla apertamente attraverso la metà dei media, più della metà del parlamento e attraverso l’intero governo attuale.

Scacco matto socialdemocratico

Lo spostamento verso posizioni di estrema destra, che oggi caratterizzano il dibattito pubblico danese, è stato rapido ma profondo. Il resto d’Europa aveva già notato l’influenza della destra estrema nelle politiche ufficiali del governo. Nel novembre del 1997 per esempio, Liberatión parlava della «febbre dell’odio» che aveva colpito le politiche danesi sull’immigrazione, mentre il Frankfurter Allgemeine Zeitung, durante le polemiche sull’ostruzionismo europeo contro l’ascesa di Haider al governo austriaco nel 2000, con una laconica considerazione faceva notare che in Danimarca le tesi di Haider erano già politiche di governo.

Siamo negli anni ’90 e la Danimarca è governata dal centro-sinistra socialdemocratico. Paradossalmente, furono proprio i socialdemocratici ad assumere un ruolo chiave nello spostamento a destra. Se è esistito un partito politico capace di definire il sistema danese durante il XX secolo, è stato quello socialdemocratico (Sd), mediatore nelle lotte sociali, fornitore di un welfare esteso gestito dallo stato e di un sussidio di disoccupazione. Socialdemocrazia e Stato divennero due entità indistinguibili. Anche dopo la crisi ideologica degli anni ’80 thatcheriani, nell’adottare l’agenda neo-liberista il partito confermava la sua capacità storica di includere ogni tendenza politica, economica, sociale presente, funzionando come istituzione piuttosto che come partito in senso stretto.

Mentre i movimenti politici xenofobi, dalla fine della II guerra mondiale, erano rimasti ai margini, la fondazione nel 1995 del Dansk Folkeparti (Partito del popolo danese- Df) segnò una svolta netta. Il nuovo partito combinò con successo politiche di welfare e xenofobia, protestantesimo popolare e resistenza all’Unione Europe. Affrontando la seria minaccia di perdere parte della loro base elettorale, i socialdemocratici scelsero così di rispondere a questo. Ma la loro risposta fu fatale.

Mentre da una parte tentava di distanziarsi dalla sfacciata retorica razzista del Df, il governo socialdemocratico guidato da Poul Nyrup Rasmussen, oggi leader dei Socialisti Europei, durante gli ultimi anni `90 approvò insieme alla destra le più restrittive leggi sull’immigrazione di tutto il dopoguerra europeo (furono poi considerate violazioni aperte delle convenzioni internazionali), limitando pesantemente l’accesso degli immigrati ai servizi sociali. Un ministro dell’Sd propose di spedire i detenuti immigrati su delle isole e il primo ministro danese dichiarò che la Danimarca «non è, e mi auspico non diventi, una società multietnica». Intanto però, la destra guidata dal Df, seguita dai maggiori quotidiani come l’Ekstrabladet e l’ormai noto Jyllands-Posten, raddoppiavano la posta. Nel 2001 i socialdemocratici persero consenso, dopo una campagna elettorale dove i partiti di destra, mostrando fotografie di famiglie di immigrati detenuti che uscivano dai tribunali, chiedevano pene più severe ed espulsioni.

La pressione aumenta

Durante gli ultimi cinque anni, i governi di destra hanno approvato tra l’altro una legge che impedisce a tutti i giovani con meno di 24 anni di portare in Danimarca una moglie o un marito non europeo. Quest’ultima legge è stata propagandata come «legge contro i matrimoni forzati», nonostante quell’anno tali matrimoni furono appena una decina. La scelta dei governi di unirsi all’asse atlantico, rivitalizzato dopo l’11 settembre, con la Danimarca che partecipava alla guerra in Iraq come terza forza dopo l’Inghilterra; la continua sottolineatura da parte del governo dello scontro culturale tra i valori democratici danesi e il «fondamentalismo islamico», rappresentano elementi che possono dare qualche suggerimento sul contesto in cui i musulmani e le comunità arabe danesi si trovino a vivere attualmente.

La destra, capeggiata dal Df, ha assunto con successo il ruolo di «vera socialdemocrazia».. In questi anni la finanziaria è stata scritta dal ministro delle finanze insieme a un leader del Df. Lo storico Sd danese, con un’enorme parte della base elettorale che si è fatta convincere dal messaggio che è stato ripetuto per più di una decade dai suoi leader, si è messo da solo nell’angolo. E se vogliamo credere ai sondaggi effettuati dopo la «crisi delle vignette», la marcia della base socialdemocratica verso l’estrema destra non si è affatto conclusa. In Svezia e Norvegia, dove i governi socialdemocratici hanno scelto in modo diverso, tira un’aria completamente diversa.

Libertá di espressione?

Questo è il clima politico in cui lo Jyllands-Posten, come si pretende, ha sentito la necessità di difendere la libertà di espressione pubblicando vignette di Maometto con un turbante di bombe o un coltello in mano. Il primo ministro danese, Anders Fogh Rasmussen ha rifiutato per mesi di commentare i disegni, nonostante i rappresentanti di tutte le comunità musulmane avessero espresso le proprie preoccupazioni, chiedendo al premier di prendere per lo meno una posizione. Pochi, se non nessuno, dei musulmani danesi aveva mai messo in discussione il diritto legale del quotidiano a pubblicare quelle immagini. Dopo l’ultimo rifiuto di Fogh Rasmussen di incontrare gli ambasciatori del mondo musulmano sulla questione, qualcuno, stavolta tra i gruppi musulmani più conservatori, si è rivolto ai paesi arabi per chiedere aiuto. Oggi dicono che non avevano previsto le conseguenze. Vero o no, il fatto che i musulmani danesi siano «andati in missione» ha causato una dura reazione da parte della destra, che ora chiede l’espulsione di un certo numero di imam, etichettati come «traditori della patria». Questa richiesta ha trovato sostenitori anche all’interno dello stesso Sd.

A partire dall’inizio del boicottaggio, il governo danese è rimasto tutt’altro che in silenzio: ha lanciato un tour diplomatico in Medio Oriente per richiedere «dialogo interculturale». Il fatto che il primo ministro non si sia mosso fino a quando l’economia danese non è stata chiamata in causa, è davvero emblematico. Perché invece, quando si è trattato di muoversi verso la riconciliazione con la popolazione danese musulmana, non molto è successo. Quando il quotidiano Jyllands-Posten, in un articolo successivo alle vignette scriveva che la gente «deve essere pronta ad accettare il disprezzo, il dispetto e il ridicolo», il suo programma era chiaro: le comunità musulmane danesi, oltre al diprezzo e al ridicolo quotidiano, dovrebbero accettare un po’ di più, in nome della libertà di parola. È stato stupefacente leggere che il quotidiano non voleva offendere nessuno, perché era esattamente quello il suo obiettivo. Per essere ancora più chiari: questa pubblicazione non ha mai riguardato la difesa della «completa libertà di espressione». È piuttosto, la strumentalizzazione di qualunque cosa, dalla lotta delle donne al benessere degli animali, alla libertà di espressione in questo caso, che è divenuta la strategia della nuova destra per attaccare una debole, discriminata e isolata minoranza. La pubblicazione ha cercato di testare quanto lontano ci si possa spingere, usando la libertà di espressione come alibi e veicolo di una specifica propaganda politica.

C’è qualcosa di storicamente familiare in tutto ciò, mentre anche l’Europa secolare e di sinistra si sente forzata ad assumere una posizione di principio sulla questione complessiva. Perché non possiamo difendere il governo iraniano che vuole giustiziare i disegnatori, e perché è un fatto che noi gioiamo della nostra libertà, seppur limitata, di prenderci gioco del potere. Ma, conoscendo chi usa strumentalmente questo principio che noi ci sentiamo obbligati a difendere, dovremmo piuttosto rabbrividire, invece di assumere posizioni semplicistiche. Per dirla chiaramente: nello stesso modo in cui oggi ognuno di noi, guardando le immagini degli ebrei che venivano pubblicate nella rivista nazista Der Stürmer, forse concorderebbe sulla necessità di riferirsi al contesto politico in cui queste erano state create e l’ideologia che le aveva prodotte, dobbiamo allo stesso modo insistere nel guardare alle vignette su Maometto nel loro contesto, non solo attraverso posizioni di principio.

Dobbiamo invece cercare una via d’uscita che rompa la logica e l’ideologia dello scontro di civiltà. Solo così saremo in grado di trovare una via di uscita. Questo sembra essere il nostro fardello storico, ma anche quello dei giovani arabi di Copenhagen, con i loro atteggiamenti hip hop, le loro Nike e il loro sognare di poterla trovare, questa via d’uscita.

* attivista e segretario parlamentare dell’Alleanza rosso-verde danese

http://www.ilmanifesto.it/Quotidian...


http://www.edoneo.org/



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo


Forum del' articolo
 

> C’era del marcio in Danimarca - Alle origini del clima che ha favorito il caso delle "vignette"
23 marzo 2006 - 12h39 - Di da30bd7645b7b13b819278f39b55dc72...

Sono una musulmana italiana e concordo in pieno con l’analisi del giornalista che scrive qui sopra.La sinistra in certi paesi ha seguito la xenofobia della piccola borghesia incarognita dall’ingoranza e dall’impoverimento subito a causa della globalizzazione.IN iTALIA CORRIAMO UN ALTISSIMO RISCHIO di adeguemento al razzismo della destra soprattutto dopo che quest’ultima ha fatto salire la tensione sulla presunta caratterizzazione degli immigrati come delinquenti .Un giovane maghrebino e’ stato massacrato di botte a Sassuolo e la reazione di parte dell’opinione pubblica e’ stata di difesa dei carabinieri che l’hanno pestato solo perche’ ubriaco.Il giovane che e’ ora all’ospedale perche’ le botte gli hanno provocato un ematona al cervello , e’ stato prima arrestato poi condannato agli arresti domiciliari per resistenza a pubblico ufficiale.Nessuno si e’ chiesto se c’erano le condizioni per l’arresto.E’ la destra stessa ad alimentare condizioni di vita disumane per gli immigrati e la propensione alla delinquenza e’ appena del 4,5 per cento,notevolmente inferiori a quella del sottoproletariato urbano italico di periferia. Non solo non sono delinquenti ma sono delle persone che sopportano un notevole carico di sofferenza .Nonostante cio’ non e’ raro trovare immigrati che dicono di trovarsi bene in Italia strano per noi italiani che li vediamo soffrire.Comunque la questione delle vignette e’ stata chiaramente montata per colpire i musulmani.Da noi in Italia non l’abbiamo bevita la provocazione.Abbiamo attivato la IADL che e’ l’associazione che si occupa delle difesa legale delle minoranze e denunciato i quotidiani che hanno pubblicato le vignette e ci siamo rifiutati di scendere in piazza per non alimentare provocazion. Abbiamo preso distanza dalle violenze contro persone e cose che sono controproducenti in una situazione come questa. l’importante e’ che ci sia il rispetto per le credenze religiose ma anche per gli atei e che questo rispetto escluda l’offesa alle credenze religiose di tutti.Anche per non alimentare lo scontro di civiltà voluto da americani e sionisti

salam amina






Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Si tu vis dans l’ombre, tu n’approcheras jamais le soleil. Jacques Mesrine.
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito