Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Reclaim the banks!

di : InformationGuerrilla
sabato 26 marzo 2011 - 15h43
JPEG - 26.4 Kb

Blitz di studenti sede di Intesa-San Paolo

Circa 25 studenti universitari sono stati protagonisti, a Torino, di un blitz all’interno della sede di banca Intesa-Sanpaolo nella centralissima piazza San Carlo. Due guardie giurate, in servizio davanti alla filiale, sono rimaste contuse. Secondo la ricostruzione del personale interno alla filiale, le guardie hanno cercato di opporsi all’ingresso dei manifestanti, ma sono state spintonate, riportando prognosi di pochi giorni. Una versione però contestata dagli stessi autori del blitz, che escludono ci siano state violenze.

Una volta all’interno, i manifestanti hanno distribuito volantini. Successivamente, sono stati fatti uscire dalla Digos e dai carabinieri e hanno effettuato un sit-in all’ingresso della filiale, con cartelli che si oppongono alle guerre "umanitarie", ai tagli all’istruzione e all’aumento delle tasse.

Poi i manifestanti, che hanno srotolato uno striscione con la scritta ’We are the crisis’, hanno lasciato piazza San Carlo e si sono diretti verso Palazzo Nuovo, sede dell’università. La manifestazione fa parte di un programma contro i simboli del capitalismo finanziario che coinvolgerà le principali città europee e anche la Tunisia.

Intesa-Sanpaolo - si appende ancora da fonti interne alla banca - denuncerà tutti coloro che hanno fatto ingresso nella filiale.

(25 marzo 2011)


Volantinaggio davanti a Unicredit C.Racconigi - Torino

Questa mattina un gruppetto di compagni ha effettuato un volantinaggio davanti alla filiale Unicredit di corso Racconigi 39 a Torino, per denunciare le responsabilità di questa e altre banche nell’armare e finanziare l’aggressione occidentale alla Libia (così come armano e finanziano Gheddafi);

l’iniziativa si inserisce in un percorso di lotta contro banche e multinazionali responsabili della crisi e della guerra

LIBIA: CONTRO LA NUOVA GUERRA DEL PETROLIO BOICOTTA UNICREDIT E TUTTE LE BANCHE ARMATE!

Da sabato 19 marzo le potenze occidentali stanno bombardando le città, i porti e le infrastrutture della Libia, paese ricchissimo di risorse energetiche, con distruzioni e uccisioni di entità indefinita, anche per la disinformazione veicolata dai mass-media. Il pretesto per i bombardamenti è la creazione di una "no fly zone" che impedisca la repressione (finanziata anche questa da armi e soldi occidentali) da parte del regime di Gheddafi della rivolta popolare iniziata a metà febbraio. Gran parte degli aerei da guerra, compresi i “nostri” Tornado, partono dall’Italia.

Ancora una volta, come è stato per le aggressioni a Serbia, Afganistan e Iraq, emerge la logica criminale del capitalismo che, alla ricerca incessante di territori e risorse da sfruttare, trova sfogo nell’iperproduzione bellica, nella distruzione e nei massacri, cui poi segue la ricostruzione. Componenti di questo intreccio mortale di cui tutti siamo prigionieri sono le banche, le multinazionali del petrolio, delle armi e delle costruzioni, e i governi che tolgono risorse alla scuola, al lavoro utile, alla sanità per gettarle nella macchina divoratrice e sanguinaria della guerra. In questi giorni in tutta Italia si sono susseguite mobilitazioni contro l’aggressione alla Libia, a sostegno delle rivolte e rivoluzioni in corso in Africa e nel Medioriente, e per una politica di accoglienza e di libertà nei confronti di tutti i migranti che, arrivando sulle nostre coste, vengono rinchiusi come bestie nei CIE e in altre strutture (altro lucroso businness infatti è quello della "gestione dell’emergenza"), oppure abbandonati a se stessi in quel lager a cielo aperto che è diventata Lampedusa. Oltre ad aderire a queste mobilitazioni una forma di azione individuale che si può mettere in atto è il boicottaggio di quelle grandi banche, come Unicredit, Intesa - Sanpaolo e altri colossi finanziari, che sono responsabili di tutto questo scempio in quanto finanziano grandi imprese come FINMECCANICA per la produzione bellica, ENI per l’estrazione del petrolio, ENEL per i suoi folli progetti nucleari, IMPREGILO e i suoi interessi mafiosi alla costruzione del TAV solo per citarne alcune. Così facendo ci danneggiano due volte, per lo spreco delle risorse finanziarie e per la devastazione dell’ambiente, della salute, della vita stessa delle persone.

Liberiamoci delle banche armate e dei loro padroni, per un modello di società dove si produce per il benessere umano e non per il profitto! Riunioni di aggiornamento e discussione ogni lunedi ore 18-20 presso Circolo Internazionalista – via Baveno 23 – Torino


"O la Borsa o la Vita": People before profits - Persone prima dei profitti Indymedia Lombardia , 24.03.2011 19:03

Euforia alla Borsa di Milano: salgono le azioni in tutta Europa, interessate soprattutto banche finanziarie. L’autorità della Borsa invece caccia un’azione di importante valore culturale, temendo un attacco che possa provocare l’instabilità dei mercati, soprattutto una rivolta dei debitori.

Eh si, perchè è proprio schiavizzando milioni di persone tramite il debito che i banchieri si garantiscono i loro enormi profitti. Questo il tema della lezione tenuta oggi alla Borsa di Milano dalla "debt generation", per inaugurare una tre giorni di mobilitazione che coinvolge tutta Europa. Da Londra a Milano, il Knowledge Liberation Front punta il dito contro il capitale finanziario vero padrone dell’economia globale: hanno salvato le banche con i soldi dei cittadini, hanno venduto interi paesi tramite il debito pubblico, si sono arricchiti cancellando il welfare, la cultura e l’istruzione pubblica; e costringendo tutti quanti ad indebitarsi, in una catena continua di prestiti d’onore, mutui e tassi d’interesse, multe, ipoteche.

La lezione però non è piaciuta ai prestigiatori di Piazza Affari, che prontamente si sono fatti coadiuvare dalle forze dell’ordine: prima di tutto hanno allontanato la stampa e le telecamere, e a seguire in malo modo i professori e gli studenti. Intanto i funzionari dichiaravano che la borsa è un luogo privato. Peccato però che tutti i loro enormi profitti siano garantiti dalla somma dei nostri miseri risparmi e dai debiti che contraiamo, e le loro ricchezze vengano prodotte dalle nostre intelligenze, dal nostro lavoro, dalla nostra cooperazione.

Se in tutta Europa i giovano occupano le banche è perchè vogliamo riprenderci il denaro che ci spetta, e le ricchezze che noi produciamo. In Italia più che altrove il potere economico coincide con quello politico e con quello mafioso. Per questo invitiamo tutti a scendere in piazza, domani come ogni giorno, e pretendere l’esilio del rais e la confisca di tutti i suoi beni, per restituirli a cultura, welfare e istruzione pubblica.

Questi i cartelli esposti nel corso dell’iniziativa:

 People before profit! o la borsa o la vita 29 per cento di disoccupazione giovanile

 Not my debt! debito pubblico, profitti privati! + di 1800 miliardi di debito pubblico... Continuano a tagliare il welfare e il debito continua a salire

 Debt generation? Join the new resistance! 4 milioni di precari tra collaboratori, partite Iva, dipendenti a termine

 Rais e banchieri: Que se vayan todos! X noi 30.000 di debito pubblico a testa - Patrimonio Berlusconi 9 miliardi di euro


Milano - Corteo collettivi, vernice contro le banche

MILANO - Una protesta contro l’intervento militare internazionale in Libia a cui contrappongono invece la «necessità di cacciare il rais Berlusconi, la Gelmini e tutta la cricca e opporsi alle speculazioni finanziarie di banchieri e politici»: per questo motivo circa 500 ragazzi dei collettivi studenteschi milanesi e del centro sociale Cantiere sono partiti in corteo, poco dopo le 9.30 di venerdì mattina, da largo Cairoli diretti, dopo un lungo percorso per le vie del centro, agli uffici della Finivest, a due passi dalla Stazione Cadorna. «Wake up, cacciare il rais è possibile» era scritto sullo striscione che apriva il corteo.

UOVA E VERNICE CONTRO LE BANCHE - Come era accaduto anche il 4 marzo scorso, la sede della banca Unicredit, in piazza Cordusio a Milano, è stata il bersaglio del lancio di alcune uova cariche di vernice rossa da parte di alcuni manifestanti. Stessa sorte per la filiale della Banca popolare di Lodi in via Orefici, le cui vetrine sono state anche ricoperte di volantini della manifestazione. «Ridateci i soldi, ladri e mafiosi», è stato scritto con la vernice rossa su una vetrata della filiale della Banca popolare di Milano in via Mazzini a Milano dai ragazzi dei collettivi. La banca, contro cui è stato scagliato anche un fumogeno, è stata poi tempestata di uova cariche di vernice. Gli attacchi a base di vernice hanno poi coinvolto anche l’Hotel dei Cavalieri in piazza Missori (accusato di ospitare manifestazioni delle formazioni politiche di estrema destra) e la filiale di Unicredit in corso Italia. Il corteo ha avuto come obiettivo praticamente tutte le filiali bancarie incrociate lungo il suo tragitto.


Le filiali Unicredit si trasformano in aula studio e mensa popolare

Tavolini, sedie e libri aperti: davanti a una filiale Unicredit di via Indipendenza blindatissima (come molte altre nel centro città), appare puntale alle 11.30 il secondo flash mob della tre giorni di azione transnazionale contro finanza e austerità. Traffico bloccato, autobus costretti a invertire faticosamente la marcia, mentre gli attivisti, alcune decine, srotolano uno striscione con lo slogan: «Reclaim the banks, reclaim the money vs. Austerity». Dal megafono: «siamo davanti ad Unicredit perche’ contribuisce ai processi di finanziarizzazione, accresce l’austerity e finanzia le guerre»

Mentre si avvicina l’ora di pranzo, dopo qualche decina di minuti, i dimostranti raccolgono sedie e tavolini e partono in corteo lungo via Indipendenza. All’incrocio con via Irnerio girano a destra, accelerano il passo, fin oa mettersi a correre e raggiungere la filiale Unicredit al civico 12 e iniziare ad allestire sotto il portico e nel vano di ingresso della banca tutto il necessario per offrire panini conditi con salumi e pomodori, e snack vari.

All’arrivo degli attivisti, la filiale ha subito chiuso gli ingressi costringendo all’interno i dipendenti e i malcapitati clienti che vi si trovavano, solo dopo lunghe rassicurazioni i bancari si sono convinti a riaprire le porte. Alcuni tra dipendenti e clienti hanno approfittato degli stuzzichini offerti dai ragazzi.

Un atteggiamento, quello dei responsabili della filiale, che i maninfestanti hanno bollato come «Incredibile». «Il nostro obiettivo -aggiungono- non era bloccare l’ingresso per noi poteva entrare ed uscire chiunque, è stata una scelta tutta di Unicredit»

Durante entrambi i blitz è stato cospicua la presenza di agenti di polizia (sia in assetto antisommossa sia in borghese) sia di militari dei carabinieri (con tanto di blindato). Ciò nonostante tutto si è svolto in un’atmosfera serena e rilassata.Per tutti ora l’appuntamento è per la Take the future Parade di domani, appuntamento alle 17 in Piazza San Francesco

> Leggi il comunicato degli attivisti del KLF:

Take the future act II Mensa popolare, già Unicredit!

Decine di studenti hanno sanzionato oggi più sedi di Unicredit presenti nel centro di Bologna. L’azione comunicativa rientrava all’interno della 3 giorni di mobilitazione europea che negli scorsi giorni ha toccato anche Bologna, prima con una “Reclaim the streets” in via Zamboni, poi con un altro flash mob ieri, e si concluderà domani con la “Take the future parade” che si muoverà in città in contemporanea con cortei in tutta Europa, includendo Londra e Parigi tra le località che scenderanno in piazza contro i tagli e l’austerity.

La filiale Unicredit davanti alla quale oggi era stato lanciato dal Knowledge Liberation Front un’iniziativa di stampo simile a quella messa in campo dagli attivisti inglesi qualche settimana fa è stata trovata completamente militarizzata dagli studenti e delle studentesse, che hanno deciso allora di effettuare comunicazione bloccando temporaneamente via Indipendenza mettendosi a leggere e scambiandosi libri per opporre alle barriere d’accesso all’università e ai meccanismi di indebitamento la libera circolazioni di saperi.

Il blocco degli studenti è proseguito circa un’ora, per poi muoversi e sorprendere le forze dell’ordine con una improvvisa corsa terminata davanti alla filiale Unicredit di via Irnerio, della quale è stato bloccato l’accesso ed affisso un cartello “Mensa popolare, già Unicredit” a simboleggiare la chiusura simbolica della banca e la sua trasformazione in un luogo attraversabile da studenti e precari non solo per il consueto prelievo/versamento ma per avere un momento di socialità.

Mentre si allestiva un pranzo gratuito per chiunque attraversasse via Irnerio, sono state ricordate alla città le responsabilità gravissime di Unicredit e della finanza internazionale nella creazione e gestione delle politiche di austerity, ma anche quelle direttamente collegate all’intervento militare occidentale in Libia mirato a tarpare le ali dei movimenti rivoluzionari arabi e a scongiurare le conseguenze che già stanno avendo sulla stabilità globale del sistema finanziario capitalistico, oltre a rilanciare l’appuntamento con la Parade di domani che partirà alle 17 da piazza San Francesco.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Le silence est la plus grande persécution ; jamais les saints ne se sont tus. Blaise Pascal
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito