Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
L’IRAQ STA SCOPPIANDO

di : Collettivo Bellaciao
venerdì 9 aprile 2004 - 00h41

La rivolta irachena contro l’occupazione nella sua crescita fa un salto di qualità. Il Pentagono reagisce con un pugno di ferro assassino che rende sempre più chiara al mondo la posizione del popolo iracheno: le forze di occupazione sono in realtà nemici e non liberatori.

Nelle ultime 72 ore, dal momento in cui la forza coloniale ha dispiegato in tutto il paese la sua morsa feroce, è di molto aumentato il numero dei morti e dei feriti poiché le città irachene sono assediate e bombardate da missili e carri armati. I combattimenti di strada si diffondono in tutto il paese.

Gli Stati Uniti, con una classica pratica coloniale, stanno creando un regno del terrore diffuso. Infatti gli Stati Uniti ed i loro alleati stanno ora conducendo operazioni militari a Ramadi, Baghdad, Basra, Mosul, Nasiriyah, Sadr, Adamiya, Kufa, Kut, Karabla, Amarah, Kirkuk, Shula ed in altre città e paesi. Soprattutto la città di Fallujah è stata presa di mira; è la stessa città in cui, durante le prime settimane dell’occupazione le truppe statunitensi si sono impossessati di una scuola uccidendo 15 persone che protestavano.

L’Iraq non è precisamente il Vietnam di Gorge W.Bush. Al tempo della guerra contro il Vietnam ci sono voluti anni perché la maggioranza del popolo e dei soldati assumessero una posizione contraria alla guerra. Questa volta il popolo degli Stati Uniti ha imparato in un solo anno che la guerra contro l’Iraq è basata su totali invenzioni e bugie. Un anno dopo l’occupazione, e anche prima, il popolo di questo paese ed i popoli del mondo sono diventati contrari alla guerra, all’occupazione e ai guerrafondai.

Anche se si è dichiarato che si tratta di "disordini" circoscritti al "triangolo sunnita", la rivolta si estende in realtà all’intero rettangolo dell’Iraq comprendendo quasi tutte le zone, dal nord al sud. Negli ultimi 3 giorni il sotterraneo e montante rifiuto dell’occupazione è diventato una rivolta su larghissima scala che si è diffusa in molte città del sud dell’Iraq. Il tutto mentre gli Stati Uniti hanno aumentato le rappresaglie contro il popolo di Fallujah e di altre città della parte centrale del paese.

Nel tentativo di manipolare l’opinione pubblica i media americani continuano a usare stereotipi razzisti per descrivere chi sta resistendo. Designare costantemente gli iracheni come "Sunniti " o "Sciiti" è un linguaggio attentamente calcolato per nascondere il fatto più importante: che il popolo iracheno, sunnita e sciita pensa che il suo paese è stato conquistato da forze di occupazione imperialiste straniere e che, come un sol uomo sta combattendo per mandarli via.

Se un’analogia con il Vietnam ha una sua validità è in questo: i leaders politici americani tronfi di arroganza e ubriachi di potere, erroneamente pensano che possedere armi ad alta tecnologia sia sufficiente per soggiogare piccoli paesi del Terzo Mondo che vogliono indipendenza e sovranità. Le parole associate al Vietnam: "debacle", "pantano" ecc. sono certamente adatte alla guerra di Bush e all’occupazione dell’Iraq.

Ma ci sono differenze fondamentali tra la guerra in Vietnam e quella in Iraq. La più importante è che gli USA poterono alla fine disimpegnarsi dal Sud-Est dell’Asia e ritirarsi dal Vietnam.

I politici che pianificano e decidono le scelte dell’impero americano sanno benissimo che i grandi gruppi economici, militari e politici degli Stati Uniti non si ritireranno mai volontariamente dall’Asia Occidentale e dal Nord Africa, il Medio Oriente.

Là è dove c’è il petrolio. Nella regione del Golfo sono localizzati i 2 terzi delle riserve mondiali di petrolio. Questa regione è anche la porta d’ingresso alle economie in rapida espansione dell’Asia orientale e sudorientale, l’ingresso settentrionale al continente africano dall’Europa . Qui ci sono diverse vie d’acqua strategiche: il Canale di Suez, lo Stretto di Gibilterra, il Mar Rosso e il Golfo. Le popolazioni arabe di questa regione -dal Nord’Africa all’Asia occidentale- sono in fermento perché vogliono l’ unità e la piena sovranità. E’ lì che la lotta palestinese fissa e rappresenta il sentimento popolare anticolonialista. Lì sono stati imposti regimi fantoccio la cui esistenza dipende direttamente dagli Stati Uniti. Nel cuore di questa regione c’è Israele, il più importante alleato e rappresentante degli USA, una punta di lancia che richiede copertura e aiuti politici, economici e diplomatici da parte degli USA.

Il controllo assoluto- il controllo militare- su queste risorse altamente strategiche è la chiave per esercitare l’egemonia nell’economia mondiale capitalista. Se gli Stati Uniti dovessero abbandonare la regione, il Giappone, la Germania, l’Inghilterra, la Francia tenterebbero subito di riempire il vuoto. Perciò per Bush il ritiro dall’Iraq non è una opzione possibile e neppure per Kerry, se rimpiazzerà Bush in novembre, sarà un’opzione possibile.

La banda di Bush ha optato per l’uso della forza militare come mezzo per consolidare ulteriormente il potere dittatoriale USA nella regione. L’impresa irachena era volta non solo a spezzare il governo iracheno, essa doveva servire a scopi più ampi. Il progetto era di costruire grandi basi militari americane in Iraq, impiantare a Baghdad la più grande ambasciata americana del mondo, con più di 3000 persone. Usare l’Iraq come base di partenza per cambiamenti di regime in tutta la regione, l’imposizione di una vera Pax Americana. I precedenti governi americani, compresa l’amministrazione Clinton, dichiararono anch’essi che il cambiamento di regime in Iraq costituiva la massima priorità nelle relazioni tra USA e Iraq. L’amministrazione Bush, tuttavia, ha visto l’Iraq in una prospettiva differente: la conquista ed il possesso dell’Iraq dovevano essere il perno strategico per la riorganizzazione a lungo termine e l’ingresso nel mercato globale di questa regione sotto l’autorità statunitense.

Non è la prima volta che gli Stati Uniti cercano di utilizzare l’Iraq a questo scopo. Nel 1955 gli Stati Uniti e l’Inghilterra hanno orchestrato il Patto di Baghdad come una risposta all’emergenza del movimento dei non allineati fondato a Bandung, in Indonesia da movimenti e nazioni in via di decolonizzazione. Il popolo iracheno non ha mai accettato di essere una pedina della scacchiera strategica di qualcun altro. Ha sempre fatto resistenza al colonialismo.

Decine di migliaia di iracheni sono morti dal momento in cui il loro paese è stato invaso e occupato. Gli avvenimenti degli ultimi giorni mostrano che tantissimi iracheni sono così furenti e disgustati per l’occupazione del loro paese da dare la propria vita piuttosto che accettare l’occupazione straniera.

Molti iracheni stanno pagando con le loro vite piuttosto che essere sudditi coloniali. Nel frattempo, giovani donne e uomini delle forze occupanti straniere, comprese le truppe statunitensi, vogliono soltanto tornare a casa. Essi e le loro famiglie sanno, contrariamente alle affermazioni di Rumsfield, che il popolo iracheno non considera liberatore l’esercito americano. Sono state poste le condizioni per una guerra imperialista che non può essere vinta. Anche in questo senso questo conflitto è simile a quello del Vietnam. Il popolo vietnamita era pronto a sopportare sacrifici smisurati per riottenere il controllo del paese combattendo contro le forze occupanti, le quali, a loro volta, volevano soltanto tornare illese dalle loro famiglie.

Negli ultimi giorni i media americani si sono riempiti di analisi e di storie che riflettono la grande preoccupazione presente nel ceto politico: il progetto di Bush per l’Iraq potrebbe creare la più grande crisi dell’imperialismo americano dal collasso dell’Unione Sovietica. Le azioni di Bush e di Rumsfield hanno catalizzato una rivolta che sta passando da uno stadio embrionale a una ribellione totale. Incapace di prevenire l’espandersi della ribellione con altri mezzi, l’esercito americano sta mettendo in atto una sanguinosa repressione contro il popolo. Essa avrà come conseguenza quella di infiammare la situazione in Iraq ed in tutta la regione. In queste condizioni non c’è in vista né uscita né ritiro strategico. Anche se gli Stati Uniti riuscissero a passare l’autorità dell’occupazione da Paul Bremmer ai suoi fantocci iracheni ben scelti, non ci sarebbe un’uscita delle forze militari statunitensi dall’Iraq.

Persino la finta strategia di uscita sta crollando. Il Pentagono valuta la necessità, come fece il Generale Westmoreland nel 1967, di mandare altre migliaia di soldati per spezzare la ribellione che ha le sue radici nei sentimenti anticoloniali di un popolo occupato. Rumsfield ha detto pubblicamente che sta considerando l’invio di truppe addizionali in Iraq. Il Pentagono non ha a disposizione soltanto i 130.000 e più soldati americani, ma, secondo Nightline del 6 aprile, una forza di circa 10.000,15.000 "fucili in affitto"-mercenari americani, inglesi e sudafricani, che stanno ora combattendo in Iraq sotto l’eufemistica sigla di "agenti privati".

I popoli del mondo, compreso il popolo degli Stati Uniti, hanno creato negli ultimi 18 mesi un movimento di massa senza precedenti che si oppone alla guerra di Bush e alla conseguente occupazione dell’Iraq. In questo momento critico è urgente andare in piazza per chiedere:

Americani fuori dall’Iraq!!

Via ora tutte le truppe!!

I soldi per il lavoro, la scuola e la sanità. Non per le guerre di aggressione.

Da venerdì 9 aprile fino a lunedì 12 aprile ci saranno manifestazioni locali coordinate a livello nazionali nelle città americane. Organizzate anche voi un’azione nella vostra area locale.

Per mettere in lista la vostra azione locale, riempite il formulario:

http://www.internationalanswer.org/...

http://www.internationalanswer.org



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

La non-violence est une arme puissante et juste, qui tranche sans blesser et ennoblit. l'homme qui la manie. C'est une épée qui guérit. Martin Luther King
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito