Archivi : FR | EN | ES

Articoli dal 2022

L’INFORMAZIONE

martedì 13 dicembre 2005

- Contatta l'autore

di Doriana Goracci

Una segnalazione di un amico giornalista sui rapporti fra
giornalisti e esercito.

Il calendario 2006 delle nostre forze armate ha 12 volti televisivi come testimonial.

Guardate al link
Guardare chi sono può essere istruttivo e inquietante.

Pensate che l’iniziativa è stata presentata nell’ambito di un programma in cui si chiedeva un impegno per sostenere le spese militari.

Il "Calendesercito2006" è articolato su una prefazione a cura del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Filiberto Cecchi, e su 12 tavole che riportano le fotografie e le testimonianze di giornalisti professionisti, corrispondenti delle reti televisive nazionali.

I 12 volti noti sono quelli di Franco Di Mare, Toni Capuozzo, Letizia Leviti, Gabriella Simoni, Fabio Chiucconi, Francesco Cito, Ennio Remondino, Anna Migotto, Luca del Re, Carmen Lasorella, Mauro Maurizi e Giovanna Botteri.

Completano l’opera, altrettante immagini di donne ed uomini in servizio nell’Esercito.

Il calendario infatti si ispira agli uomini e alle donne dell’Esercito,soldati del terzo millennio, dotati di molte capacità, prima fra tuttequella di riuscire a coniugare valori, ideali e tradizioni che affondano le radici nell’umanesimo rinascimentale, con materiali e mezzi frutto
della tecnologia di ultima generazione.

Sono proprio i giornalisti che con i loro reportage hanno fatto
conoscere all’opinione pubblica la grande complessità e il dinamismo dei soldati dell’Esercito dell’ultimo scorcio di secolo, mettendo in evidenza il trinomio "valori-uomo-tecnologia" ed individuando il vero protagonista dell’azione: l’uomo, del quale va riconosciuta la entralità.

"Agli operatori della comunicazione - dice il Generale Cecchi - "va il ringraziamento dell’Esercito per aver compreso e fatto comprendere l’incessante opera della Forza Armata e la sua evoluzione verso livelli di efficienza, modernità e credibilità che fanno onore a tutto il Paese, valorizzando l’importantissimo compito svolto dai nostri Soldati a difesa della Patria e a salvaguardia della pace e della democrazia nel mondo".

Le fotografie sono tutte opera del maestro Pino Settanni, che da diversi anni dirige la fotografia delle edizioni del Calendesercito.

Messaggi

  • Che dire? Che spesso non c’è fine al peggio.
    Ovviamente ciascuno è libero di fare le scelte che meglio ritiene, scelta che io non averi fatto.
    E questa non era una iniziativa di sostegno a una campagna solidaristica, ehhhh no! Proprio no. Discutiamo di embedded eppoi andiamo su un calendario "armato"? Ricordo solo, così, per memoria, don Milani e il suo pensiero sui cappellani militari.
    Buone feste di pace a tutti
    Marcello Zinola
    giornalista Il Secolo XIX
    Associazione Ligure dei Giornalisti

    • E’ una cosa emblematica dello stato dell’informazione, quando poi si parla di guerre. Mi colpisce molto la presenza di remondino, perché ogni tanto mi è capitato di leggerlo sul manifesto e non mi è mai sembrato un guerrafondaio. Del resto, oggi come oggi sono poschissimi i giornalisti che riescono a (o accettano di) andare a fare gli inviati di guerra in maniera autonoma, accollandosi tutti i rischi della professione, come la Sgrena in Iraq. Oggi prevale (anche su richiesta degli eserciti) la figura dell’embedded, e quando inizi a frequentare qualcuno, magari alla fine diventi pure amico.
      Mario
      mariobadino.noblogs.org