Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Contributo di Punto Rosso al processo costitutivo della Sinistra Europea - Sezione italiana

di : Punto Rosso
giovedì 29 dicembre 2005 - 04h34
JPEG - 19.6 Kb

per l’Associazione Alternative Europa

1. La necessità di una critica ampia della politica e di una nuova posizione in fatto di esercizio della politica da parte di “Sinistra Europea”

La pratica in rapporto al potere da parte della sinistra politica di alternativa consiste, storicamente, nell’obiettivo di strapparlo all’avversario di classe e poi di usarlo per la trasformazione della società. Benché l’intenzione sia stata anche quella dell’accorciamento della distanza tra governanti e governati e, addirittura, dell’estinzione dello stato, l’esperienza pratica ha visto il mantenimento e spesso, anzi, l’allungamento della distanza tra governanti e governati. Tra le ragioni di ciò ce n’è una che va qui sottolineata: l’idea di due tempi dell’esercizio del potere, al secondo solo dei quali sono affidati accorciamento ed estinzione, mentre al primo è affidata una forte pressione sulla società, appunto per trasformarla.

Occorre dunque affermare come compito della sinistra politica di alternativa debba essere sempre e in ogni circostanza, all’opposizione, in governi di coalizione con altre forze, in governi orientati alla trasformazione della società, l’accorciamento della distanza, quindi la promozione la più estesa possibile di forme di partecipazione diretta, di autogoverno sociale, di interlocuzione e di concertazione diretta degli obiettivi e della partecipazione da parte degli attori sociali organizzati, quindi operanti in forma collettiva. In altre parole, come compito della sinistra politica di alternativa debba essere sempre e in ogni circostanza la promozione della democrazia partecipativa e la consegna immediata massima possibile dell’esercizio del governo agli attori sociali e a quel popolo che gli attori sociali compongono.

Questo non deve significare, giova sottolineare, che la democrazia partecipativa sia il semplice rinvio alla democrazia diretta. Bisogna tener conto del fatto che il tentativo da parte comunista di democrazia diretta come sola forma del potere fungibile alla trasformazione della società si è rapidamente ribaltato nel Novecento in una forma di dominio politico autoritario. Vediamo come. Questo tentativo presupponeva l’illusione di una semplicità fondamentale del tessuto sociale e delle politiche di trasformazione, quindi di una semplicità fondamentale dell’esercizio del potere, quindi, ancora, dell’immediata capacità di quest’esercizio da parte delle classi subalterne. E’ per questo che il tentativo non poteva che sfociare in un fallimento. Alla crisi sociale alimentata da questo fallimento, inoltre, la risposta da parte comunista è stata, ribaltando l’idea dell’immediata capacità dell’esercizio del potere da parte delle classi subalterne, che ad esse andasse sostituito il partito. Il partito poi sarà sostituito dal suo comitato centrale, e questo comitato centrale da un autocrate. Al contrario, allora, occorre che alla democrazia diretta si combinino processi di apprendimento della politica e dell’amministrazione da parte delle classi subalterne: quindi si combini la democrazia rappresentativa.

Quest’ultima, infatti, è quella forma dello stato che, assieme alla separazione dei poteri e ai diritti civili e di libertà, ha dimostrato storicamente di rappresentare la migliore scuola, assieme alle lotte di massa, di politica per le classi subalterne, nonché il miglior deterrente rispetto alle spinte autoritarie e alla separazione tra governanti e governati scaturenti anche solo dal fatto dell’inesperienza di queste classi.

L’esperienza recente delle primarie in Puglia e quella delle primarie nella scelta della candidatura dell’Unione alla guida del governo, se essa vincerà le prossime elezioni, hanno visto una grande partecipazione di popolo. La vittoria di Nichi Vendola è stata il primo risultato di questa partecipazione. Si è trattato, perciò, di prime esperienze importanti di sperimentazione in Italia su vasta scala della democrazia partecipativa. Ora è aperta la questione della selezione del programma dell’Unione: se questa selezione adotterà la democrazia partecipativa, essa esprimerà orientamenti nel complesso soddisfacenti.

Democrazia diretta e democrazia rappresentativa, in breve, rappresentano, unite nella democrazia partecipativa, la coppia dinamica suscettibile della realizzazione di un’alternativa di civiltà, attraverso la restituzione di protagonismo e potere agli attori sociali e, al tempo stesso, la libera discussione sociale dei passaggi di questa realizzazione, il libero controllo dei risultati, la libera discussione delle possibile rettifiche.

Tutto questo inoltre presuppone il riconoscimento da parte della sinistra politica di alternativa della politicità delle esperienze di movimento, delle loro rappresentanze dirette, degli organicismi partecipi dei movimenti, e della società civile: quindi il riconoscimento della necessità di una dialettica paritaria.

La cooperazione tra la democrazia diretta e la democrazia rappresentativa in una prospettiva di trasformazione della società comporta, dunque, la cooperazione paritaria tra le varie forme, di tipo politico, di movimento, associative, della sinistra di alternativa.

Tutto questo presuppone anche la rinuncia da parte della sinistra politica di alternativa di quella facilità del ricorso alla violenza che le condizioni nelle quali essa sorse, tra le quali la ferocia dell’avversario di classe, le imposero, e che però essa introiettò, facendone così parte organica della propria cultura politica, e di cui abusò ampiamente, addirittura, spesso, contro le stesse classi subalterne. Il violentismo è stato storicamente la cancellazione di qualsiasi possibilità di larga durevole partecipazione di popolo alle scelte politiche e all’esercizio del potere; ha portato immediatamente alla consegna dell’esercizio della politica a ridotte minoranze; è stato, perciò, nei tentativi di trasformazione della società un’anticamera culturale e pratica dell’allungamento della distanza tra governanti e governati e dell’autoritarismo, quindi del fallimento di questi tentativi.

La cultura e le pratiche della nonviolenza hanno inoltre un secondo buon ordine di ragioni per essere adottate dalla sinistra politica di alternativa. La tecnica applicata alla produzione ha raggiunto nel corso del Novecento, una tappa dopo l’altra, un’immensa capacità di distruzione di esseri umani, condizioni ambientali, risorse limitate, basi stesse della vita. Si tratta quindi di una cultura e di pratiche che, prima ancora che necessarie ad un nuovo, più civile, esercizio della politica, sono necessarie alla sopravvivenza dell’umanità e alla conservazione di un pianeta bello e vivibile.

Si è prima accennato alla necessità di un nuovo paradigma delle sinistre di alternativa: quindi anche di nuove premesse metapolitiche a orientare il loro esercizio della politica. Questa della nonviolenza è dunque la prima di queste premesse.

Tutto questo infine presuppone un cambiamento nella definizione delle soggettività preposte alla trasformazione.

Nella tradizione della sinistra politica di alternativa c’è l’idea di un’unica soggettività sociale della trasformazione, il proletariato industriale. Successivamente si sono aggiunti o si sono sostituiti al proletariato industriale i contadini poveri o i popoli oppressi delle colonie: senza però una revisione sostanziale degli altri elementi del paradigma. Quest’idea di una soggettività sociale fondamentalmente unica ha la sua base nell’idea che il processo storico sia il mero riflesso del processo economico e dei suoi rapporti interni e che ogni altro luogo della vita sociale, i processi e i rapporti quindi della vita politica, quelli di natura culturale, e così via siano la derivazione lineare dei processi e dei rapporti economici. Ciò ha portato a lungo la sinistra politica a ignorare i contadini, i popoli delle colonie, e ancor più a lungo le donne.

Insomma ciò che da parte della sinistra politica di alternativa va acquisito è che molte sono le soggettività necessarie della trasformazione, per due semplici ragioni: la complessità dell’organismo sociale, il ruolo che nella definizione dei rapporti di sfruttamento e di oppressione in termini assai spesso autonomi hanno, accanto alle condizioni dell’economia, quelle della politica, quella delle tradizioni culturali, e così via. Inoltre che le soggettività della trasformazione possono anche avere una base di motivazioni immediate che non è nella lotta contro rapporti di oppressione o di sfruttamento. Basti pensare, a questo riguardo, all’ambientalismo.

Il riconoscimento della necessaria pluralità del soggetto della trasformazione, quindi della conformazione plurale, sotto il profilo sociale così come sotto quello culturale, delle sinistre di alternativa, e con questo riconoscimento quello della necessaria interlocuzione discorsiva e paritaria tra le varie componenti del soggetto si pongono essi pure, quindi, tra le premesse metapolitiche a orientare l’esercizio della politica da parte della sinistra politica di alternativa.

In ultimo va corretto il fatto che nella sinistra politica di alternativa la partecipazione degli aderenti è solo di tipo individuale: ciò che vi ha semplicemente facilitato l’emergenza e l’affermazione durevole di ceti dirigenti e di apparati separati dalla base, composta soprattutto di appartenenti alle formazioni subalterne della società. In sostanza, attraverso questa forma della partecipazione, assolutamente simile alla forma della partecipazione posta dalla forma limitata di democrazia rappresentativa adottata dai paesi capitalistici più sviluppati, all’interno del movimento operaio si è prodotta la medesima distanza tra governanti e governati propria di questa forma della democrazia.

Quindi ciò che da parte della sinistra politica di alternativa va acquisito è anche la necessità al suo stesso interno della democrazia partecipativa, quindi di soggetti collettivi, e in primo luogo di quelli composti dagli appartenenti alle formazioni sociali subalterne.

2. La proiezione della democrazia sulla totalità dell’esistente sociale come fulcro di una nuova strategia della trasformazione della società

La democrazia partecipativa e in essa la democrazia diretta non hanno alcun senso, o addirittura corrono il rischio di divenire l’ennesima copertura della separazione tra governanti e governati, se non sono pensate e praticate rispetto all’insieme agli ambiti di vita dell’organismo sociale, e in primo luogo rispetto all’economia, al lavoro, quindi alla quotidianità dell’esistenza umana, individuale e collettiva.

Nelle condizioni contemporanee del capitalismo, nelle condizioni, cioè, delle sue forme limitate di democrazia, peraltro ormai ovunque sistematicamente sotto attacco o sottoposte a svuotamento, la democrazia partecipativa costituisce, dunque, sia una forma della lotta organizzata, collettiva, per i propri obiettivi immediati da parte delle formazioni oppresse della società, che il momento iniziale di possibili processi di trasformazione, che uno dei modi della preparazione di lavoratori, donne, contadini, comunità oppresse al governo di sé e della società.

Nelle condizioni contemporanee del capitalismo, nelle condizioni, cioè, del tentativo di un nuovo lungo ciclo di accumulazione attraverso, come d’altronde nei lunghi cicli precedenti, un nuovo assalto predatorio ai beni comuni, stavolta all’acqua, alla totalità del territorio, alle base genetiche della vita, ai servizi resi dallo “stato sociale”, all’informazione, e nelle condizioni, inoltre, di un tentativo di centralizzazione capitalistica estrema, in grandi imprese multinazionali da un lato e negli Stati Uniti dall’altro, di risorse crescentemente scarse, tra le quali in primo luogo l’energia, hanno importanza primaria, sia nella difesa delle condizioni di vita delle popolazioni che nella costruzione di un’alternativa di civiltà, le lotte per la difesa dei beni comuni dall’esproprio e dal saccheggio che le lotte perché i beni comuni rimangano tali, a partire dall’acqua, lo “stato sociale” rimanga tale, l’ambito inoltre dei beni comuni si allarghi, recuperando a sé ambiente, territorio, basi della vita, energia, informazione, l’ambito inoltre stesso dello “stato sociale” si allarghi, recuperando a sé la totalità dei servizi collettivi necessari a elevate condizioni di esistenza delle popolazioni.

La democrazia partecipativa, le lotte sociali e le mobilitazioni di movimento richiedono quindi uno sforzo assiduo, sistematico, di orientamento prospettico dei loro contenuti anche nel senso della costruzione di elementi di “modello” alternativo dello sviluppo, sia sul versante dell’industria, che deve tendere ad abbattere i consumi energetici, dovuti soprattutto alla vorticosa movimentazione planetaria dei processi produttivi, alla ricerca delle meno costose condizioni di salario e ambientali, ad abbattere le produzioni pericolose e antisociali, a partire da quelle degli strumenti di guerra, ad orientarsi alla soddisfazione dei bisogni fondamentali del complesso delle popolazioni, ad essere regolata da cogenti norme ambientali, che sul versante dell’agricoltura, che deve tendere a dar da mangiare cibo sano ed abbondante alle proprie popolazioni e a fondersi alle attività di tutela ambientale e del territorio.

La sinistra politica di alternativa, in ultimo, ha nella sua tradizione l’idea che la riappropriazione sociale dei mezzi di produzione, intesi nel senso più ampio, debba necessariamente avvenire attraverso la riappropriazione della totalità di questi mezzi da parte della totalità della popolazione. Tra quanto ha retto quest’idea vi è, ancora, l’illusione della semplicità dell’organismo sociale, dell’economia, quindi dell’esercizio del potere. E’ quest’illusione, dunque, che ha fatto sì che i sistemi economici totalmente statalizzati abbiano documentato ad abundantiam lungo tutto il Novecento la loro inefficienza, la loro irrazionalità e i loro sprechi. Inoltre se quest’idea, all’inizio, era stata pensata in unità dapprima a quella della democrazia diretta e poi a quella dell’estinzione di ogni potere statale, successivamente, a seguito del fallimento della democrazia diretta come unica forma del potere nella trasformazione, si è ribaltata nell’idea e nella pratica della centralizzazione assoluta dei mezzi di produzione, e poi di tutta la società, nello stato. In questa statalizzazione assoluta c’è, allora, un’altra anticamera culturale e pratica, assieme al violentismo, dell’allungamento della distanza tra governanti e governati e dell’autoritarismo in quelle formazioni sociali del Novecento che hanno tentato processi di trasformazione.

Occorre, quindi, che da parte della sinistra di alternativa all’idea di questa statalizzazione assoluta venga sostituita l’idea di un “modello” duttile della società in trasformazione, e in essa dell’economia. E’ il solo modo praticabile, infatti, di politiche di trasformazione consapevoli dell’estrema complessità dell’organismo sociale, e della stessa economia. Esemplificando, questo significa che alla proprietà statale di grandi unità produttive o di settori di portata strategica andrebbero combinate altre forme di riappropriazione sociale, decentrate, cooperative, anche su base familiare, ecc.; che alla gestione di tali unità e settori dovrebbero essere associati i lavoratori, le popolazioni dei territori di insediamento, i consumatori, insomma, a seconda delle caratteristiche della produzione, tutte le parti sociali interessate; e che alla rigida determinazione dall’alto dei prezzi siano semplicemente sostituiti alcuni prezzi “politici”, cioè più alti o più bassi di ciò che definirebbe il mercato, in rispondenza a priorità democraticamente definite di trasformazione del consumo e di ridistribuzione del reddito.

Il pregio di un tale “modello” sarebbe, oltre che quello del suo carattere democratico-partecipato e quello della sua superiore efficacia economica, anche quello di poter intervenire rapidamente ed efficacemente da parte della società su quei suoi punti della trasformazione che si manifestassero fragili, inefficaci, o che dessero risultati capovolti rispetto alle aspettative.

L’America latina chiama questo “modello” e la democrazia partecipativa che gli si combina “socialismo del XXI secolo”. La gloriosa parola “socialismo” si avvia così a uscire dalla melma e dal discredito nella quale le capitolazioni socialdemocratiche e l’autoritarismo comunista l’hanno gettata. Ci serve, per lo sviluppo dell’attuale ciclo epocale di lotte per la trasformazione, il più ampio cambiamento concettuale, quindi anche lessicale. Forse però la parola “socialismo” può essere salvata.



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Tout compromis repose sur des concessions mutuelles, mais il ne saurait y avoir de concessions mutuelles lorsqu'il s'agit de principes fondamentaux. Gandhi
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito