Il sito Bellaciao. Colorato, molteplice, dove - per fortuna - il meglio accompagna il peggio, misto, bizzarro, fa pensare a Picabia e ai dadaisti, esplora tutti i registri ed i regimi retorici, divertente e polemico, surrealista: incontro fra un ombrello ed una macchina da cucire su un tavolo da dissezione, testa di Lenin sulla tastiera di un pianoforte Steinway o Bosendorfer... Il Collettivo Bellaciao vi invita a festeggiare la 48.6 milionesima visita del sito Bellaciao
FR
ES
Sabina Guzzanti
a Parigi con Bellaciao
Haidi Giuliani
a Parigi con Bellaciao
Modena City Ramblers
a Parigi con Bellaciao
MANU CHAO
a Parigi con Bellaciao
Senal en Vivo

VIDEO - RADIO
SITI AMICI
con Bellaciao
Bellaciao hosted by
Ribellarsi è giusto, disobbedire è un dovere, bisogna agire !
Version Mobiles   |   Home  |   Chi siamo ?   |   Sottoscrizione  |   Links  |   Contact  |   Ricerca
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
de Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito - per rispondere...
Cercando Malcom X

di : Gennaro Carotenuto
sabato 12 novembre 2005 - 19h11
JPEG - 76.2 Kb

Articolo scritto per il quotidiano La Jornada di Città del Messico

Nonostante il coprifuoco gli scontri non diminuiscono a Parigi. Le periferie di Francia vivono da due settimane un’insurrezione con cause ma senza progetto. Dalla violenza e dal rifiuto nichilista del consumismo neoliberale per adesso non sorgono dirigenti. Potrebbero avere i volti di un Laval-Hitler, Osama Bin Laden, Gandhi, Gramsci o forse Malcom X

di Gennaro Carotenuto

La classe politica francese appare completamente inadeguata a far fronte alla situazione a due settimane dall’insurrezione delle banlieu -periferie- di Parigi e di tutta la Francia. Il governo di destra, nella persona del ministro degli interni Nikolas Sarkozy, fa il duro: tot arresti, tot espulsi, e tiene alta la tensione provocando gli insorti.

Esiste un problema di ordine pubblico ma Sarkozy si comporta come se solo di quello si tratti. L’ultradestra denuncia un inesistente complotto islamista. Le sinistre tergiversano. Evocano misure sociali -incontrandosi inevitabilmente al centro col primo ministro Dominique de Villepin- ma non mettono in dubbio il sistema consumista e competitivo che ha causato la rivolta.

Tutta insieme è una classe politica prigioniera degli schemi politici del tardo ‘900, quando ancora poteva vivere nell’illusione che il neoliberismo potesse funzionare. Fu allora che la sinistra politica abdicò definitivamente dal suo ruolo storico di progettare e proporre il cambiamento e si fece elemento di conservazione. La manipolazione del termine “riformismo” traghettata dal socialismo al servizio del conservatorismo più osservante è una foglia di fico che non regge più. Ancora al principio degli anni ’80 il programma del governo socialista francese era distinguibile da un programma di destra. Oggi destre e sinistre politiche appartengono ad un’aristocrazia decadente -la stessa che si riunisce nei vertici europei o nei G8- che sembra vivere a Versailles alla vigilia del 14 luglio 1789.

Ma fuori del Palazzo reale, anche se la sommossa attuale dovesse spegnersi, il mondo esplode. Le città stesse non rispecchiano più e non sono più adeguate alla società atomizzata dal sistema di consumo e dai dogmi neoliberali che prescindono da qualunque tipo di redistribuzione, economica, territoriale, geopolitica. Le nostre città nei secoli sono cresciute per circoli concentrici. Al centro stanno i veri ricchi ed i simboli del potere e del successo. Nel municipio centrale di Londra risiedono meno di mille persone e paradossalmente sono quasi tutti senza tetto. Nei quartieri che li circondano stanno i borghesi. In epoca fordista -sembra ieri- il terzo e il quarto anello erano la cintura industriale. Una cintura normalmente rossa e il partito, come il sindacato, erano elementi di coesione sociali oggi evaporati. Lì l’immigrato, francese o straniero, riusciva a disimpegnarsi in un processo di promozione sociale. È il lavoro il vero ascensore sociale che nell’epoca neoliberale non funziona più. Oggi si prescinde da qualsiasi politica che protegga il lavoro salariato e si ideologizzano i tagli selvaggi allo stato sociale che penalizzano prima di tutto le periferie. La disoccupazione giovanile supera il 50% e i pochi che lavorano sono precari. Il migliore dei mondi possibili sarebbe una vita da Pony Express? Anche se molti sono immigrati di terza o quarta generazione, tutti sono francesi, parlano la lingua e hanno conseguito titoli nelle scuole francesi; ma fino a lì arriva l’integrazione.

I loro genitori hanno pagato prezzi altissimi ma hanno ottenuto lavoro e cittadinanza. Nel 1960 Alain Delon, in “Rocco e i suoi fratelli” di Luchino Visconti, è un giovane immigrato che dalla Puglia si trasferisce nella periferia di Milano: “Io la voglio l’automobile -dice Delon nel film- ma prima ho bisogno di desiderare tutto quello che viene prima dell’automobile. Cominciando da un lavoro degno e sicuro”. Non è un caso che il dramma viscontiano si concluda con un segno di speranza e che questo segno di speranza sia l’ingresso di centinaia di tute blu nella fabbrica dell’Alfa Romeo. Oggi il citatissimo “La Haine” (1995) di Mathieu Kassovitz, può essere considerato un “Rocco e i suoi fratelli” rivisitato trentacinque anni dopo, ma non può inserire nessun segno di speranza nella narrazione.

Pugliesi o algerini, Italia o Francia, cambia poco nella condizione d’immigrato, ma cambia radicalmente il sistema economico con il quale l’immigrato si confronta. Quello attuale è inefficiente ma nessun politico ha il coraggio di affermare che il neoliberismo -semplicemente- non funziona. E senza la dialettica politica che offra la prospettiva di un cambio radicale, non ci sono speranze. Se il lavoro è una merce, il Lavoro, degno e stabile, quello che produce integrazione, non è incluso tra i beni di consumo alla portata dei giovani delle periferie francesi. Gli insorti sanno che non c’è nessun cammino, ascensore o autobus che colleghi la loro periferia con il paese. Non sono loro ad avere fatto i blocchi stradali, è il neoliberismo che ha bloccato le strade per loro. Così decine di migliaia di giovani esclusi hanno passato le ultime due settimane bruciando tutto.

Le bande non tentano neanche di uscire dai loro ghetti. I casseurs -demolitori in francese- non hanno neanche provato ad esportare la violenza verso il centro. Non c’è -per ora- una Bastiglia da espugnare e neanche negozi di lusso da saccheggiare. È il suicidio sociale di una generazione che brucia le auto del proprio quartiere, gli asili dei fratelli minori, le palestre che frequentano, gli autobus che li collegano al mondo esterno. Se diventare cittadini significa uscire dal ghetto, i ragazzi, nella loro violenza nichilista, non credono più che diventeranno cittadini. E allora restano lì, bruciando la periferia dove sono nati, senza speranza né futuro.

Se la colpa della fine della ragion d’essere delle periferie -come risultante della crisi della città post-industriale- non sono tutte di Sarkozy, la rivolta è il fallimento della società sarkosiana. Questa guarda al modello anglosassone, imponendolo sotto il pugno di ferro di “legge e ordine” mettendo nel mirino esclusivamente due categorie: giovani e immigrati. Il “destro” Sarkozy, che nell’ultima finanziaria ha tagliato altri 300 milioni di Euro alle banlieu, non inventa nulla. Il suo modello è il “sinistro” Tony Blair. Questo da due anni ha imposto il coprifuoco per i minori che commettono crimini così gravi come il vestire una felpa col cappuccio e non si arrende alla sconfitta parlamentare e pretende di imporre il fermo di polizia fino a 90 giorni senza incriminazione alcuna. Sarebbe una misura che sospenderebbe di fatto l’Habeas Corpus in Gran Bretagna, uguagliando quel paese all’Iran o alla Cina.

“Legge e ordine” è l’unico slogan che può propugnare un governante europeo per continuare a tenere in piedi un sistema inefficiente come quello neoliberale che produce esclusi con la stessa rapidità con la quale la fabbrica fordista produceva automobili. E impone -prova ad imporre- “Legge e ordine”, nel tentativo di riprodurre il sistema liberale statunitense spacciandolo come se questo fosse davvero desiderabile e non fosse soprattutto inquinante, producendo sproporzionatamente più esclusione e miseria di quanta ricchezza riuscisse a creare. Per ogni ricco (con un reddito superiore alle 50.000 £ l’anno, circa 75.000 €) "creato" negli anni ’80 da Margareth Thathcher, furono contemporaneamente prodotti dieci poveri (persone che passarono ad avere un reddito inferiore alle 5.000 £ l’anno). Oltretutto gli anni ’80 sono lontani e gli europei continentali hanno aperto i loro mercati nell’illusione di essere più forti di quello che poi hanno dimostrato di essere. Sono finiti invece in un’impossibile competizione con la Cina che produce ancora più esclusi e più precarietà. A meno di non accettare che la violenza parigina si faccia endemica, la soluzione meno traumatica -se ce n’è una- è ripudiare un sistema regolato dalla competizione per sostituirlo con uno fondato sulla cooperazione.

La tentazione di accettare un sistema di esclusione endemicamente violento è forte. Gli Stati Uniti hanno tre milioni di carcerati e funzionano benissimo, potrebbe rispondere Sarkozy e troverebbe il favore degli elettori di ultradestra di Jean-Marie Le Pen. Eppure Parigi, più della statua della libertà, è l’idea stessa dei valori occidentali condivisi. Parigi, con la sua “libertà, uguaglianza, fraternità” è la Summa Theologica della presunta superiorità e desiderabilità di questi valori. Non si può continuare a bruciare mille auto per notte e non si può zittire la rabbia di una generazione di esclusi solo con “legge e ordine”. Qualcosa succederà.

Sorgeranno dirigenti che si libereranno dei dogmi neoliberali. Potrebbero essere odiosi e pericolosissimi: un Pierre Laval, un Hitler che interpreti la paura delle classi medie e degli impoveriti e lo sintetizzi in odio. O un Osama Bin Laden -se esiste- che porti davvero allo scontro per religioni. Come Bush e Saddam sarebbero due facce della stessa medaglia e porterebbero ad una guerra civile probabilmente europea.

È dovere di tutti evitarlo ma all’oggi sembra meno probabile che nasca un altro Gandhi. Sarebbe desiderabile che, come nel 1930, un Gandhi conduca i ragazzi della banlieu in una nuova Marcia del sale contro la definitiva anglosassonizzazione della società e verso una nuova idea di convivenza e di città. Allo stesso modo è difficile che la sinistra politica possa riciclarsi e tornare a rappresentare quegli esclusi che per natura dovrebbe impersonare.

Sarebbe necessario un nuovo Antonio Gramsci con una rinnovata lucidità di analisi. Ma senza più operai e con i contadini oggettivamente a destra del quadro politico, riuscirebbe un nuovo intellettuale gramsciano a trovare una sintesi che trasformi in egemonia i diritti di questo lumpenproletariato disperato? Resta la possibilità che sorga un nuovo Malcom X. Parlerebbe lo stesso linguaggio dei ragazzi delle banlieu e sintetizzerebbe la rabbia di una generazione in un progetto identitario. Ma chissà poi che strada prenderebbe.

http://www.gennarocarotenuto.it/dbl...



Rispondere a questo articolo
Stampa l'articolo





Corruzione e schiavitù moderna : il controverso leader del Qatar in visita in Italia
lunedì 19 - 12h52
di : Valentina Ricci
In rete il numero di maggio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
lunedì 21 - 12h19
di : Franco Cilenti
Primo maggio 1925, la Napoli proletaria non si piega ai fascisti.
mercoledì 2 - 21h25
di : Antonio Camuso
Desperados!
domenica 29 - 08h20
di : Antonio Camuso
IN RETE IL NUMERO DI MARZO DEL PERIODICO "LAVORO E SALUTE"
martedì 27 - 13h59
di : franco cilenti
L’Italia della Terra dei Fuochi e l’Abruzzo
giovedì 8 - 08h07
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
Ma ora si diserti senza se e senza ma il branco dei benpensanti
giovedì 8 - 08h06
di : Alessio Di Florio
Nella Mia Ora di LIBERTA (video)
mercoledì 7 - 00h23
di : Fabrizio De André via FR
Citto Maselli e il suo appello al mondo della cultura – oltre 400 adesioni per P
venerdì 2 - 12h20
di : Franco Cilenti
Abbiamo aspettato troppo… Ora ci candidiamo noi!
mercoledì 28 - 19h10
di : Potere al popolo via RF
COLPO DI SCENA: POTERE AL POPOLO! E’ ANCHE UN LIBRO
mercoledì 28 - 19h05
di : Roberto Ferrario
Il documento approvato all’unanimità dalla Direzione Nazionale del Partito della Rifondazione Comunista
martedì 27 - 15h04
di : Franco Cilenti
Milano, 23 Febbraio 1986, l’omicidio di Luca Rossi
venerdì 23 - 14h05
di : Roberto Ferrario
Anni di Piombo: in ‘Sia folgorante la fine’, Valerio Verbano vive
giovedì 22 - 15h39
di : Sciltian Gastaldi via FR
In rete il numero di febbraio del Notiziario nazionale Dire, Fare Rifondazione
giovedì 15 - 10h41
di : Franco Cilenti
OMERTA’
domenica 11 - 12h51
di : FanculoaTuttiVoidiHyperion
propaganda razzista che si lega con omertà e connivenze con mafie e non solo ...
venerdì 9 - 14h36
di : Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria)
TERRORISMO BIANCO NAZIFASCIO LEGHISTA E MANDANTI
domenica 4 - 19h05
di : Lucio Galluzzi
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 - 14h54
di : Luca Visentini via FR
In rete il numero di gennaio del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 30 - 12h37
di : Franco Cilenti
FACEBOOK ITALIA: PERCHE’ PER ME E’ UN DOVERE POLITICO ABBANDONARE IL "SOCIAL"
domenica 14 - 12h00
di : Lucio Galluzzi
I 59 anni della Rivoluzione cubana
martedì 2 - 13h57
di : Lucio Garofalo
REPUBBLICHETTA
martedì 19 - 19h02
di : Lucio Galluzzi
Col suo marchio speciale di speciale disperazione
domenica 26 - 16h59
di : Alessio Di Florio
In rete il numero di novembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 21 - 10h55
di : Franco Cilenti
È online il nuovo numero del periodico nazionale "dire, fare Rifondazione"
martedì 7 - 11h13
di : Franco Cilenti
Cesare Battisti. Vedrete che finirà con la solita truffa!
venerdì 6 - 14h57
di : Paolo Persichetti
Polizia spagnola spara proiettili di gomma dura contro i manifestanti (Video)
lunedì 2 - 17h49
Catalogna dice sì a indipendenza, 840 feriti in cariche ai seggi (video)
lunedì 2 - 10h23
In rete il numero di settembre del periodico cartaceo Lavoro e Salute
martedì 26 - 08h35
di : Franco Cilenti
MOVIMENTO MARCHESE DEL GRILLO
sabato 23 - 14h39
di : Lucio Galluzzi
Honteux
martedì 19 - 23h36
di : Mario
La pace colombiana benedetta da Francesco sporca del sangue yemenita
lunedì 11 - 23h52
di : pugliantagonista
Mafie, cullarsi nella favola vecchia dell’isola felice e nel silenzio delle cosc
lunedì 11 - 11h26
di : Alessio Di Florio
MAL’ARIA NERA
giovedì 7 - 21h25
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini:la conferma, fu stupro etnico
mercoledì 6 - 16h14
di : pugliantagonista
Stupro di Rimini: i molti quesiti irrisolti
lunedì 4 - 22h07
di : pugliantagonista
LETTERA APERTA A FILIPPO FACCI: AIUTATE POVIA, MA A CASA VOSTRA!
sabato 2 - 13h26
di : Lucio Galluzzi
COSCIENZE E VARECHINA
venerdì 1 - 14h57
di : Lucio Galluzzi
Stupro di Rimini :"applicare l.internazionale, crimine contro umanità"
giovedì 31 - 14h10
di : pugliantagonista

home | webmaster



Monitorare l'attività del sito
RSS Bellaciao IT


rss FR / rss EN / rss ES



Bellaciao hosted by DRI

Avant les médias, il y avait une limite physique à l'espace qu'une personne pouvait occuper toute seule. Andy Warhol
Facebook Twitter Google+
DAZIBAO
Sognavamo cavalli selvaggi
giovedì 1 Febbraio
di : Luca Visentini via FR
Sono cento racconti brevi o brevissimi che nell’insieme ricostruiscono, in un’unica vicenda, la Milano dal 1968 al 1977 di un ragazzo della nuova sinistra. Un compagno di base, non un dirigente, né un pentito. Non si parla di analisi politiche o dispute ideologiche, ma di amore, amicizie, famiglia, lotte e scontri concreti. Si legge un “clima”, un’umanità. Sono storie anche vere ma che trascendono, con la scrittura, l’autoreferenzialità. (...)
Leggere il seguito
"Il sogno di Fausto e Iaio" film di Daniele Biacchessi e Giulio Peranzoni alla "Maison D’Italie" a Parigi (trailer)
domenica 8 Gennaio
di : Enrico Persico MUSICA Italiana Paris
CARISSIMI TUTTI CLASSI EDIZIONI PARIGI E MUSICA ITALIANA PARIGI IN COLLABORAZINE CON LA MAISON D’ITALIE VI INVITANO ALLA PROIEZIONE IN ITALIANO DEL FILM DI DANIELE BIACHESSI _vIL SOGNO DI FAUSTO E IAIO ALLA MAISON D’ITALIE _v7 A, boulevard JOURDAN _v75014 PARIS LE VENDREDI’ 20 GENNAIO ALLE 18,30 SEGUIRA’’ DIBATTITO CON DANIELE BIACHESSI E ALESSIIA MAGLIACANE DI CLASSI EDIZIONE SERATA IN ITALIANO IL SOGNO DI FAUSTO E IAIO Un film di Daniele (...)
Leggere il seguito
Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome
giovedì 10 Marzo
di :
©Olivier Jobard/Myop Io, in quanto europea/o, rifiuto che le/i rifugiate/i siano respinte/i in mio nome IL DIRITTO D’ASILO E’ UN DIRITTO Nell’espressione “diritto d’asilo”, ogni parola è importante. Un DIRITTO offre a qualsiasi persona perseguitata per le proprie opinioni o identità, minacciata da violenza, guerra, o miseria, la possibilità di trovare ASILO in un paese diverso dal proprio. Lo scopo di questa petizione è (...)
Leggere il seguito
L’Italia ha torturato alla Diaz. Condanna europea (video e sentenza)
martedì 7 Aprile
di : via Collettivo Bellaciao
5 commenti
"Quanto compiuto dalle forze dell’ ordine italiane nell’irruzione alla Diaz il 21 luglio 2001 "deve essere qualificato come tortura". Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l’Italia non solo per quanto fatto ad uno dei manifestanti, ma anche perché non ha una legislazione adeguata a punire il reato di tortura." Il sintetico lancio dell’agenzia Ansa contiene solo l’essenziale, ma si tratta di un fatto politicamente enorme. (...)
Leggere il seguito
Morto Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco (video Full Album)
sabato 22 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
2 commenti
A 67 anni in un incidente stradale alle porte della capitale perde la vita un grande protagonista della scena progressive italiana Un inci­dente stra­dale alle porte di Roma ha cau­sato la morte di Fran­ce­sco Di Gia­como, voce solita dei Banco del Mutuo Soc­corso, sto­rica band romana tra le più rap­pre­sen­ta­tive del rock pro­gres­sive ita­liano. Fon­dato nel 1969, il Banco del Mutuo Soc­corso, insieme alla Pre­miata For­ne­ria Mar­coni, gli Area e a Le Orme, ha por­tato in Ita­lia le (...)
Leggere il seguito
Domani 22 febbraio, ore 16, davanti la lapide che ricorda Valerio Verbano
venerdì 21 Febbraio
di : le compagne e i compagni di Valerio
1 comment
VALERIO VERBANO 22/02/1980-22/02/2011 UCCISO DAI FASCISTI. Il nome di Valerio Verbano, trentaquattro anni dopo il suo assassinio, continua a suscitare emozione. Dire che Valerio vive nelle lotte giorno dopo giorno non è retorica, è davvero così, a Roma e non solo. La storia di Valerio continua essere un’arma in più per cambiare l’esistente, per resistere alla crisi, a partire da un’idea di antifascismo fatto di pratiche sociali e culturali, progetti di autoformazione e (...)
Leggere il seguito
Ucraina. I “martiri dell’Unione Europea”? Sono neonazisti 3 live-stream
venerdì 24 Gennaio
di : Marco Santopadre
E’ davvero singolare l’ipocrisia dell’establishment dell’Unione Europea. Se le grandi famiglie europee del centrodestra e del centrosinistra proprio in queste settimane sono in prima fila nel chiedere ai cittadini del continente di non votare per forze politiche xenofobe o di estrema destra alle prossime e imminenti elezioni europee, allo stesso tempo sono proprio formazioni ultranazionaliste, razziste e a volte apertamente ispirate al fascismo e al nazismo quelle (...)
Leggere il seguito
Hugo Chavez é morto (video live)
mercoledì 6 Marzo
di : Collettivo Bellaciao
5 commenti
Il presidente compagno venezueliano Hugo Chavez é morto dopo una lunga battaglia contro un cancro.
Leggere il seguito
Palestina è FATTO! Il primo passo è stato compiuto
venerdì 30 Novembre
di : Collettivo Bellaciao
Nonostante l’ostruzione del più forte paese imperialista. Anche se esiste un percorso abissale ancora a percorrere, questo riconoscimento timido assomiglia di già a un schiaffo... non ci risparmiamo di questo "piccolo" piacere! Mabrouk (felicitazioni), per questo primo passo!
Leggere il seguito
Cassa di Resistenza per i lavoratori colpiti dal terremoto in Emilia Romagna
giovedì 31 Maggio
di : Collettivo Bellaciao
I compagni e le compagne del PRC dell’Emilia-Romagna hanno organizzato una cassa di resistenza per dare solidarietà attiva alle/ai lavoratrici/lavoratori le cui fabbriche sono state distrutte dal terremoto, nonché alle famiglie dei lavoratori rimasti uccisi dal crollo dei capannoni. Facciamo appello ai Gruppi di Acquisto Popolare ed a tutte le strutture del Partito per attivarsi da subito per raccogliere in particolar modo fondi. I versamenti potranno essere effettuati sul conto (...)
Leggere il seguito
STORIA DEL 1° MAGGIO
martedì 1 Maggio
di : Roberto Ferrario
A Parigi il Collettivo Bellaciao si ritrova come ogni anno nella manifestazione che percorre la città. di Roberto Ferrario Il 1° Maggio nasce come momento di lotta internazionale di tutti i lavoratori, senza barriere geografiche, né tanto meno sociali, per affermare i propri diritti, per raggiungere obiettivi, per migliorare la propria condizione. "Otto ore di lavoro, otto di svago, otto per dormire" fu la parola d’ordine, coniata in Australia nel 1855, e condivisa da gran (...)
Leggere il seguito
25 aprile: la resistenza in Italia
mercoledì 25 Aprile
di : Collettivo Bellaciao
La sfilata della Liberazione a Milano (5 maggio 1945) guidata dal Comando Generale del Corpo Volontari della Libertà. Fu l’atto simbolicamente conclusivo della Resistenza italiana al nazifascismo (in effetti la lotta armata si protrasse in numerose località, specie del Nord-Est, sino ai primi giorni del maggio 1945) e delle insurrezioni popolari che, sostenute dalle formazioni militari di partigiani e patrioti, consentirono la liberazione delle grandi città del Nord Italia prima (...)
Leggere il seguito
DAX NEL CUORE E NELLA LOTTA
venerdì 16 Marzo
di : Milano
16 marzo 2012 Via Brioschi Milano dalle 20.30 letture e interventi in ricordo di Dax e corteo per il Ticinese tutti presenti..... CHI LOTTA NON MUORE MAI......
Leggere il seguito
Parigi: solidarietà con i NoTav (video con Oreste Scalzone)
giovedì 8 Marzo
di : Collectif Bellaciao
Sabato 3 marzo un raduno di una centinaia di persone in faccia al Centro Pompidou in solidarietà con il movimento notav italiano, dopo l’assemblea organizzata in questa occasione una piccola manifestazione si è organizzata fino alla piazza del Chatelet Lunedì, 6 marzo, la sede della RAI di Parigi è stata occupata simbolicamente in protesta contro il modo in cui i grandi mezzi di comunicazione italiani, tra cui la RAI, partecipano alla criminalizzazione del movimento NoTAV, senza dare (...)
Leggere il seguito
Valerio Verbano (Roma, 25 febbraio 1961 – Roma, 22 febbraio 1980) (video)
martedì 21 Febbraio
di : Collettivo Bellaciao
1 comment
MERCOLEDI’ 22 FEBBRAIO ore 16,00 in via MONTE BIANCO 114 UN FIORE PER VALERIO, presidio alla lapide sotto casa di VALERIO. ore 17,00 partenza del corteo... MAI COME QUEST’ANNO TUTTI E TUTTE...
Leggere il seguito